“Toma de Caracas”, l’Opposizione mostra i muscoli

Pubblicato il 05 settembre 2016 da redazione

“Toma de Caracas”, l’Opposizione mostra i muscoli

“Toma de Caracas”, l’Opposizione mostra i muscoli

CARACAS – Smentiti dai fatti. Alla fine i pronostici del governo del presidente Maduro e degli esponenti del Partito Socialista Unico de Venezuela (PSUV) non hanno trovato riscontro nei fatti. La “Toma de Caracas”, lungi dall’essere il pretesto per un “golpe”, è stata un’imponente manifestazione di protesta in cui la grande assente è stata la violenza.

Il “Tavolo dell’Unità”, colmando le principali arterie della città, ha mostrato i muscoli. Un’immensa marea umana – i leader dell’Opposizione e i principali mass-media europei l’hanno stimata in oltre un milione di persone – è scesa in strada per esigere al Consiglio Nazionale Elettorale celerità nel rendere nota la data della raccolta del 20 per cento delle firme.

Non sono mancati, in gran parte provocati da elementi estranei alla manifestazione, piccoli conati di violenza. Alcuni spenti sul nascere dagli stessi manifestanti che hanno isolato gli elementi violenti; altri, invece, sedati dall’intervento della polizia. Il presunto complotto sventato dai servizi segreti, reso noto dal capo dello Stato, da esponenti del Psuv e dal ministro degli Interni, non è riconducibile alla “Toma de Caracas”.

Mentre dal palco del “Tavolo dell’Unità”, Jesùs “Chuo” Torrealba annunciava le prossime mosse dell’Opposizione per esigere il diritto al Referendum; il presidente della Repubblica, intervenendo in una manifestazione parallela organizzata dal Psuv, ha annunciato alcuni decreti orientati a cancellare l’immunità parlamentare.

Bisognerà attendere. Pare comunque che una tale iniziativa non abbia molte possibilità di successo. L’immunità parlamentare è contemplata dalla Costituzione. Quindi, il cammino per derogarla, stando a esperti e autorevoli costituzionalisti, non è quello del decreto.

La popolarità del capo dello Stato, in questi giorni, è stata messa duramente in discussione. L’immagine del presidente Maduro contestato da una folla in collera, in un quartiere dell’isola di Margarita, il cui video ha fatto il giro del mondo, ha mostrato un aspetto inedito della crisi politica e istituzionale del Paese.

Quanto accaduto a Villa Rosa, è stato interpretato dagli analisti dei fenomeni politici latinoamericani non solo come il tramonto di un leader – leggasi, Nicolàs Maduro – ma di un intero movimento politico: il “chavismo” che, a detta degli esperti, è stato incapace di soddisfare le aspirazioni della popolazione.

Eppure era riuscito a individuare le carenze del sistema politico e a interpretare il desiderio dei venezuelani. Le immense ricchezze, ricevute grazie all’incremento dei prezzi del greggio, non sono state impiegate per combattere la corruzione e il malaffare che erano considerati un cancro alimentato dai partiti dello “status”. Anzi, hanno aiutato al loro incremento. Insomma, il “chavismo”, nonostante le intenzioni iniziali e i massicci stanziamenti fatti in tal senso, è stato incapace di promuovere un equilibrato sviluppo economico e sociale.

Anche così, gli esperti ritengono che se il “chavismo” dovesse dimostrarsi un movimento politico effimero, un semplice fenomeno passeggero come ve ne sono tanti in politica, il Paese e il sistema democratico ne risentirebbero profondamente. L’alternabilità al potere, la presenza di un’opposizione forte sono ingredienti indispensabili in una democrazia. E’ anche nell’interesse dei partiti che oggi costituiscono il “Tavolo dell’Unità” evitare che la possibile destituzione del capo dello Stato, attraverso la consulta popolare, travolga, ferendolo a morte, il “chavismo”.

