Caos in Spagna, nuovo no del Congresso sulla fiducia a Rajoy

Pubblicato il 02 settembre 2016 da ansa

Caos in Spagna, nuovo 'no' del Congresso sulla fiducia a Rajoy

Caos in Spagna, nuovo ‘no’ del Congresso sulla fiducia a Rajoy

MADRID – Dopo 8 mesi di paralisi istituzionale senza un nuovo governo, con un esecutivo incaricato solo degli affari correnti, due elezioni politiche inconcludenti, la Spagna non riesce a uscire dalla crisi. Il Congresso dei deputati di Madrid ha di nuovo negato questa sera per la seconda volta consecutiva in due giorni la fiducia al premier uscente e incaricato Mariano Rajoy: 170 voti a favore, 180 contrari. Il voto innesca il conto alla rovescia verso nuove elezioni, le terze in un anno. Se non ci sarà un nuovo premier il 31 ottobre si tornerà a votare la domenica 25 dicembre, giorno di Natale.

I quattro grandi partiti, consapevoli della crescente esasperazione del Paese verso la loro incapacità a uscire dalla crisi si sono detti però pronti a una riforma della legge elettorale per anticipare il voto al 18 dicembre.
Quella di Rajoy era una sconfitta annunciata.

Già mercoledi al primo turno aveva fatto il pieno dei 170 voti possibili: 137 Pp, 32 di Ciudadanos e un deputato di Coalicion Canaria. Contro, il fronte del ‘no’: 85 socialisti, 71 di Podemos, 24 indipendentisti e nazionalisti catalani e baschi. Fino a mercoledì Rajoy sperava di spingere i socialisti dal ‘no’ all’astensione. Ma il leader socialista Pedro Sanchez, durissimo, ha ribadito il “no è no!” a Rajoy, condannandolo a un secondo smacco.

Ora il percorso si fa ancora più incerto, con il ticchettio dell’orologio delle terze elezioni, che tutti considerano “assurde” (sarebbe la prima volta dal 1945, rileva El Mundo, in un paese dell’Europa democratica) in marcia. Una ipotesi è che le elezioni basche e galiziane del 25 settembre cambino lo scenario politico – se ci sarà una nuova sconfitta di Sanchez – e spingano i ‘baroni’ Psoe a imporre un cambiamento di rotta. E che in parallelo producano un avvicinamento dei nazionalisti baschi del Pnv (5 deputati) a Rajoy, che potrebbe ritentare l’ investitura in ottobre.

L’ex- premier socialista Felipe Gonzalez oggi ha proposto che il Pp presenti un altro candidato al posto di Rajoy. Ma sembra molto improbabile che ciò avvenga. Un’altra ipotesi, molto fragile, vedrebbe Psoe e Podemos tentare la costruzione di una coalizione del ‘cambio’ con l’appoggio degli indipendentisti e di Ciudadanos. Una strada però per ora esclusa dal Psoe. Il più probabile al momento è che si torni a votare.

Una “vergogna” tuona Rajoy puntando il dito contro Sanchez, accusato di “voler ripetere le elezioni fino a quando ci sarà un risultato che gli va bene”. E senza dubbio una spinta all’anti-politica.

– Sarebbe dire agli spagnoli che il loro voto non vale niente denuncia il leader di Cudadanos Albert Rivera. Senza governo le conseguenze ora si faranno sentire avverte Rajoy.

Se non presenterà bilancio e tetto di spesa 2017 il 15 ottobre Madrid rischia 6 miliardi di multa Ue. Se non sarà rinnovata la Commissione di controllo della borsa in ottobre dice il ministro dell’economia Luis de Guindos, rischia il blocco il mercato dei capitali. Insomma per la Spagna avverte la vicepremier Soraya de Santamaria, senza nuovo governo “il costo sarà alto”.

(Francesco Cerri/ANSA)

Ultima ora

21:19Bimba marocchina muore in ospedale, segni di malnutrizione

(ANSA) - NOVARA, 23 GEN - La procura di Novara ha aperto un'inchiesta su una bambina marocchina di 5 anni morta nei giorni scorsi all'ospedale Maggiore, dove era arrivata con gravi sintomi di malnutrizione e disidratazione. Si attendono ora i risultati dell'esame autoptico per stabilire l'esatta causa della morte. Dai primi accertamenti i genitori, che avevano portato la bimba in ospedale dopo che si era sentita male mentre viaggiava in treno dalla Lombardia al Piemonte, sembrano essere sprovvisti di regolare permesso di soggiorno. Dopo la morte della figlia, i genitori, che dovrebbero essere residenti nella provincia di Bergamo, non hanno più fatto ritorno a Novara. Ad avviare l'indagine è stata una segnalazione dei sanitari dell'ospedale.(ANSA).

