Primo settembre, Torrealba (Mud): “Evitiamo provocazioni”

Pubblicato il 31 agosto 2016 da redazione

Primo settembre, Torrealba (Mud): “Evitiamo provocazioni”

Primo settembre, Torrealba (Mud): “Evitiamo provocazioni”

CARACAS – L’invito del Tavolo dell’Unità, non poteva essere altrimenti, è non cadere in provocazioni. E, per dare l’esempio, ha deciso di spostare l’appuntamento fissato a “Piazza Venezuela” all’Avenida Libertador. La “Toma de Caracas”, hanno assicurato i leader del movimento, vuole essere sì una prova di forza ma non una manifestazione violenta.

Jesús “Chuo” Torrealba, Segretario esecutivo dell’eterogenea alleanza che accoglie un numero assai grande di piccoli partiti di opposizione, ha così invitato i simpatizzanti dell’Opposizione a recarsi numerosi all’“Avenida Libertador”, nei pressi della storica sede di Acción Democrática.

Da analisti politici, nazionali e stranieri, la decisione del Tavolo dell’Unità è stata considerata uno “schiaffo morale” al Psuv e a quelle frange radicali filogovernative e dell’Opposizione che cercano il confronto diretto e la violenza.

– La nostra linea non è quella dello scontro – ha affermato Torrealba -. Loro vogliono la violenza, non noi. Non vogliamo conflitti, non è nostra intenzione provocare disordini.

Intanto, gli esponenti dell’opposizione denunciano a piú riprese l’atteggiamento delle autorità orientato a sabotare la manifestazione: posti di blocco lungo le autostrade che collegano la capitale, il cui obiettivo è quello di proibire o ritardare il transito dei pulman colmi di manifestanti; arresti di dirigenti politici presuntamente complici di un non meglio precisato tentativo di “golpe”; militarizzazione della capitale con presenza massiccia di polizia, Guardia Nazionale con mezzi anfibi, e pattuglie dell’esercito.

Quello del colpo di Stato è stato un tema affrontato con insistenza dal governo e dal Psuv. Il capo dello Stato, Nicolás Maduro, ha denunciato nei giorni scorsi l’intenzione dell’Opposizione di ripetere i fatti che sconvolsero il Paese nell’aprile del 2002 e accusato gli Stati Uniti di esserne il principale promotore.

Il vicepresidente del Psuv, deputato Diosdado Cabello, ribadiva le accuse del capo dello Stato minacciando una risposta energica dei venezuelani. Dal canto suo, Nestor Reverol, ministro degli Interni, nel commentare l’arresto di Yon Goicoechea e Carlos Melo sosteneva l’esistenza di un presunto complotto per destabilizzare il sistema democratico e, dulcis in fundo, Freddy Bernal, esponente del Psuv, ha insistito oggi, durante un’intervista concessa ai colleghi di Globovisión, sull’esistenza di una cospirazione per destituire il presidente Maduro.

– E’ uno scenario simile all’11 aprile del 2002 – ha suggerito Bernal e poi ha sostenuto che nei giorni scorsi sarebbero giunte al Paese “alcune persone che si sono fatti passare per giornalisti”.

Nell’intervista concessa da Bernal non sono mancati i dettagli. Ad esempio, una presunta riunione di responsabili della sicurezza di alcune banche che avrebbero deciso di nominare Fermín Marmol León ministro degli Interni di un ipotetico governo. Ha poi assicurato che alcuni mail e telefonate intercettate dimostrerebbero la presenza di mercenari nel Paese.

Quindi, ha sottolineato che in nessun momento si vuole negare il diritto ai cittadini di protestare pacificamente ma ha anche sottolineato che ogni qualvolta l’Opposizione organizza una manifestazione questa degenera inevitabilmente in atti di violenza e vandalismo.

Ultima ora

09:44Calcio: Juventus, Allegri ‘Vittoria voluta e meritata’

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - "I ragazzi hanno voluto e meritato questa vittoria". I complimenti alla Juventus firmati Massimiliano Allegri dopo la vittoria in rimonta per 2-1 con lo Sporting Lisbona: "Il carattere non deve mai mancare" ha concluso l'allenatore bianconero nel suo consueto tweet post partita, rincuorato dall'ottima prestazione dei suoi. Dopo essere passati in svantaggio per 0-1 con una sfortunata autorete di Alex Sandro, è arrivata la risposta dei bianconeri, che hanno ribaltato il match ottenendo una vittoria fondamentale per il passaggio del turno.

