Calano gli occupati, per i giovani è ancora emergenza

Pubblicato il 31 agosto 2016 da ansa

Una foto di archivio dell' 8 luglio 2006 di un metelmeccanico in una fabbrica di Bologna. ARCHIVIO ANSA/GIORGIO BENVENUTI/I52/BEF

Una foto di archivio dell’ 8 luglio 2006 di un metelmeccanico in una fabbrica di Bologna. ARCHIVIO ANSA/GIORGIO BENVENUTI/I52/BEF

ROMA – Aumentano i giovani disoccupati e i lavoratori anziani, cala l’occupazione e crescono le fila di quelli che rinunciano a cercare lavoro. I dati Istat segnano una battuta d’arresto per il mercato del lavoro a luglio, dopo quattro mesi di recupero.

La disoccupazione giovanile risale al 37,3%, con un balzo di due punti percentuali in un mese, ci sono 63 mila occupati in meno da giugno e 53 mila inattivi in più. La tendenza rimane ancora positiva, con una crescita di 266 mila occupati nell’ultimo anno, dei quali 244 mila assunti a tempo indeterminato.

C’è poi il tasso di disoccupazione che diminuisce leggermente: scende all’11,4% dall’11,6% di giugno perchè l’indicatore misura chi si è affacciato sul mercato del lavoro nelle ultime quattro settimane, non registra chi sfiduciato non cerca occupazione e quindi non può essere strettamente correlato al numero degli occupati.

Intanto i dati provvisori sui prezzi, diffusi sempre dall’Istituto di statistica, mostrano ad agosto un nuovo calo dello 0,1% rispetto all’anno precedente e un aumento dello 0,2% rispetto a luglio. Nelle slide per i primi 30 mesi del governo, il premier Matteo Renzi sottolinea che la disoccupazione è passata – con il suo esecutivo – dal 13,1% all’11,4%. E il Pil “da -1,9% a +1%”, scrive, facendo trapelare una possibile stima aggiornata per la crescita nel 2016 (gli ultimi dati ufficiali del Tesoro, pubblicati ad aprile con il Def parlavano di +1,2%).

“Siamo bombardati dai numeri, dalle statistiche, dalle cifre. E sembra impossibile conoscere la verità”, afferma il presidente del Consiglio in una enews ma “i numeri sono chiari. Le cifre non mentono”.

Ribatte secco il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Renato Brunetta, su Twitter:
“Qualcuno a Palazzo Chigi regali una calcolatrice a Renzi. A luglio -63.000 occupati rispetto a giugno. Dati chiari”.

E rilancia il capogruppo dei deputati della Lega, Massimiliano Fedriga.
– I dati dell’Istat sulla disoccupazione giovanile che sfiora il 40% – afferma – e l’aumento drammatico degli inattivi dimostrano come la propaganda di Renzi e dei suoi sodali sia assolutamente lontana dalla realtà.

Guardando ai dati con maggiore dettaglio emerge che il calo dell’occupazione a luglio è da imputare solo ai lavoratori autonomi, che diminuiscono di 68 mila unità in un mese, mentre sono sostanzialmente stabili i dipendenti “fissi” e in leggero aumento quelli a tempo determinato.

C’è poi una classe di lavoratori la cui espansione non accenna a fermarsi: quella dei più anziani, con 50 anni e oltre, che vedono aumentare l’occupazione di 48 mila unità in un mese e 402 mila unità in un anno, trattenuti nei posti di lavoro dalla stretta dei requisiti per la pensione. Sono l’unica fascia di età con il segno “più”.

L’Istat segnala inoltre che le difficoltà a luglio colpiscono più le donne che gli uomini. L’andamento del lavoro femminile spiega infatti l’80% del calo degli occupati e la quasi totalità della crescita degli inattivi. Tornano ad aumentare le donne che rinunciano a lavorare, schiacciate tra la missione quasi impossibile di trovare un impiego e l’esigenza di conciliarlo con gli impegni familiari che ricadono sulle loro spalle.

– Le persone che lavorano restano più o meno le stesse, a dimostrazione che il tasso di occupazione, vero parametro sullo stato di salute del nostro mercato del lavoro, è sostanzialmente stabile, anzi in leggera decrescita a luglio – osserva, dal fronte sindacale, il segretario confederale della Uil Guglielmo Loy. Mentre, per le imprese, Confcommercio rileva che sarà “cruciale” l’orientamento dell’attività economica alla ripresa autunnale.

– Non mancano segnali di indebolimento dei consumi e di riduzione della fiducia tanto delle imprese quanto delle famiglie – afferma l’associazione – con il rischio che il secondo semestre possa risultare peggiore del primo, vanificando anche il raggiungimento dell’obiettivo minimo dell’1% di crescita.

E’ ottimista, invece, il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti.
– Dall’insediamento del governo Renzi, gli occupati sono 585mila in più. Per consolidare e migliorare questi risultati – dichiara – occorre confermare la scelta di politiche espansive che sostengano consumi e investimenti.

(Chiara Munafò/ANSA)

Ultima ora

23:52Calcio: Bari-Cittadella 4-2

(ANSA) - BARI, 20 OTT - Una vittoria che vale il (temporaneo) secondo posto in classifica: il Bari, nel secondo anticipo della decima giornata, davanti agli oltre quindicimila spettatori del San Nicola, ha battuto il Cittadella per 4-2, confermando il buon momento di forma con il terzo risultato utile di fila. La squadra di Fabio Grosso, dopo un avvio da incubo e un gol di svantaggio rimediato al 2' con una incornata di Salvi, è cresciuto arrivando a dilagare nel finale. Il pari dei pugliesi è arrivato al 20' con un colpo di testa di Basha; nella ripresa al 3' il vantaggio di Improta (settima realizzazione stagionale) al termine di una azione elaborata con ben cinque rapidi passaggi prima della conclusione che ha battuto il portiere Alfonso. Poi i veneti hanno avuto una occasionissima con Chiaretti al 9', ma Micai ha compiuto una prodezza. Il terzo centro è firmato da Galano (quinto gol) in contropiede, mentre il poker è siglato sempre Basha (doppietta). Al 37' Pasa ha accorciato le distanze per la squadra di Venturato.

