Imprenditori con Renzi, consenso bulgaro a Cernobbio

Pubblicato il 02 settembre 2016 da ansa

Imprenditori con Renzi,consenso bulgaro a Cernobbio

Imprenditori con Renzi,consenso bulgaro a Cernobbio

CERNOBBIO (COMO) – La seconda volta di Matteo Renzi a Cernobbio non ha incrinato il rapporto tra il presidente del consiglio e gli imprenditori italiani che, stando ai giudizi emersi, dimostrano di non aver perso fiducia nell’ex-rottamatore. Renzi ha parlato a braccio mostrando per due volte con il suo tablet le copertine dell’Economist e del Time per indicare che l’economia non è il principale dei problemi da risolvere, ammettendo che l’Italia “farà meglio, ma il meglio non è abbastanza”.

Ne è seguito un confronto a domande e risposte durante il quale – stando alle testimonianze dei presenti – il premier non è mai stato interrotto e ha guadagnato un applauso convinto nel finale. Anche i toni poco trionfalistici, scelti da Renzi, avrebbero aiutato a confermare il feeling con la platea.

E un sondaggio da Ansa, svolto al termine della giornata, lo ha sancito con un consenso ‘bulgaro’ alle ragioni del capo del governo. A tutto campo i temi sui quali imprenditori e manager hanno interagito col premier, dal referendum costituzionale, sul quali qualcuno ha lamentato scarsa informazione, agli investimenti nel progetto Casa Italia (il terremoto è una grande tragedia non un’opportunità, ha sottolineato il premier, secondo quanto riferiscono i partecipanti), fino al tema scottante della banche.

E qui, stimolato da una domanda sulla digitalizzazione, Renzi ha invitato a riflettere sui cambiamenti che in questi anni hanno cambiato il settore, fino a citare l’esempio di sua moglie, che prima si recava in filiale e oggi fa tutto dallo smartphone.

Il presidente del Consiglio ha parlato di esuberi e dell’eccesso di filiali in Italia, segnalando, anche a porte chiuse, dopo il suo intervento pubblico, come sia inevitabile una razionalizzazione. Qui ha fatto un numero, 145.000, parlando di quanti potrebbero essere accompagnati a lasciare il posto di lavoro. L’a.d di Banca Ifis Giovanni Bossi, interpellato dall’ANSA, si è detto d’accordo con Renzi: “è una cosa giusta, è una cosa che va detta, ed è bene che cominciamo a metabolizzarla.

Il banchiere ha ricordato che ci sono 330 mila addetti oggi in Italia e, sulla base dei numeri fatti, potranno diventare in prospettiva quasi la metà. Non si è voluto esprimere direttamente, il presidente di SocGen ed ex consigliere della Bce Lorenzo Bini Smaghi in quanto “rappresentante di una banca estera”, ma ha dato ragione a Renzi quando ha detto che “in Italia le banche sono troppe”. E secondo Bini Smaghi sono troppe non soltanto in Italia, ma anche in Germania.

Ultima ora

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

20:41Tusk, con Trump non abbiamo visione comune su Russia

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Con Donald Trump "abbiamo fatto progressi soprattutto sull'antiterrorismo ma altre questioni restano aperte, come il clima ed il commercio. E non sono al 100% sicuro che abbiamo una posizione comune sulla Russia, anche se sul conflitto in Ucraina siamo sulla stessa linea". Lo ha detto Donald Tusk in una breve dichiarazione fatta al termine dell'incontro con Donald Trump.

20:35Maestre d’asilo arrestate per maltrattamenti a Piacenza

(ANSA) - PIACENZA, 25 MAG - Due educatrici di un asilo nido di Piacenza sono state arrestate con l'accusa di maltrattamenti nei confronti dei bambini della struttura. I carabinieri della stazione di Piacenza Levante si sono presentati con due pattuglie prelevando le due donne piacentine e portandole in caserma. Riserbo assoluto sull'indagine, ma pare che i carabinieri abbiano eseguito un arresto in flagranza di reato, probabilmente grazie a telecamere nascoste nell'asilo, e che avrebbero filmato settimane di presunti maltrattamenti. Sulla vicenda è intervenuto con una nota anche il sindaco di Piacenza Paolo Dosi: "il Comune di Piacenza è parte lesa in questa vicenda e per questo confidiamo in un'azione degli organi inquirenti quanto più rapida e approfondita possibile. È un vero fulmine a ciel sereno, privo del benché minimo campanello di allarme, sia in termini di segnalazioni delle famiglie, che di risultanza dei costanti monitoraggi". (ANSA).

20:15Catalogna: ministro difesa Madrid, impediremo referendum

(ANSA) - MADRID, 25 MAG - Il ministro della difesa spagnolo Maria Dolores de Cospedal ha affermato che il governo di Madrid impedirà lo svolgimento di un referendum sull'indipendenza della Catalogna. "Faremo quello che dovremo fare" ha detto alla radio Cadena Cope. Il presidente secessionista catalano Carles Puigdemont ha promesso che convocherà un referendum sull'indipendenza entro fine settembre nonostante il veto di Madrid. El Pais scrive oggi, citando fonti autorevoli del governo di Madrid, che il premier conservatore Mariano Rajoy "userà tutti i mezzi a sua disposizione" per evitare lo svolgimento del referendum catalano. Secondo il quotidiano l'esecutivo spagnolo ha pronto già da mesi "un memorandum segreto". Il vicepresidente catalano Oriol Junqueras ha indicato di recente che "tutto è pronto" per la tenuta del referendum, e ai primi di maggio il governo di Barcellona ha avviato le procedure per l'acquisto delle urne. La data in cui potrebbe svolgersi ancora non è stata resa nota.

Archivio Ultima ora