Sisma: Transennato Palazzo dei Capitani ad Ascoli Piceno, simbolo della città

Pubblicato il 05 settembre 2016 da ansa

Palazzo dei Capitani del Popolo ad Ascoli Piceno

Palazzo dei Capitani del Popolo ad Ascoli Piceno

ASCOLI PICENO. – Il terremoto ha dato uno schiaffo a uno dei palazzi storici più belli d’Italia, il Palazzo dei Capitani del Popolo che campeggia nella piazza omonima di Ascoli Piceno. Come dire Palazzo della Signoria a Firenze, il simbolo e il cuore della città marchigiana ferita anch’essa dalla scossa di magnitudo 6 dei 24 agosto e dalla sequenza sismica ancora in atto.

Entrando in piazza del Popolo, gli ascolani hanno avuto un tuffo al cuore: l’edificio trecentesco, su cui nel ‘500 mise le mani Cola d’Amatrice, è apparso completamente transennato. “Da uno dei sopralluoghi – spiega il sindaco Guido Castelli – è emerso un disallineamento fra i merli della torre civica del Palazzo e le tamponature della struttura sottostante, che si sono leggermente ‘spanciate'”.

L’area è stata transennata in via cautelativa, e l’ingresso all’edificio interdetto. I lavori sono già cominciati: si farà un cerchiaggio della torre, una cintura di ferro che conterrà lo ‘spanciamento’. “Metteremo a posto la nostra torre in quattro o cinque giorni al massimo – assicura il primo cittadino -, non consentiremo al sisma di avere la meglio su uno dei simboli di Ascoli Piceno”.

Ai Capitani, nella Sala della Ragione, si riunisce il consiglio comunale; i sotterranei ospitano un importante percorso archeologico, e poi c’è la biglietteria del Teatro Ventidio Basso.

Innalzato nel 13mo secolo, il Palazzo venne modificato a partire dal 1520. E proprio da Cola dell’Amatrice, l’artista attivo fra i centri di Lazio e Marche terremotati le cui opere sono in questi giorni in cima alle preoccupazioni di tutti i ‘salvatori dell’arte’.

Altri lavori furono fatti nel 1535, dopo un incendio. La facciata ha un portale sovrastato dal monumento di Paolo III (1549) di Lazzaro di Francesco, detto Ferrone, mentre la statua del papa è del fiorentino Simone Cioli (1544). Ai lati del portale si aprono due voltoni sormontati da una piccola loggia a due luci. In alto, grandi finestre e due balconcini.

Sul cornicione svetta la Torre del ‘200, con i suoi merli agli angoli, quelli che ora si sono disallineati, con una cuspide poligonale. La parte meglio conservata del rifacimento di Cola dell’Amatrice dà su una strada laterale, via del Trivio.

Tutto il potere ascolano nei secoli è passato da qui: Palazzo dei Capitani è stato sede del Comune dal 1400 al 1564, residenza dei Governatori, poi Legati pontifici, fino all’uso polivalente di oggi.

Tanta storia, e tanta vita quotidiana. Con un ruolo non minore di fondale dello ‘struscio’ cittadino, quello immortalato da Pietro Germi nel film ‘Alfredo Alfredo’ con Dustin Hoffman e Stefania Sandrelli.

Ultima ora

23:01Undicenne incinta dopo violenza, arrestato vicino casa

(ANSA) - TORINO, 24 NOV - Incinta, dopo una violenza sessuale, a soli 11 anni. Un uomo di 35 anni è stato arrestato dalla polizia, a Torino, perché accusato di aver abusato della figlia di una vicina di casa di cui si prendeva cura quando i genitori non c'erano. La piccola, lo scorso 17 novembre, è stata accompagnata all'ospedale dalla mamma perché "aveva la pancia gonfia". I medici le hanno spiegato che, in realtà, aspettava un bimbo. Al momento l'uomo, difeso dall'avvocato Wilmer Perga, si è avvalso della facoltà di non rispondere. (ANSA).

22:59Droga: cocaina in thermos figlio 14 mesi, padre arrestato

(ANSA) - SINALUNGA (SIENA), 24 NOV - Nascondeva la cocaina nel thermos del figlio di 14 mesi per svolgere indisturbato la sua attività di spaccio. Per questo un 32enne di origini albanesi ma da tempo in Italia, residente a Sinalunga (Siena) è stato arrestato dalla Polizia con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L'uomo, giudicato per direttissima, si trova ora ai domiciliari. Gli investigatori della Sezione Antidroga della Squadra Mobile da tempo monitoravano le attività dell'uomo e ieri sera, lo hanno fermato a bordo della sua auto per un controllo. A bordo c'erano due pacchetti sottovuoto con 50 grammi di cocaina ciascuno. A casa, nel corso della perquisizione, i poliziotti hanno trovato altri due pacchetti sottovuoto di oltre 50 grammi ciascuno di cocaina e un altro involucro termosaldato, contenente più di 12 grammi della stessa droga, nascosto dentro al thermos del piccolo, in cucina.