23:51Somalia: premier,contro Shabaab sarà ‘stato di guerra’

(ANSA) - MOGADISCIO, 20 OTT - La Somalia decreta lo "stato di guerra" contro gli shabaab dopo l'attacco di sabato che ha fatto 358 morti. Lo ha reso il premier precisando che sarà lo stesso presidente ad annunciare una nuova offensiva contro gli estremisti islamici. Una fonte militare, coperta dall'anonimato, ha precisato che l'offensiva dovrebbe essere supportata dagli Stati Uniti.

23:10F1: Hamilton vola anche in seconde libere Usa, Vettel 3/o

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Lewis Hamilton si conferma il più veloce anche nella seconda tornata di prove libere del Gp degli Usa. Sulla pista di Austin, in Texas, il pilota della Mercedes ha fatto registrare il miglior tempo in 1'34"668, la Red Bull di Max Verstappen e la Ferrari di Sebastian Vettel, lontano oltre mezzo secondo dal leader mondiale. Quarta l'altra Mercedes di Valtteri Bottas: sesta la rossa di Kimi Raikkone, alle spalle della Red Bull di Daniel Ricciardo.

21:43Calcio: serie B, Cremonese-Brescia 2-0

(ANSA) - CREMONA, 20 OTT - La Cremonese vince il derby con il Brescia 2-0 e si porta momentaneamente a un punto dalla vetta. Successo meritato da parte dei grigiorossi che con un gol per tempo regolano i biancazzurri. Primo tempo denso di emozioni con il Brescia più vivace in avvio con Somma che colpisce il palo con un destro da fuori area. La Cremonese risponde poco dopo con un cross da destra di Almici deviato da Meccariello degli ospiti che colpisce in pieno la traversa. La Cremonese è più intraprendente e al 29' si presenta a tu per tu con il portiere del Brescia ma da due passi Mokulu calcia fuori. Il gol è nell'aria e arriva al 37' con una meravigliosa azione personale di Piccolo culminata con un diagonale perfetto. La Cremonese raddoppia nel secondo tempo con Claiton di testa su un corner di Piccolo da sinistra al 24'.

21:40Legale ex moglie Della Noce, sul lastrico per colpe sue

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - Non è stata la separazione dalla moglie a gettare sul lastrico Matteo Della Noce, l'ex comico della trasmissione Zelig che da alcuni giorni non ha altra casa che la sua macchina: a precisarlo è l'avvocato Andrea Natale, legale della ex moglie, che accusa Della Noce di aver rilasciato "molte dichiarazioni che non corrispondono a verità". L'avvocato ricorda che la separazione è avvenuta nel 2007 e dal 2013 Della Noce ha smesso di dare "qualsiasi tipo di contribuzione" per il mantenimento dei figli e che "per oltre 12 anni ha avuto un'altra relazione affettiva, dalla quale è nata una terza figlia". "L'attore - spiega l'avvocato - irresponsabilmente ha sperperato quanto accumulato nei momenti più felici della propria carriera per ragioni che nulla hanno a che vedere con la separazione" e "anche nel momento in cui era all'apice della propria carriera, è sempre stato 'restio' ad adempiere ai propri obblighi di mantenimento dei figli".

21:18Calcio: Pallotta, club responsabili per pochi idioti

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "La cosa frustrante è che a volte negli stadi è sufficiente che un paio di elementi facciano qualcosa di stupido affinché questo poi, purtroppo, si rifletta negativamente sul 99,9% delle persone che non la pensa in quel modo e non farebbe mai qualcosa del genere. Sono episodi gravi e deplorevoli sempre e comunque, a prescindere da quello che possa essersi verificato l'altro giorno, il mio è un discorso di carattere generale. Dispiace che i club siano ritenuti responsabili per le azioni di pochi idioti in giro per il mondo". Così James Pallotta, presidente della Roma, alla radio americana 'SiriusXM' dopo la decisione dell'Uefa di aprire un fascicolo d'inchiesta per alcuni presunti cori a sfondo razzista dei tifosi giallorossi a Londra durante la partita di Champions League col Chelsea. Da Trigoria fanno sapere che dagli audio analizzati non si riscontrano tali cori e che, soprattutto, né l'arbitro dell'incontro né il delegato Uefa hanno segnalato nulla in merito.

21:07Referendum: Zaia, veneti non hanno più anello al naso

(ANSA) - VENEZIA, 20 OTT - "La gestione di questo paese è stata una gestione centralista e assistenzialista che ha devastato i conti pubblici. E quindi fanno paura i veneti che vanno al voto. Sa perché? Perché quei mezzadri veneti che per Roma hanno l'anello al naso, non ci stanno più con l'anello al naso. È l'ora del riscatto dei veneti". Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, intervistato da '24Mattino' su radio 24. "È l'ora di dimostrare - ha aggiunto - che noi siamo rispettosi della Costituzione. Ma bisogna dare più Stato per chi vuole più Stato, come la Sicilia, che non riesce a incassare 52 miliardi di tasse ed è evidente che ha bisogno di più Stato perché l'autonomia la gestisce male, e meno Stato dove ci vuole meno Stato".

Archivio Ultima ora