Nei giorni scorsi vi è stata un’ondata di arresti di leader politici e di manifestanti. Alcuni durante i piccoli conati di violenza che si sono accesi quando la “Toma di Caracas” era già conclusa e i partecipanti tornavano pacificamente a casa; altri a Villa Rosa, dopo il “cacerolazo” che ha accompagnato la visita del presidente Maduro nell’isola di Margarita; altri ancora nei giorni successivi com’è accaduto al giovane connazionale Alessandro Puglia, impiegato nell’Ufficio di Comunicazione dell’Assemblea nazionale.

Il giovane, in possesso della cittadinanza italiana, è stato accusato di essere il responsabile del volo di uno dei “droni” dai quali il “Tavolo dell’Unità” ha realizzato le riprese che hanno mostrato al mondo quanto imponente sia stata la manifestazione del primo settembre. Oggi l’udienza preliminare nel corso della quale i giudici dovranno decidere se confermare il fermo. Per il momento, come dichiarato da Alfredo Puglia, padre del giovane connazionale, l’iter burocratico è stato rispettato.

Stando alle informazioni in possesso del nostro Giornale, la famiglia Puglia non è stata ancora contattata dal nostro Consolato Generale d’Italia. In passato, durante le “guarimbas” del 2014, un momento di grande tensione per il Paese, il nostro Consolato fu molto attivo.

La Console Jessica Cupellini e la dottoressa Sandra Vitale, si prodigarono, intervenendo, ogni qualvolta ve ne era bisogno, per offrire assistenza e per informarsi sulle condizioni dei giovani arrestati. Non attendevano che fossero le famiglie a chiederne l’intervento. Bastava il solo sospetto di un connazionale arrestato, sia per informazioni raccolte in seno alla Collettività, sia per la pubblicazione di notizie, sia per indicazioni ottenute dal “Foro Penal Venezolano”, per mettere in moto il nostro Consolato.

Ci auguriamo che anche in questa occasione il suo intervento sia fermo e autorevole.

Ultima ora

21:19Calcio: Lazio, domani visite mediche Felipe Caicedo

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Felipe Caicedo è sbarcato oggi a Roma e svolgerà le visite di idoneità domani mattina presso la clinica Paideia. L'attaccante proveniente dall'Espanyol, verrà tesserato dalla Lazio dopo l'ok dei medici, l'annuncio potrebbe arrivare già per la giornata di domani indipendentemente dalla situazione legata alle caselle degli extracomunitari, al momento occupate. Nei piani del club biancoceleste, la punta ecuadoriana dovrà ricoprire il ruolo di vice di Ciro Immobile. Intanto la Lazio è sbarcata oggi a Walchsee, in Austria, dove svolgerà la seconda parte di ritiro in vista della Supercoppa contro la Juventus.

21:13Calcio: Roma, Monchi ‘Mahrez? Valutiamo anche altri nomi’

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Abbiamo presentato due offerte per Mahrez, la seconda la riteniamo giusta. Dopo questa ci siamo fermati e stiamo valutando altre opzioni". Quello di Monchi sembra essere un vero e proprio ultimatum al Leicester per l'attaccante algerino. "Percentuali? Non esiste un misuratore, la trattativa va in porto oppure no. Mahrez è un'opzione, non l'unica. Dopo l'ultima offerta stiamo virando su altre opzioni", ha proseguito il ds giallorosso in conferenza stampa di presentazione di Hector Moreno. Monchi ha anche fatto il punto su Manolas: "A oggi è un calciatore della Roma e credo che continuerà ad esserlo per molto tempo. Mi risulta che lui è contentissimo di essere alla Roma. Difensore centrale? Ad oggi la priorità è l'esterno destro".

21:10Lotta a degrado città, Venezia vieta bevute per strada

(ANSA) - VENEZIA, 28 LUG - Nuova crociata contro il degrado cittadino a Venezia, questa volta per evitare i sempre più frequenti episodi di disturbo e rischio per l'incolumità pubblica legati a chi si ubriaca per strada. Il sindaco Luigi Brugnaro, con un'ordinanza che si rifà al decreto Minniti sulla sicurezza, ha vietato l'assunzione di bevande alcoliche di qualsiasi genere al di fuori dei bar e dei locali pubblici (e relativi plateatici). Il divieto varrà nelle giornate di venerdì, sabato e domenica dei mesi di agosto, settembre e ottobre, dalle ore 18 fino alle 8 del giorno successivo. Si tratta di un provvedimento - spiega il Comune - dettato dai casi di gruppi di persone, anche molto giovani, arrivate già ubriache in alcuni locali pubblici, tanto da rendere necessario il ricorso a cure ospedaliere, o di veri e propri "tour alcolici" organizzati da chi giunge in città per eventi come come gli addii al celibato.

