Presidente Filippine shock: “Obama figlio di p…”

Pubblicato il 05 settembre 2016 da ansa

L'ira di Duterte è per quelle che definisce le interferenze di Washington sugli affari interni di Manila. Ma per la stampa Usa stavolta il controverso neopresidente ha superato il segno. Le sue parole rischiano di provocare un incidente diplomatico

L’ira di Duterte è per quelle che definisce le interferenze di Washington sugli affari interni di Manila. Ma per la stampa Usa stavolta il controverso neopresidente ha superato il segno. Le sue parole rischiano di provocare un incidente diplomatico

NEW YORK. – “Obama figlio di p…., te la farò pagare”. Rodrigo Duterte, neo presidente delle Filippine, non smentisce la sua fama di ‘duro’ e di nemico del politicamente corretto, quella che gli è valsa il soprannome di ‘Castigatore’ o di ‘Trump delle Filippine’. Ma nemmeno il tycoon è mai arrivato a insultare così pesantemente il presidente americano.

L’ira di Duterte è per quelle che definisce le interferenze di Washington sugli affari interni di Manila. Ma per la stampa Usa stavolta il controverso neopresidente ha superato il segno. Le sue parole rischiano di provocare un incidente diplomatico senza precedenti tra gli Stati Uniti e lo stato alleato delle Filippine, proprio alla vigilia del vertice dell’Asean in Laos a margine del quale è in programma un faccia a faccia tra i leader dei due Paesi.

Un incontro che ora potrebbe clamorosamente saltare, con Obama che ha chiesto al suo staff di valutarne l’opportunità. Dicendosi disponibile a incontrare Duterte solo se ci sono le condizioni per un “confronto costruttivo e produttivo”.

L’uscita shock del presidente filippino è legata alle tensioni cresciute nelle ultime settimane in cui – proprio in vista del bilaterale tra Obama e Duterte – l’amministrazione Usa non ha mancato di denunciare i metodi da giustizia sommaria con cui il nuovo governo di Manila sta portando avanti la lotta alla droga.

Duterte in campagna elettorale aveva promesso il pugno di ferro, ma quello che sta avvenendo sembra essere un vero e proprio bagno di sangue. In due mesi il numero delle vittime uccise dall’azione dell’esecutivo avrebbero superato già le duemila: basta essere sospettati per essere ‘giustiziati’, denunciano le associazioni per la difesa dei diritti umani che chiedono il rispetto dello stato di diritto e lo svolgimento di regolari processi.

La situazione è stata già più volte stigmatizzata dalle Nazioni Unite e dall’ambasciatore americano a Manila, a loro volta oggetto delle invettive di Duterte che ha bollato l’Onu come istituzione “inutile” minacciando l’uscita delle Filippine. E insultando il diplomatico Usa definito a sua volta “gay figlio di p….”.

Insomma, un leader senza freni che sta mettendo in difficoltà soprattutto Washington, preoccupata dal perdere un partner prezioso in una delle aree geopolitiche più delicate del pianeta. Quel sudest asiatico dove gli Usa stanno cercando in tutti i modi di serrare le fila degli alleati per contrastare la spinta espansionistica della Cina.

Obama, parlando alla conferenza stampa conclusiva del G20 cinese e prima di partire per la capitale del Laos Vientiane, ha comunque ribadito che se il faccia a faccia con Duterte si farà non c’è dubbio che sul tavolo ci sarà anche il tema delle esecuzioni sommarie.

Mentre per il presidente filippino – come lui stesso ha ribadito imbarcandosi per il Laos – gli Stati Uniti non hanno alcun diritto di mettere in discussione quello che fanno gli altri Paesi. Soprattutto – è il suo ragionamento – di fronte al fatto che gli Usa non hanno mai chiesto scusa per l’aggressione durante la colonizzazione americana delle Filippine.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

11:37Tragedia in istituto disabili: paziente muore carbonizzato

(ANSA) - GENOVA, 20 GEN - Tragedia la scorsa notte all'istituto per disabili e anziani Don Orione di via Berghini, sulle alture di San Fruttuoso, a Genova. Un ospite 49enne, disabile psichiatrico che si muoveva su una sedia a rotelle, è morto carbonizzato nel bagno del reparto dove era ricoverato. La causa potrebbe essere stata una sigaretta caduta sulla tuta acrilica che indossava che si è incendiata. L'uomo, come tutte le sere, era andato in bagno per fumare una sigaretta prima di addormentarsi. L'uomo potrebbe aver avuto un malore che gli ha fatto cadere dalla mano la sigaretta che ha innescato il rogo. La prima ad accorgersi di quanto stava accadendo è stata l'infermiera di turno del reparto che con un estintore ha spento le fiamme, ma il paziente era già morto. L'infermiera è stata ricoverata in ospedale per intossicazione. Per il fumo sprigionatosi, un'ala della struttura che ospita una decina di persone è stata evacuata dai vigili del fuoco. Sul posto con i medici del 118 e gli agenti di polizia delle volanti.

11:33Calcio: sfumato Mourinho, il PSG adesso punta su Guardiola

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Dopo il raggiunto accordo fra Josè Mourinho e il Manchester United, per prolungare il rapporto di collaborazione, il Paris Saint-Germain ha cambiato obiettivo per il futuro della propria panchina, attualmente occupata da Unai Emery, virando con decisione su Pep Guardiola, ora al Manchester City. Lo scrive il Mirror, che parla di un contatto già avvenuto fra i dirigenti del club francese e l'allenatore catalano, il cui contratto con i 'Citizens' scadrà il 30 giugno dell'anno prossimo. (ANSA).

