La partita del referendum entra nel vivo, bersaniani sulle barricate

Pubblicato il 30 agosto 2016 da ansa

La partita del referendum entra nel vivo, bersaniani sulle barricate

La partita del referendum entra nel vivo, bersaniani sulle barricate

ROMA – Senza un impegno serio per modificare l’Italicum il No al referendum sarà quasi inevitabile: all’ombra della tragedia del sisma in Italia centrale va conformandosi l’ultima trincea della minoranza Pd sulle riforme. Una trincea che potrebbe essere formalizzata in un documento nelle prossime settimane e che avrà come scenografia anche le Feste dell’Unità del Pd.
A partire da questa sera, quando alla festa di Firenze, già segnata dalla nuova polemica tra Anpi e Dem, salirà sul palco Pierluigi Bersani. La linea della sinistra Pd si sta infatti delineando: senza un cambio dell’intero impianto dell’Italicum le riforme, “legate come non mai alla legge elettorale”, non potrebbero avere il placet dei bersaniani. Difficile che tale posizione sia ufficializzata nelle prossime ore: complice l’emergenza sismica il dibattito è stato ritardato ed è rimasto alla prudenza degli esponenti più vicini a Renzi su eventuali modifiche all’Italicum.

Settembre, tuttavia, è alle porte e così anche le sue feste di partito, che potrebbero portare non poche novità. Domani prenderà il via la Festa di Roma (con una prima giornata tutta dedicata al sisma) che il 16 settembre vedrà in campo Roberto Giachetti e l’ex premier Massimo D’Alema. E se il vicepresidente della Camera oggi sottolinea come D’Alema voglia “dichiaratamente abbattere Renzi, il governo Renzi e il Pd democraticamente a guida di Renzi”, l’ex premier prima di salire sul palco della Festa Nazionale dell’Unità di Catania torna all’attacco.

– Per il No c’è un grande spazio per i cittadini e ce n’è di meno dell’informazione, veramente controllata dopo l’occupazione brutale della Rai da parte del governo – sottolinea D’Alema che, lunedì, dovrebbe ufficializzare i suoi Comitati per il No.

Nel frattempo, se Renzi nei giorni precedenti al sisma aveva optato per un basso profilo, lasciando in prima fila il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi e le tante voci per il Sì ospitate dal sito www.bastaunsì.it, anche la campagna centrista sta per entrare nel vivo: probabile che nei primi dieci giorni di settembre siano ufficializzati i Comitati liberali organizzati – su base territoriale – da Sc e Ala e guidati da Marcello Pera. Mentre sul fronte del No, oltre al tour estivo del M5S Alessandro Di Battista, il 9 toccherà al movimento Idea di Gaetano Quagliariello scendere in campo a Matera.

– Sul referendum Renzi sta continuamente rimandando perché ha paura ma penso che i no seppelliranno lui, Maria ‘Etruria’ Boschi e tutta la sua combriccola – attacca Matteo Salvini. Ma da qui a novembre, come dimostrano anche i sondaggi più recenti, la partita referendaria è quanto mai in bilico e, nonostante la ‘spersonalizzazione’ messa in campo da Renzi, resta un passaggio delicato per il governo.

(Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

00:53Cnn turca, arrestato killer di Capodanno a Istanbul

(ANSAmed) - ROMA, 16 GEN - Il killer del nightclub 'Reina' a Istanbul, l'uzbeko Abdulkadir Masharipov, è stato arrestato stasera con il figlio di 4 anni nel quartiere di Esenyurt a Istanbul. Lo riferisce la Cnn Turk. Altre 3 persone sono state arrestate stasera dall'antiterrorismo turca. I 3 sospetti sono stati trovati nella stessa abitazione dell'attentatore nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul, durante il blitz che ha portato al suo arresto. Abdulkadir Masharipov si sarebbe nascosto 3 giorni fa nell'abitazione in cui è stato arrestato. Lo riferisce Ntv, secondo cui si tratterebbe di un covo dell'Isis e le 3 persone trovate insieme a lui sarebbero anche loro militanti jihadisti. La polizia turca ha rilasciato una foto in cui si vede il volto del principale sospettato per la strage del Reina con ecchimosi e ferite e macchie di sangue sulla maglietta.

00:36Maradona ‘dopo 30 anni chiedo scusa a mio figlio Diego’

(ANSA) - NAPOLI 16 GENNAIO - 'Chiedo scusa dopo 30 anni a mio figlio Diego. Non ti lascerò mai più''. Così Diego Maradona ha concluso a sorpresa lo spettacolo 'Tre volte dieci', rivolgendosi al figlio avuto dalla napoletana Cristiana Sinagra che sedeva nella platea del San Carlo. Il ragazzo si è alzato ed ha salutato inchinandosi verso il pubblico che applaudiva. Prima, accanto a Alessandro Siani, autore dello show, Maradona aveva detto: 'Auguro che il Napoli vinca tutto quello che deve vincere. So che la gente di Napoli ha bisogno'. Ora devo andare a Dubai, ho tre anni di contratto. Ma ci sono giocatori del Napoli che vogliono che la gente sia felice, quindi sono tranquillo. E il presidente vuole vincere''.

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

Archivio Ultima ora