09:44Migranti: da Pe primo via libera a riforma Dublino

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - La commissione libertà civili del Parlamento europeo ha dato il primo via libera alla modifica del regolamento di Dublino firmata dalla relatrice svedese Cecilia Wikstrom. Il testo è passato con 43 sì e 16 no. Novità principale della misura è l'abolizione del principio del Paese di primo ingresso e l'introduzione di un sistema automatico e permanente di ricollocamenti in tutti i Paesi dell'Ue. La posizione del Parlamento andrà tuttavia negoziata con il Consiglio, che ancora non ha una posizione comune.

09:43Catalogna: Amnesty chiede immediata liberazione ‘due Jordi’

(ANSA) - BARCELLONA, 19 OTT - Amnesty International (AI) ha chiesto la liberazione "immediata" dei due leader indipendentisti catalani Jordi Sanchez e Jordi Cuixart arrestati lunedì a Madrid per ordine di un giudice spagnolo per presunta 'sedizione'. Per AI la misura di detenzione contro i leader di Anc e Omnium è "sproporzionata" e l'incriminazione per sedizione "eccessiva". Amnesty ha chiesto "la fine immediata della loro detenzione provvisoria".

09:35Afghanistan: attacco talebani, uccisi 40 soldati

(ANSA) - KABUL, 19 OTT - I talebani hanno attaccato ieri sera una base dell'esercito nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 40 soldati afghani. Lo riferisce oggi la tv Tolo di Kabul. Secondo fonti ufficiali citate dall'emittente l'offensiva è cominciata con l'intervento di due kamikaze che hanno fatto esplodere altrettante autobomba nel distretto di Maiwand, causando, oltre le vittime fatali, anche 24 feriti.

09:33Puigdemont, indipendenza se Rajoy sospende autonomia

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Il presidente catalano Carles Puigdemont attiverà la dichiarazione di indipendenza se il premier Mariano Rajoy respingerà la sua offerta di dialogo e applicherà l'articolo 155 della Costituzione per il commissariamento della regione: lo scrive stamani il quotidiano La Vanguardia. Come è noto, Puigdemont dovrà chiarire con un 'sì' o con un 'no' entro le 10:00 se ha dichiarato l'indipendenza il 10 ottobre.

09:24Truffe anziani: 15 arresti a Milano e Novara

(ANSA) - MILANO, 19 OTT - Sono in corso gli arresti tra Milano e Novara di 15 persone, 10 italiani e 5 polacchi di origine rom lovari, con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla truffa nell'ambito di un'inchiesta coordinata dalla Procura milanese con al centro "numerosissime truffe tentate o consumate" agli anziani che venivano contattati telefonicamente da un finto parente in difficoltà e venivano convinti a dare cifre fino a 8000 euro e, in alcuni casi, anche gioielli. Una parte delle persone arrestate risiedevano in Polonia e avevano organizzato un vero e proprio call center e, come è stato riferito, individuavano in massa le persone anziane da contattare. Al telefono spiegavano alle vittime, in gran parte milanesi e alcune anche in Svizzera, che un loro stretto parente era in difficoltà, in genere per un incidente, e invitavano quindi l'anziano a dare tutto quanto avevano immediatamente disponibile a un uomo che si sarebbe presentato a breve in casa o in un luogo prestabilito.

07:29Ucraina:ancora scontri polizia-dimostranti vicino Parlamento

MOSCA - Ancora scontri tra la polizia e i manifestanti accampati con le loro tende davanti al Parlamento ucraino. Ieri sera - stando a quanto riporta il Kyiv Post - si sono verificati nuovi scontri e la polizia ha bloccato momentaneamente l'accesso alla zona dove sorgono le tende. In una seconda ondata di tafferugli, gli agenti hanno fermato 11 persone per essersi rifiutate di restituire alla polizia una trentina di scudi antisommossa di cui si erano impossessate durante gli scontri del 17 ottobre.

Archivio Ultima ora