L’Europa chiede aiuto sui migranti. Ue vicina al limite d’accoglienza

Pubblicato il 05 settembre 2016 da ansa

L'Europa chiede aiuto sui migranti. Ue vicina al limite d’accoglienza

L’Europa chiede aiuto sui migranti. Ue vicina al limite d’accoglienza

HANGZHOU (CINA). – Il mondo non cresce: dal vecchio continente alle economie emergenti, la ripresa segna il passo. E bisogna spingere, mettendo in campo tutti gli strumenti “possibili”, per sostenere la crescita e quindi l’occupazione.

Al G20 di Hangzhou, in Cina, il tema tiene, ancora una volta, banco. Ma sul tavolo dei Grandi rimbalza anche l’emergenza migranti. A portarlo è l’Ue che arriva in Cina con i suoi vertici pronti ad avvertire il mondo sul fatto che “l’Europa è al limite della possibilità di accoglienza”: il problema è globale, ci sono 65 milioni di persone in fuga nel mondo, di cui 4 milioni dalla sola Siria, e tutti “devono assumersi la responsabilità” di gestire il fenomeno.

Lo dice il presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, al suo arrivo. E gli fa eco il presidente della Commissione, Jean Claude Juncker, accanto a lui. L’Europa – come aveva già fatto al G7 di Ise-Shima in Giappone, solo tre mesi fa – torna così a chiedere a tutti a collaborare. E mette sul piatto il suo modello, quel Piano esterno (il Migration Compact) che deve combattere le rotte dell’immigrazione clandestina, aiutando i Paesi di origine. Con fondi pubblici che attraggano quelli privati.

Un piano fortemente spinto dall’Italia e da Renzi che, però, non condivide fino in fondo il rischio ‘collasso’ evocato da Bruxelles (i numeri sono più o meno in linea con il passato, rimarca il premier) e invita l’Ue a farsi carico direttamente del problema dei rimpatri di chi non ha il diritto di restare.

“Dobbiamo salvare tutti” in mare “ma non possiamo accogliere tutti”, ha spiegato. In un vertice con tante sfide sul tavolo – dalle crisi regionali al terrorismo all’infinita guerra in Siria – la crescita fa, ancora una volta, da piatto forte. Nella bozza finale del vertice è atteso che il G20 torni a chiedere a tutti i Paesi di mettere in campo “tutti gli strumenti possibili per la ripresa”. Fatti e non parole, ribadisce lo stesso presidente cinese Xi Jinping, che esorta i colleghi ad “evitare discorsi vuoti” sulla ripresa.

I vertici dell’Ue, da parte loro, parlano di un’Europa che punta quest’anno all’1,8%, si pone come modello – grazie anche al piano Juncker da 315 miliardi (il 37% già operativo) per gli investimenti – e cresce, spiegano, più di Usa e Gb. L’importante è che ci sia il superamento della sola austerity attraverso una crescita che però deve essere “equa, evitando le disuguaglianze”, sottolinea Matteo Renzi, parlando del rischio ‘paura’ anche in chiave derive populiste.

Sul tavolo rimbalza anche il nodo della Brexit, con Theresa che, al suo primo G20, avverte come il suo Paese si prepari ad affrontare “tempi difficili” e l’Ue che rassicura sui rapporti con Londra e la tenuta dell’Unione. Ma i riflettori restano puntati anche sui grandi scenari di crisi internazionali.

Con Barack Obama, al suo ultimo vertice da presidente degli Stati Uniti, che incontra per la prima volta il presidente turco Erdogan dopo il tentato golpe di luglio rassicurandolo sul fatto che “i responsabili pagheranno”. Parole lette da alcuni come un’apertura all’estradizione di Fethullah Gulen, l’ex imam in esilio volontario in Pennsylvania: un nodo che vede ad alto rischio i rapporti tra i due paesi. Tra loro tiene banco anche il dossier Siria, d’accordo sulla necessità di spingere su una transazione politica pacifica ma ancora con diversi ‘distinguo’ sulla questione dei curdi.

In una Hangzhou blindata e tirata a lucido non sono mancate però anche le polemiche e il rischio di un corto circuito diplomatico tra Cina e Usa. Al centro della querelle il tappeto rosso, che è mancato sulla scaletta dell’Air Force One di Obama. Un episodio rimbalzato sui media a stelle e strisce come uno sgarbo. E un altro sgarbo al cerimoniale – riferisce chi c’era – sarebbe stato far sedere a cena Xi Jinping con Obama da un lato e Putin dall’altro, infrangendo la regola che vuole invece il posto di destra riservato al prossimo presidente di turno del vertice, in questo caso la cancelliera Angela Merkel.

(dell’inviata Marina Perna)/ANSA)

Ultima ora

17:44Calcio: Bruno Peres, spero che la Juve perda la Champions

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - "La Juventus è una bella squadra, ha fatto bene, sbagliando poco, quindi ha meritato di vincere. Però noi tifiamo affinché non riescano a fare il Triplete. così siamo contenti". Un presente alla Roma, un passato al Torino, un'antipatia mai nascosta per i colori bianconeri. Così si spiegano le parole di Bruno Peres che si augura apertamente un ko della squadra di Allegri nella finale di Champions League a Cardiff col Real Madrid Il terzino, a margine della presentazione del progetto "Briswa - The Ball Rolls in the Same Way for All" che ha come finalità quella di affrontare il problema del razzismo nel mondo calcio e nello sport, si è poi soffermato anche sulle ultime esclusioni dalla formazione titolare: "Come me lo spiego? Dovreste chiedere a Spalletti. Ha deciso di cambiare modulo, io lo rispetto e resto a disposizione continuando a lavorare per essere sempre pronto per aiutare i compagni e dare una mano alla squadra".

