Da “casale” a Casale, fino a Casale-Corte-Cerro

Pubblicato il 31 agosto 2016 da redazione

1979  Casale Corte Cerro

1979 Casale Corte Cerro

Numerose sono in Italia le località che hanno per nome il termine generico “casale”. Esse si contraddistinguono per la seconda parte della loro denominazione completa. Quasi sempre un epiteto che ne indica la regione geografica o quella storica e feudale, o quella sociologica e culturale; oppure ne sottolinea una caratteristica paesaggistica come la prossimità ad un elemento naturale: albero, bosco o vallata, fonte o fiume, monte o colle, ponte, ecc. Questa seconda parte del toponimo talvolta è indicata da un elemento preposizionale che specifica l’oggetto geografico presso cui il casale storicamente si è sviluppato.

Parallelamente alla situazione dei toponimi, diversi, e ben distribuiti sul territorio nazionale, sono i gruppi di famiglie che, insediati nel “casale” di propria pertinenza, per qualche forma di transfert, ne hanno assunto il soprannome, poi divenuto ufficialmente “cognome” da registrare anche all’anagrafe.

Secondo un tale meccanismo – o uno similare – eccomi oggi immeritatamente a rappresentare il ceppo, l’etnia dei “Casale” campani (Napoli e dintorni); più esattamente il gruppo dell’area vesuviana dove i piccoli centri abitati, stante l’uso linguistico di una data epoca, si era soliti chiamare, appunto, “casali”.

Nel corso della mia vita, senza fare particolari ricerche, ma solo restando ai normali contatti quotidiani, mi sono imbattuto in lunghe schiere di “Casale”: chi residente a Sicignano degli Alburni, chi a Battipaglia, chi a Mirabella Eclano; e poi in Puglia, in Sicilia, nel Lazio, in Toscana, in Abruzzo. Ma soprattutto in Piemonte, in Friuli, e in Emilia Romagna. Sarebbe molto difficile sostenere che possa trattarsi di un unico albero genealogico, evidentemente; ma, tuttavia, a volte la coincidenza …, non si sa mai!

E quanti omonimi! Quanti Luigi, in mezzo a tanti Casale!

Se posso avanzare un’ipotesi, sembra proprio che il nome Luigi sia il più ricorrente tra i nomi abbinati a Casale, il più felice e il più congeniale, tanto da sembrare fatti apposta l’uno per l’altro. Non so immaginare un Casale che non sia anche Luigi. Mi è capitato addirittura di trovarlo a grandi lettere lungo le autostrade d’Europa, sui teloni degli autotrasporti che oggi chiamano “logistica”.

Chiarito – ammesso che sia veramente chiarito – che tra i Casale non siamo tutti parenti, il fatto che lo potessimo essere io l’ho sperato almeno una volta: quando a scuola, sul prontuario di chimica, nel capitolo che trattava l’ammoniaca, per la prima volta ho letto il profilo biografico di Luigi Casale, presidente della Montecatini. Ma allora si era adolescenti …

Quanti “Casale”, insomma: quelli normali! E quanti Casali, con la “i” finale, nella sua variante nobile! E quante città e piccoli paesi dallo stesso nome! Forse da ognuna delle località si è generato poi il cognome di famiglia che portiamo, disseminati come siamo in tutta Italia. Da un vecchio codice di avviamento postale del 1967 (il primo distribuito dalle Poste Italiane), senza contare i nomi agglutinati, quelli che si sono fusi per crasi, i diminutivi o i vezzeggiativi, e quelli in cui la parola Casale si presenta tronca nella forma Casal (o altre possibili e fantasiose varianti), di comuni italiani col nome Casale ne ho contato undici. Ma il totale ne riempie due pagine intere, di scrittura fitta e compatta in due colonne.

Come per le persone, così mi sono affezionato anche ai luoghi. E come in gioventù ho sognato di ritrovare un possibile ascendente nel Luigi Casale chimico che ha escogitato il modo di produrre l’ammoniaca per sintesi diretta, così in età matura mi sono lusingato di avere avuta qualche provenienza piemontese, dalle parti di Casale Corte Cerro. Nella realtà però conservo la consapevolezza che solo la casualità ci ha fatti incontrare. Il come e il quando l’ho narrato in un altro racconto, dove si parla delle mie vacanze in Valle Strona: tra Gravellona Toce e Crusinallo, tra Verbania Pallanza e Omegna, sulla strada del Gabbio; e si parla anche di Paulownia Tomentosa e dell’isola di S. Giulio. Dico della località Casale Corte Cerro, appunto.

Fino allora dei Casali del Piemonte conoscevo solo Casale Monferrato; un po’ dalla storia, un po’ dalla lettura de I promessi sposi; in seguito per aver avuto un amico casalese: il buon Ariolfo. Ma soprattutto per tutte le burle che mi toccava sopportare a scuola dove non appena gli insegnanti sentivano il mio cognome: da Casale ero già divenuto Casalemonferrato. Solo uno, per ovviare alla banalità del luogo comune di un ritrovato tanto facile e scontato, e altrettanto stupido, aveva voluto aggiungevi il suo tocco di originalità, chiamandomi Casale-ben-ferrato. Ed era evidente che non volesse riferirsi ad un cavallo. (Lo spero!).

