Renzi: “Le riforme del referendum non riducono la democrazia”

Pubblicato il 31 agosto 2016 da ansa

Il premier difende la riforma: "Non riduce gli spazi di democrazia: più semplicemente riduce le poltrone, senza toccare minimamente il sistema dei contrappesi. Rende il paese più semplice e giusto"

Il premier difende la riforma: “Non riduce gli spazi di democrazia: più semplicemente riduce le poltrone, senza toccare minimamente il sistema dei contrappesi. Rende il paese più semplice e giusto”

ROMA – Dopo una “settimana di lutto” dopo il terremoto nel centro Italia, Matteo Renzi annuncia la ripresa dell’attività del comitato ‘Basta un sì’. Per quanto lo riguarda, invece, la campagna referendaria entrerà nel vivo con il comizio di chiusura della Festa Nazionale dell’Unità l’11 settembre a Catania. Ma già ora, senza fare riferimento agli attacchi di Massimo D’Alema e alle critiche dell’opposizione, il premier difende la riforma.

– Non riduce gli spazi di democrazia come qualcuno vorrebbe far credere: più semplicemente riduce le poltrone, senza toccare minimamente il sistema dei contrappesi e rende il paese più semplice e giusto – spiega annunciando che finora si sono formati 3mila comitati.

Pur se sottotono per l’emergenza terremoto, cominciano a delinearsi gli schieramenti in vista del referendum. E le parole d’ordine. Renzi, deciso a tenersi alla larga da un’eccessiva personalizzazione, evita gli attacchi personali e batte sugli effetti della riforma.

L’opposizione si attrezza per il No e così anche Massimo D’Alema che lunedì prossimo darà il via ai suoi comitati. Nel mezzo, per ora, c’è la minoranza dem che avvisa il premier chiedendo modifiche all’Italicum, o almeno un impegno serio a cambiamenti, altrimenti si schiererà per il No al referendum.

Pier Luigi Bersani, ospite delle feste del Pd, continua a chiedere di dare spazio anche alla ragioni del No e a mettere in cantiere cambia alla legge elettorale che evitino “un salto nel buio” limitando l’equilibrio democratico garantito dall’attuale Costituzione.

l fronte del ‘no’, sostiene il capogruppo Fi Renato Brunetta citando il sondaggio Winpol, “è nettamente in vantaggio e arriva a toccare il 54% mentre il ‘sì’ sprofonda al 46%”. Ma Renzi ed i suoi mostrano sicurezza, convinti che quando si entrerà nel vivo, “dicendo la verità e raccontando il merito del referendum”, afferma il leader Pd, i cittadini si schiereranno a favore della riforma.

Il cavallo di battaglia resta la spinta al cambiamento.

– Se vince il no, rimane tutto come adesso. Se vince il sì, finalmente si cambia – chiede il premier sollecitando la mobilitazione anche via social. Ma la battaglia avviene anche nei luoghi di mobilitazione tradizionale: SI, da oggi a Pescara per la festa nazionale, darà spazio al referendum.

E anche alla Festa de l’Unità di Roma, da domani, sarà, sostiene il commissario Pd Matteo Orfini, “un momento importante della campagna per il Sì e tanto siamo convinti delle ragioni della riforma che non temiamo di misurarci con gli argomenti di chi dentro e fuori il Pd la pensa diversamente”.

(Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

17:22Catalogna: Govern denuncia pressioni Madrid su imprese

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Il portavoce del Govern catalano Jordi Turull ha accusato l'esecutivo di Madrid di esercitare pressioni sulle imprese catalane perchè spostino le sedi sociali in altre regioni spagnole. Dal primo ottobre circa 700 aziende hanno trasferito le sedi sociali fuori dalla Catalogna. Secondo Turull, Madrid vuole "colpire l'economia catalana". "Ma quando qualcuno minaccia di danneggiare l'economia della Catalogna, ha aggiunto, deve ricordare che sta danneggiando anche l'economia spagnola".

17:18Mondiali: Ulivieri, Svezia avversario duro

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "La Svezia è una squadra solida, lo abbiamo visto anche agli ultimi Europei quando ci hanno creato problemi. Non sarà facile, forse è l'avversario più duro ma dipende tutto dall'Italia". Questa l'idea del presidente dell'Associazione italiana allenatori Renzo Ulivieri sul sorteggio dei playoff per la qualificazione ai Mondiali 2018, che vedrà l'Italia opposta alla Svezia. "Ho fatto poco caso al sorteggio perché tanto comunque dipende da noi. Se saremo in buone condizioni, non avremo problemi, altrimenti avremo problemi. Per questo va bene anche la Svezia, forse è l'avversario più duro".

