Ponce: “Sogno di giocare in attacco con Rondón o Martinez”

Pubblicato il 30 agosto 2016 da redazione

Ponce: “Sogno di giocare in attacco con Rondón o Martinez”

Ponce: “Sogno di giocare in attacco con Rondón o Martinez”

CARACAS – Giovedì la vinotinto, riinizierà il suo percorso nelle qualificazioni verso il mondiale Russia 2018, e sarà impegnata a Barranquilla contro la Colombia. Tra i protagonisti che scenderanno in campo molto probabilmente ci sarà Andres Ponce, ex gioellino del Deportivo Táchira di proprietà della Sampdoria, ma attualmente in prestito nel Lugano.

Andrés Ponce, nato a Maracaibo 19 anni fa, è il bomber venezuelano che la Samp sta crescendo per il futuro, con un gol ogni 77 minuti nel campionato primavera, dove ha segnato 24 reti in 25 gare disputate. Un talento che incarna la fabbrica che Ferrero vuol creare con la Cittadella di Bogliasco: crescere in casa il nuovo Maurito Icardi e non andarlo a comprarlo altrove.

Il talento marabino è stato scoperto dal talent scout Riccardo Pecini, che lo ha scovato nel Deportivo Táchira ancora 17enne, prima mandato in prestito in Portogallo e poi, dopo l’esperienza nella primavera blucerchiata, mandato nuovamente in prestito in Svizzera.

Il 10 maggio 2016 viene inserito nella lista dei 31 calciatori selezionati dal commissario tecnico Rafael Dudamel per la fase di preparazione alla Coppa America Centenario, fissata tra il 3 e il 26 giugno negli Stati Uniti. Il 25 maggio gioca titolare nella gara amichevole pareggiata 0-0 contro il Panama. Non viene comunque convocato per la Coppa America Centenario.

“Non essere nella lista dei convocati della Coppa America mi ha fatto stare male. Ho lavorato tanto per questo e mi sono ripromesso di tornare nel giro della nazionale. Il mio grande sogno è andare con la Nazionale ai Mondiali, traguardo mai riuscito al Venezuela” ha raccontato il campione.

Nel ritiro si troverà come compagni di reparto campioni del calibro di Salomoón Rondón e il giocatore del Torino Josef Martinez che nell’ultimo turno di campionato ha segnato anche una rete nella vittoria per 5-1 contro il Bologna. “Sono qui per aiutare, non importa quello che devo fare”.

Il campione si definisce come un attaccante “forte fisicamente e dinamico in area di rigore” e che studia Higuain e sogna Falcao.

Ponce che ha già avuto Dudamel come commissario tecnico sogna di ripretere la gesta del 2013, quando con la nazionale Under 17 si qualificò per il mondiale di categoria. Adesso il primo ostacolo si chiama Colombia.

Fioravante De Simone

Ultima ora

13:26Referendum autonomia: Sala, mi auguro in tanti a votare

(ANSA) - MILANO, 18 OTT - L'eventuale vittoria al referendum sull'autonomia della Lombardia che si terrà domenica "andrà misurata da due punti di vista: la percentuale di consensi e il numero dei votanti. Mi auguro che in tanti vadano a votare". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Ai giornalisti che gli hanno chiesto se un risultato sotto il 50% può essere definito un flop il sindaco ha risposto che "non so se si può definire proprio così perché di solito la gente va a votare in quella misura lì, poi vediamo quanta gente va a votare". Il presidente della Regione Roberto Maroni, ha detto che in caso di vittoria del sì istituirà una squadra bipartisan per andare a trattare con Roma. A chi gli ha chiesto se ne vorrà far parte Sala ha risposto: "bisogna capire su cosa la Lombardia, in caso di vittoria, vorrà chiedere più autonomia, non siamo d'accordo su tutto ma solo su alcune tematiche. Iniziamo a vedere il risultato elettorale e poi ci siederemo al tavolo".

13:13Catalogna: trattative su proclamazione Repubblica

(ANSA) - BARCELLONA, 18 OTT - Trattative sono in corso fra le componenti del fronte indipendentista per una possibile proclamazione della 'Repubblica catalana' se allo scadere dell'ultimatum di domani alle 10 Madrid applicherà l'art.155 della costituzione, ha indicato la capogruppo della sinistra della Cup Mireia Boya. La proclamazione, ha precisato, potrebbe intervenire "nei prossimi giorni".

