Petrolio: intesa tra Mosca e Riad per stabilizzare il mercato

Pubblicato il 05 settembre 2016 da ansa

Russia e Arabia Saudita cercano un rimedio al crollo del prezzo del petrolio. A margine del G20 in Cina, i ministri dell'Energia di Mosca e Riad, Aleksandr Novak e Khalid Al-Falih, hanno siglato una dichiarazione congiunta di cooperazione per stabilizzare il mercato del greggio e "garantire un livello costante di investimenti nel lungo termine"

Russia e Arabia Saudita cercano un rimedio al crollo del prezzo del petrolio. A margine del G20 in Cina, i ministri dell’Energia di Mosca e Riad, Aleksandr Novak e Khalid Al-Falih, hanno siglato una dichiarazione congiunta di cooperazione per stabilizzare il mercato del greggio e “garantire un livello costante di investimenti nel lungo termine”

MOSCA. – Russia e Arabia Saudita cercano un rimedio al crollo del prezzo del petrolio. A margine del G20 in Cina, i ministri dell’Energia di Mosca e Riad, Aleksandr Novak e Khalid Al-Falih, hanno siglato una dichiarazione congiunta di cooperazione per stabilizzare il mercato del greggio e “garantire un livello costante di investimenti nel lungo termine”.

Ma sulle misure da adottare non c’è al momento nessun accordo concreto, a parte la creazione di un gruppo congiunto di monitoraggio. La Russia ribadisce di essere favorevole a un congelamento della produzione e sostiene che sono in corso trattative in tal senso, ma Riad frena: “Adesso non ce n’è bisogno”, assicura il ministro Al-Falih.

L’intesa è in teoria di grande importanza, quantomeno perché coinvolge i due maggiori paesi produttori di petrolio al mondo. La Russia e l’Arabia Saudita “possiedono degli strumenti reali” per influire sul mercato del greggio, anche con “il mantenimento dei volumi di produzione, il cosiddetto congelamento”, ha dichiarato il ministro russo Novak.

Resta da vedere dove si andrà a parare. Per adesso i prezzi del petrolio sono saliti alla luce dell’accordo, ma non troppo. Il greggio Wti, per esempio, è arrivato fino a 46,22 dollari al barile, ma poi è tornato a un più modesto 45,50 quando Riad ha specificato che, almeno per il momento, non ci sarà un congelamento della produzione. Il Brent invece è aumentato del 4%, ma si è poi posizionato sul +1%, a quota 47,31 dollari al barile.

Cifre lontane anni luce dagli oltre 110 dollari al barile del 2014. La Russia comunque ci spera. Vuole ribaltare il verdetto del vertice di aprile a Doha, quando la proposta di bloccare i livelli di produzione del petrolio fu inesorabilmente bocciata.

Mosca adesso porta acqua al suo mulino ma allo stesso tempo mette le mani avanti: Novak fa sapere che con l’Arabia Saudita si discute di porre un limite alla produzione di greggio per tre-sei mesi o forse per un periodo più lungo, ancorandola ai livelli di luglio, agosto o settembre di quest’anno. Poi però sottolinea che in ogni caso un eventuale congelamento va concordato con i paesi Opec (di cui la Russia non fa parte) nel vertice in programma in Algeria a fine mese.

A favore del congelamento giocano gli alti livelli di estrazione raggiunti ultimamente da Mosca e Riad: difficile aumentarli ulteriormente, sostengono gli esperti. Ma l’ostacolo principale resta esattamente lì dov’era ad aprile: l’Iran – rivale dell’Arabia Saudita – non ne vuole sapere di limitare la propria estrazione, almeno fino a quando non avrà raggiunto i livelli di prima delle sanzioni.

Un obiettivo del tutto legittimo secondo il ministro Novak, ma che – stando agli analisti – potrebbe richiedere mesi o addirittura anni. E’ probabilmente per questo che la scorsa settimana Putin ha ventilato la possibilità di raggiungere un accordo sul congelamento dei livelli di estrazione esentandone Teheran. Ma Riad non sembra d’accordo, e il ministro saudita Al-Falih ha dichiarato che l’Iran, come membro dell’Opec, dovrebbe avere “un ruolo costruttivo” nella stabilizzazione del mercato del petrolio.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

20:41Tusk, con Trump non abbiamo visione comune su Russia

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Con Donald Trump "abbiamo fatto progressi soprattutto sull'antiterrorismo ma altre questioni restano aperte, come il clima ed il commercio. E non sono al 100% sicuro che abbiamo una posizione comune sulla Russia, anche se sul conflitto in Ucraina siamo sulla stessa linea". Lo ha detto Donald Tusk in una breve dichiarazione fatta al termine dell'incontro con Donald Trump.

20:35Maestre d’asilo arrestate per maltrattamenti a Piacenza

(ANSA) - PIACENZA, 25 MAG - Due educatrici di un asilo nido di Piacenza sono state arrestate con l'accusa di maltrattamenti nei confronti dei bambini della struttura. I carabinieri della stazione di Piacenza Levante si sono presentati con due pattuglie prelevando le due donne piacentine e portandole in caserma. Riserbo assoluto sull'indagine, ma pare che i carabinieri abbiano eseguito un arresto in flagranza di reato, probabilmente grazie a telecamere nascoste nell'asilo, e che avrebbero filmato settimane di presunti maltrattamenti. Sulla vicenda è intervenuto con una nota anche il sindaco di Piacenza Paolo Dosi: "il Comune di Piacenza è parte lesa in questa vicenda e per questo confidiamo in un'azione degli organi inquirenti quanto più rapida e approfondita possibile. È un vero fulmine a ciel sereno, privo del benché minimo campanello di allarme, sia in termini di segnalazioni delle famiglie, che di risultanza dei costanti monitoraggi". (ANSA).

20:15Catalogna: ministro difesa Madrid, impediremo referendum

(ANSA) - MADRID, 25 MAG - Il ministro della difesa spagnolo Maria Dolores de Cospedal ha affermato che il governo di Madrid impedirà lo svolgimento di un referendum sull'indipendenza della Catalogna. "Faremo quello che dovremo fare" ha detto alla radio Cadena Cope. Il presidente secessionista catalano Carles Puigdemont ha promesso che convocherà un referendum sull'indipendenza entro fine settembre nonostante il veto di Madrid. El Pais scrive oggi, citando fonti autorevoli del governo di Madrid, che il premier conservatore Mariano Rajoy "userà tutti i mezzi a sua disposizione" per evitare lo svolgimento del referendum catalano. Secondo il quotidiano l'esecutivo spagnolo ha pronto già da mesi "un memorandum segreto". Il vicepresidente catalano Oriol Junqueras ha indicato di recente che "tutto è pronto" per la tenuta del referendum, e ai primi di maggio il governo di Barcellona ha avviato le procedure per l'acquisto delle urne. La data in cui potrebbe svolgersi ancora non è stata resa nota.

Archivio Ultima ora