Isis: ucciso Adnani, l’ispiratore dei “lupi solitari”

Pubblicato il 30 agosto 2016 da ansa

Isis: ucciso Adnani, l'ispiratore dei “lupi solitari”

Isis: ucciso Adnani, l’ispiratore dei “lupi solitari”

ROMA – Abu Mohammad al-Adnani, il capo della propaganda e “portavoce” dell’Isis, braccio destro operativo del Califfo al-Baghdadi, coordinatore del terrorismo in Occidente nonché agitatore dei “lupi solitari” che hanno insanguinato l’Europa, è stato ucciso ad Aleppo, la martoriata città siriana. Ad annunciarlo è Amaq, l’agenzia del sedicente Califfato, la macchina della propaganda creata dallo stesso Adnani, in un laconico messaggio lanciato in serata che è stato captato e diffuso dal Site, il sito di monitoraggio dell’estremismo su internet.

Figura sfuggente quanto quella di al-Baghdadi – benché di lui circolino diverse fotografie -, con una taglia di 5 milioni di dollari sulla sua testa, Adnani sarebbe già scampato ad un raid nel gennaio di quest’anno, nel quale sarebbe però rimasto ferito. Secondo il comando congiunto iracheno, avrebbe perso molto sangue e sarebbe stato operato d’urgenza in un ospedale.

Il messaggio odierno, in lingua inglese e araba, afferma che Adnani “ha subito il martirio mentre coordinava le operazioni per respingere la campagna militare contro Aleppo”. E segue la minaccia di una vendetta.

Siriano di Idlib, di età compresa fra i 37 e i 39 anni, Adnani era considerato dalle intelligence occidentali come il braccio destro del ‘Califfo’ Abu Bakr al-Baghdadi di cui, fra l’altro, non si registrano più messaggi da tempo.

A lui, come capo della propaganda, si deve l’annuncio nel giugno del 2014 della fondazione dello Stato islamico gerarchizzato in un Califfato in Siria e Iraq, che proiettò in avanti il gruppo combattente Isis, uscito come una costola da Al Qaida: da milizia e gruppo terroristico a entità politica, embrione di stato, in grado di governare un territorio che, come una terra promessa, attirasse aspiranti jihadisti da tutto il mondo.

In una posizione che potrebbe essere accostata forse a quella di Josef Goebbels nel Terzo Reich hitleriano, Taha Sobhi Falaha – questo il suo vero nome – avrebbe costruito – secondo quanto rivelò un’inchiesta del New York Times – l’Emni, il servizio d’intelligence dello Stato Islamico, che ha preso in carico, oltre all’intelligence esterna, anche il coordinamento della jihad del terrore, portata in Europa e in America come strumento di guerra e di vendetta.

L’unità controllata da Adnani avrebbe cioè inviato i suoi agenti in giro per il mondo ad organizzare le stragi e gli attacchi all’estero: in Germania, Austria, Spagna, Malaysia, Indonesia, Libano, Tunisia e Bangladesh.

L’Emni avrebbe anche addestrato i terroristi che hanno compiuto, fra l’altro, le stragi di Parigi e di Bruxelles. E a lui, secondo quanto hanno appreso i servizi occidentali, facevano ovviamente riferimento i “lupi solitari”, prima di entrare in azione, nel postare le loro dichiarazioni di sottomissione allo Stato islamico. Il suo primo “incitamento” risale al settembre dello stesso 2014, quando sulla rivista dell’Isis ‘Dabiq’ scrisse, rivolto a tutti i musulmani:

“Se non siete capaci di trovare una bomba o una pallottola, di spaccare loro la testa (ai “crociati, ndr) con una pietra, di accoltellarli o di metterli sotto con la vostra automobile, di farli cadere da un punto alto o di soffocarli o avvelenarli… allora date fuoco alle loro case, alle loro auto o alle loro imprese”. Un messaggio ripetuto più o meno con le stesse parole anche di recente, in questa ‘estate di sangue’ che ha funestato l’Europa.

