Isis: ucciso Adnani, l’ispiratore dei “lupi solitari”

Pubblicato il 30 agosto 2016 da ansa

Isis: ucciso Adnani, l'ispiratore dei “lupi solitari”

Isis: ucciso Adnani, l’ispiratore dei “lupi solitari”

ROMA – Abu Mohammad al-Adnani, il capo della propaganda e “portavoce” dell’Isis, braccio destro operativo del Califfo al-Baghdadi, coordinatore del terrorismo in Occidente nonché agitatore dei “lupi solitari” che hanno insanguinato l’Europa, è stato ucciso ad Aleppo, la martoriata città siriana. Ad annunciarlo è Amaq, l’agenzia del sedicente Califfato, la macchina della propaganda creata dallo stesso Adnani, in un laconico messaggio lanciato in serata che è stato captato e diffuso dal Site, il sito di monitoraggio dell’estremismo su internet.

Figura sfuggente quanto quella di al-Baghdadi – benché di lui circolino diverse fotografie -, con una taglia di 5 milioni di dollari sulla sua testa, Adnani sarebbe già scampato ad un raid nel gennaio di quest’anno, nel quale sarebbe però rimasto ferito. Secondo il comando congiunto iracheno, avrebbe perso molto sangue e sarebbe stato operato d’urgenza in un ospedale.

Il messaggio odierno, in lingua inglese e araba, afferma che Adnani “ha subito il martirio mentre coordinava le operazioni per respingere la campagna militare contro Aleppo”. E segue la minaccia di una vendetta.

Siriano di Idlib, di età compresa fra i 37 e i 39 anni, Adnani era considerato dalle intelligence occidentali come il braccio destro del ‘Califfo’ Abu Bakr al-Baghdadi di cui, fra l’altro, non si registrano più messaggi da tempo.

A lui, come capo della propaganda, si deve l’annuncio nel giugno del 2014 della fondazione dello Stato islamico gerarchizzato in un Califfato in Siria e Iraq, che proiettò in avanti il gruppo combattente Isis, uscito come una costola da Al Qaida: da milizia e gruppo terroristico a entità politica, embrione di stato, in grado di governare un territorio che, come una terra promessa, attirasse aspiranti jihadisti da tutto il mondo.

In una posizione che potrebbe essere accostata forse a quella di Josef Goebbels nel Terzo Reich hitleriano, Taha Sobhi Falaha – questo il suo vero nome – avrebbe costruito – secondo quanto rivelò un’inchiesta del New York Times – l’Emni, il servizio d’intelligence dello Stato Islamico, che ha preso in carico, oltre all’intelligence esterna, anche il coordinamento della jihad del terrore, portata in Europa e in America come strumento di guerra e di vendetta.

L’unità controllata da Adnani avrebbe cioè inviato i suoi agenti in giro per il mondo ad organizzare le stragi e gli attacchi all’estero: in Germania, Austria, Spagna, Malaysia, Indonesia, Libano, Tunisia e Bangladesh.

L’Emni avrebbe anche addestrato i terroristi che hanno compiuto, fra l’altro, le stragi di Parigi e di Bruxelles. E a lui, secondo quanto hanno appreso i servizi occidentali, facevano ovviamente riferimento i “lupi solitari”, prima di entrare in azione, nel postare le loro dichiarazioni di sottomissione allo Stato islamico. Il suo primo “incitamento” risale al settembre dello stesso 2014, quando sulla rivista dell’Isis ‘Dabiq’ scrisse, rivolto a tutti i musulmani:

“Se non siete capaci di trovare una bomba o una pallottola, di spaccare loro la testa (ai “crociati, ndr) con una pietra, di accoltellarli o di metterli sotto con la vostra automobile, di farli cadere da un punto alto o di soffocarli o avvelenarli… allora date fuoco alle loro case, alle loro auto o alle loro imprese”. Un messaggio ripetuto più o meno con le stesse parole anche di recente, in questa ‘estate di sangue’ che ha funestato l’Europa.

Ultima ora

23:16Trump: videomessaggio di Hillary Clinton ai dem,’resistere!’

(ANSA) - WASHINGTON, 24 FEB - Hillary Clinton manda un messaggio ai democratici alla vigilia della scelta del leader del partito e li esorta a resistere, ponendosi come obiettivo i prossimi appuntamenti elettorali. "Dopo le primarie abbiamo unificato il partito per scrive la riforma piu' progressista della storia. Le idee che abbiamo sostenuto stanno ispirando leader e attivisti in tutto il Paese". La ex candidata democratica per la presidenza compare cosi' in un videomessaggio, postato sul profilo Twitter del partito democratico, lodando l'ondata di mobilitazione e protesta che sta percorrendo il Paese dall'insediamento del presidente Donald Trump e aggiungendo: "In quanto democratici, dobbiamo andare avanti con coraggio, sicurezza e ottimismo. E rimanere focalizzati sulle elezioni che dobbiamo vincere quest'anno e il prossimo. Fate in modo che resistenza piu' perseveranza diano come risultato progresso per nostro partito e il nostro Paese". (ANSA).

