Renzi vede Merkel, flessibilità per “Casa Italia”

Pubblicato il 30 agosto 2016 da ansa

ROMA – Il nodo è sempre lo stesso e si chiama flessibilità. Ma questa volta il premier Matteo Renzi non intende arretrare. Rispetto all’ultimo incontro con Angela Merkel, appena una settimana fa – a Ventotene in occasione del vertice Italia, Francia, Germania – tutto è cambiato. Nello spazio di 20 secondi, alle 3 e 36 del 24 agosto. Per questo il nodo della flessibilità va sciolto, o quantomeno allentato, per permettere all’Italia di uscire dalla continua emergenza terremoto e, soprattutto, di salvare centinaia di vite. A questo punta “Casa Italia”, il progetto strutturale che Renzi intende mettere in campo. Un intervento a lungo termine che, come tale, non rientra nello scorporo dal calcolo del deficit, legato solo alle emergenze. Bruxelles lo ha precisato ieri e lo ha ribadito oggi, dopo il duro commento di Renzi:
– Prendiamo quello che ci serve. Punto.
L’Ue dunque non arretra. Ma nonostante la Merkel sia tornata a ribadire appena ieri che la strada per la crescita sono le riforme strutturali, Renzi potrebbe trovare questa volta un atteggiamento meno rigido nella cancelliera, che pure domenica prossima deve affrontare un test importante con le amministrative in Meclemburgo, dove la destra populista di ‘Alternativa per la Germania’ potrebbe ottenere un risultato senza precedenti.
Con la Gran Bretagna fuori dai giochi, la Spagna senza un governo, la Francia con un presidente sempre più debole (oggi si è dimesso il ministro dell’Economia Emmanuel Macron per candidarsi all’Eliseo), l’Italia resta al momento uno dei pochi partner affidabili in termini di stabilità. E Berlino ne è consapevole. Tanto che nella nota ufficiale sul vertice di Maranello la cancelleria assicura che “temi-chiave” del summit, “accanto alle relazioni bilaterali, saranno in modo particolare questioni di politica economica”.
Fondamentale sarà il bilaterale Padoan-Schaueble. Il ministro dell’Economia illustrerà al suo omologo tedesco l’impostazione della prossima legge di bilancio a cui il governo sta lavorando. E poi ancora il rilancio della crescita attraverso gli investimenti, il rafforzamento del piano Juncker, le politiche fiscali per far ripartire la competitività delle imprese, il sostegno europeo alla disoccupazione (european unemployment benefit scheme). Tutti temi che si incrociano con altre emergenze che preoccupano Roma come Berlino, dal dopo-Brexit all’immigrazione sui quali Renzi e Merkel intendono trovare un punto di incontro in grado di dare una linea unitaria, anche in vista del vertice a 27 di Bratislava del 16 settembre. Ma al centro del vertice, al quale parteciperà un folto numero di ministri, da quello dell’Interno Angelino Alfano a quello degli Esteri Paolo Gentiloni, ci sarà sempre il terremoto, un dramma da arginare nel futuro, ottenendo l’appoggio anche su un intervento strutturale a lungo termine come ‘Casa Italia’. E se il sisma ha modificato in parte l’agenda del vertice, asciugandola (all’ultimo momento sarebbe saltata una possibile visita alla Lamborghini), Renzi non ha voluto modificare il modello a lui caro di incontrare i capi di stato e di governo nelle eccellenze italiane. E dunque la Ferrari, senza dimenticare però i terremotati. Domani infatti è atteso un gesto del padrone di casa Sergio Marchionne in favore della ricostruzione.
(Paola Tamborlini/ANSA)

Ultima ora

17:43M5S: parlamentarie, si punta a prima lista già giovedì sera

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Una prima lista provvisoria di vincitori da diffondere giovedì sera: è questo l'obiettivo al quale puntano, secondo diverse fonti parlamentari, i vertici del M5S. Le votazioni online potrebbero essere prorogate anche domani dalle 10 alle 14 visti i rallentamenti registrati sul sistema Rousseau ma, nonostante questo, il Movimento starebbe puntando ad annunciare una prima lista di vincitori prima della kermesse prevista a Pescara (rpt, Pescara) venerdì, sabato e domenica, kermesse dedicata proprio all'illustrazione del programma M5S agli attivisti e a chi siederà in Parlamento. Difficile, quindi, che la lista dei candidati sia diffusa durante l'evento pescarese con il rischio che diversi partecipanti si ritroverebbero esclusi "in diretta". Sulla lista provvisoria, comunque, i vertici faranno un'ulteriore verifica, in particolare sui certificati penali e sulle indagini a carico. In alcuni casi, infatti, i candidati non hanno fatto in tempo a inviare le certificazioni giudiziarie richieste.

17:40M5S: escluso da parlamentarie il vignettista ‘Marione’

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - C'è anche il vignettista Marione tra gli autocandidati al M5s che non hanno passato il vaglio delle selezioni. Lo annuncia lui stesso su Twitter dove posta la sua "comunicazione importante". "Non risulto tra i candidati. Per cui non potrete votarmi. Grazie a tutti coloro che mi stanno scrivendo, mi dispiace", scrive il disegnatore che si era candidato avvertendo: "Domani sceglieremo i nostri candidati portavoce in Parlamento. Ancora non so se sarò tra questi. Qualora fosse, e qualcuno volesse votarmi, vi avviso subito: non sarò 'moderato', non sarò 'diplomatico', non smetterò di essere 'intransigente' contro chi ha distrutto il Paese".