Io, per parte mia, pensando all’uso che all’epoca si faceva del termine “ferrato” in ambiente scolastico, da farlo entrare nei giudizi di profitto che si appioppavano agli studenti, non solo nella comunicazione orale, ma anche nelle carte ufficiali, ho sempre pensato – un luogo comune ne vale l’altro – che quell’insegnante volesse riferirsi al mio rendimento nelle materie cosiddette scientifiche, e in particolar modo alla matematica.

casale866

casale866

La prima volta che soggiornai a Casale Corte Cerro fu nel 1966. Avevo ventidue anni, e fui ospite di una magnifica struttura d’accoglienza: il Getsemani, una casa di spiritualità, aperta ai congressi, alle associazioni, ai gruppi di lavoro, alle altre attività di carattere associativo e formativo. Le mappe geografiche lo indicano anche come “Santuario di Gesù agonizzante”. Non sono in grado di farne la storia in quanto mi mancano elementi sufficienti (e necessari), tuttavia mi piacerebbe sapere se è sempre funzionante, aperto alle stesse finalità sociali ed educative, e in grado di offrire ancora accoglienza alle famiglie. Quello che oggi si dice: turismo sociale e religioso, e che io ho inventato 38 anni fa per esigenze familiari, data la particolare conformazione della mia famiglia, e in parte la condizione economica.

1977 Casale Corte Cerro 018

Vi ritornai nel 1977, questa volta con la famiglia già formata. E per tre anni di seguito colà trascorremmo la vacanza estiva. Era il tempo in cui lavoravo a Roma, ed avevo già tre figli.

A causa della nostra frequentazione a Casale Corte Cerro e per la facilità con cui gli amici, in ragione della omonimia, ricordavano la sede delle mie vacanze, un po’ per scherzo un po’ per fantasia, mi compiacevo nel dire che la vacanza la trascorrevamo nei “nostri possedimenti d’origine” (se è vero, com’è vero, che dal dato topografico ci viene anche il cognome).

A questo punto qualche lettore un po’ superficiale o forse già annoiato (oppure severo?), potrà pensare che il mio esercizio di scrittura sia solo una forma di esibizione, vuota ed artificiosa. Ebbene, per rispetto a chi una volta mi confidò di trovare una certa godibilità nelle mie scritture, andrò avanti; e persisto, sperando però di riuscire a comunicare (oltre alla godibilità) anche qualcosa che possa salvarsi come mera informazione. E un poco-poco, se me lo consentite (questa sì che è un’ambizione!

Dico ambizione nel senso originario del termine, cioè: andare in cerca di consenso), anche di pedagogia, di formazione della persona, di educazione. Perché dei miei soggiorni a Casale Corte Cerro non vi parlerò se non in funzione di quella grande opera pittorica che si vede sull’esterno dell’abside della chiesa, la parte più interessante dell’intera architettura. Solo, mi dispiace di dovervela presentare attraverso immagini da me fotografate, che avevo fatto per me, per i ricordi di famiglia; foto che quando le scattai non sospettavo di doverle esporre attraverso questo moderno mezzo di pubblicizzazione (che all’epoca era inimmaginabile); foto che nel frattempo hanno perduto la loro luminosità.

Ciononostante, sebbene incomplete nella esaustività della documentazione e poco chiare nella loro visibilità, le offro come stimolo a più intriganti curiosità verso una più approfondita conoscenza di quella costruzione; sia della storia, sia del valore estetico, sia del suo destino futuro.

1979  Casale Corte Cerro

1979 Casale Corte Cerro

Premesso che la ricercatezza estetica è diffusa con altrettanta presenza in tutte le parti dell’intera opera architettonica: nelle soluzioni abitative della strutture residenziale, nell’arredo, nella concezione della chiesa, in tanti particolari dell’arredo religioso, in tutti gli altri manufatti sistemati nel parco circostante, qui devo limitarmi ad illustrare solo l’affresco (forse è una tempera) che gira intorno alla grande parete cilindrica (l’esterno dell’abside) che accoglie il visitatore e il pellegrino che si reca al santuario, sul viale d’accesso alla “casa”. Si tratta de la passione del Cristo (o la via crucis) di Théodore Strawinsky (1907-1989).
Essendo essa quella che più mi colpì; e l’unica della quale custodisco le foto.

Luigi Casale

Foto: Immagini del Getsemani di Casale Corte Cerro. Anni 1977-1978-1979.
 Luigi Casale

Ultima ora

22:39Calcio: Reina in dubbio per la gara con Juve

(ANSA) - NAPOLI, 23 MAR - Pepe Reina è rientrato a Napoli dopo il fastidio muscolare accusato durante una seduta di allenamento con la Nazionale spagnola. Il portiere azzurro si è sottoposto ad esami clinici, risonanza magnetica ed ecografia, che hanno rilevato una elongazione del muscolo soleo destro. Reina nei prossimi giorni seguirà una tabella di lavoro personalizzata per poi sottoporsi mercoledì prossimo a nuovi controlli. La sua presenza in campo nelle due partite con la Juventus è al momento in dubbio.

