Presidente Filippine shock: “Obama figlio di p…”

Pubblicato il 05 settembre 2016 da ansa

L'ira di Duterte è per quelle che definisce le interferenze di Washington sugli affari interni di Manila. Ma per la stampa Usa stavolta il controverso neopresidente ha superato il segno. Le sue parole rischiano di provocare un incidente diplomatico

L’ira di Duterte è per quelle che definisce le interferenze di Washington sugli affari interni di Manila. Ma per la stampa Usa stavolta il controverso neopresidente ha superato il segno. Le sue parole rischiano di provocare un incidente diplomatico

NEW YORK. – “Obama figlio di p…., te la farò pagare”. Rodrigo Duterte, neo presidente delle Filippine, non smentisce la sua fama di ‘duro’ e di nemico del politicamente corretto, quella che gli è valsa il soprannome di ‘Castigatore’ o di ‘Trump delle Filippine’. Ma nemmeno il tycoon è mai arrivato a insultare così pesantemente il presidente americano.

L’ira di Duterte è per quelle che definisce le interferenze di Washington sugli affari interni di Manila. Ma per la stampa Usa stavolta il controverso neopresidente ha superato il segno. Le sue parole rischiano di provocare un incidente diplomatico senza precedenti tra gli Stati Uniti e lo stato alleato delle Filippine, proprio alla vigilia del vertice dell’Asean in Laos a margine del quale è in programma un faccia a faccia tra i leader dei due Paesi.

Un incontro che ora potrebbe clamorosamente saltare, con Obama che ha chiesto al suo staff di valutarne l’opportunità. Dicendosi disponibile a incontrare Duterte solo se ci sono le condizioni per un “confronto costruttivo e produttivo”.

L’uscita shock del presidente filippino è legata alle tensioni cresciute nelle ultime settimane in cui – proprio in vista del bilaterale tra Obama e Duterte – l’amministrazione Usa non ha mancato di denunciare i metodi da giustizia sommaria con cui il nuovo governo di Manila sta portando avanti la lotta alla droga.

Duterte in campagna elettorale aveva promesso il pugno di ferro, ma quello che sta avvenendo sembra essere un vero e proprio bagno di sangue. In due mesi il numero delle vittime uccise dall’azione dell’esecutivo avrebbero superato già le duemila: basta essere sospettati per essere ‘giustiziati’, denunciano le associazioni per la difesa dei diritti umani che chiedono il rispetto dello stato di diritto e lo svolgimento di regolari processi.

La situazione è stata già più volte stigmatizzata dalle Nazioni Unite e dall’ambasciatore americano a Manila, a loro volta oggetto delle invettive di Duterte che ha bollato l’Onu come istituzione “inutile” minacciando l’uscita delle Filippine. E insultando il diplomatico Usa definito a sua volta “gay figlio di p….”.

Insomma, un leader senza freni che sta mettendo in difficoltà soprattutto Washington, preoccupata dal perdere un partner prezioso in una delle aree geopolitiche più delicate del pianeta. Quel sudest asiatico dove gli Usa stanno cercando in tutti i modi di serrare le fila degli alleati per contrastare la spinta espansionistica della Cina.

Obama, parlando alla conferenza stampa conclusiva del G20 cinese e prima di partire per la capitale del Laos Vientiane, ha comunque ribadito che se il faccia a faccia con Duterte si farà non c’è dubbio che sul tavolo ci sarà anche il tema delle esecuzioni sommarie.

Mentre per il presidente filippino – come lui stesso ha ribadito imbarcandosi per il Laos – gli Stati Uniti non hanno alcun diritto di mettere in discussione quello che fanno gli altri Paesi. Soprattutto – è il suo ragionamento – di fronte al fatto che gli Usa non hanno mai chiesto scusa per l’aggressione durante la colonizzazione americana delle Filippine.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

15:06Calcio: United all’assalto di Neymar, pronti 200 mln

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Duecento milioni di euro: a tanto ammonterebbe la faraonica offerta che il Manchester United sarebbe pronto a formulare per pagare la stratosferica clausola rescissoria per assicurarsi i servigi di Neymar. Lo scive oggi il catalano 'Sport', secondo cui la dirigenza dei Red Devils e Josè Mourinho sono già al lavoro per rinforzare la squadra in vista della prossima stagione. E l'asso brasiliano figurerebbe al primo posto nella lista dei 'desiderata', per farlo diventare - data l'età e l'indiscusso valore tecnico - la nuova bandiera della squadra. "Una vera e propria minaccia incombe sul Barcellona, il tridente delle meraviglie è in grave pericolo", scrive 'Sport' aggiungendo che "il tecnico José Mourinho è il regista dell'operazione e parla direttamente col giocatore brasiliano. Diverse telefonate sono state fatte al giocatore per convincerlo a lasciare il Barcellona e andare al Manchester United dove potrebbe crescere senza più l'ombra di Leo Messi".

