La crescita s’è interrotta. Si punta agli investimenti

Pubblicato il 05 settembre 2016 da ansa

Dopo aver certificato in via definitiva crescita zero nel secondo trimestre, l'Istat vede grigio anche per i prossimi mesi con la previsione di una "fase di debolezza" che proseguirà nella seconda parte dell'anno e che, se confermata, complicherà la messa a punto della prossima legge di bilancio

Dopo aver certificato in via definitiva crescita zero nel secondo trimestre, l’Istat vede grigio anche per i prossimi mesi con la previsione di una “fase di debolezza” che proseguirà nella seconda parte dell’anno e che, se confermata, complicherà la messa a punto della prossima legge di bilancio

ROMA. – Il già lento percorso di ripresa si è interrotto e le previsioni non lasciano ben sperare nemmeno per il prossimo futuro. Dopo aver certificato in via definitiva crescita zero nel secondo trimestre, l’Istat vede grigio anche per i prossimi mesi con la previsione di una “fase di debolezza” che proseguirà nella seconda parte dell’anno e che, se confermata, complicherà la messa a punto della prossima legge di bilancio.

Per la manovra il governo resta così sempre più orientato a concentrare le (scarse) risorse sugli investimenti, per stimolare soprattutto quelli privati sia delle imprese – con un occhio di riguardo all’innovazione e al rilancio della produttività – sia dei cittadini, in primis per tutelare dal rischio sismico le proprie abitazioni.

Sono gli investimenti, è la convinzione, l’unico vero volano per la crescita e per cercare di rimettere in moto una volta per tutte l’economia che più ha risentito della crisi tra i partner europei, in uno scenario peraltro di rallentamento generalizzato, come mostra anche il calo del Pmi dell’eurozona.

Professa comunque ottimismo il viceministro dell’Economia, Enrico Morando, secondo il quale “non c’è una ragione per affermare che le previsioni che abbiamo fatto sull’andamento del Pil 2016 saranno clamorosamente disattese” e, anzi, un obiettivo dell’1% resta nelle possibilità.

Il quadro, osservano peraltro al Tesoro, non è nero ma in ‘chiaro-scuro’, visto che ci sono anche alcuni segnali incoraggianti, dall’andamento dei servizi al fabbisogno in calo alle entrate, che si confermano in crescita sui 7 mesi di quasi 9 miliardi rispetto al 2015. Un ‘tesoretto’ che sarà utile anche a contenere gli effetti che la mancata crescita potrebbe avere sulla tenuta dei conti del 2016.

Ma per il 2017, è il mantra, bisogna ‘fare di più’. Un pacchetto consistente di misure che l’esecutivo sta approntando per rilanciare la crescita riguarderà quindi le imprese, con l’implementazione del piano ‘Industria 4.0’ sponsorizzato dal ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che va da maggiori incentivi per ricerca e sviluppo alla spinta ai premi aziendali per aumentare la produttività.

Su questo fronte a fianco del vantaggio per il lavoratore che ‘rende’ di più (che potrebbe vedere tassati al 10% i premi fino a 3.500-4.000 euro entro un tetto di reddito fino a 70.000 euro) ci potrebbe essere anche un incentivo alle imprese sotto forma di ulteriore taglio, ma ‘selettivo’ dell’Irap (solo appunto per chi utilizza in chiave produttività la contrattazione di secondo livello).

Questo tema sarà presto oggetto di un confronto tra le parti, anche se al tavolo governo-sindacati si dovrebbe affrontare solo il nodo ammortizzatori (con una probabile apertura alla proroga degli attuali ammortizzatori in deroga per ‘ammorbidire’ il periodo di transizione alle nuove regole del Jobs Act).

Altro capitolo ‘caldo’, oltre a quello delle pensioni, oggetto a loro volta di un tavolo ad hoc la prossima settimana, resta quello del post-terremoto, non solo sul fronte dell’emergenza ma anche sul fronte della prevenzione, attraverso il piano ‘Casa Italia’ sul quale il premier Matteo Renzi apre le prime consultazioni.

Il tentativo è quello di integrare le nuove misure con quello che già c’è, dal piano per il dissesto idrogeologico a quello per l’edilizia scolastica ai vari incentivi per le ristrutturazioni edilizie. L’ecobonus in particolare (lo sconto al 65% dei lavori per migliorare l’efficienza energetica degli edifici) potrebbe essere rafforzato ampliandone il raggio di azione anche agli interventi per la messa in sicurezza antisismica.

Lo scorso anno è stato introdotto un bonus al 50% per il solo 2015 e per le zone ad alto rischio. Una delle ipotesi è quella di alzare anche questo sconto al 65% allargando le aree di intervento.

Ultima ora

01:34Calcio: Chelsea assalto a Dzeko, pronti 50 milioni

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il Chelsea tenta l'assalto a Edin Dzeko. Lo si apprende da fonti vicine al club londinese, secondo cui i Blues sarebbero pronti a offrire 50-55 milioni di euro alla Roma per il bosniaco ed Emerson Palmieri. Se la trattativa andasse in porto, a Trigoria prenderebbero in esame la candidatura di Sturridge, già offerto in passato, e anche del viola Babacar, che piace al tecnico dei giallorossi Eusebio Di Francesco. Ma in un primo colloquio con il Chelsea si sarebbe parlato anche di un eventuale prestito dell'attaccante belga Michy Batshuayi, riserva di Morata.