17:32Calcio: Bruno Peres, spero che la Juve perda la Champions

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - "La Juventus è una bella squadra, ha fatto bene, sbagliando poco, quindi ha meritato di vincere. Però noi tifiamo affinché non riescano a fare il Triplete. così siamo contenti". Un presente alla Roma, un passato al Torino, un'antipatia mai nascosta per i colori bianconeri. Così si spiegano le parole di Bruno Peres che si augura apertamente un ko della squadra di Allegri nella finale di Champions League a Cardiff col Real Madrid Il terzino, a margine della presentazione del progetto "Briswa - The Ball Rolls in the Same Way for All" che ha come finalità quella di affrontare il problema del razzismo nel mondo calcio e nello sport, si è poi soffermato anche sulle ultime esclusioni dalla formazione titolare: "Come me lo spiego? Dovreste chiedere a Spalletti. Ha deciso di cambiare modulo, io lo rispetto e resto a disposizione continuando a lavorare per essere sempre pronto per aiutare i compagni e dare una mano alla squadra".

17:32Sviluppo sostenibile: flash mob, “nessuno resti indietro”

(ANSA) - NAPOLI, 22 MAG - Studenti e sostenitori del Festival dello Sviluppo Sostenibile, in corso nel Palazzo Reale di Napoli, hanno inscenato davanti allo storico edificio di piazza del Plebiscito, un flash mob a tema "Nessuno resti indietro", lo stesso slogan usato dagli organizzatori dell'evento. Un centinaio di ragazzi ha teso una corda che simboleggiava l'unione tra tutti i partecipando e gridato le tre date che stabiliscono le scadenze degli obiettivi fissati dall'agenda dell'Onu per lo sviluppo sostenibile: 2017, cioè oggi; 2025, termine intermedio per il raggiungimento di alcuni degli obiettivi e 2030 che dovrebbe vedere completati gli obiettivi delle Nazioni Unite. (ANSA).

17:17Calcio: Real in festa ricevuto da sindaca Madrid

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - Dopo una notte di festa in piazza Cibeles, il Real Madrid è impegnato oggi nelle celebrazioni per il 33/o titolo in Liga. La squadra è stata ricevuta in municipio dalla sindaca della capitale, Manuela Carmena, davanti alla quale il presidente Florentino Pere, ha elogiato i giocatori ma soprattutto l'allenatore Zinedine Zidane: "Zizou sei uno dei simboli della nostra storia - ha affermato - e ti ringrazio per quanto hai dato e stai dando. Sei stato il miglior giocatore del mondo e ora semplicemente dei il miglior allenatore del mondo". "Questa squadra - ha detto ancora Perez - ha dimostrato ancora una volta i valori che fanno parte della nostra leggenda. Il sogno è tornare qui a festeggiare il 4 giugno. So che questo gruppo darà l'anima per conquistare la dodicesima Champions League. Abbiamo vinto il campionato più difficile e competitivo di tutto il mondo, con fatica e umiltà. Abbiano segnato in tutte le partite giocate, e questo dimostra la filosofia di questa squadra".

17:15Giro: Quintana, posso prendere la maglia rosa

(ANSA) - BERGAMO, 22 MAG - "In altre occasioni mi sono trovato in una situazione di classifica analoga e, qualche volta, sono riuscito a ribaltare la situazione a mio favore. Anche quando non ci sono riuscito ho cercato sempre di dare il massimo. Lo farò anche questa volta. Dumoulin sta bene, ma non sappiamo come potrà reagire a una terza settimana così difficile". Lo ha detto Nairo Quintana, nel terzo e ultimo giorno di riposo del 100/o Giro d'Italia di ciclismo. "Io e la squadra stiamo bene, siamo convinti di poter recuperare terreno. Spero solo che i postumi della caduta non si facciano sentire e non intacchino la mia condizione, che è ottimale", conclude il colombiano, alla vigilia del tappone alpino.

17:06Calcio: Tavecchio, Totti in Figc? Se vuole valuteremo

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - "Totti in futuro nei quadri dirigenziali della Federcalcio? Ancora non conosco le sue intenzioni, qualora si manifestassero, valuteremo". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, sul futuro professionale del capitano della Roma che chiuderà la sua carriera in giallorosso domenica all'Olimpico in occasione dell'ultima di campionato col Genoa. "A Francesco ho dato solo il consiglio di decidere lui del suo destino" ha aggiunto Tavecchio, a margine di un evento organizzato presso l'Aula Magna di Economia dell'Università Tor Vergata di Roma, sottolineando poi che "ho sempre detto che bisogna ringraziare un grande del calcio, una persona sempre mite e gentile, che ha rappresentato il pallone italiano nel miglior modo possibile".

17:03Canoa: da rifare elezioni presidenza Fick

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - La Corte federale d'appello della Federazione italiana canoa e kayak (Fick) ha accolto i ricorsi presentati da Antonio Rossi e Daniele Scarpa e ha annullato oggi gli esiti delle ultime elezioni presidenziali, svolte a Ostia il 22 ottobre 2016, che avevano visto la conferma di Luciano Buonfiglio alla guida della federazione. All'interno del dispositivo pubblicato oggi dalla Corte d'appello federale, i giudici rilevano "la violazione delle regole minime ed essenziali tese a garantire la genuinità della espressione della volontà degli elettori nella scelta, e così ad assicurare la segretezza e la correttezza delle operazioni di voto". In conseguenza del disposto annullamento, la federazione è invitata a indire nuove elezioni nella "loro segretezza per l'intero corso del procedimento", precisano i giudici federali.

Archivio Ultima ora