15:05Sarri panchina oro,bello per una volta battere Allegri

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAR - "Non e' Napoli-Juve 1-0, la Juve e' piu' forte: piu' che i premi contano punti e risultati, ma per una volta battere Massimiliano e' bello": Maurizio Sarri e' stato incoronato miglior allenatore della passata stagione dai suoi colleghi, e i 25 voti ottenuti contro i 22 del tecnico della Juve sono inevitabilmente letti, anche dall'interessato, in chiave della prossima sfida diretta di campionato tra i bianconeri e il Napoli. Al terzo posto, Eusebio Di Francesco, del Sassuolo, con 7 voti.

15:02Calcio: Sarri vince Panchina d’oro 2016

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAR - Maurizio Sarri ha vinto la panchina d'oro 2016 per la serie A, il premio assegnato dagli allenatori come miglior tecnico. "Solitamente ritirare i premi non mi dà una particolare soddisfazione perché a volte penso si tratta anche di tempo sottratto al mio lavoro in campo ma per questo riconoscimento è diverso: mi dà gusto e mi emoziona". Lo ha detto il tecnico del Napoli, Maurizio Sarri vincitore della Panchina d'oro con 25 preferenze su 61. "Penso sia dovuto al fatto che la giuria è composta da allenatori ed io fino a 5 anni fa militavo in serie C. Devo ringraziare due società, Empoli e Napoli, ed ancora Marcello Carli e Cristiano Giuntoli: senza loro probabilmente non sarei l'allenatore che sono adesso".

15:00Russia: Navalni condannato a 15 giorni di carcere

(ANSA) - MOSCA, 27 MAR - Alexei Navalni è stato condannato a 15 giorni di carcere dopo l'arresto alla manifestazione anti-corruzione di ieri a Mosca. La pena è stata inflitta dal tribunale Tverskoi di Mosca per l'accusa di non aver obbedito agli ordini della polizia dopo essere stato fermato ieri nel corso di una manifestazione dell'opposizione nella capitale russa: lo riferisce la portavoce di Navalni, Kira Iarmish.

14:57Brexit: May in Scozia, insieme siamo forza inarrestabile

(ANSA) - LONDRA, 27 MAR - "Insieme siamo una forza inarrestabile": è così, con un appello all'unità del Regno, che la premier britannica, Theresa May, si è rivolta oggi agli scozzesi in un discorso tenuto a East Kilbride, in Scozia. May, che più tardi incontrerà la leader indipendentista di Edimburgo, Nicola Sturgeon, ha rivendicato il ruolo di una Gran Bretagna unita nel mondo, evidenziando fra l'altro le missioni militari all'estero, gli aiuti internazionali che fornisce, la sua capacità d'attrarre investimenti stranieri anche con la Brexit.

14:56Lei non gridò,assolto da violenza: insulti a giudice

(ANSA) - TORINO, 27 MAR - Insulti contro il giudice Diamante Minucci sono comparse questa mattina sui muri di fronte al tribunale di Torino. "Protegge gli stupratori" è la scritta realizzata in via Paolo Borsellino, corredata da una "A" cerchiata di anarchia. Minucci è il giudice che, lo scorso 15 febbraio, ha assolto un volontario della Croce Rossa accusato di violenza sessuale nei confronti di una collega perché, sono le motivazioni della sentenza, gli avrebbe detto "solo 'basta'", senza "gridare", "tradire emotività", chiedere aiuto. Il pm Marco Sanini, che ha sempre creduto nella vittima, aveva chiesto una condanna a dieci anni per l'imputato, difeso dagli avvocati Cosimo Maggiore e Vittorio Rossini. I giudici non hanno creduto al racconto della donna e hanno disposto la trasmissione degli atti in procura perché si proceda nei suoi confronti per calunnia. Sul caso il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha chiesto accertamenti preliminari. Dalla Procura di Torino fanno sapere che la scritta verrà "rimossa subito".

14:56Prostituta uccisa Bologna, omicida si sentiva preso in giro

(ANSA) - BOLOGNA, 27 MAR - L'avrebbe uccisa perché si sentiva preso in giro: sfruttato economicamente dalla donna alla quale nel corso degli anni aveva dato parecchi soldi (circa 40.000 euro) e di cui era innamorato, mentre lui per lei era solo un cliente. Sembra essere questo, secondo le indagini della squadra Mobile di Bologna, il movente dell'omicidio di Ana Maria Stativa, la trentenne romena trovata morta con un colpo alla nuca sabato pomeriggio nella sua abitazione di via Varthema, zona Murri. Il presunto assassino, reo confesso, è il 55enne Francesco Serra, operaio che abita a Cereglio di Vergato, sull'Appennino, in stato di fermo per omicidio aggravato premeditato. Oltre ad ammettere l'omicidio ha fatto ritrovare l'arma, una piccola pistola di quelle utilizzate per uccidere i maiali che si era fatto prestare da un amico allevatore, dicendogli che l'avrebbe utilizzata per uccidere un capretto. (ANSA).

Archivio Ultima ora