21:03Siccità: Regione-Governo, continua prelievo Bracciano

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Acea potrà continuare a prelevare acqua dal lago di Bracciano, anche se in forma ridotta, dai 900 litri al secondo di adesso a 400 litri. Lo ha deciso la Regione Lazio a seguito di una trattativa con il ministero dell'Ambiente. Lo ha annunciato oggi alla Camera il ministro, Gian Luca Galletti. Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha annunciato che "oggi abbiamo emesso una nuova ordinanza che conferma il blocco delle captazioni dal Lago di Bracciano dal 1 settembre e introduce solo la possibilità di una captazione minima di 400 litri al secondo fino al 10 agosto e di 200 litri al secondo dal 11 agosto alla fine del mese".

21:02Caos Atac, tolte deleghe a dg. Rota, mi ero già dimesso

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Atac, di nuovo tutto da rifare. Ancora una volta l'azienda capitolina perde il suo dg che ieri aveva comunicato la disastrosa situazione dei conti di Atac "a un passo dal crac". Il manager milanese atteso come chi avrebbe potuto traghettare l'azienda di trasporti in acque più calme, se ne va. E non senza togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Manuel Fantasia, amministratore unico di Atac, ha ritirato oggi le deleghe al dg. Ma Rota lo corregge non senza una vena polemica: "Mi ero dimesso già una settimana fa". E, per l'ennesima volta, ricomincia il toto nomi. La palla passa adesso al Campidoglio che, a quanto si apprende, avrebbe già individuato il nuovo dg. In pole ci sarebbe Carlo Tosti, già ad di Atac sotto Alemanno. Cgil ricorda l'enorme "buco finanziario di Atac" e "la drammatica situazione delle infrastrutture e del parco mezzi". Ma "i dirigenti hanno avuto un benefit sostanzioso rispetto anche all'anno precedente.", spiega il segretario generale Filt Cgil Roma e Lazio Eugenio Stanziale.

20:45Sede Forza Nuova inaugurata accanto a monumento partigiani

(ANSA) - LA SPEZIA, 28 LUG - A La Spezia apre una sede di Forza Nuova nel quartiere simbolo della resistenza al nazifascismo, a pochi metri dal monumento ai caduti partigiani. Per questo oltre 300 persone stasera alla Chiappa, quartiere di La Spezia, hanno preso parte al presidio antifascista organizzato da oltre 40 tra partiti della sinistra e del centro sinistra, associazioni partigiane e culturali. "Il fascismo non sarà mai la risposta. Siamo qui per rilanciare un messaggio diverso che parla di apertura e allontanamento della paura" hanno detto gli organizzatori. Al presidio erano presenti rappresentanti di Pd, Rete a Sinistra-LiberaMente Liguria, Possibile, Rifondazione Comunista, Psi, Cgil, Cisl, Uil, Anpi, Aned. Il corteo antifascista non è stato autorizzato per ragioni di sicurezza. Una delegazione si è potuta avvicinare per portare un mazzo di fiori al monumento cantando Bella Ciao e urlando "viva i partigiani, viva la resistenza". Da lontano i militanti di Forza Nuova hanno risposto con altri cori.

20:42Calcio: Bernardeschi, insulti da parte società malsana

(ANSA) - TORINO, 28 LUG - "C'è una parte della società malsana che non voglio alimentare". Dal ritiro di Boston, Federico Bernardeschi commenta così, nella conferenza stampa trasmessa da Sky e Premium, gli striscioni di insulti contro di lui di una parte della tifoseria della Fiorentina. "Nel mondo di oggi viviamo situazioni particolari, come il tifoso sui social che augura la morte o brutti mali. Questa parte di società malsana non va alimentata. Ringrazio i tifosi che nonostante tutto mi hanno fatto gli auguri".

Archivio Ultima ora