Merkel apre a Renzi sulla flessibilità per “Casa Italia”

Pubblicato il 31 agosto 2016 da ansa

Merkel apre a Renzi sulla flessibilità per “Casa Italia”

Merkel apre a Renzi sulla flessibilità per “Casa Italia”

MARANELLO (MODENA) – “Sono certa che l’Europa troverà una soluzione sensata”. E’ la prima volta che la paladina del rigore europeo Angela Merkel, rispondendo ad una domanda sulla richiesta di flessibilità per il progetto ‘Casa Italia’, non si trincera dietro il solito refrain, ovvero che “è la Commissione a decidere, non i singoli stati”.

La cancelliera tedesca, parlando in conferenza stampa accanto al premier Matteo Renzi al termine del vertice di Maranello, non va oltre. Ma tanto basta a dare un segnale di maggiore apertura verso un paese, l’Italia, che se fino a qualche tempo fa era “sotto osservazione” ora rischia di diventare uno dei pochi partner affidabili, all’interno di un’Europa sempre più debole e instabile.

Non è un caso che la cancelliera ribadisca di augurare molto successo a Renzi nel portare avanti l’agenda delle riforme” (leggi referendum) perché, dice, “fa bene all’Italia ma anche all’Europa” (leggi stabilità). Renzi raccoglie l’assist e fa subito capire che l’Italia degli sprechi, delle ricostruzioni fasulle, dei soldi spesi male, non c’è più.

– Gli interventi europei sono importanti ma – dice – l’Italia ha innanzitutto l’esigenza di spendere bene i soldi che ha e non c’è un italiano che non ti chieda di spenderli bene. La trasparenza sarà totale, con il coinvolgimento dell’Anac che ha funzionato in modo perfetto per Expo e assoluta sarà la legalità. Questo non significa rinunciare, l’Italia spenderà i soldi che sarà necessario spendere per ricostruire i paesi distrutti dal sisma ma anche per mettere in sicurezza tutto il Paese ed evitare altri morti.

– Noi utilizzeremo le regole europee – assicura il premier – ma questo tipo di utilizzo lo faremo dopo un progetto molto serio e legato al buon senso e al futuro. Non faccio annunci show o shock, prenderemo tutto quello che serve ed è necessario, ma è fondamentale partire spendendo bene i soldi.

Per questo tutto sarà coordinato da un commissario, Vasco Errani, che sarà nominato domani, annuncia Renzi.
– E’ stato presidente dell’Emilia Romagna che 4 anni fa ha subito un forte sisma – spiega – ed ora è in piedi: scegliamo la stessa squadra.

La flessibilità se la meritano i paesi affidabili, che non sprecano i soldi, che li usano con criterio e, soprattutto, che hanno progetti seri e concreti, sembra essere il messaggio di Renzi, subito raccolto da Merkel.

– Sono certa che l’Italia presenterà un progetto in maniera trasparente e che si troverà una soluzione sensata – ribadisce.

E il segnale di fiducia passa anche per il progetto di ricostruzione di una scuola (forse quella di Amatrice) con i soldi tedeschi.

– Abbiamo sentito molto forte la solidarietà della popolazione nei confronti dell’Italia, i soccorritori hanno lavorato in maniera eccezionale – ha detto la cancelliera che a Maranello ha incontrato i volontari che hanno salvato la piccola Giorgia dalle macerie del sisma e anche il cane Leo, che è riuscito a capire che c’era qualcuno ancora in vita dopo 16 ore dal sisma.

Il sisma, del resto, è sempre stato lì, tutto il giorno, nei riferimenti del premier – “questo summit si tiene in un momento particolarmente triste per la storia del nostro paese” – nella solidarietà della Merkel, nel saluto ai volontari e, per fortuna, anche nei gesti concreti di solidarietà. Come quello della Ferrari, padrona di casa, che ha messo all’asta uno dei suoi gioielli.

La sintonia tra Merkel e Renzi, nella lunga giornata trascorsa tra il museo Ferrari e gli stabilimenti di Maranello, passa anche attraverso un’altra emergenza che ha travolto l’Europa: i migranti. E qui è il premier ad appoggiare la cancelliera che torna a ripetere l’urgenza e la necessità di accogliere chi fugge dalle guerre, ma anche di rimpatriare chi non ha diritto all’asilo.

– L’Europa deve provvedere unita ai rimpatri di coloro che non hanno diritto – ha detto il premier – è un compito al quale l’Ue deve assolvere con più determinazione.

Ultima ora

12:24Insulti e pugni, ancora un migrante aggredito a Roma

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Prima gli insulti razzisti e poi l'aggressione. E' quanto accaduto a un eritreo di 30 anni ospite del presidio di via del Frantoio, alla periferia di Roma, teatro a fine agosto di un assedio di alcuni residenti in cui fu accoltellato un altro migrante, fino a luglio ospite del centro. A denunciare l'episodio, avvenuto mercoledì sera in strada nei pressi di Via di Grotta di Gregna, la Croce rossa di Roma che gestisce il centro al Tiburtino III. Il ragazzo - riferisce la Cri in una nota - stava rientrando a piedi al Presidio quando è stato avvicinato da un'auto, sembrerebbe con 4 giovani a bordo. Da lì è scattata poi l'aggressione prima con insulti e poi con un pugno dicendogli anche "negro" da quanto riferisce la vittima. Il giovane ha riportato fratture al volto e potrebbe essere sottoposto a intervento chirurgico. "Siamo sconcertati - afferma Debora Diodati, presidente della Croce Rossa di Roma - Va fatta luce e chiarezza su questa vicenda. Chi alimenta tensioni faccia un passo indietro". (ANSA).

