Affondo di Renzi contro D’Alema, sta con Berlusconi

Pubblicato il 01 settembre 2016 da ansa

Mentre Massimo D'Alema organizza per lunedì prossimo la prima riunione dei suoi comitati, Matteo Renzi rievoca i fantasmi dell'inciucio della Bicamerale per attaccare il lider Maximo

Mentre Massimo D’Alema organizza per lunedì prossimo la prima riunione dei suoi comitati, Matteo Renzi rievoca i fantasmi dell’inciucio della Bicamerale per attaccare il lider Maximo

ROMA. – Il duello è ancora agli inizi e gli appassionati della materia possono preparare i popcorn. Mentre Massimo D’Alema organizza per lunedì prossimo la prima riunione dei suoi comitati, spostandosi dall’hotel Nazionale al più capiente cinema Farnese, Matteo Renzi rievoca i fantasmi dell’inciucio della Bicamerale per attaccare il lider Maximo:

“Forse D’Alema e Berlusconi immaginano una grande Bicamerale, sono 30 anni che ne parlano. Tra D’Alema e Berlusconi è la storia di un grande amore che va rispettato”, affonda il premier che assicura che non parlerà più delle sue dimissioni “anche se chi mi conosce sa che cosa farò” in caso di sconfitta al referendum.

La minoranza perde uno dei suoi cavalli di battaglia in vista della campagna per il referendum che, stando a fonti di maggioranza, si svolgerà a fine novembre. Vasco Errani, appena nominato commissario per il terremoto, si tira fuori dalla battaglia interna: “Mai – chiarisce – avrei accettato” la nomina a Commissario “in chiave dialettica dentro il partito, starò lontanissimo dalle polemiche”.

L’ex governatore, che esclude una scelta in logica congressuale anche da parte del premier, non darà quindi man forte alle ragioni dell’amico Pier Luigi Bersani che chiede modifiche sull’Italicum come condizione per votare sì al referendum.

Chi ha già saltato il fossato del no è invece Massimo D’Alema che fino a novembre avrà una fitta agenda di iniziative. Ma Renzi non sembra preoccupato, convinto che stando “al merito e dicendo la verità si vince”. La critica a D’Alema è di aver cambiato idea rispetto alle sue stesse intenzioni nel passato sulla riforma istituzionale.

“Chiedete a lui perchè ha cambiato idea – sostiene il premier – Noi abbiamo fatto la riforma che prevede risparmi e un paese più semplice, se c’è qualcuno che crede che al prossimo giro faranno una grande Bicamerale, libero di farlo, tanto in Parlamento c’è chi crede alle sirene del Mediterraneo”.

Ma anche al di fuori del Pd, l’opposizione si organizza per il No. All’indomani del vertice intergovernativo di Maranello tra Italia e Germania, secondo il grillino Alessandro Di Battista, “Renzi chiederà alla Merkel una mancetta sotto forma di flessibilità agitando lo spauracchio di M5S che altrimenti potrebbe far vincere i no al referendum ed andare al governo”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

04:21Russiagate: Senato chiede documenti a campagna Trump da 2015

NEW YORK - La commissione di intelligence del Senato, alla quale fa capo l'indagine sulla possibile interferenza della Russia alle elezioni del 2016, ha chiesto alla campagna di Donald Trump di raccogliere e presentare tutti i documenti, le email e le telefonate con la Russia a partire dal 2015, da quando Trump ha lanciato la sua campagna elettorale. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti.

04:16Russiagate: democratici attaccano, Trump licenzi Kushner

NEW YORK - Donald Trump ''non ha altra scelta'' che licenziare Jared Kushner, uno dei suoi consiglieri piu' stretti e marito di Ivanka. Lo afferma il Democratic National Committee, commentando le indiscrezioni del Washington Post, secondo le quali Kushner avrebbe chiesto all'ambasciatore russo negli Stati Uniti un canale di comunicazione diretto e segreto con il Cremlino.

04:13Russiagate: Wp, Kushner voleva canale diretto Cremlino

NEW YORK - Jared Kushner, il consigliere di Donald Trump e marito di Ivanka, ha discusso con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak, la possibilita' di instaurare un canale di comunicazione segreto e sicuro fra il transition team di Trump e il Cremlino. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe suggerito di usare le strutture diplomatiche russe per le comunicazioni in modo da schermarle.

04:06Afghanistan: talebani uccidono 18 soldati in Kandahar

KABUL - Un folto gruppo di talebani ha attaccato nella notte fra mercoledì e giovedi' una base dell'esercito afghano nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 18 soldati e ferendone altri 16. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pajhwok. Un ufficiale, che ha chiesto di non essere identificato, ha indicato che l'attacco e' avvenuto nell'area di Zangitan del distretto di Shah Walikot provocando uno scontro a fuoco durato tre ore.

Archivio Ultima ora