La crescita s’è interrotta. Si punta agli investimenti

Pubblicato il 05 settembre 2016 da ansa

Dopo aver certificato in via definitiva crescita zero nel secondo trimestre, l'Istat vede grigio anche per i prossimi mesi con la previsione di una "fase di debolezza" che proseguirà nella seconda parte dell'anno e che, se confermata, complicherà la messa a punto della prossima legge di bilancio

Dopo aver certificato in via definitiva crescita zero nel secondo trimestre, l’Istat vede grigio anche per i prossimi mesi con la previsione di una “fase di debolezza” che proseguirà nella seconda parte dell’anno e che, se confermata, complicherà la messa a punto della prossima legge di bilancio

ROMA. – Il già lento percorso di ripresa si è interrotto e le previsioni non lasciano ben sperare nemmeno per il prossimo futuro. Dopo aver certificato in via definitiva crescita zero nel secondo trimestre, l’Istat vede grigio anche per i prossimi mesi con la previsione di una “fase di debolezza” che proseguirà nella seconda parte dell’anno e che, se confermata, complicherà la messa a punto della prossima legge di bilancio.

Per la manovra il governo resta così sempre più orientato a concentrare le (scarse) risorse sugli investimenti, per stimolare soprattutto quelli privati sia delle imprese – con un occhio di riguardo all’innovazione e al rilancio della produttività – sia dei cittadini, in primis per tutelare dal rischio sismico le proprie abitazioni.

Sono gli investimenti, è la convinzione, l’unico vero volano per la crescita e per cercare di rimettere in moto una volta per tutte l’economia che più ha risentito della crisi tra i partner europei, in uno scenario peraltro di rallentamento generalizzato, come mostra anche il calo del Pmi dell’eurozona.

Professa comunque ottimismo il viceministro dell’Economia, Enrico Morando, secondo il quale “non c’è una ragione per affermare che le previsioni che abbiamo fatto sull’andamento del Pil 2016 saranno clamorosamente disattese” e, anzi, un obiettivo dell’1% resta nelle possibilità.

Il quadro, osservano peraltro al Tesoro, non è nero ma in ‘chiaro-scuro’, visto che ci sono anche alcuni segnali incoraggianti, dall’andamento dei servizi al fabbisogno in calo alle entrate, che si confermano in crescita sui 7 mesi di quasi 9 miliardi rispetto al 2015. Un ‘tesoretto’ che sarà utile anche a contenere gli effetti che la mancata crescita potrebbe avere sulla tenuta dei conti del 2016.

Ma per il 2017, è il mantra, bisogna ‘fare di più’. Un pacchetto consistente di misure che l’esecutivo sta approntando per rilanciare la crescita riguarderà quindi le imprese, con l’implementazione del piano ‘Industria 4.0’ sponsorizzato dal ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che va da maggiori incentivi per ricerca e sviluppo alla spinta ai premi aziendali per aumentare la produttività.

Su questo fronte a fianco del vantaggio per il lavoratore che ‘rende’ di più (che potrebbe vedere tassati al 10% i premi fino a 3.500-4.000 euro entro un tetto di reddito fino a 70.000 euro) ci potrebbe essere anche un incentivo alle imprese sotto forma di ulteriore taglio, ma ‘selettivo’ dell’Irap (solo appunto per chi utilizza in chiave produttività la contrattazione di secondo livello).

Questo tema sarà presto oggetto di un confronto tra le parti, anche se al tavolo governo-sindacati si dovrebbe affrontare solo il nodo ammortizzatori (con una probabile apertura alla proroga degli attuali ammortizzatori in deroga per ‘ammorbidire’ il periodo di transizione alle nuove regole del Jobs Act).

Altro capitolo ‘caldo’, oltre a quello delle pensioni, oggetto a loro volta di un tavolo ad hoc la prossima settimana, resta quello del post-terremoto, non solo sul fronte dell’emergenza ma anche sul fronte della prevenzione, attraverso il piano ‘Casa Italia’ sul quale il premier Matteo Renzi apre le prime consultazioni.

Il tentativo è quello di integrare le nuove misure con quello che già c’è, dal piano per il dissesto idrogeologico a quello per l’edilizia scolastica ai vari incentivi per le ristrutturazioni edilizie. L’ecobonus in particolare (lo sconto al 65% dei lavori per migliorare l’efficienza energetica degli edifici) potrebbe essere rafforzato ampliandone il raggio di azione anche agli interventi per la messa in sicurezza antisismica.

Lo scorso anno è stato introdotto un bonus al 50% per il solo 2015 e per le zone ad alto rischio. Una delle ipotesi è quella di alzare anche questo sconto al 65% allargando le aree di intervento.

Ultima ora

21:43Calcio: serie B, Cremonese-Brescia 2-0

(ANSA) - CREMONA, 20 OTT - La Cremonese vince il derby con il Brescia 2-0 e si porta momentaneamente a un punto dalla vetta. Successo meritato da parte dei grigiorossi che con un gol per tempo regolano i biancazzurri. Primo tempo denso di emozioni con il Brescia più vivace in avvio con Somma che colpisce il palo con un destro da fuori area. La Cremonese risponde poco dopo con un cross da destra di Almici deviato da Meccariello degli ospiti che colpisce in pieno la traversa. La Cremonese è più intraprendente e al 29' si presenta a tu per tu con il portiere del Brescia ma da due passi Mokulu calcia fuori. Il gol è nell'aria e arriva al 37' con una meravigliosa azione personale di Piccolo culminata con un diagonale perfetto. La Cremonese raddoppia nel secondo tempo con Claiton di testa su un corner di Piccolo da sinistra al 24'.