11:59Calcio: De Laurentiis, anno scudetto? ho casa piena di corni

(ANSA) - NAPOLI, 22 SET - "Se lei viene a casa mia, una volta le offrirò un caffè, vedrà che a casa mia c'è proprio una teca piena di corni che conservo gelosamente. Si dice che non bisogna farli vedere perché si scaricano, invece a me piace proprio caricarli dell'invidia altrui". Così ha risposto Aurelio De Laurentiis intervistato da Luca Telese su Radio 24 nella trasmissione 24 Mattino, a una domanda se questo non sia l'anno scudetto per il Napoli.

11:53Moto: Aragon, Marquez il più veloce nelle libere, Rossi 18/o

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Valentino Rossi, rientrato in pista a pochi giorni dall'incidente nel quale ha riportato varie fratture, ha fatto il 18mo tempo nella prima sessione di prove libere in vista del gp di Aragon, in programma domenica. Molti piloti hanno effettuato pochi giri a causa delle condizioni della pista, non perfette a causa della pioggia caduta nelle prime ore del mattino e anche durante le prove. Anche il pilota marchigiano ha fatto pochi giri in sella alla sua Yamaha, soprattutto per sondare le sue condizioni di guida. Il più veloce della sessione è stato lo spagnolo Marc Marquez, che ha chiuso il giro migliore in 2:01.243, davanti al compagno di squadra della Honda Dani Pedrosa staccato di 498 millesimi; terzo tempo Zarco con la sua Yamaha a 785 millesimi. Dovizioso ha fatto il decimo tempo, a 1"850, Lorenzo sesto, Vinales 20mo. (ANSA).

11:39Francia: M. Le Pen, ‘uscita da euro non più priorità’

(ANSA) - PARIGI, 22 SET - L'uscita dall'euro non è più "una precondizione" al programma del Front National: il giorno dopo l'uscita dal partito dell'ideologo e vicepresidente Florian Philippot - che dell'abbandono della moneta unica faceva il suo cavallo di battaglia - Marine Le Pen cambia strategia. La priorità è il ritorno alla "sovranità territoriale" - ha detto a BFM-TV - alle "frontiere non solo migratorie ma anche economiche". La sovranità monetaria "concluderà il processo - ha aggiunto - abbiamo invertito il senso delle priorità".

11:35Brexit: attesa per May a Firenze, ‘condividiamo visione’

(ANSA) - LONDRA, 22 SET - C'è grande attesa per il discorso-manifesto che la premier britannica Theresa May pronuncia oggi pomeriggio sulla Brexit a Firenze nel tentativo di sbloccare lo stallo dei negoziati con Bruxelles. Secondo le anticipazioni dell'intervento, previsto a partire dalle 15 (le 16 in Italia), il primo ministro vuole puntare molto sul condividere una "visione" tra il Regno Unito e l'Europa. "Quando questo capitolo della nostra storia europea sarà scritto - si legge in una nota diffusa dal governo britannico - non sarà ricordato per le differenze che abbiamo affrontato ma per la visione che abbiamo mostrato; non per le sfide che abbiamo sostenuto ma per la creatività che abbiamo usato per superarle; non per una relazione che è finita ma per una nuova collaborazione che inizia". May sottolineerà anche che il futuro della Gran Bretagna è "luminoso" grazie alle enormi potenzialità del Paese, nell'economia, nella ricerca e nella creatività.

11:33Francia: Le Pen, potrei ‘cedere posto’ a uno migliore

(ANSA) - PARIGI, 22 SET - La presidente del Front National, Marine Le Pen, si è per la prima volta detta "pronta a cedere il posto" se un candidato o una candidata migliore di lei emergesse prima delle presidenziali 2022. "Sono una politica che lavora e si batte - ha detto stamattina alla radio France Info - senza lesinare tempo ed energia, per difendere i francesi da tanti anni. Se sarò quella in posizione migliore per portare avanti le nostre idee sarò di nuovo candidata. Se ci sarà qualcuno meglio di me gli cederò il posto".

11:32Corea Nord: Cina chiede calma, no sanzioni unilaterali

(ANSA) - PECHINO, 22 SET - La Cina invita tutte le parti a esercitare autocontrollo dopo l'ipotesi di test di bomba all' idrogeno nel Pacifico ventilata a New York dal ministro degli Esteri di Pyongyang Ri Yong-ho. Il portavoce del ministero degli Esteri Lu Kang ha ribadito in conferenza stampa l'opposizione di Pechino alle sanzioni unilaterali fuori dalla schema generale risoluzioni delle Nazioni Unite, a stretto giro dal nuovo ordine del presidente Usa Donald Trump su nuove misure contro la Corea del Nord per i suoi programmi nucleari e missilistici.

Archivio Ultima ora