22:58Sieropositivo fa credere di essere sano per rapporti,fermato

(ANSA) - FIRENZE, 24 NOV - Avrebbe preteso rapporti non protetti pur sapendo di esser sieropositivo, convincendo i partner di essere sano e di avere un'allergia al lattice. In questo modo l'uomo, un 24enne originario della Romania, residente a Firenze, avrebbe infettato il suo compagno, e dopo la fine della loro relazione avrebbe continuato ad avere rapporti non protetti con altri partner, risultati poi negativi al test dell'Hiv. Per il 24enne è scattato l'arresto, in esecuzione di una misura di custodia cautelare in carcere disposta dal gip di Firenze Paola Belsito su richiesta della pm Christine Von Borries: lesioni gravissime e tentate lesioni gravissime le accuse contestate.

22:48Calcio:striscioni pro Mladic,Zenit sotto inchiesta da Uefa

(ANSA) - NYON (SVIZZERA), 24 NOV - L'Uefa ha avviato un procedimento a carico dello Zenit di San Pietroburgo, dopo che i suoi tifosi, ieri nel corso del match di Europa League contro i macedoni del Vardar, hanno srotolato uno striscione di dieci metri inneggiante al criminale di guerra Ratko Mladic. Si tratta del generale serbo che, per le atrocità commesse durante il conflitto nella ex Jugoslavia, mercoledì scorso è stato condannato all'ergastolo per genocidio e crimini contro l'umanità dal Tribunale internazionale delle Nazioni Unite. In Russia Mladic ha sempre goduto di simpatie tra gruppi di fanatici nazionalisti e razzisti e ora anche gli ultrà dello Zenit gli hanno voluto testimoniare la loro 'vicinanza'. Per questo ora il club allenato da Roberto Mancini rischia un provvedimento disciplinare da parte dell'Uefa.

22:38Calcio: già in 50.000 per Napoli-Juventus

(ANSA) - NAPOLI, 24 NOV - Sono già 50.000 gli spettatori che hanno il biglietto in tasca per Napoli-Juventus di venerdì primo dicembre. Il Napoli ha, infatti, comunicato che, finora, sono circa 50.000 i biglietti venduti, compresa la quota abbonati, che a Napoli da anni è particolarmente bassa e conta solo 6.000 fedelissimi. Per il big match contro i bianconeri ci sarà quindi il tutto esaurito e, verosimilmente, si va verso un record d'incasso.

22:17Violenza donne: ‘Non sei da sola’ su grattacielo Pirelli

(ANSA) - MILANO, 24 NOV - In vista della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che ricorre domani, la facciata principale di Palazzo Pirelli, sede del Consiglio regionale della Lombardia, si è illuminata questa sera con la scritta "Non sei da sola": un'iniziativa simbolica, viene spiegato in una nota, "per dire basta alle violenze sulle donne e ricordare che in Lombardia ci sono leggi per la tutela delle vittime". Lo stesso messaggio si "accenderà" sul Pirellone anche domani e domenica sera. Nel primo semestre 2017 sono state 3 mila e 737 le donne che hanno chiesto aiuto ai centri antiviolenza, mentre 189 donne e 154 minori sono ospiti delle case rifugio. "La retorica non serve. Servono azioni mirate e concrete di educazione, rispetto e insieme di prevenzione e contrasto ad un fenomeno che ha dati preoccupanti", sottolinea il presidente dell'Assemblea lombarda Raffaele Cattaneo.

22:15Pagnozzi confermato segretario Comitati olimpici europei

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - La 46/a assemblea dei Comitati Olimpici Europei, in svolgimento a Zagabria, ha eletto per acclamazione lo sloveno Janez Kocijancic alla guida dei Coe per il quadriennio 2017-2021. Kocijancic era - da un anno - facente funzione dopo l'uscita di scena dell'irlandese Hickey. L'Assemblea ha anche confermato, sempre per acclamazione, Raffaele Pagnozzi segretario per la terza volta e Kikis Lazarides come tesoriere. Per il ruolo di vicepresidente è stato eletto il danese Niels Nygaard con 27 voti, preferito all'olandese Andrè Bolhuis. Nel consiglio sono stati eletti Spyros Capralos (41 voti), Djordje Visacki (41), Jean Michel Brun (40), Andrezej Krasnicki (37), Zlatko Matesa (37), Daina Gudzineviciute (36), Liney Rut Halldorsdottir (33), Alejandro Blanco (31), Jozef Liba (31), Hasan Arat (28) e Bill Sweeney (29). All'Assemblea di Zagabria il Coni è presente con il presidente Giovanni Malagò e con il segretario generale, Roberto Fabbricini.All'apertura dei lavori ha partecipato anche il Presidente del Cio Thomas Bach.

Archivio Ultima ora