Sisma: l’inchiesta va avanti, anche molte denunce anonime

Pubblicato il 02 settembre 2016 da ansa

Sisma: inchiesta va avanti,anche molte denunce anonime

Sisma: inchiesta va avanti,anche molte denunce anonime

RIETI – A Rieti è l’ora delle denunce anonime. In procura ne stanno arrivando parecchie sui crolli degli edifici per il terremoto, assieme a foto che dovrebbero documentare misfatti secondo chi le invia, senza però firmarle. A nove giorni dal sisma distruttivo nel centro Italia procede il lavoro di uno dei due uffici giudiziari – l’altro é la procura di Ascoli – incaricati delle indagini sul disastro che sul fronte laziale ha fatto 244 morti.

– Oggi sono stati fatti nuovi sequestri di documenti tecnici e amministrativi – ha detto il procuratore capo Giuseppe Saieva, indispensabili per ricostruire il quadro e procedere poi ad avvisi di garanzia e interrogatori.
Negli scritti anonimi in certi casi vengono indicati imprenditori e ditte che avrebbero svolto lavori giudicati inadeguati.

– Andate a vedere chi ha avuto certi appalti – aveva detto ieri Patrizio Cricchi, titolare di un’azienda vincitrice di un appalto per la scuola Capranica di Amatrice.

Lavori mai fatti causa terremoto. Un clima di veleni dietro le quinte del dramma e mentre tra le macerie si cercano ancora le vittime (un’altra trovata oggi). I quattro pm del pool di Saieva dovranno mettere ordine nella massa di documenti che la polizia giudiziaria sta raccogliendo.

– La priorità è capire se le persone sono morte in edifici che non avrebbero dovuto crollare – dice il pm Rocco Maruotti -, aspettiamo la mappatura degli edifici per capire cosa è accaduto.

Una certezza ce l’ha:
– Non abbiamo ancora ricevuto denunce di persone che hanno comprato una casa certificata antisismica e poi hanno scoperto che non lo era. Ma sono pronto a scommettere che arriveranno.

All’indagine, che già coinvolge Finanza, Polizia, Guardia Forestale e Carabinieri, é pronto a dare il proprio contributo il Raggruppamento operativo speciale (Ros) dell’Arma, se la procura di Rieti lo riterrà opportuno. Intanto alcuni dei protagonisti dei processi per il terremoto dell’Aquila del 2009 parlano delle analogie.

– A Rieti mi pare che abbiano impostato le indagini come abbiamo fatto noi – dice il pm Fabio Picuti -. Quel metodo investigativo ha portato all’accertamento dei fatti, tra condanne e assoluzioni. La domanda che anche i colleghi si pongono é: ‘Perché sono caduti gli edifici? Una ragione é la scossa di terremoto, l’altra é da rintracciare nelle opere che sono state compiute sugli edifici.

– I primi giorni di un’inchiesta sul terremoto sono cruciali: i pm devono essere rapidi, perché i ritardi si rischia di pagarli dopo -dice Wania Della Vigna, legale che rappresentò i familiari di un ragazzo morto nel crollo della Casa dello Studente all’Aquila. Processo conclusosi con la condanna dei 4 imputati in Cassazione.

– La procura la stessa mattina del terremoto ha sequestrato i 200 edifici crollati – ricorda – e in tempi brevi ha fatto mettere da parte le macerie a disposizione dei tecnici per le perizie. L’incarico ai periti è stato dato subito – aggiunge Della Vigna -, il pm Picuti ha formato un pool con geologo, sismologo, architetti e ingegneri per capire se era solo colpa del terremoto. In un anno all’Aquila avevano già concluso le indagini e c’era un capo d’imputazione. Mi auguro che ora si faccia lo stesso.

(Luca Laviola/ANSA)

Ultima ora

23:45Basket: Serie A, Venezia-Cremona 92-81

(ANSA) - VENEZIA, 21 OTT - I Campioni d'Italia dell'Umana Reyer Venezia mantengono l'imbattibilità in campionato, piegando nell'anticipo della quarta giornata la Vanoli Cremona 92-81 e allungando così in testa alla classifica in solitaria per almeno 24 ore. Gli ospiti, guidati dal CT della Nazionale Sacchetti, affrontano l'incontro a viso aperto, partendo meglio degli avversari (12-20 al 5') e riuscendo poi più volte a rientrare in partita dopo il sorpasso veneziano. Decisivo il terzo quarto, in cui l'Umana Reyer serra le fila in difesa, prendendo il largo dopo il 56-52 al 23'. Venezia sfrutta la maggior profondità, trovando proprio dalla panchina le cose migliori (50 punti dei giocatori non partiti in quintetto sui 92 totali, mentre Cremona trova solo 13 punti dalle riserve), con Watt mvp (20 punti in 13', con 27 di valutazione) e Orelik ancora una volta micidiale nel tiro da 3. Nelle file cremonesi, il migliore è ancora una volta Johnson-Odom, autore di 27 punti, ma non basta, così come l'apporto sotto le plance di Sims

23:23Calcio: Inter, Vecino “stasera un punto importante”

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Abbiamo fatto una partita importante, sapevamo che sarebbe stato difficile contro quella che al momento è la squadra più forte. Nel secondo tempo abbiamo sofferto un po', ma questo punto è importante per la classifica e per il morale". Queste le parole del centrocampista dell'Inter Matias Vecino dopo il pareggio senza reti al San Paolo di Napoli. "Inter da scudetto? Noi ci sentiamo forti, ma abbiamo ancora molto da crescere: dobbiamo guardare partita dopo partita", ha concluso Vecino.

