Polemiche in Egitto sulla legge che approva la costruzione di chiese

Pubblicato il 01 settembre 2016 da ansa

An Egyptian man holds a poster for Boutros Boutros-Ghali the former Secretary-General of the United Nations outside the Saints Peter and Paul Coptic Orthodox church in Abassya district, in Cairo, Egypt, 18 February 2016. EPA/MOHAMED HOSSAM

An Egyptian man holds a poster for Boutros Boutros-Ghali the former Secretary-General of the United Nations outside the Saints Peter and Paul Coptic Orthodox church in Abassya district, in Cairo, Egypt, 18 February 2016. EPA/MOHAMED HOSSAM

IL CAIRO. – “E’ l’unico paese al mondo in cui è necessaria una legge per costruire una chiesa”. “La religione dell’Egitto è l’Islam, secondo la costituzione, e la fonte del diritto principale è la Sharia (legge coranica)”. Tra questi due punti di vista contrapposti, rispettivamente dei coopti e dei musulmani (soprattutto i salafiti), si snoda un intenso dibattito dopo la recente approvazione di una legge sulla costruzione e la ristrutturazione delle chiese nel paese delle Piramidi.

L’argomento è di grande delicatezza nel momento in cui il regime del presidente Abdel Fattah El Sisi è impegnato a elaborare misure economiche che colpiranno anche i redditi più bassi (di questi giorni è l’introduzione dell’Iva, che però non dovrebbe riguardare benzina e combustibili), ma anche a combattere il terrorismo esterno e interno. E la regolamentazione precedente della questione risale all’impero ottomano.

In un paese di oltre 90 milioni di abitanti, i cristiani sono una minoranza che rappresenta poco più del 10 per cento della popolazione: poco più di 10 milioni che lamentano di avere soltanto 2.690 chiese, cioè una ogni 5.500 persone, rispetto alle oltre 100mila moschee diffuse in Egitto.

La polemica in parlamento sul testo della legge è stata superata, almeno in apparenza, con un compromesso che ha visto notevoli sforzi soprattutto da parte della comunità cristiana nelle sue tre componenti, i coopti ortodossi, i coopti cattolici e quelli evangelici. Sono stati necessari incontri della Sacra Congregazione delle Chiese (105 membri), con in testa il patriarca Tawadros II, con rappresentanti di governo e con lo stesso Sisi.

Fino a poco prima del voto, però, dichiarazioni di fuoco hanno sottolineato che ”la legge conferma la condizione di cittadini di seconda classe per i cristiani” e che ”si ratifica così che la maggioranza ha il diritto di scegliere come e dove la minoranza può esercitare i suoi diritti di culto”.

Anche dopo che i due terzi dei 569 membri dl parlamento hanno detto sì, e gli 11 deputati salafiti hanno opposto un secco no, i rancori delle due parti non si sono dissolti. Per gli oppositori la legge viola l’articolo 2 della costituzione (Islam religione di stato).

Per qualche deputato cristiano ”è una legge farsa, imposta ai cristiani”, sia perché prevede che la superficie della chiesa sia proporzionale al numero dei fedeli di quella zona, sia perché sarà il governatore ad autorizzare la costruzione, considerando anche eventuali rischi per la sicurezza. Ma anche perché i ricorsi contrari saranno valutati da tribunali amministrativi, che decidono dopo anni, e non dai tribunali per gli affari urgenti.

In passato musulmani infuriati hanno spesso attaccato e incendiato chiese a causa di contrasti tra famiglie o liti su confini di proprietà. Tra le aggressioni più pesanti quella del 2013, durante il regime di Mohamed Morsi, contro la Cattedrale del Cairo quando per ore furono sparati colpi d’arma da fuoco e lanciati sassi da fanatici islamici, con l’accusa mai verificata che vi si fosse rifugiata una musulmana che voleva convertirsi.

(di Remigio Benni/ANSA)

Ultima ora

11:28Calcio: Chiellini, dura con Messi e Neymar se non sei al top

(ANSA) - TORINO, 23 LUG - "E' veramente difficile affrontare Messi e Neymar quando non si è al massimo". Dura la vita del difensore per Giorgio Chiellini, protagonista nell'amichevole che la Juventus ha perso negli Stati Uniti contro il Barcellona. "Era la prima partita, un match difficile", aggiunge sul sito internet del club. "Abbiamo avuto una sola settimana di allenamenti - osserva il giocatore, autore del gol della bandiera che non ha evitato alla Juve la sconfitta per 2-1 contro gli spagnoli -. Siamo soddisfatti, e ora continuiamo a lavorare per migliorare la condizione".

11:22William e Harry, troppo breve ultima telefonata con Diana

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Una telefonata breve, come quella che può esserci tra due adolescenti e una madre in vacanza. Loro volevano giocare con i cugini, non perdere tempo in chiacchiere, lei era in Francia. Ma sarà proprio la brevità della telefonata, quel 31 agosto del 1997, a 'perseguitare' i principi William ed Harry: la loro mamma, la principessa Diana, morì quella stessa notte in un incidente nel tunnel dell'Alma a Parigi. William aveva 15 anni, Harry soltanto 12. Sono proprio i due fratelli a raccontare quel giorno in un documentario di ITV: 'Diana, nostra mamma: la sua vita e la sua eredità', che sarà trasmesso domani, a vent'anni dalla scomparsa della principessa. "Harry ed io avevamo una fretta dannata di salutarla... Se avessi saputo cosa sarebbe successo non sarei stato così indifferente", racconta William. Che aggiunge: "Ma quella telefonata mi si è conficcata in testa, anche in maniera pesante". Harry afferma che quella breve chiacchierata è qualcosa che rimpiangerà per il resto della sua vita.

11:22Calcio: Allegri, “ottimo test, normale essere indietro”

(ANSA) - TORINO, 23 LUG - "È stato un bello show, una partita con giocate tecniche di alto livello. Per noi si è trattato di un ottimo test: non avevamo praticamente fatto neanche un allenamento insieme, quindi è normale che la squadra sia indietro come preparazione, anche se, ci sono state delle buone giocate a livello individuale". Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, commenta così, sul sito internet del club, la sconfitta nell'amichevole americana contro il Barcellona. "Ora l'obiettivo - aggiunge il tecnico - è lavorare sia sulla fase offensiva che difensiva, evitare gli infortuni e tornare in Italia in buona condizione per prepararci bene per la Supercoppa e il campionato".

11:21Nuoto: Mondiali, Detti finalista nei 400 col 7/o tempo

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Gabriele Detti si è qualificato per la finale dei 400 stile ai Mondiali di nuoto in corso a Budapest: alla Duna Arena della capitale magiara che apre la settimana dedicata ai campioni della piscina, l'azzurro ha ottenuto il settimo tempo delle batterie di 3'45"72. "Sarà molto dura, saremo tutti motivati e vogliosi. Nuoterò in corsia laterale, magari non mi vede nessuno. Anche alle Olimpiadi di Rio avevo Mack Horton a fianco e mi ha portato fortuna". Horton ha il quarto tempo di 3'45"60. La prima degli azzurri a gareggiare è stata oggi Ilaria Bianchi che si è qualificata alle semifinali dei 100 farfalla con il 9/0 tempo delle batterie di 57"98. "E' sempre difficile nuotare così presto al mattino, ho avuto comunque delle buone sensazioni. C'è tanto da limare ma va bene così".

11:07Calcio: Fassone, Kalinic? No nomi ma Milan farà qualcosa

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - Il Milan prosegue la sua caccia a un nuovo attaccante ma Marco Fassone non rivela se sarà Nikola Kalinic, della Fiorentina. "Non faccio più nomi, perché non voglio che qualcuno si risenta. Guai a parlare dei giocatori che sono di altri club - ha frenato l'ad rossonero, tornato in Italia con la squadra dalla tournée in Cina -. Certamente faremo qualcosa, ma con la dovuta calma. Mancano ancora quaranta giorni. La squadra è già molto competitiva così e non abbiamo nessuna fretta di concludere".Intanto Fassone è concentrato sul preliminare di Europa League. "Sono stati dieci giorni importanti e due gare importanti per il mister. Siamo stati tutti assieme e adesso parte la stagione, quella vera, con la partita di giovedì prossimo. Giovedì vedremo se la squadra è pronta".

11:06Calcio: Milan rientrato da Cina, ora testa a Europa League

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - Il Milan è rientrato in Italia dalla tournée cinese. Il volo proveniente da Hong Kong con a bordo la squadra di Vincenzo Montella è atterrato poco dopo le 8 all'aeroporto di Malpensa. Giusto il tempo di smaltire il fuso orario nella giornata di riposo prevista oggi, poi domani i rossoneri ricominceranno ad allenarsi per preparare un'altra trasferta. Mercoledì voleranno in Romania per il primo impegno ufficiale della stagione, l'andata del preliminare di Europa League di giovedì contro il Craiova.

11:04Calcio: amichevoli, Juventus ko 1-2 col Barcellona

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - La Juventus perde 1-2 col Barcellona, nella prima amichevole dei bianconeri in programma negli Stati Uniti. Doppietta di Neymar nel primo tempo (15' e 26'), poi nella ripresa la rete di Chiellini (63').

Archivio Ultima ora