Primo settembre, Torrealba (Mud): “Evitiamo provocazioni”

Pubblicato il 31 agosto 2016 da redazione

Primo settembre, Torrealba (Mud): “Evitiamo provocazioni”

Primo settembre, Torrealba (Mud): “Evitiamo provocazioni”

CARACAS – L’invito del Tavolo dell’Unità, non poteva essere altrimenti, è non cadere in provocazioni. E, per dare l’esempio, ha deciso di spostare l’appuntamento fissato a “Piazza Venezuela” all’Avenida Libertador. La “Toma de Caracas”, hanno assicurato i leader del movimento, vuole essere sì una prova di forza ma non una manifestazione violenta.

Jesús “Chuo” Torrealba, Segretario esecutivo dell’eterogenea alleanza che accoglie un numero assai grande di piccoli partiti di opposizione, ha così invitato i simpatizzanti dell’Opposizione a recarsi numerosi all’“Avenida Libertador”, nei pressi della storica sede di Acción Democrática.

Da analisti politici, nazionali e stranieri, la decisione del Tavolo dell’Unità è stata considerata uno “schiaffo morale” al Psuv e a quelle frange radicali filogovernative e dell’Opposizione che cercano il confronto diretto e la violenza.

– La nostra linea non è quella dello scontro – ha affermato Torrealba -. Loro vogliono la violenza, non noi. Non vogliamo conflitti, non è nostra intenzione provocare disordini.

Intanto, gli esponenti dell’opposizione denunciano a piú riprese l’atteggiamento delle autorità orientato a sabotare la manifestazione: posti di blocco lungo le autostrade che collegano la capitale, il cui obiettivo è quello di proibire o ritardare il transito dei pulman colmi di manifestanti; arresti di dirigenti politici presuntamente complici di un non meglio precisato tentativo di “golpe”; militarizzazione della capitale con presenza massiccia di polizia, Guardia Nazionale con mezzi anfibi, e pattuglie dell’esercito.

Quello del colpo di Stato è stato un tema affrontato con insistenza dal governo e dal Psuv. Il capo dello Stato, Nicolás Maduro, ha denunciato nei giorni scorsi l’intenzione dell’Opposizione di ripetere i fatti che sconvolsero il Paese nell’aprile del 2002 e accusato gli Stati Uniti di esserne il principale promotore.

Il vicepresidente del Psuv, deputato Diosdado Cabello, ribadiva le accuse del capo dello Stato minacciando una risposta energica dei venezuelani. Dal canto suo, Nestor Reverol, ministro degli Interni, nel commentare l’arresto di Yon Goicoechea e Carlos Melo sosteneva l’esistenza di un presunto complotto per destabilizzare il sistema democratico e, dulcis in fundo, Freddy Bernal, esponente del Psuv, ha insistito oggi, durante un’intervista concessa ai colleghi di Globovisión, sull’esistenza di una cospirazione per destituire il presidente Maduro.

– E’ uno scenario simile all’11 aprile del 2002 – ha suggerito Bernal e poi ha sostenuto che nei giorni scorsi sarebbero giunte al Paese “alcune persone che si sono fatti passare per giornalisti”.

Nell’intervista concessa da Bernal non sono mancati i dettagli. Ad esempio, una presunta riunione di responsabili della sicurezza di alcune banche che avrebbero deciso di nominare Fermín Marmol León ministro degli Interni di un ipotetico governo. Ha poi assicurato che alcuni mail e telefonate intercettate dimostrerebbero la presenza di mercenari nel Paese.

Quindi, ha sottolineato che in nessun momento si vuole negare il diritto ai cittadini di protestare pacificamente ma ha anche sottolineato che ogni qualvolta l’Opposizione organizza una manifestazione questa degenera inevitabilmente in atti di violenza e vandalismo.

Ultima ora

10:06Gambia: ultimatum a Jammeh, lascia o intervento truppe

(ANSA) - DAKAR, 20 GEN - Il presidente sconfitto del Gambia, Yahya Jammeh, dovrà lasciare il Paese di sua spontanea volontà entro mezzogiorno ora locale (le 13:00 in Italia) o sarà costretto ad andarsene con la forza: lo ha detto Marcel Alain de Souza, presidente dell'Ecowas, l'organizzazione che raggruppa i Paesi dell'Africa occidentale. Le truppe dell'Ecowas sono entrate in Gambia ieri sera, dopo il giuramento del presidente eletto Adama Barrow nell'ambasciata gambiana del vicino Senegal.

09:23Trump: viaggio e’ iniziato, voglio cambiamento reale

(ANSA) - NEW YORK, 20 GEN - "Il viaggio e' iniziato, e' iniziato 18 mesi fa. Quello che voglio e' un cambiamento reale": cosi' Donald Trump intervenendo nel corso del concerto inaugurale. "Voglio unire il Paese e fare l'America di nuovo grande. Grande per tutti".

08:44Messico: ‘El Chapo’ estradato in Usa, in volo per NY

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 20 GEN - Joaquin 'El Chapo' Guzman, ex signore della droga messicano, è stato estradato verso gli Usa dove deve rispondere di accuse legate al narcotraffico. Lo ha annunciato il governo messicano, che lo ha trasferito all'aeroporto di Ciudad Juarez, dove è stato preso in consegna da agenti Usa. Funzionari statunitensi hanno confermato che l'ex capo del cartello di Sinaloa è atterrato in un aeroporto di periferia, dove lo aspettava una colonna di suv per portarlo via. Passerà la notte in una prigione di New York, prima della comparizione prevista oggi in un tribunale federale di Brooklyn. L'ex boss dei narcos si è reso protagonista di due arresti e altrettante fughe avventurose, fino a quando non è stato preso per la terza volta.

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

Archivio Ultima ora