Papa: Teresa, santa per un mondo sfiduciato e avido di tenerezza

Pubblicato il 05 settembre 2016 da ansa

Papa: Teresa, santa per mondo sfiduciato, avido tenerezza

Papa: Teresa, santa per mondo sfiduciato, avido tenerezza

CITTA’ DEL VATICANO.- “Secondo la mia vocazione appartengo al mondo”, disse una volta la suora “albanese di sangue, indiana di cittadinanza”. E il mondo si è radunato oggi in piazza San Pietro, – sotto l’arazzo che la ritrae con l’inconfondibile espressione sul viso, il sari bianco e azzurro tessuto dai lebbrosi, le mani tozze e nodose – per la messa con la quale il Papa l’ha proclamata santa.

Madre Teresa di Calcutta, al secolo Gonxha Agnes Bojaxhiu, nata nel 1910 e morta nel 1997, per Bergoglio è una santa che è “tanto vicina a noi, tanto tenera e feconda, che spontaneamente continueremo a dirle ‘madre Teresa’”. E’ una “emblematica figura di donna e di consacrata” che il papa latinoamericano ha “consegnato” come “modello di santità”, per aprire “orizzonti di gioia e di speranza a tanta umanità sfiduciata e bisognosa di comprensione e tenerezza”.

Ricordando la capacità della piccola suora di accogliere e difendere la “vita umana, quella non nata e quella abbandonata e scartata”. “Artigiana della carità e della misericordia”, aveva detto il Papa, che poi ha ricordato il “misericordia voglio, non sacrifici”, che da sempre Dio dice ai profeti, e da sempre i profeti ripetono all’umanità dimentica. Ma se ieri papa Francesco aveva insistito sulla tentazione dell’umanità di cadere nella indifferenza, ha messo l’accento sul bisogno di “comprensione e tenerezza” di questa stessa umanità.

Madre Teresa di Calcutta, ha anche rimarcato il Papa, “si è chinata sulle persone sfinite, lasciate morire ai margini delle strade, riconoscendo la dignità che Dio aveva loro dato; ha fatto sentire la sua voce ai potenti della terra, perché riconoscessero le loro colpe dinanzi ai crimini, dinanzi ai crimini – ha ripetuto – della povertà creata da loro stessi”.

“La sua missione nelle periferie delle città e nelle periferie esistenziali – ha aggiunto – permane ai nostri giorni come testimonianza eloquente della vicinanza di Dio ai più poveri tra i poveri”. Oltre centoventimila persone hanno partecipato alla messa in piazza, e quando dopo l’Angelus papa Francesco ha fatto il giro in papamobile anche via della Conciliazione si era riempita di fedeli e persone acclamanti. E, secondo la questura di Roma, “il piano sicurezza ha tenuto molto bene”.

Hanno partecipato al rito autorità e istituzioni, – da una ventina di Paesi, tra cui India, Albania, Italia, con il ministro per la semplificazione, Marianna Madia, Stati Uniti, Spagna con la regina Sofia, Messico – suore e missionari, ma anche poveri e bisognosi, compresi 1.500 assistiti nei dormitori delle suore della Carità di tutta Italia, che poi hanno pranzato con pizza, su invito del Papa, nell’atrio della aula Paolo VI.

Tutti loro, sotto il sole ancora caldo di settembre hanno ascoltato la Chiesa e il Papa, ripercorrere la vita di madre Teresa, e la strada che l’ha condotta alla santità. E quando Bergoglio ha letto in latino la formula della canonizzazione, un applauso si è levato dalla piazza. Il mondo cui la suora si sentiva di appartenere si è visto nelle nazionalità presenti, nelle lingue usate per la celebrazione, compreso il vangelo letto in greco, negli inni, nei canti e nelle preghiere di un rito che per sua natura manifesta la universalità della Chiesa: da ieri viene autorizzato il culto di madre Teresa in tutto il mondo.

