Papa: Teresa, santa per un mondo sfiduciato e avido di tenerezza

Pubblicato il 05 settembre 2016 da ansa

Papa: Teresa, santa per mondo sfiduciato, avido tenerezza

Papa: Teresa, santa per mondo sfiduciato, avido tenerezza

CITTA’ DEL VATICANO.- “Secondo la mia vocazione appartengo al mondo”, disse una volta la suora “albanese di sangue, indiana di cittadinanza”. E il mondo si è radunato oggi in piazza San Pietro, – sotto l’arazzo che la ritrae con l’inconfondibile espressione sul viso, il sari bianco e azzurro tessuto dai lebbrosi, le mani tozze e nodose – per la messa con la quale il Papa l’ha proclamata santa.

Madre Teresa di Calcutta, al secolo Gonxha Agnes Bojaxhiu, nata nel 1910 e morta nel 1997, per Bergoglio è una santa che è “tanto vicina a noi, tanto tenera e feconda, che spontaneamente continueremo a dirle ‘madre Teresa’”. E’ una “emblematica figura di donna e di consacrata” che il papa latinoamericano ha “consegnato” come “modello di santità”, per aprire “orizzonti di gioia e di speranza a tanta umanità sfiduciata e bisognosa di comprensione e tenerezza”.

Ricordando la capacità della piccola suora di accogliere e difendere la “vita umana, quella non nata e quella abbandonata e scartata”. “Artigiana della carità e della misericordia”, aveva detto il Papa, che poi ha ricordato il “misericordia voglio, non sacrifici”, che da sempre Dio dice ai profeti, e da sempre i profeti ripetono all’umanità dimentica. Ma se ieri papa Francesco aveva insistito sulla tentazione dell’umanità di cadere nella indifferenza, ha messo l’accento sul bisogno di “comprensione e tenerezza” di questa stessa umanità.

Madre Teresa di Calcutta, ha anche rimarcato il Papa, “si è chinata sulle persone sfinite, lasciate morire ai margini delle strade, riconoscendo la dignità che Dio aveva loro dato; ha fatto sentire la sua voce ai potenti della terra, perché riconoscessero le loro colpe dinanzi ai crimini, dinanzi ai crimini – ha ripetuto – della povertà creata da loro stessi”.

“La sua missione nelle periferie delle città e nelle periferie esistenziali – ha aggiunto – permane ai nostri giorni come testimonianza eloquente della vicinanza di Dio ai più poveri tra i poveri”. Oltre centoventimila persone hanno partecipato alla messa in piazza, e quando dopo l’Angelus papa Francesco ha fatto il giro in papamobile anche via della Conciliazione si era riempita di fedeli e persone acclamanti. E, secondo la questura di Roma, “il piano sicurezza ha tenuto molto bene”.

Hanno partecipato al rito autorità e istituzioni, – da una ventina di Paesi, tra cui India, Albania, Italia, con il ministro per la semplificazione, Marianna Madia, Stati Uniti, Spagna con la regina Sofia, Messico – suore e missionari, ma anche poveri e bisognosi, compresi 1.500 assistiti nei dormitori delle suore della Carità di tutta Italia, che poi hanno pranzato con pizza, su invito del Papa, nell’atrio della aula Paolo VI.

Tutti loro, sotto il sole ancora caldo di settembre hanno ascoltato la Chiesa e il Papa, ripercorrere la vita di madre Teresa, e la strada che l’ha condotta alla santità. E quando Bergoglio ha letto in latino la formula della canonizzazione, un applauso si è levato dalla piazza. Il mondo cui la suora si sentiva di appartenere si è visto nelle nazionalità presenti, nelle lingue usate per la celebrazione, compreso il vangelo letto in greco, negli inni, nei canti e nelle preghiere di un rito che per sua natura manifesta la universalità della Chiesa: da ieri viene autorizzato il culto di madre Teresa in tutto il mondo.

Il caso, secondo alcuni la provvidenza, ha voluto che la guarigione senza spiegazioni scientifiche, avvenuta nel 2009, dell’ingegnere brasiliano Marcilio Haddad Andrino – che ha portato le offerte all’altare insieme alla moglie e ai due figli – fosse segnalata alla postulazione guidata da padre Brian Kolodiejchuk soltanto nel 2013, così che madre Teresa è arrivata alla santità durante il giubileo della misericordia proclamato da papa Francesco.

Quale testimone migliore per l’amore concreto predicato dal Papa, di questa piccola suora che per gran parte della sua vita ha raccolto moribondi e orfani dalla strada, nutrito gli affamati, lavato i poveri togliendo loro i vermi dalle carni, senza pronunciare troppo spesso la parola misericordia e addirittura, – le consorelle e i confratelli lo hanno scoperto soltanto dopo la morte – attraversando anni di una pesante oscurità spirituale? Eppure folle di gente la chiamavano Madre e per tutti è diventata l’incarnazione del samaritano.

Senza ideologie e senza sudditanza ai potenti, ha ricordato papa Francesco, con semplicità disarmante, ha incarnato l’amore cristiano.

(giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

06:18Slavina su hotel, arrivati i soccorritori

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Sono giunti sul posto i soccorritori in marcia da ore nella neve per raggiungere l'hotel Rigopiano in provincia di Pescara, travolto ieri da una slavina mentre ospitava circa 20 persone. Gli uomini del Soccorso alpino Guardia di finanza (Sagf) e del Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico (Cnsas) ancora non sentono voci provenire dall'interno, ma vedono alcune luci accese.