17:34Camera: Boldrini, per me ultima seduta, sono emozionata

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Questa è l'ultima seduta che presiedo, c'è un po' di emozione. Si chiude una parentesi". Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini ad alcuni giornalisti primi dell'inizio della seduta della Camera dedicata alle missioni all'estero. La presidente ha incontrato il gruppetto dei giornalisti, che stavano conversando con Pino Pisicchio, capogruppo del Misto, e si è fermata per salutare e per fare gli auguri di buon anno e poi, sorridendo, ha osservato che di lì a poco sarebbe iniziata per lei "l'ultima seduta".

17:27M5S: parlamentarie, su blog ancora proteste, verso ricorsi

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Ancora proteste sul blog di Beppe Grillo per i rallentamenti che si registrano sulla piattaforma Rousseau in questo secondo giorno di votazioni. "Votare su Rousseau è roba da fanta-horror", scrive un utente di Palermo laddove Vincenzo chiede: "E' normale che ci siano tutte queste difficoltà per votare? Si può ipotizzare interventi esterni tendenti a incasinare il blog?". In diversi chiedono l'intervento dei vertici mentre alcuni utenti, più benevoli, invitano alla calma: "Ci vuole solo un po' di pazienza che è la virtù dei forti", scrive Adelaide. Intanto gli esclusi dalle parlamentarie sembrano attrezzarsi per una pioggia di ricorsi. "Mi hanno chiamato in una trentina tra ieri e oggi ma ho declinato l'incarico perché lo ritengo contrario ai principi che mi stanno portando a difendere gli iscritti alla prima associazione del M5S", spiega l'avvocato Lorenzo Borré osservando: "chi si è candidato ha infatti accettato si aderire alla terza associazione contro la quale ci stiamo battendo".

17:10Sculacciata in ufficio, per giudice non è reato

(ANSA) - VICENZA, 17 GEN - Una sculacciata data in ufficio, seppur davanti agli altri colleghi, ma con "spirito goliardico", e senza morbosità, non sconfina nella violazione penale. Questa è la decisione assunta dal gip del Tribunale di Vicenza che ha archiviato un'inchiesta a carico di un dirigente 38enne accusato di violenza sessuale da un'impiegata, nell'ipotesi lieve delle molestie. La donna, in tre distinte occasioni, aveva ricevuto dal 38enne, suo diretto responsabile, delle pacche sul sedere mentre passava tra le scrivanie. Nell'esposto l'impiegata lo aveva accusato anche di ingiurie, per il modo brusco con cui veniva invitata a svolgere le sue mansioni; ma il reato, nel frattempo depenalizzato, è perseguibile solo nel civile. La Procura aveva raccolto le testimonianze dei colleghi della vittima, che avrebbero 'derubricato' a gesto goliardico, seppur eccessivo, le sculacciate, distribuite dal dirigente un po' a tutti i componenti dell'ufficio. Su questa base il pm ha chiesto l'archiviazione, accolta dal giudice.

16:55Diciottenne ucciso: tutta Crotone a dargli l’ultimo saluto

(ANSA) - CROTONE, 17 GEN - Migliaia di persone, praticamente tutta la città, hanno voluto dare il loro commosso ultimo saluto a Giuseppe Parretta, il 18enne ucciso sabato scorso a Crotone. Una partecipazione tanto imponente da non poter essere contenuta nella basilica cattedrale dove si sono svolti i funerali. E così la piazza antistante e quelle limitrofe si sono riempite di uomini, donne, ragazzi raccolti nel dolore, conseguenza di un evento vissuto come un lutto collettivo, ma anche accomunati da un sentimento di solidarietà e vicinanza alla famiglia della vittima. "Mio figlio - ha detto la mamma Katia Villirillo - era un piccolo grande uomo". Le esequie sono state officiate dal rettore don Serafino Parisi e concelebrate da tutti i parroci della città con la bara bianca poggiata ai piedi dell'altare. Don Serafino ha detto che si "sta manifestando una pacifica rivolta morale, un malessere che ha un duplice significato: la vicinanza della comunità ai familiari ed il rifiuto e il disgusto per quello che è accaduto". (ANSA).

16:52Gb: May nomina un ‘sottosegretario alla Solitudine’

(ANSA) - LONDRA, 17 GEN - Il governo britannico di Theresa May ha nominato un "sottosegretario alla Solitudine", che si deve occupare dei nove milioni di persone, giovani e anziani, che nel Paese vivono sole o soffrono di gravi problemi di solitudine. La premier conservatrice ha scelto per questo incarico la 42enne deputata Tory Tracey Crouch, pronta ad affrontare una "sfida generazionale" in una realtà sociale sempre più frammentata e disgregata. La neo-sottosegretaria vuole collaborare con gli altri partiti nel suo incarico all'interno di un vasto progetto che era stato creato da Jo Cox, la deputata laburista uccisa nel 2016 da un fanatico di estrema destra. Era stata lei infatti a creare la commissione contro la Solitudine, un organismo che lavorava a soluzioni per risolvere la 'piaga' nazionale. "Jo Cox aveva riconosciuto la vastità del problema a livello nazionale e aveva messo tutta se stessa per aiutare quanti ne erano colpiti", ha affermato in un comunicato la premier May.

Archivio Ultima ora