21:40Legale ex moglie Della Noce, sul lastrico per colpe sue

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - Non è stata la separazione dalla moglie a gettare sul lastrico Matteo Della Noce, l'ex comico della trasmissione Zelig che da alcuni giorni non ha altra casa che la sua macchina: a precisarlo è l'avvocato Andrea Natale, legale della ex moglie, che accusa Della Noce di aver rilasciato "molte dichiarazioni che non corrispondono a verità". L'avvocato ricorda che la separazione è avvenuta nel 2007 e dal 2013 Della Noce ha smesso di dare "qualsiasi tipo di contribuzione" per il mantenimento dei figli e che "per oltre 12 anni ha avuto un'altra relazione affettiva, dalla quale è nata una terza figlia". "L'attore - spiega l'avvocato - irresponsabilmente ha sperperato quanto accumulato nei momenti più felici della propria carriera per ragioni che nulla hanno a che vedere con la separazione" e "anche nel momento in cui era all'apice della propria carriera, è sempre stato 'restio' ad adempiere ai propri obblighi di mantenimento dei figli".

21:18Calcio: Pallotta, club responsabili per pochi idioti

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "La cosa frustrante è che a volte negli stadi è sufficiente che un paio di elementi facciano qualcosa di stupido affinché questo poi, purtroppo, si rifletta negativamente sul 99,9% delle persone che non la pensa in quel modo e non farebbe mai qualcosa del genere. Sono episodi gravi e deplorevoli sempre e comunque, a prescindere da quello che possa essersi verificato l'altro giorno, il mio è un discorso di carattere generale. Dispiace che i club siano ritenuti responsabili per le azioni di pochi idioti in giro per il mondo". Così James Pallotta, presidente della Roma, alla radio americana 'SiriusXM' dopo la decisione dell'Uefa di aprire un fascicolo d'inchiesta per alcuni presunti cori a sfondo razzista dei tifosi giallorossi a Londra durante la partita di Champions League col Chelsea. Da Trigoria fanno sapere che dagli audio analizzati non si riscontrano tali cori e che, soprattutto, né l'arbitro dell'incontro né il delegato Uefa hanno segnalato nulla in merito.

21:07Referendum: Zaia, veneti non hanno più anello al naso

(ANSA) - VENEZIA, 20 OTT - "La gestione di questo paese è stata una gestione centralista e assistenzialista che ha devastato i conti pubblici. E quindi fanno paura i veneti che vanno al voto. Sa perché? Perché quei mezzadri veneti che per Roma hanno l'anello al naso, non ci stanno più con l'anello al naso. È l'ora del riscatto dei veneti". Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, intervistato da '24Mattino' su radio 24. "È l'ora di dimostrare - ha aggiunto - che noi siamo rispettosi della Costituzione. Ma bisogna dare più Stato per chi vuole più Stato, come la Sicilia, che non riesce a incassare 52 miliardi di tasse ed è evidente che ha bisogno di più Stato perché l'autonomia la gestisce male, e meno Stato dove ci vuole meno Stato".

21:02Diritti tv: Lotti, in manovra nuove norme su risorse a club

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 20 OTT - Con la legge di Bilancio, le risorse dei diritti tv saranno ripartite tra i club di calcio di serie A in base a criteri nuovi, che assicurano anche maggiore "equità" e portano dal 40 al 50% la percentuale da distribuire in parti uguali tra tutte le società. Lo ha sottolineato il ministro dello Sport, Luca Lotti, in occasione del convegno dei Giovani di Confindustria. "La legge Melandri aveva stabilito che il 40% della distribuzione dei diritti televisivi era in parti uguali, ora la percentuale è elevata al 50%", ha affermato. Per l'altro 50% "i criteri, prima considerati non misurabili, oggi hanno dei parametri fissi: quello dei punti in classifica e dei campionati degli ultimi cinque anni. Credo che anche le società più piccole - ha detto Lotti - saranno contente di apprezzare una redistribuzione in termini più meritocratici" e allo stesso tempo "c'è una fetta della percentuale di ripartizione in parti uguali che aumenta".

21:02Calcio: Benevento, Di Chiara torna ad allenarsi

(ANSA) - BENEVENTO, 20 OTT - Si è allenato regolarmente nella seduta odierna, presso il centro sportivo di Paduli, l'esterno difensivo del Benevento Gianluca Di Chiara, che mercoledì scorso aveva accusato un lieve malore. Il calciatore, che ha 23 anni, ha svolto una serie di esami e accertamenti presso il centro Coni di Roma e non sarebbero stati riscontrati problemi. Di Chiara potrebbe quindi essere tra i convocati dall'allenatore Baroni per l'incontro contro la Fiorentina di domenica.

21:02Incendio Como: morta anche la quarta bimba

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - E' morta in serata all'ospedale Buzzi di Milano la bimba di 5 anni rimasta coinvolta nell' incendio stamani in un'abitazione di Como e che sarebbe stato appiccato dal padre, morto nelle fiamme con altri tre figli. La bimba era stata portata in un primo momento all'ospedale di Cantù (Como) e dopo alcune ore è stata trasferita in ambulanza all'ospedale Buzzi di Milano dove è morta nonostante i tentativi di salvarle la vita. In mattinata la bambina aveva dato qualche segno di ripresa, ma, purtroppo, ogni cura è stata inutile. Sale quindi a cinque il bilancio delle vittime: il padre, che dovrebbe essere l'autore dell'incendio e i suoi quattro figli di 3, 5, 6 e 11 anni.

Archivio Ultima ora