Ombra scissione radicali, ma c’è proposta del Congresso-bis

Pubblicato il 02 settembre 2016 da ansa

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando durante il congresso dei Radicali nel carcere di Rebibbia, Roma, 01 settembre 2016. ANSA/ANGELO CARCONI

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando durante il congresso dei Radicali nel carcere di Rebibbia, Roma, 01 settembre 2016. ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA – Risuona il campanile della cappella nel carcere di Rebibbia. E’ ormai sera quando fuori dall’auditorium, che ospita il quarantesimo Congresso del Partito Radicale, si decidono le sorti sul futuro che prenderà forma per i radicali. Perché di capanelli e di gente che parla fitta in attesa del voto finale ce n’è molta; si va alla ‘conta’ per il voto decisivo delle mozioni.

Da un lato la proposta, arrivata in platea con il sapore suggestivo della riflessione, lanciata da Benedetto Della Vedova: proseguire l’assise tra qualche tempo con una nuova sessione del Congresso (‘Da Ventotene a Rebibbia, andata e ritorno’, suggerisce), e avanzare così un ragionamento che continui a tenere assieme tutte le forze radicali, inclusa la partecipazione di Emma Bonino che ha però disertato quest’appuntamento.

L’idea di un Congresso-bis, che potrebbe diventare una mozione ad hoc, non sembra però accogliere molti favori; almeno tra la componente ortodossa del partito. Il tesoriere Maurizio Turco infatti non si scosta dal suo pensiero; ”non c’è logica in un rinvio del Congresso, il congresso già c’è perché farne un altro: decidono gli iscritti. Non è possibile pensare che domani non possa continuare ad esserci il partito Radicale così come voluto da Pannella”.

Le anime del partito, anche quelle pronte a puntare i piedi sul bilancio e a scoprire già le carte, lasciano invece scivolare via il voto passando sulle vie laterali di una discussione più invocata che accesa: la maggioranza lo ha approvato, pochi i contrari e gli astenuti. Quella di una possibile scissione perciò non sembra del tutto evaporata. Anzi, stando alle parole di Turco ”la scissione c’è già stata, il primo aprile”, quando sono state presentate le liste alle comunali di Roma e Milano.

Di diverso avviso il segretario di Radicali italiani, Riccardo Magi, per il quale la scissione ”non esiste. Bisogna invece chiedersi perché il partito negli ultimi cinque anni è stato congelato e capire come trovare la via per un rilancio vero”. Eppure Magi sembra favorevole ad una riflessione per una prosecuzione del Congresso di qui a 10-12 mesi.

L’ultima nota, che del resto conferma quella che se per ora non è una scissione è quantomeno una divisione, la suona il tesoriere di Radicali italiani, Valerio Federico:

– Gli iscritti ai soggetti radicali non hanno, ormai da molti anni, alcuna funzione di controllo sul patrimonio materiale. Venuta meno la garanzia di Marco Pannella va assicurata ai Radicali tutti la titolarità.

Ultima ora

21:03Calcio: Zaccheroni negli Emirati, mi chiedono i risultati

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Il presidente e la Federazione mi hanno chiesto di ottenere dei risultati e io farò il possibile, anzi l'impossibile, per centrare questi obiettivi. La Coppa d'Asia verrà organizzata qui, negli Emirati arabi, e noi dovremo assolutamente essere i protagonisti di questa competizione fra due anni. Può rappresentare un trampolino di lancio per successive competizioni che affronteremo". Così Alberto Zaccheroni nella conferenza stampa di presentazione, a Dubai, da nuovo ct della Nazionale. Gli emiri hanno scelto 'Zac' dopo avere incassato l'eliminazione dalla fase finale dei Mondiali 2018 e avere sollevato dall'incarico di ct l'argentino Edgardo Bauza. Zaccheroni ha già vinto la Coppa d'Asia alla guida del Giappone, nel 2011. Sull'account Twitter della Federcalcio di Abu Dhabi c'è un messaggio dedicato al tecnico italiano, che recita: "Benvenuto Capitano". Anche l'ambasciata italiana degli Emirati ha voluto accogliere il tecnico: "Benvenuto Zaccheroni, ti auguriamo il meglio in questo meraviglioso Paese".

