Sisma: salvati Sindone Arquata e pala Cola Amatrice

Pubblicato il 01 settembre 2016 da ansa

Sisma: salvati Sindone Arquata e pala Cola Amatrice

Sisma: salvati Sindone Arquata e pala Cola Amatrice

ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO). – Beni culturali di Amatrice e Arquata del Tronto sono stati salvati con due distinte, complesse operazioni condotte dai vigili del fuoco e dai carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio, con il coordinamento dei tecnici del Mibact e dell’Istituto del Restauaro, che hanno prelevato e messo in sicurezza le opere del museo civico di Amatrice e la copia della Sindone di Arquata del Tronto.

Nella chiesa di San Francesco, pericolante e ad alto rischio di crollo, tre squadre dei vigili del fuoco hanno tolto la copia della Sindone dalla sua teca, inserendola in un’altra con adeguate misure di protezione. La reliquia è una delle quattro copie ‘di contatto’ esistenti nel mondo, in cui viene riconosciuta una sovrapposizione con la Sacra Sindone custodita a Torino.

All’operazione ha assistito la direttrice del Segretariato regionale del Mibact per le Marche Giorgia Muratori. “Essere riusciti a spostare l’opera prima che succedesse qualcosa è una grande emozione” ha detto una donna carabiniere, appena ha visto la teca in legno fissata all’automezzo che l’ha trasporta, scortata dai militari, alla cattedrale di Ascoli Piceno, dove il vescovo Giovanni d’Ercole ha celebrato una messa per gli otto giorni trascorsi dall’inizio del terremoto che ha colpito Marche, Lazio e Umbria.

Sono salve le opere del museo di Amatrice / Intatta la Sacra Famiglia di Cola dell'Amatrice

Sono salve le opere del museo di Amatrice / Intatta la Sacra Famiglia di Cola dell’Amatrice

Grande emozione anche ad Amatrice, dove è stata portata in salvo, nella sede della Forestale di Cittaducale (Rieti) una pala di Cola dell’Amatrice (Nicola Filotesio), raffigurante la Sacra Famiglia, l’unica dell’artista cinquecentesco ancora custodita nella sua cittadina, e altri pezzi di valore dal museo, scoperchiato e a rischio crollo.

Opere di valore artistico o religioso, fortemente legate ai territori feriti dal sisma, che rappresentano l’ ‘anima’ delle rispettive comunità. La Sindone “è il simbolo della Resurrezione e il testimone della passione di Gesù, un invito a tutta la comunità a tenere viva la speranza e a impegnarsi per la ricostruzione” ha detto mons. D’Ercole, che ha preparato l’accoglienza della reliquia nella cappella del Santissimo Sacramento.

Nell’omelia, il presule ha abbinato “resurrezione e ricostruzione. Non si tratta solo di ricostruire una comunità, ma di farla risorgere, di renderla protagonista di una fase di rilancio”. La copia (‘extractum ab originali’ la definisce una scritta sul tessuto) del sacro lino, è un unico panno con trama e ordito perpendicolari di 440 cm di larghezza e 114 di altezza.

Ignota la provenienza, la fattura e la datazione della reliquia, scoperta nella chiesa di San Francesco durante lavori di restauro nel XVII secolo: il telo era piegato e chiuso in un’urna dorata, nella nicchia di un altare. Una pergamena, datata 1 maggio 1655, redatta ad Alba, è il certificato di autenticazione: il documento riferisce anche che nello stesso anno un lenzuolo di lino della stessa misura fu fatto combaciare con la vera Sindone nella piazza Castelgrande di Torino.

Secondo le teorie più accreditate, la Sindone di Arquata sarebbe una ‘copia di sicurezza’ realizzata nell’eventualità che l’originale, in possesso dei Savoia e non della Chiesa, venisse distrutto o danneggiato: l’ultimo accostamento tra i due teli risale al 1931.

(di Alessandra Massi/ANSA)

Ultima ora

06:04Afghanistan: 21 Paesi il 6 giugno a Kabul per la pace

KABUL - Il governo dell'Afghanistan ha invitato i rappresentanti di 21 Paesi del mondo ad un incontro denominato 'Processo di Kabul', che si svolgerà il 6 giugno prossimo nella capitale afghana, per tentare di mettere fine al conflitto in corso. Lo ha reso noto oggi il vice portavoce del governo, Javid Faisal. Al riguardo il portavoce ha voluto sottolineare che "qualsiasi sforzo per raggiungere la pace in Afghanistan deve essere per iniziativa, guida e gestione del governo afghano". Fra i Paesi invitati vi sono quelli dell'Asia centrale insieme a Arabia Saudita, Iran, Pakistan, India, Cina, Stati Uniti e Norvegia. E' è prevista inoltre la partecipazione di rappresentanti dell'Onu e dell'Unione europea (Ue).

05:33Manchester: Gb torna a condividere informazioni con Usa

ROMA - Le autorità britanniche hanno ripreso a condividere le informazioni con gli Stati Uniti sull'attacco terroristico di Manchester. Lo ha annunciato Mark Rowley, numero 2 di Scotland Yard, responsabile dell'unità nazionale antiterrorismo citato dall''Huffington Post.

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

23:05Moglie uccisa a bastonate,rinvio a giudizio per Cagnoni

(ANSA) - RAVENNA, 25 MAG - E' stata depositata la richiesta di rinvio a giudizio per Matteo Cagnoni, il dermatologo 52enne di Ravenna, accusato di aver ucciso a bastonate la moglie Giulia Ballestri,di 39 anni. Le ipotesi di reato formulate dalla procura sono omicidio pluriaggravato da premeditazione, crudeltà e dall'avere agito nei confronti del coniuge, e l'occultamento di cadavere nella cantina della villa dove è stato compiuto il delitto. Matteo Cagnoni é in carcere dal 19 settembre scorso, giorno del fermo a Firenze, con l'accusa di avere ucciso tre giorni prima a bastonate in una villa di famiglia di Ravenna, da tempo disabitata, la moglie. Secondo quanto contestato dai Pm Alessandro Mancini e Cristina D'Aniello sulla base delle indagini della polizia, la premeditazione sul delitto la si può dedurre in particolare da due elementi: sin dal 14 settembre Cagnoni aveva dato disposizione alla segreteria della clinica di Bologna dove prestava attività ambulatoriale, di annullare tutti gli appuntamenti per il 16, giorno del delitto.

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

Archivio Ultima ora