Papa: Teresa, santa per un mondo sfiduciato e avido di tenerezza

Pubblicato il 05 settembre 2016 da ansa

Papa: Teresa, santa per mondo sfiduciato, avido tenerezza

Papa: Teresa, santa per mondo sfiduciato, avido tenerezza

CITTA’ DEL VATICANO.- “Secondo la mia vocazione appartengo al mondo”, disse una volta la suora “albanese di sangue, indiana di cittadinanza”. E il mondo si è radunato oggi in piazza San Pietro, – sotto l’arazzo che la ritrae con l’inconfondibile espressione sul viso, il sari bianco e azzurro tessuto dai lebbrosi, le mani tozze e nodose – per la messa con la quale il Papa l’ha proclamata santa.

Madre Teresa di Calcutta, al secolo Gonxha Agnes Bojaxhiu, nata nel 1910 e morta nel 1997, per Bergoglio è una santa che è “tanto vicina a noi, tanto tenera e feconda, che spontaneamente continueremo a dirle ‘madre Teresa’”. E’ una “emblematica figura di donna e di consacrata” che il papa latinoamericano ha “consegnato” come “modello di santità”, per aprire “orizzonti di gioia e di speranza a tanta umanità sfiduciata e bisognosa di comprensione e tenerezza”.

Ricordando la capacità della piccola suora di accogliere e difendere la “vita umana, quella non nata e quella abbandonata e scartata”. “Artigiana della carità e della misericordia”, aveva detto il Papa, che poi ha ricordato il “misericordia voglio, non sacrifici”, che da sempre Dio dice ai profeti, e da sempre i profeti ripetono all’umanità dimentica. Ma se ieri papa Francesco aveva insistito sulla tentazione dell’umanità di cadere nella indifferenza, ha messo l’accento sul bisogno di “comprensione e tenerezza” di questa stessa umanità.

Madre Teresa di Calcutta, ha anche rimarcato il Papa, “si è chinata sulle persone sfinite, lasciate morire ai margini delle strade, riconoscendo la dignità che Dio aveva loro dato; ha fatto sentire la sua voce ai potenti della terra, perché riconoscessero le loro colpe dinanzi ai crimini, dinanzi ai crimini – ha ripetuto – della povertà creata da loro stessi”.

“La sua missione nelle periferie delle città e nelle periferie esistenziali – ha aggiunto – permane ai nostri giorni come testimonianza eloquente della vicinanza di Dio ai più poveri tra i poveri”. Oltre centoventimila persone hanno partecipato alla messa in piazza, e quando dopo l’Angelus papa Francesco ha fatto il giro in papamobile anche via della Conciliazione si era riempita di fedeli e persone acclamanti. E, secondo la questura di Roma, “il piano sicurezza ha tenuto molto bene”.

Hanno partecipato al rito autorità e istituzioni, – da una ventina di Paesi, tra cui India, Albania, Italia, con il ministro per la semplificazione, Marianna Madia, Stati Uniti, Spagna con la regina Sofia, Messico – suore e missionari, ma anche poveri e bisognosi, compresi 1.500 assistiti nei dormitori delle suore della Carità di tutta Italia, che poi hanno pranzato con pizza, su invito del Papa, nell’atrio della aula Paolo VI.

Tutti loro, sotto il sole ancora caldo di settembre hanno ascoltato la Chiesa e il Papa, ripercorrere la vita di madre Teresa, e la strada che l’ha condotta alla santità. E quando Bergoglio ha letto in latino la formula della canonizzazione, un applauso si è levato dalla piazza. Il mondo cui la suora si sentiva di appartenere si è visto nelle nazionalità presenti, nelle lingue usate per la celebrazione, compreso il vangelo letto in greco, negli inni, nei canti e nelle preghiere di un rito che per sua natura manifesta la universalità della Chiesa: da ieri viene autorizzato il culto di madre Teresa in tutto il mondo.

Il caso, secondo alcuni la provvidenza, ha voluto che la guarigione senza spiegazioni scientifiche, avvenuta nel 2009, dell’ingegnere brasiliano Marcilio Haddad Andrino – che ha portato le offerte all’altare insieme alla moglie e ai due figli – fosse segnalata alla postulazione guidata da padre Brian Kolodiejchuk soltanto nel 2013, così che madre Teresa è arrivata alla santità durante il giubileo della misericordia proclamato da papa Francesco.

Quale testimone migliore per l’amore concreto predicato dal Papa, di questa piccola suora che per gran parte della sua vita ha raccolto moribondi e orfani dalla strada, nutrito gli affamati, lavato i poveri togliendo loro i vermi dalle carni, senza pronunciare troppo spesso la parola misericordia e addirittura, – le consorelle e i confratelli lo hanno scoperto soltanto dopo la morte – attraversando anni di una pesante oscurità spirituale? Eppure folle di gente la chiamavano Madre e per tutti è diventata l’incarnazione del samaritano.

Senza ideologie e senza sudditanza ai potenti, ha ricordato papa Francesco, con semplicità disarmante, ha incarnato l’amore cristiano.

(giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

01:02Senato respinge revoca Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON 27 LUG - Il Senato degli Stati Uniti ha bocciato il testo presentato dai repubblicani per la semplice revoca della maggior parte della riforma sanitaria detta Obamacare senza prevedere un testo che la sostituisca. Il Senato degli Stati Uniti ha respinto con 45 voti favorevoli e 55 voti contrari. Il senato ha già dato il via libera alla discussione su un nuovo testo da mettere a punto per sostituire la riforma sanitaria di Obama, visto che quello già elaborato non è andato avanti per le divisioni dei repubblicani.

00:29Tunisia: passa la legge contro la violenza sulle donne

(ANSAmed) - TUNISI, 26 LUG - Voto storico a Tunisi. Dopo un iter parlamentare accidentato e ostacolato da rinvii che avevano fatto temere un fallimento, il parlamento tunisino ha approvato all'unanimità con 146 voti a favore la legge organica contro la violenza e i maltrattamenti sulle donne e per la parità di genere. Quarantatrè articoli divisi in 5 capitoli per fornire misure efficaci per lottare contro ogni forma di violenza o sopruso basato sul genere. Il testo ha l'obiettivo di garantire alla donna il rispetto della dignità e assicurare l'uguaglianza tra i sessi, garantita dalla Costituzione, attraverso un approccio globale basato sulla prevenzione, la punizione dei colpevoli e la protezione delle vittime. La legge punta inoltre ad eliminare ogni forma di disuguaglianza tra i sessi anche sul lavoro.

00:27Calcio: Champions League, Nizza-Ajax 1-1

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Mario Balotelli a segno, ma il Nizza non riesce ad imporsi sull'Ajax che dalla Costa Azzurra porta via un prezioso 1-1 nell'andata di una delle gare del terzo turno preliminare di Champions League. Al vantaggio rossonero al 32' grazie all'attaccante italiano, infatti, i Lancieri hanno risposto al 4' della ripresa con van de Beek. Mercoledì prossimo la gara di ritorno che varrà l'accesso ai playoff. Tra gli altri risultati delle gare di oggi, da segnalare lo 0-0 fra gli scozzesi del Celtic e i norvegesi del Rosenborg e il 3-1 degli ucraini della Dynamo Kiev sugli svizzeri dello Young Boys.

00:03Sci: Italia Team, operata l’azzurra Marsaglia

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Francesca Marsaglia è stata operata presso la clinica La Madonnina, a Milano, per una sindrome pubico-inguinale che le impediva di allenarsi con regolarità. Lo rende noto la Federsci precisando che l'operazione è stata effettuata dal dottor Gianpiero Campanelli, sotto la supervisione della Commissione medica della Fisi. La 27enne sciatrice azzurra dovrà ora osservare una decina di giorni di riposo assoluto e ricominciare gradualmente la preparazione: l'obiettivo, conclude la Fisi, è quello di presentarsi regolarmente alla partenza del viaggio sudamericano con destinazione Ushuaia (Argentina), ad inizio settembre.

23:28Calcio: 1-0 al Lille di Bielsa, il “Bortolotti” all’Atalanta

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - L'Atalanta di Gian Piero Gasperini ha vinto la ventitreesima edizione del trofeo "Achille e Cesare Bortolotti", intitolato alla memoria dei due presidenti scomparsi, battendo per 1-0 il Lille di Marcelo Bielsa davanti a poco meno di diecimila spettatori. A segno nel primo tempo Cristante (14') che controlla e di esterno destro piazza sotto la traversa l'assist con scavetto di Gomez. Nella ripresa, Gollini salva il risultato parando a Benzia un rigore concesso per un contatto fra Palomino e Ponce. Per i nerazzurri una prova discreta in attesa delle altre sgambate internazionali: quella con il Borussia Dortmund del primo agosto ad Altach (19.30) e quella a Valencia l'11 dello stesso mese. Da giovedì, intanto, squadra a San Gallo per la seconda fase della preparazione.

23:24Calcio: Marotta, offerta a Lotito per Keita Baldé

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Abbiamo parlato con Lotito per Keita Baldé. Abbiamo fatto la nostra proposta, ora sta a lui valutarla". L'ad della Juventus Beppe Marotta esce allo scoperto e annuncia di voler acquistare l'esterno della Lazio. Non nega neppure una trattativa per Matuidi: "È un'ipotesi. Stiamo valutando alcune situazioni, non nascondiamo che cerchiamo un centrocampista d'esperienza". Poi, su Schick chiarisce: "Mi spiace che sia andata così e che non si sia arrivati alla conclusione per impedimenti oggettivi. È un talento emergente, ma per il momento è un'operazione chiusa". Quindi, esclude la cessione di Dybala, nonostante piaccia al Barcellona: "Abbiamo rifiutato tante offerte. Quando un giocatore è contento di rimanere alla Juve, ci resta finché vuole". Infine, sulla possibilità di affidare la maglia n.10 al neoarrivato Bernardeschi: "È una maglia pesante nella storia della Juventus e del calcio in generale, valuteremo. È anche una forma di protezione per non esporlo a troppe responsabilità. Bisogna essere molto cauti".

23:00Calcio: Tavecchio, col Var ci aspettiamo meno polemiche

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Con il Var ci aspettiamo molte meno polemiche. Sono stato fra i primi a chiederlo ai tempi di Blatter e sono felice che quest'anno entri in vigore. All'inizio bisognerà abituarsi, ma è una novità sicuramente positiva. Garantirà maggiore sicurezza nelle analisi degli arbitri". Il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A, parla dell'introduzione del Var.

Archivio Ultima ora