20:51Corruzione Sardegna: scarcerato imprenditore ai domiciliari

(ANSA) - CAGLIARI, 17 OTT - Il Gip del Tribunale di Cagliari, Giuseppe Pintori, ha revocato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Salvatore 'Tore' Pinna, finito ai domiciliari nell'ambito dell'inchiesta su una presunta mazzetta per un appalto dell'Enas, l'Ente acque della Sardegna. Pinna, difeso dall'avvocato Leonardo Filippi e già coinvolto nello scandalo Sindacopoli, era stato iscritto nel registro degli indagati quando i pm Emanuele Secci e Gaetano Porcu avevano iniziato a indagare sulla tangente che sarebbe stata pagata per la realizzazione di un impianto di energia rinnovabile da 9 milioni e mezzo di euro a Ottana (Nuoro). Ieri il Tribunale del Riesame di Cagliari aveva scarcerato Gianni Lolli e Luigi Betti, finiti agli arresti domiciliari a Modena e Forlì nella stessa inchiesta. Entro il 21 ottobre, invece, si conoscerà il pronunciamento del Riesame sul ricorso presentato dagli avvocati dell'ex calciatore Renato Copparoni e dell'allora presidente dell'Enas, Davide Galantuomo, già sindaco di Quartu Sant'Elena. Secondo le difese non ci sarebbero né i gravi indizi di colpevolezza né le esigenze di custodia invocati nell'ordinanza in quanto i fatti contestati, spiegano, sono lontani nel tempo. Galantuomo è accusato di aver incassato una tangente di circa 90 mila euro, prima tranche di una mazzetta complessiva di 135mila euro per l'appalto da 9,5 milioni. Copparoni, invece, è indicato dalla Procura come il mediatore dell'affare, mentre i due indagati tornati ieri in libertà facevano parte delle società investirci che avevano proposto il progetto. Tore Pinna, assiemne a Copparoni, avrebbe svolto una funzione di mediazione, ricevendo la promessa di ottenere una parte dei soldi pagati - dice la Procura - da Betti e Lolli. (ANSA).

20:31Continua esodo Rohingya in Bangladesh

(ANSA)- DACCA, 17 OTT - Molte migliaia di rifugiati musulmani rohingya in fuga dallo Stato birmano di Rakhine sono giunti durante il fine settimana nei campi di accoglienza di Cox's Bazar, nel sud del Bangladesh, dove la situazione sanitaria diventa di giorno in giorno più allarmanete. I media di Dacca, dopo aver ricordato che dal 24 agosto scorso oltre 500.000 rifugiati hanno abbandonato la Birmania trasferendosi sul suolo bengalese, hanno segnalato oggi che nelle ultime settimane il flusso si era progressivamente ridotto, ma che fra sabato e domenica le agenzie umanitarie hanno confermato che circa 20.000 rohingya sono giunti via mare o attraversando il fiume Naf a Cox's Bazar. Infine il quotidiano Dhaka Tribune scrive che da agosto vi sono stati almeno 28 naufragi di barconi con a bordo rifugiati rohingya che hanno causato la morte di quasi 200 persone, quasi tutte donne e bambini.

20:26Turchia: bomba contro polizia, 18 feriti

(ANSA) - ISTANBUL, 17 OTT - È salito a 18 feriti, di cui 17 agenti, il bilancio dell'esplosione di un ordigno esploso questo pomeriggio al passaggio di un bus della polizia turca a Mersin, nel sud del Paese. Lo ha reso noto il vicepremier e portavoce del governo di Ankara, Bekir Bozdag, secondo cui "gli indizi mostrano che si è trattato di un attacco terroristico". Le autorità non si sbilanciano ancora sulla matrice dell'attentato. Come avviene regolarmente in casi analoghi, le autorità locali hanno imposto una censura sulla pubblicazione di notizie e immagini che riguarda anche i social media.

20:22Sardegna: Giunta vara finanziaria 2018-2020 da 7,7 miliardi

(ANSA) - CAGLIARI, 17 OTT - La Giunta regionale della Sardegna, su proposta dell'assessore del Bilancio Raffaele Paci, ha approvato la Finanziaria 2018-2020. La legge prevede un aumento delle entrate tributarie di 120 milioni fino a 6 miliardi e 276mila euro: alla fine sarà una manovra da 7 miliardi e 724mila euro, il 2% in più rispetto allo scorso anno. "Abbiamo approvato la legge in Giunta più di due mesi prima rispetto allo scorso anno e puntiamo ad evitare il ricorso all'esercizio provvisorio", ha spiegato Paci. Dei quasi otto miliardi, 40 milioni di euro saranno a disposizione del Consiglio regionale. Una novità?. "Stiamo fortemente rinnovando tutti i mezzi della Protezione civile, del Corpo forestale e di Forestas, una grande operazione di acquisto di mezzi in leasing". Altri dettagli saranno comunicati nel corso di una conferenza stampa ancora da programmare.

20:19Ucraina: manifestanti montano tende in zona Parlamento

(ANSA) - MOSCA, 17 OTT - I manifestanti hanno montato delle tende nella zona del Parlamento ucraino e invitano a portar loro cibo e indumenti pesanti perché possano continuare a lungo la loro protesta. Lo riferiscono i media locali. Secondo l'agenzia Unian, avrebbero montato 11 grandi tende in via Grushevski, sei grandi tende e 25 più piccole a Parco Mariinski e 11 in piazza Costituzione. "Penso che sia una buona idea per noi tutti rimanere qui finché non esaudiscono le nostre richieste", ha affermato l'ex presidente georgiano Mikheil Saakashvili.

20:17Corea Nord: Usa agli alleati, ‘prepariamoci al peggio’

(ANSA) - NEW YORK, 17 OTT - Gli Stati Uniti "non escludono la possibilita' di negoziati diretti con la Corea del Nord, ma con i loro alleati Giappone e Corea del Sud devono prepararsi al peggio se la diplomazia dovesse fallire": lo ha detto il vicesegretario di stato americano, John Sullivan durante la sua visita a Tokyo.

Archivio Ultima ora