13:12Calcio: Aic, Modena in sciopero il 21 e 22 ottobre

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Stato di agitazione e preavviso di sciopero dei giocatori del Modena per sabato e domenica, che farebbe saltare la partita con il Fano del 22 (Serie C, girone B). Lo si legge in un comunicato dell'Aic, nel quale si ricorda che "ieri si è verificato il mancato pagamento degli stipendi di luglio e agosto 2017 nel termine ultimo previsto per i controlli Covisoc". "I calciatori - continua la nota - non hanno ricevuto alcuna somma relativa a questa stagione sportiva"; non hanno avuto la possibilità "di comprendere l'entità del dissesto, né di conoscere i termini del piano di salvataggio. Nonostante questo, hanno continuato ad allenarsi e a giocare". Ma "ad oggi la misura è colma". "Per tali motivi, l'Aic annuncia lo stato di agitazione dei calciatori tesserati con la società Modena Fc srl e indice lo sciopero dei predetti calciatori per sabato 21 e domenica 22 ottobre, auspicando che il club adempia al pagamento delle somme dovute per luglio e agosto e alle obbligazioni contrattuali entro venerdì 20 ottobre 2017".

13:05Iraq: esercito Baghdad prende controllo diga Mosul

(ANSA) - BEIRUT, 18 OTT - Le truppe dell'esercito iracheno che negli ultimi due giorni hanno ripreso il controllo di regioni nel nord del Paese prima occupate dalle milizie curde Peshmerga hanno preso in consegna anche l'area intorno alla diga di Mosul, dove decine di lavoratori italiani sono presenti per i lavori di ristrutturazione e rafforzamento dell'impianto eseguiti dalla società Trevi. Lo apprende l'ANSA da fonti diplomatiche, secondo le quali "vi è stato un ordinato trasferimento di poteri" senza alcun combattimento.

12:55Alfano, ‘Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Il sacerdote italiano rapito in Nigeria, don Maurizio Pallu', é stato liberato. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri Angelino Alfano a Radio Capital. Anche fonti del Vicariato di Roma ne hanno confermato la liberazione. "Nel corso della notte l'unità di crisi della Farnesina mi ha comunicato la liberazione di don Maurizio Pallù, il presbitero missionario che era stato rapito in Nigeria - ha detto Alfano - Lo aspettiamo presto in Italia". "Secondo quello che risulta anche ai suoi confratelli neocatecumenali sta bene, si starebbe recando ad Abuja. Queste sono anche notizie della notte quindi ci sono state sicuramente delle evoluzioni, comunque le informazioni che abbiamo noi sono positive".(ANSA).

12:24Autotrasportatori truccavano il cronotachigrafo,denunciati

(ANSA) - NAPOLI, 18 OTT - Per truccare il cronotachigrafo disattivavano l'abs: i carabinieri scoprono e denunciano autotrasportatori che per evitare la registrazione delle velocità di percorrenza e fare in modo che non venissero annotati i mancati periodi di riposo manomettevano i cronotachigrafi. E lo facevano con una calamita o sostituendo i sensori di movimento. Il trucco alterava le registrazioni ma allo stesso tempo disattivava l'abs rendendo - sottolineano i carabinieri - pericolosi gli autoarticolati o autocarri. Lo hanno scoperto i carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli che negli ultimi giorni hanno effettuato verifiche su più di 100 autoarticolati e autocarri in collaborazione con tecnici della motorizzazione. Durante il giro di verifiche, autisti di ditte di trasporto internazionale sono stati trovati non in regola con la documentazione sui trasporti internazionali.

12:24Calcio: morto Marino Perani, storica ala del Bologna

(ANSA) - BOLOGNA, 18 OTT - È morto a 77 anni Marino Perani, ala del Bologna dello scudetto del '64. Ne dà notizia il club, ricordando che da tempo era ricoverato in una clinica cittadina. "Addio Campione. Il Bologna piange uno dei suoi figli più amati, di ogni tempo, e partecipa commosso al dolore della famiglia e di tutti i tifosi rossoblù", il messaggio sul sito della società. Cresciuto nell'Atalanta, passò al Bologna a 19 anni, nel 1958. Dopo una parentesi al Padova, tornò nei rossoblù, dove giocò dal '60 al '74 formando con Ezio Pascutti una coppia di esterni rimasta celebre. Quattro le presenze in Nazionale. Al termine della carriera da calciatore fece anche l'allenatore dalla fine degli anni Settanta al '98. (ANSA).

Archivio Ultima ora