Ultima ora

08:53Barcellona: ambasciatore a Madrid,3 italiani feriti

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - 'All'ambasciata italiana in Spagna risulta finora che tre connazionali sono rimasti feriti nell'attentato a Barcellona'. Lo ha detto a '6 su Radio 1' l'ambasciatore a Madrid Stefano Sannino.

08:15Barcellona: la Rambla riaperta al pubblico

BARCELLONA - La Rambla di Barcellona, colpita a morte da un attentato terroristico ieri, e' stata riaperta al pubblico dopo essere stata completamente ripulita durante la notte. Lo ha constatato un giornalista dell'ANSA. La passeggiata che dal centro conduce al porto della città' rimane pero' chiusa al traffico delle auto. Centinaia di turisti stanno lasciando gli alberghi o gli appartamenti affittati nel centro della citta'.

08:10Barcellona: governo Catalogna, attacco Cambrils legato

BARCELLONA - L'attacco della scorsa notte nella localita' turistica di Cambrils e' legato a quello di ieri pomeriggio sulla Rambla a Barcellona. Lo ha detto il ministro regionale degli Interni della Catalogna Joaquim Forn alla radio RA C1 nelle prime ore del mattino precisando che l'attacco ''segue la stessa traccia. C'e' un collegamento''. La polizia non ha dato dettagli dell'attacco a Cambrils ma i media locali affermano che un'automobile ha investito un mezzo della polizia e la gente che si trovava nelle vicinanze.

06:37Barcellona: a Cambrils terroristi con auto su persone

BARCELLONA - I cinque sospetti terroristi uccisi dalla polizia locale spagnola nel blitz notturno a Cambrils avevano investito alcune persone con un'automobile. Lo riferisce la polizia stessa confermando anche che i cinque indossavano cinture esplosive.

05:47Venezuela: Ortega Diaz sarebbe fuggita all’estero

CARACAS - L'ex Procuratrice Luisa Ortega Diaz avrebbe lasciato il Venezuela per sfuggire alla persecuzione del governo chavista, che ha ordinato l'arresto di suo marito e l'ha accusata di essere responsabile della violenza durante le manifestazioni che si susseguono nel paese dallo scorso aprile e di aver cospirato per favorire un'invasione straniera. Lo hanno indicato fonti locali citate dal portale news argentino Infobae, aggiungendo che Ortega Diaz -a cui la giustizia ha sequestrato il passaporto- avrebbe raggiunto clandestinamente la Colombia o il Brasile. La notizia non e' ancora stata confermata da fonti indipendenti. Oggi il suo successore a capo della Procura, Tarek William Saab, ha accusato Ortega Diaz di essere "la responsabile intellettuale di ognuna delle vittime registrate dallo scorso primo aprile", quando la Procuratrice ha denunciato una rottura dell'ordine costituzionale a Caracas.

05:31Barcellona: a Cambrils kamikaze con cinture esplosive

BARCELLONA - Indossavano probabilmente cinture esplosive da kamikaze i sospetti terroristi, quattro dei quali uccisi e uno ferito in un'operazione della polizia locale spagnola a Cambrils, localita' turistica a 100 chilometri da Barcellona, sulla costa sud-occidentale. Lo riferisce la tv pubblica spagnola RTVE. La televisione dice che i cinque stavano tentando di portare a termine un attacco simile a quello di Barcellona. Sette persone sono rimaste ferite, due in modo grave.

05:28Venezuela: Costituente sospende immunità marito Ortega Diaz

CARACAS - L'Assemblea Costituente promossa dal presidente Nicolas Maduro ha sospeso l'immunità parlamentare di German Ferrer, deputato chavista e marito dell'ex Procuratrice Luisa Ortega Diaz, su richiesta del Tribunale Supremo di Giustizia. L'alta corte aveva autorizzato ieri l'arresto di Ferrer, in base all'imputazione per corruzione, estorsione, associazione a delinquere e riciclaggio presentata dal successore di Ortega Diaz alla Procura, Tarek William Saab.

Archivio Ultima ora