22:33Trump: slitta voto contro Obamacare

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - Ancora niente accordo sulla legge che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Così la Camera dei Rappresentanti del Congresso Usa ha deciso di rimandare il voto che era previsto entro la giornata di oggi. Il rinvio dopo che nelle ultime ore sarebbe fallito l'ennesimo pressing del presidente Donald Trump e dello speaker Paul Ryan sui membri del Congresso repubblicani riluttanti.

22:31Migranti: ong, si temono 240 morti naufragio in Libia

(ANSA) - MADRID, 23 MAR - "Si temono almeno 240 migranti morti" in un "doppio naufragio avvenuto davanti alle coste libiche". Lo ha reso noto la portavoce della ong spagnola Proactiva Open Arms, Laura Lanuza, dopo il recupero questa mattina di cinque corpi. Ogni gommone può contenere 120 persone, ma i trafficanti di uomini di solito li riempiono a dismisura e non si esclude che le due imbarcazioni possano avere avuto a bordo almeno 240 persone. L'ong ha confermato questa mattina il doppio naufragio avvenuto a 21 km a nord di Sabrata.

22:13Polonia guastafeste, ‘pronta a non firmare a Roma’

Esce il Regno Unito ma mentre sabato prossimo a Roma gli altri 27 celebreranno il 60/o anniversario della firma del primo Trattato europeo, è l'euroscettica Polonia a indossare i panni del guastafeste, minacciando di non firmare la dichiarazione finale comune. "Un atteggiamento" definito da Angelino Alfano come "problematico verso la Ue". Che si inserisce in una 'festa' già gravata di tensioni. La 'Marcia per l'Europa' organizzata dai federalisti, che chiedono più integrazione europea, sabato rischia di scontrarsi con le contestazioni degli euroscettici su cui gravano i timori di infiltrazioni di 'black bloc'. L'attentato terroristico di Londra, le provocazioni di Erdogan sulla sicurezza dei cittadini europei e anche il controverso episodio odierno ad Anversa tengono alto l'allarme e la preoccupazione.

22:08Calcio:ironia Buffon ‘magari chiudo con testata alla Zidane’

(ANSA) - PALERMO, 23 MAR - Un epilogo degno di una carriera difficilmente ripetibile. Lo immagina Gigi Buffon che, al termine della conferenza stampa alla vigilia di Italia-Albania, a Palermo, se la ride ed esclama: "Magari chiudo come Zidane, con una bella capocciata a chi mi capita a tiro e non se ne parla più". Battute e ironia alla vigilia del match. "Prima, però, pensiamo a giocare un altro Mondiale", le parole del portiere azzurro. Battuta per battuta, gli fa eco Gianni De Biasi, che si dice in grado di "cantare entrambi gli inni nazionali". "Quasi sicuramente - le parole del ct degli albanesi - lo farò".

22:05Trump, democratici dichiarano guerra a conferma Gorsuch

(ANSA) - WASHINGTON, 23 MAR - I democratici al Congresso americano sfidano il presidente Donald Trump dichiarando guerra alla conferma della nomina del giudice Neil Gorsuch alla Corte Suprema che deve essere ratificata dal Senato. Il leader della minoranza democratica al Senato Charles Schumer ha annunciato che si opporrà alla nomina, contro cui i democratici intendono fare ostruzionismo in aula. Per la conferma di Gorsuch sono necessari almeno 60 voti al Senato: i repubblicani detengono la maggioranza in aula ma con soltanto 52 seggi.

21:53Soldi in cambio della candidatura, assolto sindaco Valenzano

(ANSA) - BARI, 23 MAR - Il gup del Tribunale di Bari Giovanni Anglana ha assolto 'per non aver commesso il fatto' il sindaco di Valenzano, Antonio Lomoro, accusato in concorso con un consigliere comunale di aver indotto l'ex vicesindaco Francesca Ferri a pagare mille euro al mese in cambio della candidatura alle elezioni regionali in Puglia del maggio 2015. La sentenza è stata emessa al termine del processo con rito abbreviato in cui Ferri, che aveva fatto partire l'indagine con una denuncia, si era costituita parte civile. Il pm Claudio Pinto aveva chiesto per Lomoro, difeso dall'avv. Salvatore Campanelli, la condanna ad un anno e 4 mesi. Per la stessa vicenda sarà processato con rito ordinario dal prossimo 4 maggio il consigliere comunale Agostino Partipilo. Stando alla denuncia della presunta vittima, i due indagati l'avrebbero indotta "a consegnare loro indebitamente 1.020 euro mensili, corrispondente all'indennità percepita per la carica rivestita, non riuscendo nell'intento per rifiuto della stessa".

Archivio Ultima ora