21:19Nigeria: bombardati per errore, 236 i morti

(ANSA) - MAIDUGURI (NIGERIA), 23 GEN - E' salito a 236 morti il bilancio delle vittime del bombardamento di un campo profughi compiuto per errore nel nord-est della Nigeria da un jet dell'aeronautica militare nigeriana lo scorso 17 gennaio. Lo hanno reso noto le autorità, aggiungendo che quasi tutte le vittime sono morte sul posto, a Rann, dilaniate e bruciate dalle bombe sganciate dal caccia che - secondo fonti ufficiali - credeva di attaccare un accampamento degli integralisti islamici Boko Haram. In un primo tempo era stato detto che le vittime erano più di cento, la maggior parte sfollati già sopravvissuti alla furia dei Boko Haram ma anche molti medici, infermieri e operatori umanitari di Medici senza Frontiere e della Croce Rossa internazionale.

21:15Calcio: Ranieri, per Napoli è sfida aperta con Real Madrid

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - Il Napoli ha chance di superare il Real Madrid e la Juventus non deve sottovalutare il Porto. Questo il pensiero di Claudio Ranieri sulle italiane superstiti in Champions League. "Sarri sta facendo giocare bene il Napoli, è una squadra compatta mentre il Real Madrid lascia spesso qualcosa in difesa. E' una sfida aperta - ha spiegato l'allenatore del Leicester, a Milano per ricevere il 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' - La Juventus? Non si può programmare di vincere la Champions, si va partita per partita, e il Porto non si può sottovalutare il Porto". Dando uno sguardo alla Serie A, Ranieri ha notato che "la Juventus sta facendo il suo solito campionato, è solida e forte come società, mentre le altre sono in fase evolutiva. Auguro a tutte - ha aggiunto l'allenatore - di raggiungere al più presto il livello della Juventus. Il gap si è molto ridotto e questo fa bene al calcio italiano".

21:15Comuni: Pizzarotti candidato, sarò a capo di lista civica

(ANSA) - PARMA, 23 GEN - Dopo l'annuncio di sabato scorso, oggi Federico Pizzarotti ha presentato ufficialmente la sua candidatura per il secondo mandato di sindaco di Parma. "Sarò a capo di un movimento veramente civico - ha sottolineato - e rispetto a cinque anni fa saremo più liberi di ascoltare i cittadini". "Possibili alleanze? Tutti sono ben accetti, ma ovviamente parlo di cittadini - ha risposto - Chi vorrà fare questo percorso con noi sarà ben accetto. Il tema dei partiti non ci ha mai appassionato. Di cappelli in questi anni ce ne hanno messi tanti, forse mi manca solo quello di Forza Italia. Noi badiamo ad altro, ai contenuti". Ma si parla di un nuovo feeling con il futuro partito di Pisapia? ''L'ho letto sui giornali ma nessuno mi ha chiamato e tantomeno ci tengo - ha sottolineato Pizzarotti - Forse ci tirano in ballo perché siamo utili a loro visto i grandi risultati che abbiamo ottenuto qui a Parma. Pensiamo solo alla città''.(ANSA).

21:15Siria: Usa smentiscono missione congiunta con Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Un portavoce della coalizione a guida Usa ha smentito quanto riferito da Mosca secondo cui aerei da guerra russi hanno compiuto per la prima volta una missione di combattimento in Siria assieme ad aerei della coalizione a guida Usa. "Sciocchezze", ha detto il portavoce americano citato dall'Associated Press.

21:14Iscritto al Pd ma è ancora magistrato, Csm processa Emiliano

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - E' iscritto al Pd, partecipa alla vita di quel partito in "forma sistematica e continuativa"; ma, comportandosi in questo modo, visto che è ancora un magistrato, ha compiuto un illecito disciplinare, perchè ha violato la norma che vieta alle toghe di fare vita attiva nelle formazioni partitiche. E' l'accusa da cui dovrà difendersi il presidente della Regione Puglia e probabile sfidante di Matteo Renzi alla guida del Pd, Michele Emiliano davanti alla Sezione disciplinare del Csm. Il processo, di cui lo stesso governatore ha parlato in una recentissima intervista, è stato fissato per il 6 febbraio prossimo. Nell'atto di incolpazione si evidenzia che Emiliano durante i mandati prima di sindaco di Bari (dal 2004 al 2014), poi di presidente della Regione Puglia (dal giugno 2015 a ad oggi) ha ricoperto contemporaneamente gli incarichi di segretario (dall'ottobre 2007 all'ottobre 2009 e poi dal 2014 ad oggi) e di presidente (dal novembre 2009 al gennaio 2014) del Pd della Puglia.

21:11Tettoia officina cade sotto il peso di due metri di neve

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO) 23 GEN - Il peso di quasi due metri di neve ha abbattuto la tettoia di un'autofficina che si affaccia sulla strada statale Salaria nel Comune di Arquata del Tronto, frazione Trisungo. La struttura, un capannone di circa trenta metri di lunghezza per cinque di larghezza, è venuta giù investendo le vetture in riparazione che erano parcheggiate proprio sotto. Per rimuoverle è stato necessario un duplice intervento dei vigili del fuoco. Prima è stata portata via la neve, successivamente si è provveduto a smontare sia i pannelli che le parti in ferro che ne costituivano la struttura portante. Per questa seconda operazione è stato necessario l'impiego di personale specializzato che ha usato tecniche speleo-alpinistiche. (ANSA).

Archivio Ultima ora