17:17Donna Lampedusa denuncia tentata violenza 5 tunisini

(ANSA) - LAMPEDUSA, 17 OTT - Cinque magrebini, quasi certamente tunisini ospiti dell'Hot spot di Lampedusa, avrebbero tentato stamane di violentare nella sua abitazione una donna di Lampedusa. I cinque avrebbero desistito di fronte alla reazione della vittima, che oltre ad affrontarli con un bastone, ha cominciato a gridare e a chiedere aiuto facendo credere loro che ci fossero alcuni familiari in casa. La donna, che ha 50 anni, ha presentato denuncia ai carabinieri che hanno avviato le indagini per identificare gli aggressori. L'abitazione della donna, sposata e con figli, si trova lungo la strada che dalla struttura di accoglienza di contrada Imbriacola conduce fino al centro del paese. E' stata la stessa vittima a chiamare i carabinieri e a raccontare nei dettagli il tentativo di violenza sottolineando che gli aggressori erano quasi certamente tunisini. In questo momento l'hot spot di Lampedusa ospita circa 500 nordafricani, quasi tutti tunisini; gli ultimi 105 sbarcati la notte scorsa.

17:14Usa: Casa Bianca nega a Congresso dati email private

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Scontro in vista tra Casa Bianca e Congresso, dopo che la prima ha snobbato una richiesta bipartisan di una commissione parlamentare per ottenere i nomi, i numeri e gli account degli alti dirigenti della West Wing che hanno usato email e servizi di messaggeria privati. Lo scrive Politico, il primo a rivelare che a farne uso sarebbero stati vari consiglieri della Casa Bianca, da Jared Kushner, genero di Trump, a Gary Cohn, da Reince Preibus a Steve Bannon. Ignorata anche la richiesta di dati sull'uso di voli privati.

17:12Gb: Times, riforma per eliminare mandato a vita dei Lord

(ANSA) - LONDRA, 17 OTT - Si torna a parlare di una tanto attesa riforma della Camera dei Lord nel Regno Unito. Secondo il Times, infatti, circola la proposta di mettere fine al mandato a vita dei 'pari' e sostituirlo con uno da 15 anni per i nuovi membri. L'iniziativa è contenuta in un rapporto che sta per presentare una commissione dei Lord incaricata di valutare la riorganizzazione di una istituzione che ha raccolto molte critiche per i privilegi dei suoi componenti e i suoi costi. E' composta da quasi 800 membri ed è la seconda assemblea legislativa più numerosa al mondo dopo il Congresso nazionale della Cina. Il limite di mandato a 15 anni per la camera non elettiva del Regno viene visto come un modo per contenere il numero dei 'pari' aumentato negli ultimi anni mentre i partiti hanno scelto come propri Lord ex ministri ed esponenti di spicco. In tutt'altra direzione va la decisione di Andrew Lloyd Webber, che ha rinunciato dopo 20 anni allo scranno fra i Lord, istituzione di cui fa parte come altre personalità britanniche.

17:11Rugby: 27/10 inaugurazione Museo ‘Fango e Sudore’ ad Artena

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Arroccata lungo un costone calcareo all'estremità meridionale dei Castelli Romani, sorge Artena, antico borgo famoso per le bellezze architettoniche, per le rampe ed i veicoli stretti e percorribili solo a piedi o a dorso di mulo, che fanno del suo centro storico una delle isole pedonali più grandi d'Europa. Dal 27 ottobre uno dei suoi edifici, Palazzo Traietti, ospiterà la collezione de 'Il Museo del Rugby, Fango e Sudore', grazie all'amministrazione comunale che ha saputo cogliere l'importanza di una della collezioni ovali più importanti al mondo, mettendo a disposizione gratuitamente una delle sue sedi. Ad Artena il rugby si è insediato due anni fa, restituendo al suo naturale utilizzo una struttura sportiva in abbandono, il Campo 'Le Macere'. La collezione de Il Museo del Rugby occuperà due piani e 14 stanze, per un totale di 600 metri quadrati che ospiteranno 15.000 cimeli ovali, tra cui 1600 maglie di un arco temporale di oltre 80 anni. La nuova sede espositiva verrà inaugurata il 27 ottobre (ore 18).

17:10Calcio: serie A, un solo squalificato

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Un solo squalificato in serie A dal giudice sportivo Gerardo Mastrandrea in relazione alle partite dell'ottava giornata. Si tratta di Luca Antei (Benevento) fermato per un turno in seguito all'espulsione nel posticipo di ieri sera contro il Verona. Per quanto riguarda le società, comminati 20 mila euro di multa alla Roma "per avere suoi sostenitori, prima dell'inizio della gara e durante la medesima, rivolto ripetutamente cori insultanti espressivi di denigrazione territoriale nei confronti dei sostenitori della squadra avversaria; per avere inoltre, suoi sostenitori, prima dell'inizio della gara, lanciato alcuni bengala nel settore occupato dai sostenitori della squadra avversaria".Multe anche a Milan (10 mila euro), Napoli (10 mila euro), Crotone (5 mila euro), Juventus (5 mila euro) e Udinese (2500 euro).

Archivio Ultima ora