Sisma: l’inchiesta va avanti, anche molte denunce anonime

Pubblicato il 02 settembre 2016 da ansa

Sisma: inchiesta va avanti,anche molte denunce anonime

Sisma: inchiesta va avanti,anche molte denunce anonime

RIETI – A Rieti è l’ora delle denunce anonime. In procura ne stanno arrivando parecchie sui crolli degli edifici per il terremoto, assieme a foto che dovrebbero documentare misfatti secondo chi le invia, senza però firmarle. A nove giorni dal sisma distruttivo nel centro Italia procede il lavoro di uno dei due uffici giudiziari – l’altro é la procura di Ascoli – incaricati delle indagini sul disastro che sul fronte laziale ha fatto 244 morti.

– Oggi sono stati fatti nuovi sequestri di documenti tecnici e amministrativi – ha detto il procuratore capo Giuseppe Saieva, indispensabili per ricostruire il quadro e procedere poi ad avvisi di garanzia e interrogatori.
Negli scritti anonimi in certi casi vengono indicati imprenditori e ditte che avrebbero svolto lavori giudicati inadeguati.

– Andate a vedere chi ha avuto certi appalti – aveva detto ieri Patrizio Cricchi, titolare di un’azienda vincitrice di un appalto per la scuola Capranica di Amatrice.

Lavori mai fatti causa terremoto. Un clima di veleni dietro le quinte del dramma e mentre tra le macerie si cercano ancora le vittime (un’altra trovata oggi). I quattro pm del pool di Saieva dovranno mettere ordine nella massa di documenti che la polizia giudiziaria sta raccogliendo.

– La priorità è capire se le persone sono morte in edifici che non avrebbero dovuto crollare – dice il pm Rocco Maruotti -, aspettiamo la mappatura degli edifici per capire cosa è accaduto.

Una certezza ce l’ha:
– Non abbiamo ancora ricevuto denunce di persone che hanno comprato una casa certificata antisismica e poi hanno scoperto che non lo era. Ma sono pronto a scommettere che arriveranno.

All’indagine, che già coinvolge Finanza, Polizia, Guardia Forestale e Carabinieri, é pronto a dare il proprio contributo il Raggruppamento operativo speciale (Ros) dell’Arma, se la procura di Rieti lo riterrà opportuno. Intanto alcuni dei protagonisti dei processi per il terremoto dell’Aquila del 2009 parlano delle analogie.

– A Rieti mi pare che abbiano impostato le indagini come abbiamo fatto noi – dice il pm Fabio Picuti -. Quel metodo investigativo ha portato all’accertamento dei fatti, tra condanne e assoluzioni. La domanda che anche i colleghi si pongono é: ‘Perché sono caduti gli edifici? Una ragione é la scossa di terremoto, l’altra é da rintracciare nelle opere che sono state compiute sugli edifici.

– I primi giorni di un’inchiesta sul terremoto sono cruciali: i pm devono essere rapidi, perché i ritardi si rischia di pagarli dopo -dice Wania Della Vigna, legale che rappresentò i familiari di un ragazzo morto nel crollo della Casa dello Studente all’Aquila. Processo conclusosi con la condanna dei 4 imputati in Cassazione.

– La procura la stessa mattina del terremoto ha sequestrato i 200 edifici crollati – ricorda – e in tempi brevi ha fatto mettere da parte le macerie a disposizione dei tecnici per le perizie. L’incarico ai periti è stato dato subito – aggiunge Della Vigna -, il pm Picuti ha formato un pool con geologo, sismologo, architetti e ingegneri per capire se era solo colpa del terremoto. In un anno all’Aquila avevano già concluso le indagini e c’era un capo d’imputazione. Mi auguro che ora si faccia lo stesso.

(Luca Laviola/ANSA)

Ultima ora

01:25Accoltella e investe immigrato, indagini su matrice razziale

(ANSA) - RIMINI, 22 MAR - Un riminese è stato fermato questa sera dalla polizia di Stato per il tentato omicidio di un immigrato. Il fatto sarebbe accaduto davanti ad un supermercato: l'italiano lo ha prima preso a pugni, poi l'ha accoltellato e infine, quando lo straniero ha tentato la fuga, lo ha investito con l'auto. Il giovane è in prognosi riservata all'ospedale, mentre il riminese è stato rintracciato poco dopo dalla polizia di Stato e portato in Questura, dove è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio. Accertamenti sono in corso per appurare se il gesto violento abbia una matrice razziale.

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

23:08Fillon denuncia ‘un complotto di Stato’

(ANSA) - PARIGI, 22 MAR - Il candidato della Destra alle elezioni presidenziali francesi, Francois Fillon, denuncia un "complotto" e violazioni del "segreto istruttorio" con fughe di notizie organizzate dai "servizi dello Stato". "Le maschere cadono, il complotto è ormai sotto agli occhi di tutti i francesi", ha detto ai microfoni di radio France Info, aggiungendo: "Ogni settimana ci sono fughe (di notizie) contro il segreto istruttorio, fughe di notizie organizzate dai servizi dello Stato".

22:34Attacco Londra: chiusa la London Eye

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Il London Eye, la ruota panoramica della capitale britannica sulla riva del Tamigi, ha sospeso il suo servizio. Lo hanno riferito le autorità precisando che tutti i turisti, dopo essere rimasti bloccati per quasi un'ora nelle cabine, sono stati fatti scendere e non hanno avuto problemi.

22:24Siria: i turchi bombardano zona curda

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 MAR - L'artiglieria turca ha bombardato nelle ultime ore postazioni curdo-siriane nella Siria nord-occidentale, un giorno dopo l'arrivo in quella stessa area di mezzi blindati russi a protezione dell'area a maggioranza curda. Lo riferisce l'Osservatorio per i diritti umani in Siria (Ondus), secondo cui i colpi di artiglieria hanno colpito il distretto di Afrin e quello di Jenderes. Non si registrano uccisi ma solo feriti tra civili e miliziani curdi. La stampa araba aveva dato ampio risalto ieri all'arrivo ad Afrin di truppe russe a bordo di mezzi blindati. E' la prima volta che le forze di Mosca si schierano al confine con la Turchia.

22:18Milan: arrivati 20 mln, resto caparra atteso entro venerdì

(ANSA) - MILANO, 22 MAR - Sarebbero arrivati nelle casse di Fininvest 20 dei 100 milioni di euro della terza caparra che i cinesi di Sino-Europe Sports devono pagare per ottenere una nuova proroga del closing per l'acquisto del Milan. Secondo quanto filtra, due sono le ricostruzioni della vicenda. La società cinese di Li Yonghong si starebbe muovendo con più di una banca per completare il pagamento di questa terza caparra da 100 milioni di euro e questo bonifico sarebbe avvenuto con tempistiche diverse da quello da 80 milioni di euro, atteso fra domani e venerdì. Oppure Ses si sarebbe affidata a un unico istituto finanziario che ha deliberato i bonifici in momenti diversi.

Archivio Ultima ora