“Toma de Caracas”, incappucciati affrontano la polizia: 20 arresti

Pubblicato il 01 settembre 2016 da redazione

Conclusa la “Toma de Caracas”, mentre centinaia di persone si disperdevano pacificamente alcuni disadattati hanno provocato la Guardia nazionale che ha risposto pesantemente con lacrimogeni, cariche e camion con cannoni d’acqua.

Conclusa la “Toma de Caracas”, mentre centinaia di persone si disperdevano pacificamente alcuni disadattati hanno provocato la Guardia nazionale che ha risposto pesantemente con lacrimogeni, cariche e camion con cannoni d’acqua.

CARACAS – Con un bilancio di 20 arresti e qualche contuso si è conclusa la “Toma de Caracas”, la grande manifestazione che, a detta degli esponenti del Tavolo dell’Unità che l’ha organizzata, ha riunito oltre un milione di cittadini.

“La Toma de Caracas” è stata la prima di una serie di proteste che organizzerà l’Opposizione per esigere celerità al Consiglio Nazionale Elettorale nello stabilire le date prima della raccolta delle firme per il Referendum revocatorio e poi per la definitiva consulta popolare.

Una volta conclusa la manifestazione indetta dalla Mud, che si era svolta pacificamente nonostante alcune piccole provocazioni di elementi estranei alla protesta, e mentre le centinaia di persone si disperdevano, un piccolo gruppo di disadattati ha cercato di occupare la superstrada Francisco Fajardo che faceva parte del percorso previsto per la protesta dagli organizzatori della Mud.

La presenza di “encapuchados”, che i leader del Tavolo dell’Unità hanno accusato di “infiltrados”, ha obbligato l’intervento delle forze dell’Ordine, che hanno agito con mano pesante impiegando lacrimogeni, camion con cannoni d’acqua, e pallettoni di gomma. Le cariche di alleggerimento della polizia colpivano anche coloro che non facevano parte del gruppo violento e che tornavano a casa pacificamente.

Poco dopo, nei pressi di Chacaito, altri incappucciati hanno lanciato pietre contro la polizia. E anche qui ci sono stati scontri violenti tra Guardia Nazionale e disadattati.

Gli incidenti, dopo una giornata in cui una marea di cittadini ha protestato pacificamente, sono stati immediatamente condannati dagli esponenti del Tavolo dell’Unità. La coalizione dell’Opposizione, durante la “Toma de Caracas”, ha messo in guardia a più riprese, “via twitter”, sulla presenza di provocatori che volevano causare scontri violenti al margine di una protesta esortando la popolazione a isolarli.

  • mogol_gr

    Podemos.

Ultima ora

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

21:04Madagascar: epidemia di peste dilaga, oltre 100 morti

(ANSA) - ANTANANARIVO, 23 OTT - Ha passato la soglia dei 100 e non sembra aver ancora raggiunto il proprio picco l'epidemia di peste che sta colpendo il Madagascar. Lo ha riferito dirigente locale dell'organizzazione umanitaria Action Against Hunger, Olivier Le Guillou. Il numero di morti da quando l'epidemia è scoppiata ad agosto è salito a 102, ha detto il dirigente dell'organizzazione alzando così di oltre una decina di casi il bilancio aggiornato al 17 ottobre dato dall'Onu giovedì. La maggior parte dei quasi 1.300 malati hanno contratto la peste polmonare, più pericolosa e infettiva rispetto a quella bubbonica: è quasi sempre mortale se non curata e si trasmette per via aerea con colpi di tosse e starnuti. L'anno scorso c'erano stati 63 morti, ma nell'arco dell'intero anno e come conseguenza di sole 275 infezioni. Tra le prime vittime dell'epidemia che in Europa ricorda il Medioevo c'è stato anche un allenatore di basket delle Seychelles che stava partecipando a un torneo nella capitale.

20:40Ilva:Emiliano,tragedia polveri sottili non preoccupa governo

(ANSA) - BARI, 23 OTT - "Quei parchi minerari avrebbero dovuto essere coperti già da anni eppure si chiede da parte degli acquirenti Ilva una proroga per l'adozione di questa prescrizione indispensabile per salvare vite umane. Ma nessuno si preoccupa. Meno che mai il governo ed il Ministro Calenda, che addirittura non vuole la Regione Puglia ed il Comune di Taranto al tavolo Ilva per ricattare i lavoratori facendogli accettare esuberi e veleni senza il supporto della loro Regione e del loro Comune". E' un passaggio del post su Fb del governatore pugliese, Michele Emiliano, a corredo di un video delle polveri diffuse dal vento in una strada del quartiere Tamburi di Taranto. L'uomo, che ha fatto il video e che dice di essere un operaio Ilva, dice amareggiato: "Guardate i parchi minerari cosa hanno combinato, non si vede un c...Guardate, noi abbiamo i bambini...". "Oggi - scrive Emiliano - una vera e propria tragedia, le polveri sottili scagliate nell'aria dal vento a Taranto provenienti dai parchi minerari dell'Ilva".

Archivio Ultima ora