Turchia: legami con Gulen, altri 820 militari cacciati

(ANSAmed) – ISTANBUL, 1 SET – Altri 820 militari turchi sono stati congedati dalle forze terrestri e navali dell’esercito nell’ambito delle purghe contro presunti affiliati alla rete di Fethullah Gulen, accusato da Ankara del fallito golpe del 15 luglio. Lo rende noto il ministero della Difesa. Tra questi soldati, 648 sono anche detenuti. Intanto, sono almeno 108 i giornalisti attualmente detenuti in Turchia, arrestati in maggioranza durante lo stato di emergenza dichiarato dopo il fallito golpe del 15 luglio. Lo rivela l’osservatorio locale per la libertà di stampa P24, secondo cui 66 di questi sono finiti in manette con accuse di legami con la rete di Fethullah Gulen, accusato da Ankara del tentativo di colpo di stato.

Condividi: