Tribunale sospende anche a Nizza il divieto del burkini

Pubblicato il 01 settembre 2016 da ansa

Tribunale sospende anche a Nizza il divieto del burkini

Tribunale sospende anche a Nizza il divieto del burkini

PARIGI. – Il divieto di burkini sulle spiagge di Nizza, contestato in tribunale dalla Lega per i diritti dell’uomo e dal Collettivo contro l’omofobia, è stato ufficialmente sospeso, in linea con la sentenza del Consiglio di stato della scorsa settimana. L’avvocato della città aveva fatto di tutto per opporsi, arrivando fino a parlare di una popolazione “quasi sull’orlo della guerra civile” dopo l’attentato del 14 luglio, ma il tribunale amministrativo non ha potuto che dare ragione a chi chiedeva lo stop.

La decisione del più alto grado di giudizio amministrativo fa giurisprudenza, e la magistratura deve adeguarsi, a meno di non rilevare elementi sufficienti a rendere una specifica situazione diversa. Per questo, i legali avevano tentato di dimostrare ai giudici che nel caso della città colpita al cuore dall’attentato ci sono non solo “rischi verificati” per l’ordine pubblico, ma anche situazioni già emerse come “problematiche”, cosa che avrebbe reso il divieto giustificato.

A Nizza, aveva sostenuto l’avvocato Pauline Fray in udienza, “la popolazione è traumatizzata”, e “ci sono già esempi sulla stampa e sui social network di parole razziste, le persone si dicono razziste e pronte ad agire. E’ deplorevole, ma vuol dire che c’è effettivamente un rischio per l’ordine pubblico”.

L’argomentazione, però, non ha convinto: “L’emozione e le inquietudini che sono il risultato degli attentati terroristici, e in particolare quello commesso a Nizza il 14 luglio scorso, non sono sufficienti a giustificare legalmente la misura contestata”, scrivono i giudici del tribunale amministrativo, aggiungendo che il sindaco non ha il potere di “emettere disposizioni che vietino l’accesso alla spiaggia se non si basano su rischi comprovati di disturbo all’ordine pubblico nè, tantomeno, su minacce verificate all’igiene, alla decenza o alla sicurezza del bagnasciuga”.

“E’ una soddisfazione che il tribunale amministrativo di Nizza resti nel suo ruolo di guardiano delle libertà fondamentali – ha commentato con soddisfazione l’avvocato del Collettivo contro l’islamofobia – Ora speriamo che gli altri comuni coinvolti ritirino di propria iniziativa le loro ordinanze, come già hanno fatto Eze e Roquebrune. Altrimenti, torneremo davanti alla giustizia”.

Ultima ora

21:07Governo: Renzi, sosteniamo Gentiloni fino alle elezioni

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Tutti noi sosteniamo il presidente Gentiloni fino alle elezioni del 2018". Lo ha detto Matteo Renzi presentando il suo libro ai 'Granai'. Tornando poi alle questioni del Pd il segretario Dem ha spiegato che "noi possiamo stare due ore a discutere di coalizione, ma io la coalizione la voglio fare con i cittadini che hanno a cuore l'Italia".

21:06Vaccini: Camera, venerdì 28/7 il voto finale sul dl

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - Venerdì 28 luglio, alle 12, si terrà nell'Aula della Camera il voto finale della Camera sul decreto legge sui vaccini. Il testo è stato oggi approvato dall'Aula del Senato. Lo ha deciso la Conferenza dei capigruppo di Montecitorio. L'esame del testo, su cui è scontata l'apposizione della questione di fiducia, avrà inizio da mercoledì.

21:06C.sinistra: Cuperlo, costruirlo ognuno a casa sua ma uniti

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Per vincere serve un nuovo centrosinistra. Per costruirlo lavoriamo assieme a un vero movimento che quel traguardo sia in grado di rilanciare. Ciascuno dalla sua casa e con le sue convinzioni ma uniti nella volontà di fermare i valori e le ricette della destra". Lo scrive in una nota l'esponente della minoranza Dem Gianni Cuperlo spiegando di leggere così "l'appello di Pisapia a far dialogare ciò che oggi appare diviso". "Non è di altre fratture o scissioni che abbiamo bisogno ma della spinta di tanti - partiti, associazioni, mondo del lavoro e della cultura - per un fronte largo, civico, inclusivo che ci faccia vincere, dalla Lombardia al Lazio e domani nelle elezioni politiche che decideranno il futuro del Paese", conclude.

20:57Migranti: sindaco Lampedusa, parole Kurz da naziskin

(ANSA) - LAMPEDUSA (AGRIGENTO), 20 LUG - "Una dichiarazione del genere me la sarei aspettata da un naziskin, non certo da un rappresentante delle istituzioni di un Paese della Comunità Europea. Evidentemente Kurz non sa neppure quanto è grande Lampedusa, e dimentica che nella nostra isola vivono seimila persone che si sentono europee". Così il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, commenta le parole del ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz sui migranti. "Dalle parole che ho letto - aggiunge il sindaco di Lampedusa - capisco che il ministro Kurz non sa come avvengono gli sbarchi, in quali condizioni vengono soccorsi i migranti che arrivano a Lampedusa, e non sa quanti sforzi compiono quest'isola e i suoi abitanti per l'accoglienza umanitaria".

20:54Calcio: Inter-Schalke, botta e risposta ironico su Twitter

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - Botta e risposta su Twitter tra Inter e Schalke 04 che domani in Cina si sfideranno in amichevole. Il club nerazzurro dà appuntamento ai tedeschi: "Siete pronti come lo siamo noi per la Dragon city cup? Ci vediamo domani sera!". Pronta la risposta dello Schalke che, con ironia, ricorda le vittorie sulla squadra nerazzurra: "Certo! Non vediamo l'ora. Ci ricordiamo ancora bene di voi". E infatti i tedeschi sono stati un avversario ostico per l'Inter. Nel 1997 lo Schalke battè ai rigori in finale di Coppa Uefa la squadra allora allenata da Roy Hodgson. Poi, nel 2011, nell'andata dei quarti di Champions, fu un vero tracollo nerazzurro: ko per 5-2 a San Siro.

20:53Calcio: Spagna, convalidato l’arresto del presidente Villar

(ANSA) - MADRID, 20 LUG - Il giudice della Audiencia nacional di Madrid, Santiago Pedraz, ha convalidato l'arresto del presidente della Federcalcio spagnola (Rfef), Angel Maria Villar, e del figlio Gorka, accusati di corruzione e malversazione, disponendo il loro ingresso in carcere. I due Villar erano stati arrestati martedì, in un blitz ordinato dalla Procura anti-corruzione. Con loro erano finiti in manette il presidente e il segretario della federazione di Tenerife, Juan Padron, vicepresidente della Rfef, e Ramon Hernandez Baussou. I quattro arrestati sono stati interrogati oggi dal giudice, che poi ne ha convalidato l'arresto. Sono imputati per appropriazione indebita, truffa, falso, corruzione. Dopo l'arresto del suo presidente, la Rfef aveva rinviato sine die le riunioni previste questa settimana per fissare il calendario della Liga 2017/18. Il ministro dello Sport, Inigo Mendez de Vigo, ha detto che la riunione si svolgerà domani e che il Governo spagnolo impedirà che i guai giudiziari di Villar influiscano sul campionato.

20:51Usa: O. J. Simpson, ‘ho scontato la mia condanna’

(ANSA) - NEW YORK, 20 LUG - "Nulla di tutto questo sarebbe successo se avessi avuto miglior buon senso". Lo afferma O. J. Simpson, l'ex star del football, nel corso dell'udienza davanti alla commissione che deve decidere se concedergli la libertà condizionale. "Sono a un punto della mia vita in cui vorrei trascorrere la maggior parte del tempo con i miei figli e i miei amici. Non mi sono mai lamentato per nove anni, ho scontato la mia condanna". Simpson sta scontando una condanna a a 33 anni di carcere per rapina a mano armata e sequestro di persona. In passato e' stato prosciolto dall'accusa di omicidio della sua ex moglie Nicole e dell'amico Ronald Goldman nel 1994 a Los Angeles, in un processo che ha spaccato l'America tenendo milioni di telespettatori incollati alla tv. E l'udienza per la sua liberta' condizionale segue lo stesso copione: e' trasmessa in diretta da tutte le principali emittenti televisive.

Archivio Ultima ora