23:20Calcio: serie A, Napoli-Inter 0-0

(ANSA) - NAPOLI, 21 OTT - L'Inter blocca il Napoli, finisce 0-0 il secondo anticipo della nona giornata di serie A. Al San Paolo i partenopei ci provano subito con Hamsik, l'Inter risponde con un cross di Perisic fermato da Koulibaly. La squadra di Sarri va vicina al gol al 20': tiro di Callejon respinto da Handanovic che ribatte anche la successiva conclusione di Mertens. Fiammata Inter al 41' con un destro di Borja Valero deviato in calcio d'angolo da Reina. Nerazzurri vicinissimi al vantaggio al 47' con Vecino che dopo aver scambiato con Icardi salta Reina e prova il tiro, Albiol salva sulla linea. Al 56' Callejon serve Hamsik la cui conclusione finisce a lato di un soffio. Al 76' Insigne, la cui presenza è stata in dubbio fino all'ultimo, tenta il tiro a giro da fuori area, palla di poco fuori. Handanovic ancora protagonista all'84' quando respinge un tiro da fuori di Zielinski e al 90' quando evita l'autogol di Miranda. Napoli sempre primo in classifica con 25 punti, l'Inter insegue a quota 23.

22:33Rep.Ceca ha scelto il populista Babis

(ANSA) - PRAGA, 21 OTT - Le elezioni parlamentari nella Repubblica Ceca sono finite con il trionfo di Andrej Babis, il magnate populista leader del movimento Ano 2011, che si è affermato con un grande distacco dagli altri otto partiti entrati in Parlamento. In una tornata elettorale che segna la debacle per i socialdemocratici, che potrebbero uscire dal governo per andare all'opposizione, definendo un nuovo flop della sinistra europea. Volano, piazzandosi al secondo posto, i populisti di un partito anti-islam ed euroscettico. Babis, controverso imprenditore messo alla porta dal governo uscente per le accuse di frode che lo hanno travolto mentre occupava il dicastero alle finanze, è affidabile per il 30% dei cechi e adesso può diventare premier. E' contro i migranti islamici, contro l'adozione dell'euro, contro il diktat di Bruxelles. Come il capo di Stato, Milos Zeman. E lo stesso Zeman ha più volte dichiarato di volergli dare la possibilità di formare il governo.

22:33Calcio: Giampaolo ‘squadra matura, bravi a gestire gara’

(ANSA) - GENOVA, 21 OTT - Non soffre di vertigini la Sampdoria che con il successo sul Crotone vola in classifica. La quarta vittoria consecutiva casalinga da inizio campionato permette alla Samp attuale di eguagliare il record di un'altra Sampdoria, quella dello scudetto. "Ci fa piacere - ha detto Giampaolo -e rende merito alla squadra e a quello che ha saputo fare in queste prime partite in casa. Però manca quella contro la Roma (rinviata per maltempo) e non possiamo sapere in realtà come sarebbe finita, diciamo che è andata bene così". Record a parte, il 5-0 finale è una dimostrazione di forza innegabile. "Andando subito in vantaggio la partita si è messa bene e il secondo gol è arrivato poco dopo - ha spiegato il tecnico blucerchiato -. Il Crotone da par suo ha fatto fatica ad abbozzare una reazione e nell'intervallo ho detto alla squadra che il salto di qualità sarebbe stato nel non concedere niente e nel non abbassare il livello della tensione''.

22:17Turista morto in S.Croce, c’è un quarto indagato

(ANSA) - FIRENZE, 21 OTT - C'è un quarto indagato nell'inchiesta della procura di Firenze sulla morte del turista spagnolo Daniel Testor Schnell nella basilica di Santa Croce: si tratta della titolare della ditta specializzata che ha operato per ultima nella manutenzione dell'area interessata dalla caduta del capitello, architetto Laura Mannucci. L'intervento risalirebbe parecchio indietro nel tempo, sembra a diversi anni fa. Anche in questo caso si tratta di un avviso di garanzia per omicidio colposo. Gli altri tre indagati sono i dirigenti dell'Opera di Santa Croce, il presidente Irene Sanesi, il segretario generale Giuseppe De Micheli e il tecnico responsabile, geometra Marco Pancani. La basilica di Santa Croce, intanto, resta ancora chiusa al pubblico per sopralluoghi e verifiche.

21:33Ghiaccio: Kostner seconda a Mosca

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Si chiude con un exploit per l'Italia la Rostelecom Cup di Mosca, prima tappa del Grand Prix 2017-18 di pattinaggio sul ghiaccio. Nella seconda e ultima giornata, Carolina Kostner (Fiamme Azzurre) chiude la gara al secondo posto con 215.98 punti, lo stesso risultato che aveva ottenuto nella sua ultima apparizione al Grand Prix, proprio alla Rostelecom Cup, nel 2013. La gardenese si arrende solo alla campionessa del mondo russa Evgenia Medvedeva, tenendosi alle spalle la giapponese Wakaba Higuchi. Reduce dai due podi conquistati al Lombardia Trophy di Bergamo e al Finlandia Trophy di Espoo, Carolina Kostner ne centra subito un altro, regalandosi un grande esordio sul circuito internazionale, dove tornerà a pattinare all'NHK Trophy di novembre, in Giappone.

Archivio Ultima ora