Ombra scissione radicali, ma c’è proposta del Congresso-bis

Pubblicato il 02 settembre 2016 da ansa

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando durante il congresso dei Radicali nel carcere di Rebibbia, Roma, 01 settembre 2016. ANSA/ANGELO CARCONI

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando durante il congresso dei Radicali nel carcere di Rebibbia, Roma, 01 settembre 2016. ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA – Risuona il campanile della cappella nel carcere di Rebibbia. E’ ormai sera quando fuori dall’auditorium, che ospita il quarantesimo Congresso del Partito Radicale, si decidono le sorti sul futuro che prenderà forma per i radicali. Perché di capanelli e di gente che parla fitta in attesa del voto finale ce n’è molta; si va alla ‘conta’ per il voto decisivo delle mozioni.

Da un lato la proposta, arrivata in platea con il sapore suggestivo della riflessione, lanciata da Benedetto Della Vedova: proseguire l’assise tra qualche tempo con una nuova sessione del Congresso (‘Da Ventotene a Rebibbia, andata e ritorno’, suggerisce), e avanzare così un ragionamento che continui a tenere assieme tutte le forze radicali, inclusa la partecipazione di Emma Bonino che ha però disertato quest’appuntamento.

L’idea di un Congresso-bis, che potrebbe diventare una mozione ad hoc, non sembra però accogliere molti favori; almeno tra la componente ortodossa del partito. Il tesoriere Maurizio Turco infatti non si scosta dal suo pensiero; ”non c’è logica in un rinvio del Congresso, il congresso già c’è perché farne un altro: decidono gli iscritti. Non è possibile pensare che domani non possa continuare ad esserci il partito Radicale così come voluto da Pannella”.

Le anime del partito, anche quelle pronte a puntare i piedi sul bilancio e a scoprire già le carte, lasciano invece scivolare via il voto passando sulle vie laterali di una discussione più invocata che accesa: la maggioranza lo ha approvato, pochi i contrari e gli astenuti. Quella di una possibile scissione perciò non sembra del tutto evaporata. Anzi, stando alle parole di Turco ”la scissione c’è già stata, il primo aprile”, quando sono state presentate le liste alle comunali di Roma e Milano.

Di diverso avviso il segretario di Radicali italiani, Riccardo Magi, per il quale la scissione ”non esiste. Bisogna invece chiedersi perché il partito negli ultimi cinque anni è stato congelato e capire come trovare la via per un rilancio vero”. Eppure Magi sembra favorevole ad una riflessione per una prosecuzione del Congresso di qui a 10-12 mesi.

L’ultima nota, che del resto conferma quella che se per ora non è una scissione è quantomeno una divisione, la suona il tesoriere di Radicali italiani, Valerio Federico:

– Gli iscritti ai soggetti radicali non hanno, ormai da molti anni, alcuna funzione di controllo sul patrimonio materiale. Venuta meno la garanzia di Marco Pannella va assicurata ai Radicali tutti la titolarità.

Ultima ora

00:24Mondiali 2018: Montenegro-Polonia 1-2

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Vittoria esterna delle Polonia che ha battuto 2-1 Montenegro in una partita giocata a Podgorica e valida per il gruppo E delle qualificazioni al Mondiale del 2018. Ha aperto le marcature Lewandowski al 40' per la Polonia, pari di Mugosa al 62'. La rete della vittoria porta la firma di Piszczek all'81'.

00:22Mondiali 2018: Scozia-Slovenia 1-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Scozia ha battuto 1-0 la Slovenia in una partita giocata a Glasgow e valida per il gruppo F delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La rete è stata segnata da Martin all'88'.

00:13Mondiali 2018: Irlanda del Nord-Norvegia 2-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - A Belfast l'Irlanda del Nord ha battuto 2-0 la Norvegia in una partita valida per il gruppo C delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Le reti sono state segnate da Ward al 2' e Washington al 32'.

23:28Calcio: Bari-Novara 0-0, pugliesi rallentano ancora

(ANSA) - BARI, 26 MAR - Il Bari, dopo la debacle di Trapani, rallenta ancora la sua marcia verso l'alta classifica pareggiando 0-0 con il Novara al San Nicola. Nonostante il sostegno dei 21mila sugli spalti, Floro Flores e Brienza non sono riusciti a scardinare l'ordinata difesa disposta da Boscaglia. Nella ripresa Floro Flores ha avuto due buone occasioni non concretizzate, mentre il Novara si è difeso con ordine. Nel finale c'è stato lo sterile forcing pugliese, ma l'innesto di Maniero per un attacco a due punte non ha accresciuto il potenziale balistico biancorosso e soprattutto non ha dato i risultati sperati. Il Bari sale a quota 47, mentre il Novara resta in scia con 46 punti.

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

21:40Atletica: Mondiali cross, il Kenya detta legge

(ANSA) - KAMPALA, 26 MAR - L'infinito dualismo tra Kenya ed Etiopia ha appena scritto un nuovo capitolo della sua storia ai Mondiali di corsa campestre. Oggi a Kampala, in Uganda, 12 sono le medaglie con la bandiera keniana (4 ori, 5 argenti e 3 bronzi), mentre 9 (4 ori, 4 argenti e 1 bronzo) quelle per i colori etiopi. I padroni di casa dell'Uganda festeggiano con tre podi (1 oro e 2 bronzi), poi Turchia, Eritrea e Bahrain si aggiudicano un bronzo a testa. Nella gara senior maschile si conferma il keniano Leonard Kamworor, mentre la connazionale Irene Cheptai vince il titolo fra le donne. Qui succede qualcosa mai verificatosi prima: 6 atlete ai primi 6 posti dell'ordine d'arrivo, tutte con la stessa bandiera, quella del Kenya che per il sesto anno consecutivo si aggiudica l'oro individuale Senior. La campionessa del mondo è Irene Cheptai, la meno pronosticata alla vigilia. Nell'Under 20, l'etiope Letesenbet Gidey ripete il successo femminile di due anni fa, invece l'ugandese Jacop Kiplimo conquista in casa l'oro juniores.

Archivio Ultima ora