Turchia fa spazio ai “golpisti”, libera 33 mila detenuti

Pubblicato il 02 settembre 2016 da ansa

Erdogan non si ferma più: purghe per altri 50 mila statali e annuncia la scarcerazioni di massa per “far spazio” alle oltre 20 mila persone già arrestate con l'accusa di aver preso parte al fallito golpe del 15 luglio

Erdogan non si ferma più: purghe per altri 50 mila statali e annuncia la scarcerazioni di massa per “far spazio” alle oltre 20 mila persone già arrestate con l’accusa di aver preso parte al fallito golpe del 15 luglio

ISTANBUL – “Da ieri sera, 33.838 detenuti sono stati rilasciati”. Nelle stesse ore in cui una raffica di nuovi decreti dello stato d’emergenza liquida altri 50 mila dipendenti pubblici “gulenisti”, la Turchia di Tayyip Erdogan annuncia scarcerazioni di massa per ‘far spazio’ alle oltre 20 mila persone già arrestate con l’accusa di aver preso parte al fallito golpe del 15 luglio.

A 2 settimane dalla decisione di liberare 38 mila posti nelle prigioni di Ankara, arriva una prima amnistia di fatto, anche se le autorità sottolineano che si tratta di un rilascio in libertà condizionata. Una misura resa necessaria dall’ondata di arresti delle scorse settimane: con oltre 200 mila persone dietro le sbarre, le carceri turche stavano scoppiando. La capacità massima stimata delle prigioni si ferma infatti a 187.351 posti.

Altri 3 decreti, pubblicati oggi sulla Gazzetta Ufficiale, hanno cacciato dalle pubbliche amministrazioni 50.589 dipendenti. Nuove purghe-monstre, dopo gli oltre mille militari e magistrati congedati ieri, con cui Ankara prosegue il giro di vite contro i seguaci della presunta rete golpista di Fethullah Gulen.

– L’operazione di pulizia continuerà – promette il vicepremier, Nurettin Canikli.

Anche se le autorità non hanno fornito una cifra esatta, le purghe dall’inizio del golpe coinvolgono ormai oltre centomila persone. Epurazioni che colpiscono praticamente tutte le categorie: insegnanti di scuola, professori universitari, burocrati, imam e poliziotti. Licenziati e anche privati del passaporto. Tra le persone che da oggi hanno perso il lavoro – e non potranno più essere assunte nel pubblico – ci sono 28.163 dipendenti del ministero dell’Educazione, per lo più insegnanti di scuole elementari e medie.

Pugno di ferro anche contro i professori universitari: 2.346 accademici sono stati rimossi dal Consiglio per l’educazione superiore (Yok). Una lista in cui non ci sono solo i presunti ‘gulenisti’, ma anche molti dei docenti che a gennaio avevano firmato una dichiarazione in cui si chiedeva la fine del conflitto con il Pkk curdo nel sud-est della Turchia. Anche loro, all’epoca, erano stati definiti “traditori” da Erdogan.

Nuovo colpo anche alle forze di sicurezza, con 7.669 poliziotti, 323 gendarmi e 2 ufficiali della guardia costiera cacciati, oltre a 24 governatori centrali. I decreti prevedono per loro l’immediata requisizione delle armi d’ordinanza e l’impossibilità di lavorare in futuro anche nella sicurezza privata. Licenziati anche 1.519 lavoratori della Presidenza per gli affari religiosi (Diyanet), massima autorità islamica nel Paese, 2.018 dipendenti del ministero della Salute e migliaia di altri burocrati.

Sulla Gazzetta Ufficiale sono stati pubblicati anche i loro nomi, scatenando forti polemiche per i rischi a cui potrebbero essere esposti dopo aver ricevuto l’etichetta di “nemico dello Stato”. Non si ferma neppure il giro di vite contro i giornalisti. Oltre agli almeno 109 attualmente detenuti, gli accrediti stampa revocati dopo il golpe sono saliti a 620.

(Cristoforo Spinella/ANSAmed)

Ultima ora

00:24Mondiali 2018: Montenegro-Polonia 1-2

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Vittoria esterna delle Polonia che ha battuto 2-1 Montenegro in una partita giocata a Podgorica e valida per il gruppo E delle qualificazioni al Mondiale del 2018. Ha aperto le marcature Lewandowski al 40' per la Polonia, pari di Mugosa al 62'. La rete della vittoria porta la firma di Piszczek all'81'.

00:22Mondiali 2018: Scozia-Slovenia 1-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Scozia ha battuto 1-0 la Slovenia in una partita giocata a Glasgow e valida per il gruppo F delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La rete è stata segnata da Martin all'88'.

00:13Mondiali 2018: Irlanda del Nord-Norvegia 2-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - A Belfast l'Irlanda del Nord ha battuto 2-0 la Norvegia in una partita valida per il gruppo C delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Le reti sono state segnate da Ward al 2' e Washington al 32'.

23:28Calcio: Bari-Novara 0-0, pugliesi rallentano ancora

(ANSA) - BARI, 26 MAR - Il Bari, dopo la debacle di Trapani, rallenta ancora la sua marcia verso l'alta classifica pareggiando 0-0 con il Novara al San Nicola. Nonostante il sostegno dei 21mila sugli spalti, Floro Flores e Brienza non sono riusciti a scardinare l'ordinata difesa disposta da Boscaglia. Nella ripresa Floro Flores ha avuto due buone occasioni non concretizzate, mentre il Novara si è difeso con ordine. Nel finale c'è stato lo sterile forcing pugliese, ma l'innesto di Maniero per un attacco a due punte non ha accresciuto il potenziale balistico biancorosso e soprattutto non ha dato i risultati sperati. Il Bari sale a quota 47, mentre il Novara resta in scia con 46 punti.

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

21:40Atletica: Mondiali cross, il Kenya detta legge

(ANSA) - KAMPALA, 26 MAR - L'infinito dualismo tra Kenya ed Etiopia ha appena scritto un nuovo capitolo della sua storia ai Mondiali di corsa campestre. Oggi a Kampala, in Uganda, 12 sono le medaglie con la bandiera keniana (4 ori, 5 argenti e 3 bronzi), mentre 9 (4 ori, 4 argenti e 1 bronzo) quelle per i colori etiopi. I padroni di casa dell'Uganda festeggiano con tre podi (1 oro e 2 bronzi), poi Turchia, Eritrea e Bahrain si aggiudicano un bronzo a testa. Nella gara senior maschile si conferma il keniano Leonard Kamworor, mentre la connazionale Irene Cheptai vince il titolo fra le donne. Qui succede qualcosa mai verificatosi prima: 6 atlete ai primi 6 posti dell'ordine d'arrivo, tutte con la stessa bandiera, quella del Kenya che per il sesto anno consecutivo si aggiudica l'oro individuale Senior. La campionessa del mondo è Irene Cheptai, la meno pronosticata alla vigilia. Nell'Under 20, l'etiope Letesenbet Gidey ripete il successo femminile di due anni fa, invece l'ugandese Jacop Kiplimo conquista in casa l'oro juniores.

Archivio Ultima ora