L’Europa chiede aiuto sui migranti. Ue vicina al limite d’accoglienza

Pubblicato il 05 settembre 2016 da ansa

L'Europa chiede aiuto sui migranti. Ue vicina al limite d’accoglienza

L’Europa chiede aiuto sui migranti. Ue vicina al limite d’accoglienza

HANGZHOU (CINA). – Il mondo non cresce: dal vecchio continente alle economie emergenti, la ripresa segna il passo. E bisogna spingere, mettendo in campo tutti gli strumenti “possibili”, per sostenere la crescita e quindi l’occupazione.

Al G20 di Hangzhou, in Cina, il tema tiene, ancora una volta, banco. Ma sul tavolo dei Grandi rimbalza anche l’emergenza migranti. A portarlo è l’Ue che arriva in Cina con i suoi vertici pronti ad avvertire il mondo sul fatto che “l’Europa è al limite della possibilità di accoglienza”: il problema è globale, ci sono 65 milioni di persone in fuga nel mondo, di cui 4 milioni dalla sola Siria, e tutti “devono assumersi la responsabilità” di gestire il fenomeno.

Lo dice il presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, al suo arrivo. E gli fa eco il presidente della Commissione, Jean Claude Juncker, accanto a lui. L’Europa – come aveva già fatto al G7 di Ise-Shima in Giappone, solo tre mesi fa – torna così a chiedere a tutti a collaborare. E mette sul piatto il suo modello, quel Piano esterno (il Migration Compact) che deve combattere le rotte dell’immigrazione clandestina, aiutando i Paesi di origine. Con fondi pubblici che attraggano quelli privati.

Un piano fortemente spinto dall’Italia e da Renzi che, però, non condivide fino in fondo il rischio ‘collasso’ evocato da Bruxelles (i numeri sono più o meno in linea con il passato, rimarca il premier) e invita l’Ue a farsi carico direttamente del problema dei rimpatri di chi non ha il diritto di restare.

“Dobbiamo salvare tutti” in mare “ma non possiamo accogliere tutti”, ha spiegato. In un vertice con tante sfide sul tavolo – dalle crisi regionali al terrorismo all’infinita guerra in Siria – la crescita fa, ancora una volta, da piatto forte. Nella bozza finale del vertice è atteso che il G20 torni a chiedere a tutti i Paesi di mettere in campo “tutti gli strumenti possibili per la ripresa”. Fatti e non parole, ribadisce lo stesso presidente cinese Xi Jinping, che esorta i colleghi ad “evitare discorsi vuoti” sulla ripresa.

I vertici dell’Ue, da parte loro, parlano di un’Europa che punta quest’anno all’1,8%, si pone come modello – grazie anche al piano Juncker da 315 miliardi (il 37% già operativo) per gli investimenti – e cresce, spiegano, più di Usa e Gb. L’importante è che ci sia il superamento della sola austerity attraverso una crescita che però deve essere “equa, evitando le disuguaglianze”, sottolinea Matteo Renzi, parlando del rischio ‘paura’ anche in chiave derive populiste.

Sul tavolo rimbalza anche il nodo della Brexit, con Theresa che, al suo primo G20, avverte come il suo Paese si prepari ad affrontare “tempi difficili” e l’Ue che rassicura sui rapporti con Londra e la tenuta dell’Unione. Ma i riflettori restano puntati anche sui grandi scenari di crisi internazionali.

Con Barack Obama, al suo ultimo vertice da presidente degli Stati Uniti, che incontra per la prima volta il presidente turco Erdogan dopo il tentato golpe di luglio rassicurandolo sul fatto che “i responsabili pagheranno”. Parole lette da alcuni come un’apertura all’estradizione di Fethullah Gulen, l’ex imam in esilio volontario in Pennsylvania: un nodo che vede ad alto rischio i rapporti tra i due paesi. Tra loro tiene banco anche il dossier Siria, d’accordo sulla necessità di spingere su una transazione politica pacifica ma ancora con diversi ‘distinguo’ sulla questione dei curdi.

In una Hangzhou blindata e tirata a lucido non sono mancate però anche le polemiche e il rischio di un corto circuito diplomatico tra Cina e Usa. Al centro della querelle il tappeto rosso, che è mancato sulla scaletta dell’Air Force One di Obama. Un episodio rimbalzato sui media a stelle e strisce come uno sgarbo. E un altro sgarbo al cerimoniale – riferisce chi c’era – sarebbe stato far sedere a cena Xi Jinping con Obama da un lato e Putin dall’altro, infrangendo la regola che vuole invece il posto di destra riservato al prossimo presidente di turno del vertice, in questo caso la cancelliera Angela Merkel.

(dell’inviata Marina Perna)/ANSA)

Ultima ora

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

00:53Cnn turca, arrestato killer di Capodanno a Istanbul

(ANSAmed) - ROMA, 16 GEN - Il killer del nightclub 'Reina' a Istanbul, l'uzbeko Abdulkadir Masharipov, è stato arrestato stasera con il figlio di 4 anni nel quartiere di Esenyurt a Istanbul. Lo riferisce la Cnn Turk. Altre 3 persone sono state arrestate stasera dall'antiterrorismo turca. I 3 sospetti sono stati trovati nella stessa abitazione dell'attentatore nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul, durante il blitz che ha portato al suo arresto. Abdulkadir Masharipov si sarebbe nascosto 3 giorni fa nell'abitazione in cui è stato arrestato. Lo riferisce Ntv, secondo cui si tratterebbe di un covo dell'Isis e le 3 persone trovate insieme a lui sarebbero anche loro militanti jihadisti. La polizia turca ha rilasciato una foto in cui si vede il volto del principale sospettato per la strage del Reina con ecchimosi e ferite e macchie di sangue sulla maglietta.

00:36Maradona ‘dopo 30 anni chiedo scusa a mio figlio Diego’

(ANSA) - NAPOLI 16 GENNAIO - 'Chiedo scusa dopo 30 anni a mio figlio Diego. Non ti lascerò mai più''. Così Diego Maradona ha concluso a sorpresa lo spettacolo 'Tre volte dieci', rivolgendosi al figlio avuto dalla napoletana Cristiana Sinagra che sedeva nella platea del San Carlo. Il ragazzo si è alzato ed ha salutato inchinandosi verso il pubblico che applaudiva. Prima, accanto a Alessandro Siani, autore dello show, Maradona aveva detto: 'Auguro che il Napoli vinca tutto quello che deve vincere. So che la gente di Napoli ha bisogno'. Ora devo andare a Dubai, ho tre anni di contratto. Ma ci sono giocatori del Napoli che vogliono che la gente sia felice, quindi sono tranquillo. E il presidente vuole vincere''.

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

Archivio Ultima ora