02:52Slavina su hotel, “aiuto, moriamo di freddo”

(ANSA) - FARINDOLA (PESCARA), 19 GEN - "Aiuto aiuto stiamo morendo di freddo": è l'sms inviato ai soccorritori dalla coppia di clienti rimasta intrappolata nell'hotel Rigopiano in provincia di Pescara, colpito da una slavina. È composta da 20 uomini e 7 mezzi dei Vigili del fuoco, due squadre del Soccorso alpino e speleologico, sei ambulanze del 118 e forze di polizia la colonna che sta cercando di raggiungere la struttura nel comune di Farindola: date le condizioni serviranno ancora ore per arrivare sul luogo, rende noto la Protezione civile. La colonna dei soccorritori si troverebbe a circa sette chilometri dall'albergo e sta incontrando diverse difficoltà a causa di un'ulteriore slavina presente sulla strada.

00:24Calcio: 4-2 al Genoa, Lazio ai quarti Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - La Lazio ha battuto il Genoa 4-2 (2-2) e si è qualificata per i quarti di finale di Coppa Italia. Biancocelesti in vantaggio al 20' pt con Djordjevic e raddoppio di Hoedt al 31', accorcia Pinilla al 41' e pareggia Pandev al 45', poi Milinkovic-Savic al 25'st e Immobile al 30' chiudono la gara. Nel prossimo turno, il 31 gennaio, la Lazio affronterà l'Inter.

22:24Obama, la democrazia ha bisogno della stampa

(ANSA) - NEW YORK, 18 GEN - "Avere voi in questo edificio ci ha fatto lavorare tutti meglio, perché la stampa è l'occhio critico su quelli che hanno il potere": Così Obama nell'ultima conferenza stampa da presidente, sottolineando come "gli americani e la democrazia hanno bisogno della stampa. "Manning ha scontato una dura sentenza in carcere, la sua condanna era sproporzionata. Ho valutato il suo caso nei dettagli", ha aggiunto sottolineando di non prestare attenzione ai tweet di Assange. "Intrattenere rapporti costruttivi con la Russia è una priorità degli Usa ed è nell'interesse del mondo", ha detto aggiungendo però che con Putin c'è stata un'escalation del sentimento anti-americano." Poi ha invitato gli Usa a difendere la propria visione del mondo e a non perpetrare prepotenze nei confronti dei Paesi più piccoli, con un riferimento a Russia e Cina. "Cordiali" i rapporti con Trump. "Gli ho offerto i miei consigli, ha aggiunto, riferendo di aver detto al presidente eletto che il lavoro del presidente è "non lo si può fare da soli".

22:00Parigi sogna il vaporetto con linee di bus fluviali

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - "Il fiume deve essere parte integrante della nostra strategia di trasporto come le teleferiche o i veicoli autonomi. Dobbiamo esplorare tutte le possibilità tecnologiche sui corsi d'acqua, dalla Senna ai canali": ne è convinta Valérie Pécresse, presidente dell'Ile-de-France, la regione parigina, e del suo sindacato dei trasporti pubblici Stif, che lo ha spiegato a Le Monde. Il sogno di Parigi è di trasformare la Senna in uno dei mezzi di trasporto abituali: il trasporto fluviale è un sogno di cui si parla da anni ma che si è sempre scontrato con la realtà per diverse ragioni, spesso logistiche ed ambientali. Ma ora Pécresse vuole provare a fare sul serio.

21:51Sindaco Montegallo, 5 frazioni isolate,40 sfollati

(ANSA) - MONTEGALLO (ASCOLI PICENO), 18 GEN - ''Abbiamo 5 frazioni isolate sotto 2 metri e 30 cm di neve, con una trentina di persone, non abbiamo energia elettrica, la situazione è critica, e intanto continua a nevicare''. Lo dice all'ANSA il sindaco di Montegallo (Ascoli Piceno) Sergio Fabiani. ''Per fortuna, ad ora, non abbiamo malati o anziani gravi da assistere''. Gli sfollati del nuovo sisma, ''non per i crolli ma per la neve e la paura'', sono 40. Già da questa sera troveranno accoglienza negli hotel di Grottammare. ''Vengono da alcune delle 23 frazioni del comprensorio. Hanno timore a restare in casa, li capisco''. In paese sono al lavoro i carabinieri, i vigili urbani del contingente messo a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna, una squadra dei vigili del fuoco, ma mancano mezzi spartineve e pale gommate che possano aprire un varco per raggiungere le frazioni. ''La Provincia di Ascoli - spiega Fabiani, che è al suo posto nonostante 38 di febbre - ha promesso che domani ci manderà dei mezzi in più''.

21:43Cannes, rapina da 15 mln in gioielleria Harry Winston

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - Un uomo a volto scoperto è entrato nella gioielleria Harry Winston sul celebre boulevard della Croisette di Cannes e si è impadronito di 26 parure di gioielli, essenzialmente di diamanti per un valore di circa 15 milioni di euro. Il ladro aveva una pistola e una granata, non si sa ancora se vera o finta, riporta il quotidiano Le Figaro. L'uomo si è presentato intorno alle 11 del mattino, da solo, nella gioielleria come un semplice cliente. Aveva il volto coperto soltanto da un paio di occhiali da sole e "ha chiesto di vedere delle parure di diamanti per conto di un acquirente. La commessa si è insospettita e gli ha mostrato un catalogo", riporta ancora il quotidiano. L'uomo, allora, ha tirato fuori le armi per farsi aprire le vetrine dalle 2 commesse presenti e facendo stendere a terra la guardia di sicurezza. Si è impadronito dei gioielli e, senza sparare nessun colpo, è riuscito a uscire dalla boutique indisturbato, a piedi come era venuto, senza lasciare traccia.

Archivio Ultima ora