Il caso, secondo alcuni la provvidenza, ha voluto che la guarigione senza spiegazioni scientifiche, avvenuta nel 2009, dell’ingegnere brasiliano Marcilio Haddad Andrino – che ha portato le offerte all’altare insieme alla moglie e ai due figli – fosse segnalata alla postulazione guidata da padre Brian Kolodiejchuk soltanto nel 2013, così che madre Teresa è arrivata alla santità durante il giubileo della misericordia proclamato da papa Francesco.

Quale testimone migliore per l’amore concreto predicato dal Papa, di questa piccola suora che per gran parte della sua vita ha raccolto moribondi e orfani dalla strada, nutrito gli affamati, lavato i poveri togliendo loro i vermi dalle carni, senza pronunciare troppo spesso la parola misericordia e addirittura, – le consorelle e i confratelli lo hanno scoperto soltanto dopo la morte – attraversando anni di una pesante oscurità spirituale? Eppure folle di gente la chiamavano Madre e per tutti è diventata l’incarnazione del samaritano.

Senza ideologie e senza sudditanza ai potenti, ha ricordato papa Francesco, con semplicità disarmante, ha incarnato l’amore cristiano.

(giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

13:36Tennis: Australia, battuto Ramos-Vinolas e Djokovic a ottavi

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Novak Djokovic si è qualificato per gli ottavi di finale degli Open d'Australia di tennis. Il serbo, ex n.1 del mondo e testa di serie numero 14, ha facilmente superato in tre set (6-2, 6-3, 6-3) lo spagnolo Albert Ramos-Vinolas. Prossimo avversario di 'Nole' sarà il sudcoreano Hyeon Chung, autore dell'eliminazione del numero 4 del seeding, il tedesco Alexander Zverev.

13:30Video sindaco Cerignola su Fb a malavitosi,’siate maledetti’

(ANSA) - CERIGNOLA (FOGGIA), 20 GEN - Il sindaco di Cerignola, Franco Metta, ha postato sulla pagina Facebook personale e di primo cittadino un video in cui attacca duramente la malavita locale che negli ultimi tempi ha compiuto numerose intimidazioni, soprattutto a scopo estorsivo. "Siate maledetti - dice Metta parlando dal suo ufficio di sindaco e rivolgendosi ai malavitosi - uscite di notte come gli scarafaggi e come i topi per colpire la povera gente che lavora, la povera gente che fa i sacrifici per buttare nel panico questa comunità che sta facendo di tutto per risollevarsi. Siate maledetti, siete quattro vigliacchi. Noi non vi lasceremo questa città, combatteremo fino alla fine per Cerignola. Siate stramaledetti". Il video sta diventando virale sul web.

13:19Sci: Cdm,in libera Kitzbuehel Innerhofer cade ma senza danni

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 20 GEN - Christoph Innerhofer, pettorale 2 e primo azzurro in pista nella discesa sulla Streif a Kitzbuehel, è caduto spettacolarmente, ma senza danni. L'incidente - mentre aveva un buon tempo - è stato in parte simile a quello di Sofia Goggia nella discesa di Cortina. E' accaduto sul dente che immette sullo Schuss finale dopo la lunga traversa della Hausbergkante. Innerhofer è stato sbilanciato e lo sci sinistro si è alzato in alto con la punta verso il cielo. L'azzurro è scivolato sulla neve per parecchi metri, ma poi si è rialzato senza problemi.

13:02Sci: Goggia, ho sbagliato nel salto ma adesso riparto

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO (BELLUNO), 20 GEN - E' stato fortunatamente più spettacolare che altro il presentat'arm - con le punte degli sci paralleli rivolte al cielo - che Sofia Goggia ha fatto sul lungo e ripido salto che immette sullo Schuss delle Tofane. E' atterrata in un tratto ancora in forte pendenza e la sua schiena per alcuni metri, in una nube di neve, ha toccato il fondo pista. Poi, però, con un colpo di reni e uno sci che ha preso la giusta inclinazione, si è rialzata indenne. "Ho sbagliato all'attacco del dente sopra il salto. Non ero nella giusta posizione per il salto, ma ancora troppo arretrata. Sono però riuscita a controllare la caduta e tutto è andato bene", ha raccontato l'azzurra. "Per il SuperG di domani nessun problema. Ora resetto tutto - ha annunciato l'azzurra - e si riparte da zero: andare e via".