22:40Calcio: serie B, Brescia-Cittadella 4-1

(ANSA) - BRESCIA, 24 FEB - Dopo due mesi esatti, il Brescia torna alla vittoria battendo 4-1 il Cittadella nell'anticipo della 27/a giornata di serie B. Il Brescia passa al 9' con un calcio di punizione dai 25 metri di Caracciolo. Due minuti dopo Cittadella in dieci: espulso Martin per un brutto fallo a centrocampo su Dall'Oglio. Nonostante tutto i veneti trovano il pari al 23': cross di Pasa e taglio di Strizzolo a spiazzare la difesa. È il 29' invece quando il Brescia torna in vantaggio: da una mischia su corner esce lo zampino di Blanchard. Il tris al 37' con un colpo di tacco in area firmato da Coly. Ma non è ancora finita perchè al 43' c'è anche il poker: destro da dentro l'area di Dall'Oglio con Alfonso non esente da colpe.

22:39Difesa: doppia commemorazione per maggiore La Rosa

(ANSA) - CARBONIA, 24 FEB - "Un eroe e prima di tutto un soldato che aveva prestato giuramento di fedeltà allo Stato, fedele a quei valori di senso del dovere e spirito di sacrificio nei confronti degli altri, verso un interesse che non è personale ma rivolto alla società". Così il sottosegretario di Stato alla Difesa, Domenico Rossi, ha ricordato a Carbonia il maggiore della Brigata Sassari Giuseppe La Rosa, morto in Afghanistan l'8 giugno 2013. L'Associazione nazionale bersaglieri e le amministrazioni comunali locali hanno voluto commemorare l'ufficiale dei bersaglieri intitolandogli la sala del centro trasfusionale dell'ospedale. Presente alla cerimonia la sindaca Paola Massidda, che nel suo intervento ha sottolineato l'orgoglio della comunità nel mantenere viva la memoria del maggiore. La commemorazione si è poi trasferita a San Giovanni Suergiu, nella sede del Comune, dove la sindaca Elvira Usai, assieme all'Associazione bersaglieri e ai numerosi studenti presenti, hanno reso un secondo omaggio a La Rosa. Il sottosegretario Rossi, dopo aver espresso parole di apprezzamento per l'iniziativa, ha ricordato il coraggio e il valore del maggiore ricordando che "le forze armate e le forze di polizia sono un gruppo compatto che opera in sinergia per raggiungere obiettivi comuni, per il bene del Paese, e per questo rappresentano un esempio per tutti, in particolare per le nuove generazioni che impegnandosi contribuiscono a rendere migliore la società". (ANSA).

22:17Egitto: media, costo del visto aumenterà da 25 a 60 dollari

(ANSA) - IL CAIRO, 24 FEB - Il ministero degli Esteri egiziano ha deciso di aumentare, raddoppiandolo da 25 a 60 dollari, il prezzo del visto turistico che si acquista in aeroporti e altri accessi al paese. Lo riferisce il sito Egypt Independent riferendo di critiche formulate dalla Camera delle imprese turistiche. Il rincaro danneggerà il turismo già colpito da 'sconsigli' a recarsi in Egitto lanciati da vari paesi (per il rischio terrorismo) e dal prezzo elevato dei biglietti di ingresso alle zone archeologiche, hanno sottolineato responsabili dell'organizzazione.(ANSA).

22:15Ap e Time boicottano briefing Casa Bianca

(ANSA) - WASHINGTON, 24 FEB - In segno di solidarietà con i colleghi e i media esclusi dal punto stampa di Spicer, i corrispondenti di altre testate - come l'Associated Press e Time Magazine - hanno deciso di boicottare il briefing. Presenti invece i media conservatori come Breitbart News, Washington Times e One America News Network.

21:51Cnn e Nyt esclusi da briefing portavoce Casa Bianca

(ANSA) - WASHINGTON, 24 FEB - Alta tensione tra la Casa Bianca e alcuni dei principali media americani. I giornalisti di Cnn, New York Times, Los Angeles Times e Politico sono stati infatti esclusi da un briefing ristretto convocato da Sean Spicer, portavoce del presidente Donald Trump. I reporter - senza alcun motivo ufficiale - sono stati bloccati prima dell'inizio del punto stampa.

21:47Francia: procura apre inchiesta giudiziaria su Fillon

(ANSA) - PARIGI, 24 FEB - La procura francese ha annunciato stasera l'apertura di un'inchiesta giudiziaria nei confronti di Francois Fillon, candidato alle presidenziali, e di sua moglie Penelope. Le ipotesi d'accusa - come risultava dall'inchiesta preliminare finora in corso - riguardavano i reati di appropriazione indebita e storno di fondi pubblici. L'inchiesta, affidata a un giudice istruttore, può concludersi con il rinvio a giudizio o con l'archiviazione.

Archivio Ultima ora