L’Europa chiede aiuto sui migranti. Ue vicina al limite d’accoglienza

Pubblicato il 05 settembre 2016 da ansa

L'Europa chiede aiuto sui migranti. Ue vicina al limite d’accoglienza

L’Europa chiede aiuto sui migranti. Ue vicina al limite d’accoglienza

HANGZHOU (CINA). – Il mondo non cresce: dal vecchio continente alle economie emergenti, la ripresa segna il passo. E bisogna spingere, mettendo in campo tutti gli strumenti “possibili”, per sostenere la crescita e quindi l’occupazione.

Al G20 di Hangzhou, in Cina, il tema tiene, ancora una volta, banco. Ma sul tavolo dei Grandi rimbalza anche l’emergenza migranti. A portarlo è l’Ue che arriva in Cina con i suoi vertici pronti ad avvertire il mondo sul fatto che “l’Europa è al limite della possibilità di accoglienza”: il problema è globale, ci sono 65 milioni di persone in fuga nel mondo, di cui 4 milioni dalla sola Siria, e tutti “devono assumersi la responsabilità” di gestire il fenomeno.

Lo dice il presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, al suo arrivo. E gli fa eco il presidente della Commissione, Jean Claude Juncker, accanto a lui. L’Europa – come aveva già fatto al G7 di Ise-Shima in Giappone, solo tre mesi fa – torna così a chiedere a tutti a collaborare. E mette sul piatto il suo modello, quel Piano esterno (il Migration Compact) che deve combattere le rotte dell’immigrazione clandestina, aiutando i Paesi di origine. Con fondi pubblici che attraggano quelli privati.

Un piano fortemente spinto dall’Italia e da Renzi che, però, non condivide fino in fondo il rischio ‘collasso’ evocato da Bruxelles (i numeri sono più o meno in linea con il passato, rimarca il premier) e invita l’Ue a farsi carico direttamente del problema dei rimpatri di chi non ha il diritto di restare.

“Dobbiamo salvare tutti” in mare “ma non possiamo accogliere tutti”, ha spiegato. In un vertice con tante sfide sul tavolo – dalle crisi regionali al terrorismo all’infinita guerra in Siria – la crescita fa, ancora una volta, da piatto forte. Nella bozza finale del vertice è atteso che il G20 torni a chiedere a tutti i Paesi di mettere in campo “tutti gli strumenti possibili per la ripresa”. Fatti e non parole, ribadisce lo stesso presidente cinese Xi Jinping, che esorta i colleghi ad “evitare discorsi vuoti” sulla ripresa.

I vertici dell’Ue, da parte loro, parlano di un’Europa che punta quest’anno all’1,8%, si pone come modello – grazie anche al piano Juncker da 315 miliardi (il 37% già operativo) per gli investimenti – e cresce, spiegano, più di Usa e Gb. L’importante è che ci sia il superamento della sola austerity attraverso una crescita che però deve essere “equa, evitando le disuguaglianze”, sottolinea Matteo Renzi, parlando del rischio ‘paura’ anche in chiave derive populiste.

Sul tavolo rimbalza anche il nodo della Brexit, con Theresa che, al suo primo G20, avverte come il suo Paese si prepari ad affrontare “tempi difficili” e l’Ue che rassicura sui rapporti con Londra e la tenuta dell’Unione. Ma i riflettori restano puntati anche sui grandi scenari di crisi internazionali.

Con Barack Obama, al suo ultimo vertice da presidente degli Stati Uniti, che incontra per la prima volta il presidente turco Erdogan dopo il tentato golpe di luglio rassicurandolo sul fatto che “i responsabili pagheranno”. Parole lette da alcuni come un’apertura all’estradizione di Fethullah Gulen, l’ex imam in esilio volontario in Pennsylvania: un nodo che vede ad alto rischio i rapporti tra i due paesi. Tra loro tiene banco anche il dossier Siria, d’accordo sulla necessità di spingere su una transazione politica pacifica ma ancora con diversi ‘distinguo’ sulla questione dei curdi.

In una Hangzhou blindata e tirata a lucido non sono mancate però anche le polemiche e il rischio di un corto circuito diplomatico tra Cina e Usa. Al centro della querelle il tappeto rosso, che è mancato sulla scaletta dell’Air Force One di Obama. Un episodio rimbalzato sui media a stelle e strisce come uno sgarbo. E un altro sgarbo al cerimoniale – riferisce chi c’era – sarebbe stato far sedere a cena Xi Jinping con Obama da un lato e Putin dall’altro, infrangendo la regola che vuole invece il posto di destra riservato al prossimo presidente di turno del vertice, in questo caso la cancelliera Angela Merkel.