13:02Volvo ocean race: scontro barca-peschereccio, un morto

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - E' davvero tragico l'epilogo della 4/a tappa della Volvo ocean race di vela, che ha portato le barche da Melbourne a Hong Kong ed è stata vinta da Sun Hung Kai/Scallywag. A poche miglia dal traguardo, Vestas 11th Hour racing dello skipper Charlie Enright è stata coinvolta in una collisione con un piccolo peschereccio che ha provocato un morto. La notizia è stata confermata dagli organizzatori della regata che manifestano "i più profondi sentimenti di cordoglio alla famiglia della vittima". L'incidente è avvenuto a circa 30 miglia dal traguardo della 4/a tappa, fuori dalle acque di Hong Kong. Fra i componenti il team Vestas 11th Hour racing non ci sono feriti: dall'imbarcazione - secondo quanto informano gli organizzatori - è partito il segnale di 'mayday' verso il Centro di coordinamento del soccorso in Mare di Hong Kong. Immediato l'intervento dei soccorritori che hanno potuto recuperare nove componenti dell'equipaggio, mentre il decimo è stato trasportato in ospedale con un elicottero, ma è spirato poco dopo.

12:58Sci: discesa Cortina, vittoria Vonn

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO (BELLUNO), 20 GEN - Sofia Goggia ha sbagliato, facendo uno spettacolare e pericoloso presentat'arm sul salto che immette sullo Schuss delle Tofane e ha così lasciato strada libera al successo della statunitense Lindsey Vonn nella discesa di Cdm di Cortina. Vonn ha vinto in 1'36"48, lasciandosi alle spalle Tina Weirather del Liechtenstein in 1'37"40 e l'altra statunitense Jacqueline Wiles (1'37"46). Per Vonn è il 12/o successo a Cortina, il 79/o in Coppa del mondo. Fuori Goggia - che atterrando sul salto è finita con la schiena sulla neve, scivolando per alcuni metri, ma rialzandosi indenne con un formidabile colpo di reni - per l'Italia la migliore è stata Johanna Schnarf 9/a in 1'38"29. Più indietro, al momento 16/a, c'è Nicol Delago in 1'38"69: poi, Nadia Fanchini in 1'38"80, Federica Brignone in 1'38"81, Verena Stuffer in 1'38"95. Domani per Goggia e compagne ci sarà modo di rifarsi con il SuperG che chiude la tappa di Cortina.

12:55Tennis: Australia, Berdych agli ottavi e sfiderà Fognini

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Sarà Tomas Berdych l'avversario di Fabio Fognini, negli ottavi di finale degli Open d'Australia Il ceco, 19/a testa di serie, ha regolato per 6-3, 6-3, 6-2 l'argentino Juan Martin Del Potro, n. 12 del seeding. Esce a sorpresa il tedesco Alexander Zverev, testa di serie n. 4, battuto dal sudcoreano Hyeon Chung, vincitore a novembre delle Next Gen Atp Finals, che si è imposto in 5 set con il punteggio di 5-7, 7-6 (7-3), 2-6, 6-3, 6-0. Avanza l'austriaco Dominic Thiem, testa di serie n. 5, che ha superato per 6-4, 6-2, 7-5 il francese Adrien Mannarino (n. 26). Altri risultati Sandgren-Marterer 5-7, 6-3, 7-5, 7-6 (7-5); Fucsovics-Kicker 6-3, 6-3, 6-2.

Archivio Ultima ora