Merkel apre a Renzi sulla flessibilità per “Casa Italia”

Pubblicato il 31 agosto 2016 da ansa

Merkel apre a Renzi sulla flessibilità per “Casa Italia”

Merkel apre a Renzi sulla flessibilità per “Casa Italia”

MARANELLO (MODENA) – “Sono certa che l’Europa troverà una soluzione sensata”. E’ la prima volta che la paladina del rigore europeo Angela Merkel, rispondendo ad una domanda sulla richiesta di flessibilità per il progetto ‘Casa Italia’, non si trincera dietro il solito refrain, ovvero che “è la Commissione a decidere, non i singoli stati”.

La cancelliera tedesca, parlando in conferenza stampa accanto al premier Matteo Renzi al termine del vertice di Maranello, non va oltre. Ma tanto basta a dare un segnale di maggiore apertura verso un paese, l’Italia, che se fino a qualche tempo fa era “sotto osservazione” ora rischia di diventare uno dei pochi partner affidabili, all’interno di un’Europa sempre più debole e instabile.

Non è un caso che la cancelliera ribadisca di augurare molto successo a Renzi nel portare avanti l’agenda delle riforme” (leggi referendum) perché, dice, “fa bene all’Italia ma anche all’Europa” (leggi stabilità). Renzi raccoglie l’assist e fa subito capire che l’Italia degli sprechi, delle ricostruzioni fasulle, dei soldi spesi male, non c’è più.

– Gli interventi europei sono importanti ma – dice – l’Italia ha innanzitutto l’esigenza di spendere bene i soldi che ha e non c’è un italiano che non ti chieda di spenderli bene. La trasparenza sarà totale, con il coinvolgimento dell’Anac che ha funzionato in modo perfetto per Expo e assoluta sarà la legalità. Questo non significa rinunciare, l’Italia spenderà i soldi che sarà necessario spendere per ricostruire i paesi distrutti dal sisma ma anche per mettere in sicurezza tutto il Paese ed evitare altri morti.

– Noi utilizzeremo le regole europee – assicura il premier – ma questo tipo di utilizzo lo faremo dopo un progetto molto serio e legato al buon senso e al futuro. Non faccio annunci show o shock, prenderemo tutto quello che serve ed è necessario, ma è fondamentale partire spendendo bene i soldi.

Per questo tutto sarà coordinato da un commissario, Vasco Errani, che sarà nominato domani, annuncia Renzi.
– E’ stato presidente dell’Emilia Romagna che 4 anni fa ha subito un forte sisma – spiega – ed ora è in piedi: scegliamo la stessa squadra.

La flessibilità se la meritano i paesi affidabili, che non sprecano i soldi, che li usano con criterio e, soprattutto, che hanno progetti seri e concreti, sembra essere il messaggio di Renzi, subito raccolto da Merkel.

– Sono certa che l’Italia presenterà un progetto in maniera trasparente e che si troverà una soluzione sensata – ribadisce.

E il segnale di fiducia passa anche per il progetto di ricostruzione di una scuola (forse quella di Amatrice) con i soldi tedeschi.

– Abbiamo sentito molto forte la solidarietà della popolazione nei confronti dell’Italia, i soccorritori hanno lavorato in maniera eccezionale – ha detto la cancelliera che a Maranello ha incontrato i volontari che hanno salvato la piccola Giorgia dalle macerie del sisma e anche il cane Leo, che è riuscito a capire che c’era qualcuno ancora in vita dopo 16 ore dal sisma.

Il sisma, del resto, è sempre stato lì, tutto il giorno, nei riferimenti del premier – “questo summit si tiene in un momento particolarmente triste per la storia del nostro paese” – nella solidarietà della Merkel, nel saluto ai volontari e, per fortuna, anche nei gesti concreti di solidarietà. Come quello della Ferrari, padrona di casa, che ha messo all’asta uno dei suoi gioielli.

La sintonia tra Merkel e Renzi, nella lunga giornata trascorsa tra il museo Ferrari e gli stabilimenti di Maranello, passa anche attraverso un’altra emergenza che ha travolto l’Europa: i migranti. E qui è il premier ad appoggiare la cancelliera che torna a ripetere l’urgenza e la necessità di accogliere chi fugge dalle guerre, ma anche di rimpatriare chi non ha diritto all’asilo.

– L’Europa deve provvedere unita ai rimpatri di coloro che non hanno diritto – ha detto il premier – è un compito al quale l’Ue deve assolvere con più determinazione.

Ultima ora

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

20:26Ex calciatore scomparso: trovato ucciso dopo un mese

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - E' stato trovato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di serie C, poi direttore sportivo del Brugherio calcio, scomparso il 14 novembre scorso. I carabinieri avevano aperto un'inchiesta che ipotizzava l'omicidio dopo la denuncia di scomparsa da parte della famiglia.

20:09Tratta: Antimafia,vale 32mld, criminali la gestiscono

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 'Vale' 32 miliardi e sono oltre 30 mila le vittime della tratta nei 28 stati membri dell'Ue: un fenomeno che risulta essere in preoccupante crescita. Del tema si occupa una Relazione di oltre 60 pagine, approvata oggi all'unanimità, messa a punto dal Comitato "mafie, migranti e tratta di esseri umani, nuove forme di schiavitù" della Commissione parlamentare antimafia, guidato da Fabiana Dadone (M5S). Sono quasi sempre organizzazioni criminali transnazionali a gestire tutte le fasi della trasmigrazione delle persone che soprattutto dall'Africa, dalla Cina, dal sud America e dall'Est Europa partono per l'Italia e per il Nord Europa, e che operano "come vere realtà imprenditoriali volte a definire e gestire ogni aspetto della migrazione". Il viaggio dei migranti è "una vera e propria epopea che si sviluppa per tappe e si protrae per alcuni mesi, in cui i trasportati, sempre più frequentemente, vengono a trovarsi a vivere in condizioni disumane, stoccati come merce, sottoposti a vessazioni e violenze".

Archivio Ultima ora