01:25Calcio: Coppa del Re, Real Madrid vince in trasferta

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Con nove rincalzi in campo dall'inizio, il Real Madrid ha interrotto la striscia di tre partite senza successi andando a vincere per 1-0 sul campo del Leganes nella partita d'andata della sfida dei quarti di finale della Coppa del Re. Dal punto di vista del gioco, la crisi della squadra di Zidane continua ad essere tale ma le rete di Asensio all'89' da' un poco di serenità all'ambiente. "Intanto mi prendo il risultato - ha commentato Zidane -, che mi dà buone sensazioni. Arriverà il momento che giocheremo meglio, ne sono certo".

00:24Calcio: Mancini, mi piacerebbe allenare il Paris SG

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Seguo la Ligue 1, e il Psg è la squadra migliore. È ovvio che qualsiasi tecnico vorrebbe guidare questa squadra, è una delle migliori al mondo e con gli arrivi di Neymar e Mbappé ha buone possibilità di vincere la Champions. Mi piacerebbe allenare il Psg, perché no... Oggi c'è Emery che sta facendo bene ma nel calcio tutto può cambiare". Parole di Roberto Mancini, attuale allenatore dello Zenit, al quotidiano sportivo francese 'L'Equipe', che ha fornito un'anticipazione dell'intervista che verrà pubblicata domani. Mancini dice la sua anche sul big-match degli ottavi di Champions, in cui la squadra parigina se la vedrà con il Real Madrid. "Affrontare il Real è sempre difficile - dice -, ma penso che il Paris SG abbia buone possibilità di qualificarsi".

23:25Calcio: Nardella, proporrò proroga progetto stadio Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - Concessione della proroga alla Fiorentina per completare il progetto di realizzazione del nuovo stadio a Firenze. Ad annunciarla, dopo che il gruppo tecnico coordinato dal dirigente comunale Giacomo Parenti ha analizzato la documentazione consegnata dalla società viola, è il sindaco Dario Nardella. "Porterò in giunta a febbraio la proposta di prolungamento del pubblico interesse per la realizzazione dello stadio sulla base della relazione del gruppo tecnico. Quindi la data ultima per la consegna della documentazione integrale del progetto definitivo sarà fissata al 31 di ottobre", spiega il sindaco. I termini per la presentazione del progetto definitivo erano scaduti il 31 dicembre scorso, dopo che la concessione di una precedente proroga era già stata decisa dall'amministrazione. Alla base della concessione della nuova proroga, spiega il sindaco, i risultati dell'analisi del gruppo tecnico "sulla documentazione consegnata dalla Fiorentina prima della fine del 2017 relativa all'integrazione del progetto".

23:18Calcio: Regno Unito e Italia, due idee a confronto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Regno Unito e Italia. Due idee di calcio a confronto. Da quello femminile alle attuali differenze tra la Serie A e la Premier League. Questi i temi al centro del dibattito al Circolo Canottieri Aniene di Roma. Presenti numerosi ospiti, tra cui Jill Morris, ambasciatore del Regno Unito in Italia, Patrizia Panico, ex giocatrice della Nazionale femminile, e l'ex capitano della Nazionale inglese, Sol Campbell. A fare gli onori di casa, il presidente del Coni, Giovanni Malagò: "Oggi il calcio femminile in Italia è appannaggio della Lega Dilettanti - ha spiegato - ma se avessi l'opportunità di dare un contributo penso che le donne devono avere la stessa possibilità degli uomini. Il calcio femminile alle Olimpiadi ha avuto numeri di share impressionanti, è da matti non andare dietro questi numeri". Grande tifosa di calcio e del Liverpool in particolare, l'ambasciatore Morris rivela: "Il calcio è una delle tante cose che uniscono i nostri due Paesi: la passione dei tifosi, i cori, la rivalità tra club".

23:13Dakar: auto, Al-Attiyah vince dodicesima tappa

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nasser Al-Attiyah al volante della Toyota ha vinto la dodicesima tappa della Dakar, la Chilecito-San Juan, in Argentina, di 793 chilometri, 523 dei quali di speciale. Il pilota qatariota ha preceduto la Peugeot del francese Stephane Peterhansel di 2'03" e la Toyota del sudafricano Giniel De Villiers di 4'33". Nella classifica generale delle auto resta al comando lo spagnolo Carlos Sainz (oggi nono), con 44'41 di vantaggio su Peterhansel e 1h05'55" sullo stesso Al-Attiyah. Tappa cancellata per moto e quad per problemi di sicurezza del percorso.

22:47Calcio: Napoli, preso l’esterno sinistro Bangoura

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - Il Napoli rimpolpa la rosa con l'acquisto di Ismael Bangoura, 23 enne guineano cresciuto nelle giovanili dell'Inter prima di fare esperienza in giro per l'Italia con le maglie di Cesena, San Marino, Fidelis Andria e Maceratese, ultima squadra nella quale ha militato. L'acquisto dell'esterno sinistro - si apprende dal sito della Lega Calcio - è a titolo definitivo.

Archivio Ultima ora