Ombra scissione radicali, ma c’è proposta del Congresso-bis

Pubblicato il 02 settembre 2016 da ansa

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando durante il congresso dei Radicali nel carcere di Rebibbia, Roma, 01 settembre 2016. ANSA/ANGELO CARCONI

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando durante il congresso dei Radicali nel carcere di Rebibbia, Roma, 01 settembre 2016. ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA – Risuona il campanile della cappella nel carcere di Rebibbia. E’ ormai sera quando fuori dall’auditorium, che ospita il quarantesimo Congresso del Partito Radicale, si decidono le sorti sul futuro che prenderà forma per i radicali. Perché di capanelli e di gente che parla fitta in attesa del voto finale ce n’è molta; si va alla ‘conta’ per il voto decisivo delle mozioni.

Da un lato la proposta, arrivata in platea con il sapore suggestivo della riflessione, lanciata da Benedetto Della Vedova: proseguire l’assise tra qualche tempo con una nuova sessione del Congresso (‘Da Ventotene a Rebibbia, andata e ritorno’, suggerisce), e avanzare così un ragionamento che continui a tenere assieme tutte le forze radicali, inclusa la partecipazione di Emma Bonino che ha però disertato quest’appuntamento.

L’idea di un Congresso-bis, che potrebbe diventare una mozione ad hoc, non sembra però accogliere molti favori; almeno tra la componente ortodossa del partito. Il tesoriere Maurizio Turco infatti non si scosta dal suo pensiero; ”non c’è logica in un rinvio del Congresso, il congresso già c’è perché farne un altro: decidono gli iscritti. Non è possibile pensare che domani non possa continuare ad esserci il partito Radicale così come voluto da Pannella”.

Le anime del partito, anche quelle pronte a puntare i piedi sul bilancio e a scoprire già le carte, lasciano invece scivolare via il voto passando sulle vie laterali di una discussione più invocata che accesa: la maggioranza lo ha approvato, pochi i contrari e gli astenuti. Quella di una possibile scissione perciò non sembra del tutto evaporata. Anzi, stando alle parole di Turco ”la scissione c’è già stata, il primo aprile”, quando sono state presentate le liste alle comunali di Roma e Milano.

Di diverso avviso il segretario di Radicali italiani, Riccardo Magi, per il quale la scissione ”non esiste. Bisogna invece chiedersi perché il partito negli ultimi cinque anni è stato congelato e capire come trovare la via per un rilancio vero”. Eppure Magi sembra favorevole ad una riflessione per una prosecuzione del Congresso di qui a 10-12 mesi.

L’ultima nota, che del resto conferma quella che se per ora non è una scissione è quantomeno una divisione, la suona il tesoriere di Radicali italiani, Valerio Federico:

– Gli iscritti ai soggetti radicali non hanno, ormai da molti anni, alcuna funzione di controllo sul patrimonio materiale. Venuta meno la garanzia di Marco Pannella va assicurata ai Radicali tutti la titolarità.

Ultima ora

19:05Calcio: vento forte a Cagliari, ma gara col Milan si gioca

(ANSA) - CAGLIARI, 21 GEN - Fortissime raffiche di maestrale a Cagliari, ma la partita tra rossoblù e Milan si gioca lo stesso. Il primo ok è arrivato dopo il sopralluogo della questura per verificare la sussistenza delle condizioni di sicurezza per il pubblico della Sardegna Arena. Pochi minuti fa è arrivato anche il benestare tecnico della terna arbitrale. Anche perché il vento, che stamattina ha spazzato la città buttando giù anche diversi alberi, sta diminuendo di intensità.

19:05Di Maio, intercettazioni informatiche contro corruzione

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - "Riformiamo la prescrizione, con la sospensione dal primo grado di giudizio o dal rinvio a giudizio. Istituiamo il Daspo per corrotti: se sei corrotto non devi più avere a che fare con la Pubblica Amministrazione" e il M5S vuole inserire "agenti sotto copertura per i reati di corruzione e le intercettazioni informatiche con i virus trojan nei Pc e negli smartphone sempre per i reati di corruzione". Lo afferma il candidato premier M5S Luigi Di Maio parlando del programma di governo del movimento a Pescara.

18:58Di Maio, via Irap per Pmi, calo Irpef per ceto medio

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - "Eliminiamo i finanziamenti a pioggia alle Pmi che vanno sempre agli stessi e aboliamo l'Irap per loro". Lo afferma Luigi Di Maio presentando il punto sul fisco del programma del M5S. "Riduzione aliquote Irpef per ceto medio, no tax area fino a 10mila, manovra choc per Pmi con la riduzione del cuneo fiscale", sono altre priorità rimarcate da Di Maio che spiega: "il Made in Italy non potrà mai robotizzare i suoi artigiani. Se vogliamo salvare il Made in Italy va reso competitivo".

18:58Gentiloni, sì Spd per governo è passo avanti per futuro Ue

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Passa a maggioranza la proposta di Martin Schulz per concludere un accordo di grande coalizione. Un passo avanti per il futuro dell'Europa". Lo scrive su twitter il premier Paolo Gentiloni commentando il sì della Spd alla grande coalizione con la Merkel.

18:56Calcio: serie B, Brescia Avellino 2-3

(ANSA) - BRESCIA, 21 GEN - Gran colpo dell'Avellino che nel posticipo della 22/a giornata di serie B espugna il campo di Brescia al termine di una gara con cinque gol e continui cambi di scenario: finisce 3-2 per la squadra di Novellino. L'Avellino passa in vantaggio al 16': cross da sinistra di Bidaoui sul secondo palo dove è appostato Molina che non sbaglia. Il Brescia ribalta però la partita in un minuto: tra il 27' e il 28' ecco la doppietta di Torregrossa con il primo gol di testa, il secondo di destro potente. Non è tutto perchè nella ripresa c'è un altro colpo di scena: l'Avellino prima fa il 2-2 (all'8') con Castaldo e poi trova il vantaggio al 15' con Bidaoui. In entrambe le circostanze, pasticci della difesa di casa. L'Avellino sale a quota 28 punti, il Brescia resta a 23.

18:51Shutdown, Trump suggerisce cambio regole voto Senato

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump suggerisce che si cambino le regole di voto al Senato per superare l'impasse che ha portato allo shutdown dell'amministrazione federale. "Se l'impasse continua i repubblicani dovrebbero puntare al 51% (Opzione Nucleare) e votare per un vero e duraturo testo sul bilancio", ha scritto il presidente in un tweet. Le regole in vigore prevedono una 'supermaggioranza' di 60 voti su 100 al Senato per l'approvazione del provvedimento che finanzia il governo.

18:47Calcio: Spalletti, dispiace se Nainggolan va in Cina

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - "Il calcio è fatto così. A Roma sanno cosa fare, negli ultimi anni sono sempre stati in alta classifica. Ora hanno passato il turno di Champions, hanno giocatori di altissimo livello, Di Francesco ha ottenuto ottimi risultati. Bisogna essere pronti a gestire queste situazioni". Dai microfoni di Premium Sport Luciano Spalletti, tecnico dell'Inter, commenta così, a poche ore dalla partita contro la Roma, l'eventuale cessione di Dzeko e Nainggolan da parte del club giallorosso. "Mi dispiacerebbe - dice - se Nainggolan finisse in Cina, è un alieno e per questo a volte fa anche delle cavolate ma è un giocatore fantastico".

Archivio Ultima ora