Renzi vede Merkel, flessibilità per “Casa Italia”

Pubblicato il 30 agosto 2016 da ansa

ROMA – Il nodo è sempre lo stesso e si chiama flessibilità. Ma questa volta il premier Matteo Renzi non intende arretrare. Rispetto all’ultimo incontro con Angela Merkel, appena una settimana fa – a Ventotene in occasione del vertice Italia, Francia, Germania – tutto è cambiato. Nello spazio di 20 secondi, alle 3 e 36 del 24 agosto. Per questo il nodo della flessibilità va sciolto, o quantomeno allentato, per permettere all’Italia di uscire dalla continua emergenza terremoto e, soprattutto, di salvare centinaia di vite. A questo punta “Casa Italia”, il progetto strutturale che Renzi intende mettere in campo. Un intervento a lungo termine che, come tale, non rientra nello scorporo dal calcolo del deficit, legato solo alle emergenze. Bruxelles lo ha precisato ieri e lo ha ribadito oggi, dopo il duro commento di Renzi:
– Prendiamo quello che ci serve. Punto.
L’Ue dunque non arretra. Ma nonostante la Merkel sia tornata a ribadire appena ieri che la strada per la crescita sono le riforme strutturali, Renzi potrebbe trovare questa volta un atteggiamento meno rigido nella cancelliera, che pure domenica prossima deve affrontare un test importante con le amministrative in Meclemburgo, dove la destra populista di ‘Alternativa per la Germania’ potrebbe ottenere un risultato senza precedenti.
Con la Gran Bretagna fuori dai giochi, la Spagna senza un governo, la Francia con un presidente sempre più debole (oggi si è dimesso il ministro dell’Economia Emmanuel Macron per candidarsi all’Eliseo), l’Italia resta al momento uno dei pochi partner affidabili in termini di stabilità. E Berlino ne è consapevole. Tanto che nella nota ufficiale sul vertice di Maranello la cancelleria assicura che “temi-chiave” del summit, “accanto alle relazioni bilaterali, saranno in modo particolare questioni di politica economica”.
Fondamentale sarà il bilaterale Padoan-Schaueble. Il ministro dell’Economia illustrerà al suo omologo tedesco l’impostazione della prossima legge di bilancio a cui il governo sta lavorando. E poi ancora il rilancio della crescita attraverso gli investimenti, il rafforzamento del piano Juncker, le politiche fiscali per far ripartire la competitività delle imprese, il sostegno europeo alla disoccupazione (european unemployment benefit scheme). Tutti temi che si incrociano con altre emergenze che preoccupano Roma come Berlino, dal dopo-Brexit all’immigrazione sui quali Renzi e Merkel intendono trovare un punto di incontro in grado di dare una linea unitaria, anche in vista del vertice a 27 di Bratislava del 16 settembre. Ma al centro del vertice, al quale parteciperà un folto numero di ministri, da quello dell’Interno Angelino Alfano a quello degli Esteri Paolo Gentiloni, ci sarà sempre il terremoto, un dramma da arginare nel futuro, ottenendo l’appoggio anche su un intervento strutturale a lungo termine come ‘Casa Italia’. E se il sisma ha modificato in parte l’agenda del vertice, asciugandola (all’ultimo momento sarebbe saltata una possibile visita alla Lamborghini), Renzi non ha voluto modificare il modello a lui caro di incontrare i capi di stato e di governo nelle eccellenze italiane. E dunque la Ferrari, senza dimenticare però i terremotati. Domani infatti è atteso un gesto del padrone di casa Sergio Marchionne in favore della ricostruzione.
(Paola Tamborlini/ANSA)

Ultima ora

05:54Trump: Clinton rompe silenzio,”su sanita’ vittoria di tutti”

WASHINGTON - ''Una vittoria per tutti gli americani''. Cosi' la ex candidata presidenziale Hillary Clinton ha descritto la mancata approvazione della legge sulla Sanita' dopo che i repubblicani non hanno trovato il consenso e quindi i voti necessari al Congresso provocando cosi' il fallimento della proposta appoggiata dalla Casa Bianca, e si tratta del commento 'piu' politico' che la ex segretario di Stato si e' concessa fino ad ora dopo la sconfitta di novembre con l'elezione di Donald Trump presidente.

05:49Trump a senatori a Casa Bianca, ‘spero in lavoro bipartisan’

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump riceve i senatori per una cena alla Casa Bianca e sembra lanciare un appello per un ''lavoro bipartisan'', su diversi temi, a partire dalla legge sulla Sanita'. ''So che troveremo presto un accordo sulla Sanita''', ha detto. ''Faremo un ottimo lavoro e speriamo comincera' ad essere anche bipartisan visto che vogliamo tutti la stessa cosa''.

05:28Trump, “perche’ fake news non su legami Podesta con Russia?”

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump torna su Twitter e, in quella che appare come una reazione agli sviluppi circa il 'Russiagate', scrive: ''Perche' le Fake News non parlano dei legami di Podesta con la Russia come riferito da @FoxNews o del denaro dalla Russia a Clinton - vendita di uranio?''.

05:22Iraq: comandante Usa, ‘probabile ruolo’ in vittime Mosul

WASHINGTON - In quella che emerge come la prima possibile ammissione di responsabilita' da parte delle forze Usa circa le numerose vittime civili a Mosul, obiettivo di raid della coalizione anti Isis, il generale Stephen J. Townsend, comandante delle forze americane in Iraq ha affermato che un raid americano potrebbe aver provocato il crollo di un edificio a Mosul in cui oltre 100 civili sono rimasti uccisi.

05:17Brexit: May ha firmato lettera notifica articolo 50

LONDRA - La premier britannica Theresa May ha firmato la lettera per la notifica dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona che, nel momento della consegna al presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, segnerà l'avvio formale dell'iter della Brexit, il divorzio di Londra dall'Ue sancito dal referendum del 23 giugno scorso. Lo riporta la Bbc. La lettera - poche cartelle - sarà consegnata oggi alle 13,30 a Tusk dall'ambasciatore del Regno Unito a Bruxelles.

05:08Venezuela: duro scontro al consiglio permanente dell’Osa

WASHINGTON - Duro scontro oggi sull'impasse politica e la crisi economica del Venezuela al Consiglio permanente dell'Organizzazione degli stati americani (Osa), dove il governo di Nicolas Maduro ha respinto qualsiasi iniziativa di mediazione da parte dell'organizzazione, dopo essere stato messo in minoranza durante il dibattito. Dall'apertura della sessione, infatti, il rappresentante venezuelano - con l'assistenza dei colleghi di Nicaragua e Bolivia, gli unici ad assumere la difesa di Caracas nella discussione - ha cercato prima di annullare o sospendere la riunione, e successivamente di dichiararla illegale e senza valore, denunciandone l'''inaccettabile aspetto interventista''.

00:38Calcio: Mondiali 2018, Argentina sconfitta in Bolivia

(ANSA) - LA PAZ, 29 MAR - La Bolivia ha battuto 2-0 l'Argentina in una partita valida per le eliminatorie mondiali del Sudamerica. L'Albiceleste ha giocato senza Lio Messi, squalificato qualche ora prima dell'incontro per quattro gare dalla Fifa. Le due reti sono state segnate ai 31' da Juan Carlos Arce e al 52' da Marcelo Moreno Martins.

Archivio Ultima ora