11:31Cardiologa Modena assolta completamente in Cassazione

(ANSA) - MODENA, 20 GEN - Maria Grazia Modena, ex primario di Cardiologia del Policlinico di Modena, è stata assolta in Cassazione da tutte le accuse dell'inchiesta 'camici sporchi', che nel novembre 2012 la portò ai domiciliari (misure cautelari anche per altri 8 medici) per presunte sperimentazioni abusive sui pazienti inconsapevoli che l'accusa, il pm è Marco Niccolini, sosteneva avvenissero nel reparto. I giudici, chiusa la camera di consiglio all'una di notte, hanno assolto la prof dall'ultima accusa rimasta, quella di falso, "perché il fatto non sussiste". Dichiarati inammissibili i ricorsi delle parti civili: Regione, Policlinico, procura generale e associazione 'Amici del cuore'. Condannata in primo grado a 4 anni nel febbraio 2015 per associazione a delinquere, truffa al sistema sanitario, corruzione, abuso d'ufficio e falso, vide ribaltata la sentenza in Appello: condanna ridotta a 8 mesi per falso. A novembre in tribunale erano arrivate condanne per 36 anni per i 12 imputati che avevano scelto il rito ordinario. (ANSA).

11:28India: delitto d’onore, 6 condanne morte

(ANSA) - NEW DELHI, 20 GEN - Un tribunale indiano ha condannato oggi a morte sei persone a Nashik, nello Stato di Maharashtra, riconoscendole colpevoli di aver brutalmente ucciso nel 2013 nel villaggio di Sonai tre giovani 'dalit' (senza casta) nell'ambito di una vicenda presentata come 'delitto d'onore'. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Le indagini avevano provato che uno dei tre giovani 'dalit' uccisi aveva stretto una relazione con una delle studentesse appartenente ad una casta superiore. I famigliari della ragazza, assolutamente contrari alla continuazione del rapporto, attirarono l'1 gennaio 2013 in casa loro il giovane insieme a due amici con il pretesto di un lavoro di pulitura di una fossa settica. Ma il giorno dopo la polizia, allertata dai parenti dei tre giovani di cui non avevano più notizie, ne ha rivenuto i cadaveri orrendamente martoriati vicino alla casa. Dei sette imputati, uno è stato assolto mentre gli altri, fra cui il padre e il fratello sono stati condannati alla pena capitale.

11:12Thailandia: arrestato trafficante avorio

(ANSA) - BANGKOK, 20 GEN - La polizia thailandese ha arrestato uno dei più grossi trafficanti di animali selvatici, sospettato di aver gestito la maggior parte del contrabbando in Asia negli ultimi dieci anni. Boonchai Bach, 40enne thailandese di origini vietnamite, è stato preso in custodia ieri nel nord-est del paese, in relazione al contrabbando di zanne di rinoceronti provenienti dall'Africa, per un valore di oltre un milione di dollari, con il coinvolgimento di un funzionario locale e di un cittadino cinese. L'uomo - che ha respinto le accuse - avrebbe giocato un ruolo chiave insieme con la sua famiglia nel traffico di avorio, tigri, leoni ed altre specie a rischio di estinzione. La Thailandia è un paese di transito per il traffico di animali esotici, soprattutto verso la Cina, ed era considerata il più grande mercato illegale di avorio del mondo, prima dell'introduzione nel 2015 di un legge che punisce questi traffici.

11:09Ciclismo: Tour down under, Porte vince la penultima tappa

(ANSA) - ADELAIDE (AUSTRALIA), 20 GEN - Richie Porte ha vinto la 5/a e penultima tappa del Tour down under, gara d'apertura della stagione ciclistica internazionale, che si concluderà domani. L'australiano, vero e proprio beniamino di casa, con il tempo di 3h42'22", si è aggiudicato la McLaren Vale-Willunga Hill, lunga 151,5 chilometri, precedendo nell'ordine il sudafricano Daryl Impey di 8" e l'olandese Tom-Jelte Slagter di 10". Quest'ultimo guidava un gruppetto di corridori giunti sul traguardo con lo stesso tempo e del quale faceva parte anche l'italiano Diego Ulissi, che si è piazzato al settimo posto. In classifica generale al comando c'è sempre Impey, in 18h02'15", davanti a Porte (stesso tempo) e Slagter (a 16"), mentre Ulissi è quarto, con 20" di ritardo. Domani gran finale con la Adelaide-Adelaide (king William street) lunga 90 chilometri. (ANSA).

10:46Tennis: Australia, Fognini vola negli ottavi dopo cinque set

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Fabio Fognini segue l'esempio dell'altro azzurro Andreas Seppi e si qualifica per gli ottavi degli Australian open, in corso sui campi di Melbourne. Il tennista nato a Sanremo, 25/a testa di serie del torneo, ha battuto il 36enne francese Julien Benneteau, numero 59 del ranking Atp, dopo cinque set: di 3-6, 6-2, 6-1, 4-6, 6-3, il punteggio maturato in tre ore di gioco. Dal 1976, anno del successo in Coppa Davis in Cile, l'Italia non riusciva a presentare due atleti negli ottavi del tabellone maschile di un torneo valido per lo Slam: l'ultima volta accadde al Roland Garros, con Adriano Panatta - che poi avrebbe vinto - e Corrado Barazzutti.

Archivio Ultima ora