(dell’inviata Marina Perna)/ANSA)

Ultima ora

16:38Attacco Londra: la terza vittima è un turista americano

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Era un turista americano, a Londra per una vacanza con la moglie, la terza vittima dell'attacco di ieri sul ponte di Westminster in cui hanno perso la vita, oltre all'attentatore, anche una insegnante di origini spagnole e un poliziotto. Lo riporta il Mirror che cita familiari dell'uomo, Kurt Cochran, che è stato ferito gravemente dal suv ed è poi spirato in ospedale. Coinvolta anche la moglie Melissa, ancora ricoverata con alcune fratture ed una ferita alla testa. "Con dolore rendiamo noto che Kurt è deceduto per le ferite riportate durante l'attacco a Londra", ha postato su Fb la sorella di Melissa, Sara Payne-McFarland.

16:32Trattati Roma: 007, rischio violenze infiltrati in cortei

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - C'è preoccupazione nell'intelligence per la minaccia terroristica dopo l'attacco di Londra. Per quanto riguarda le celebrazioni per i Trattati di Roma di sabato, tuttavia, i pericoli potrebbero arrivare dai violenti infiltrati nei cortei. Lo ha detto, a quanto si apprende, il direttore dell'Aisi, Mario Parente, ascoltato oggi al Copasir per circa tre ore. L'attenzione è puntata sugli antagonisti dei centri sociali più 'duri' - alcune centinaia - che potrebbero strumentalizzare le manifestazioni per fare scontri di piazza. Solo alcune decine sarebbero i manifestanti in arrivo dall'estero, più interessati a eventi come il G20 di Amburgo di luglio ed il G7 di Taormina di fine maggio.

16:22Attacco Londra: King, minaccia estremamente alta in Europa

(ANSA) - BRUXELLES, 23 MAR - "Non credo sia completamente accidentale che l'attacco a Londra sia avvenuto nel giorno del primo anniversario degli attentati a Bruxelles. La minaccia degli attacchi terroristici è estremamente alta in Europa". Così il commissario Ue alla Sicurezza Julian King all'Eurocamera. "Quello di ieri è stato un attacco alla nostra democrazia e credo questo sia un sentimento condiviso in Europa - afferma -. Il loro obiettivo sono il nostro modo di vivere e i nostri valori, ma non li lasceremo vincere. Anche se non ci sarà mai sicurezza al 100% e zero rischio", verrà fatto di tutto per rafforzare la sicurezza.

16:20Attacco Londra: regina, ‘una terribile violenza’

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - La regina Elisabetta offre i suoi ''pensieri, preghiere e la più profonda solidarietà'' a quanti coinvolti dalla ''terribile violenza'' dell'attacco di Londra. E' il messaggio della sovrana diffuso da Buckingham Palace.

16:17Premi: l’ ‘Ischia’ sezione sport a Paolo Condò

(ANSA) - ROMA, 23 MAR -Il Premio Ischia 2017 sezione Sport è stato assegnato a Paolo Condo', di Sky Sport, giornalista triestino gia' inviato della Gazzetta dello Sport. Lo ha deciso la giuria composta dai direttori dei principali quotidiani e agenzie italiane e dai rappresentanti della stampa estera in Italia, riunitasi a Roma. La consegna dei premi è in programma il 30 giugno e il primo luglio ad Ischia e sarà preceduta da una serie di dibattiti, che vedranno come protagonisti giornalisti, politici, esperti in economia e politica estera. Il Premio Ischia è patrocinato tra gli altri dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Regione Campania

16:16Londra: romana ferita ha perso i sensi, ora sta meglio

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - La donna italiana rimasta ferita ieri durante l'attacco a Westminster è stata colpita dal paraurti dell'auto dell'attentatore ed ha perso conoscenza per una decina di minuti. Lo ha raccontato lei stessa all'ambasciatore Pasquale Terracciano che - secondo quanto appreso dall'ANSA - l'ha visitata in ospedale, dove stanotte la donna è stata operata per ridurre una frattura scomposta alla gamba. La donna, una turista romana, ha riportato anche una lesione a due vertebre cervicali e un trauma alla testa, senza conseguenze gravi.

16:15Trump: Obama difende Obamacare, ‘sanità diritto per tutti’

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - Con l'Obamacare si e' stabilito che ''la sanità non e' un privilegio per pochi, ma un diritto per tutti''. ''L'America e' piu' forte grazie all'Affordable Care Act''. Lo afferma l'ex presidente Barack Obama difendendo la riforma sanitaria che porta il suo nome, in occasione del settimo anniversario dell'Obamacare. Una difesa che arriva nel giorno in cui i repubblicani si apprestano a votare alla Camera una misura per abolirla e sostituirla: ogni cambio ''deve rendere il sistema sanitario migliore, non peggio. Questa e' la priorità''. ''Ho sempre detto che questa legge e' una base'' che puo' essere migliorata, mette in evidenza Obama. ''Se i repubblicani sono seri nel voler ridurre i costi e ampliare la copertura sanitaria e se sono pronti a lavorare con i democratici, allora le loro misure sono le benvenute. Ma dobbiamo partire dall'idea che ogni cambio deve rendere il sistema sanitario migliore non peggiore per gli americani. Questa e' la priorità''.

Archivio Ultima ora