Renzi: “Le riforme del referendum non riducono la democrazia”

Pubblicato il 31 agosto 2016 da ansa

Il premier difende la riforma: "Non riduce gli spazi di democrazia: più semplicemente riduce le poltrone, senza toccare minimamente il sistema dei contrappesi. Rende il paese più semplice e giusto"

Il premier difende la riforma: “Non riduce gli spazi di democrazia: più semplicemente riduce le poltrone, senza toccare minimamente il sistema dei contrappesi. Rende il paese più semplice e giusto”

ROMA – Dopo una “settimana di lutto” dopo il terremoto nel centro Italia, Matteo Renzi annuncia la ripresa dell’attività del comitato ‘Basta un sì’. Per quanto lo riguarda, invece, la campagna referendaria entrerà nel vivo con il comizio di chiusura della Festa Nazionale dell’Unità l’11 settembre a Catania. Ma già ora, senza fare riferimento agli attacchi di Massimo D’Alema e alle critiche dell’opposizione, il premier difende la riforma.

– Non riduce gli spazi di democrazia come qualcuno vorrebbe far credere: più semplicemente riduce le poltrone, senza toccare minimamente il sistema dei contrappesi e rende il paese più semplice e giusto – spiega annunciando che finora si sono formati 3mila comitati.

Pur se sottotono per l’emergenza terremoto, cominciano a delinearsi gli schieramenti in vista del referendum. E le parole d’ordine. Renzi, deciso a tenersi alla larga da un’eccessiva personalizzazione, evita gli attacchi personali e batte sugli effetti della riforma.

L’opposizione si attrezza per il No e così anche Massimo D’Alema che lunedì prossimo darà il via ai suoi comitati. Nel mezzo, per ora, c’è la minoranza dem che avvisa il premier chiedendo modifiche all’Italicum, o almeno un impegno serio a cambiamenti, altrimenti si schiererà per il No al referendum.

Pier Luigi Bersani, ospite delle feste del Pd, continua a chiedere di dare spazio anche alla ragioni del No e a mettere in cantiere cambia alla legge elettorale che evitino “un salto nel buio” limitando l’equilibrio democratico garantito dall’attuale Costituzione.

l fronte del ‘no’, sostiene il capogruppo Fi Renato Brunetta citando il sondaggio Winpol, “è nettamente in vantaggio e arriva a toccare il 54% mentre il ‘sì’ sprofonda al 46%”. Ma Renzi ed i suoi mostrano sicurezza, convinti che quando si entrerà nel vivo, “dicendo la verità e raccontando il merito del referendum”, afferma il leader Pd, i cittadini si schiereranno a favore della riforma.

Il cavallo di battaglia resta la spinta al cambiamento.

– Se vince il no, rimane tutto come adesso. Se vince il sì, finalmente si cambia – chiede il premier sollecitando la mobilitazione anche via social. Ma la battaglia avviene anche nei luoghi di mobilitazione tradizionale: SI, da oggi a Pescara per la festa nazionale, darà spazio al referendum.

E anche alla Festa de l’Unità di Roma, da domani, sarà, sostiene il commissario Pd Matteo Orfini, “un momento importante della campagna per il Sì e tanto siamo convinti delle ragioni della riforma che non temiamo di misurarci con gli argomenti di chi dentro e fuori il Pd la pensa diversamente”.

(Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

07:50F1: Circus riparte da Australia, Hamilton davanti a Vettel

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Prende il via ufficialmente la stagione 2017 di Formula 1 con il primo Gran Premio del 2017 in Australia. Sulla pista semi-cittadina dell'Albert Park di Melbourne, al primo semaforo verde dell'anno la Mercedes di Lewis Hamilton è scattata davanti alla Ferrari di Sebastian Vettel che partiva dalla seconda posizione. Terza l'altra Stella d'Argento di Bottas che precede la rossa di Raikkonen.

07:01Bulgaria, si vota per politiche anticipate

(ANSA) - SOFIA, 26 MAR - In Bulgaria si vota oggi per le elezioni politiche anticipate, una consultazione dall'esito incerto e nella quale si prevede una lotta serrata fra conservatori e socialisti. Il voto vede la partecipazione di 13 partiti, 9 coalizioni e 21 comitati d'iniziativa. Le urne si sono aperte alle 7 locali (le 6 italiane) e chiuderanno alle 20 (19). Subito dopo saranno diffusi gli exit poll. Gli oltre 6,8 milioni di elettori - su una popolazione di 7,5 milioni di abitanti - possono votare in quasi 12 mila seggi elettorali, e l'affluenza prevista si aggira intorno al 60%-65%. Stando agli ultimi sondaggi sembra improbabile che dalle urne esca una maggioranza di governo ben definita.

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

Archivio Ultima ora