“Toma de Caracas”, l’Opposizione mostra i muscoli

Pubblicato il 05 settembre 2016 da redazione

“Toma de Caracas”, l’Opposizione mostra i muscoli

“Toma de Caracas”, l’Opposizione mostra i muscoli

CARACAS – Smentiti dai fatti. Alla fine i pronostici del governo del presidente Maduro e degli esponenti del Partito Socialista Unico de Venezuela (PSUV) non hanno trovato riscontro nei fatti. La “Toma de Caracas”, lungi dall’essere il pretesto per un “golpe”, è stata un’imponente manifestazione di protesta in cui la grande assente è stata la violenza.

Il “Tavolo dell’Unità”, colmando le principali arterie della città, ha mostrato i muscoli. Un’immensa marea umana – i leader dell’Opposizione e i principali mass-media europei l’hanno stimata in oltre un milione di persone – è scesa in strada per esigere al Consiglio Nazionale Elettorale celerità nel rendere nota la data della raccolta del 20 per cento delle firme.

Non sono mancati, in gran parte provocati da elementi estranei alla manifestazione, piccoli conati di violenza. Alcuni spenti sul nascere dagli stessi manifestanti che hanno isolato gli elementi violenti; altri, invece, sedati dall’intervento della polizia. Il presunto complotto sventato dai servizi segreti, reso noto dal capo dello Stato, da esponenti del Psuv e dal ministro degli Interni, non è riconducibile alla “Toma de Caracas”.

Mentre dal palco del “Tavolo dell’Unità”, Jesùs “Chuo” Torrealba annunciava le prossime mosse dell’Opposizione per esigere il diritto al Referendum; il presidente della Repubblica, intervenendo in una manifestazione parallela organizzata dal Psuv, ha annunciato alcuni decreti orientati a cancellare l’immunità parlamentare.

Bisognerà attendere. Pare comunque che una tale iniziativa non abbia molte possibilità di successo. L’immunità parlamentare è contemplata dalla Costituzione. Quindi, il cammino per derogarla, stando a esperti e autorevoli costituzionalisti, non è quello del decreto.

La popolarità del capo dello Stato, in questi giorni, è stata messa duramente in discussione. L’immagine del presidente Maduro contestato da una folla in collera, in un quartiere dell’isola di Margarita, il cui video ha fatto il giro del mondo, ha mostrato un aspetto inedito della crisi politica e istituzionale del Paese.

Quanto accaduto a Villa Rosa, è stato interpretato dagli analisti dei fenomeni politici latinoamericani non solo come il tramonto di un leader – leggasi, Nicolàs Maduro – ma di un intero movimento politico: il “chavismo” che, a detta degli esperti, è stato incapace di soddisfare le aspirazioni della popolazione.

Eppure era riuscito a individuare le carenze del sistema politico e a interpretare il desiderio dei venezuelani. Le immense ricchezze, ricevute grazie all’incremento dei prezzi del greggio, non sono state impiegate per combattere la corruzione e il malaffare che erano considerati un cancro alimentato dai partiti dello “status”. Anzi, hanno aiutato al loro incremento. Insomma, il “chavismo”, nonostante le intenzioni iniziali e i massicci stanziamenti fatti in tal senso, è stato incapace di promuovere un equilibrato sviluppo economico e sociale.

Anche così, gli esperti ritengono che se il “chavismo” dovesse dimostrarsi un movimento politico effimero, un semplice fenomeno passeggero come ve ne sono tanti in politica, il Paese e il sistema democratico ne risentirebbero profondamente. L’alternabilità al potere, la presenza di un’opposizione forte sono ingredienti indispensabili in una democrazia. E’ anche nell’interesse dei partiti che oggi costituiscono il “Tavolo dell’Unità” evitare che la possibile destituzione del capo dello Stato, attraverso la consulta popolare, travolga, ferendolo a morte, il “chavismo”.

Nei giorni scorsi vi è stata un’ondata di arresti di leader politici e di manifestanti. Alcuni durante i piccoli conati di violenza che si sono accesi quando la “Toma di Caracas” era già conclusa e i partecipanti tornavano pacificamente a casa; altri a Villa Rosa, dopo il “cacerolazo” che ha accompagnato la visita del presidente Maduro nell’isola di Margarita; altri ancora nei giorni successivi com’è accaduto al giovane connazionale Alessandro Puglia, impiegato nell’Ufficio di Comunicazione dell’Assemblea nazionale.

Il giovane, in possesso della cittadinanza italiana, è stato accusato di essere il responsabile del volo di uno dei “droni” dai quali il “Tavolo dell’Unità” ha realizzato le riprese che hanno mostrato al mondo quanto imponente sia stata la manifestazione del primo settembre. Oggi l’udienza preliminare nel corso della quale i giudici dovranno decidere se confermare il fermo. Per il momento, come dichiarato da Alfredo Puglia, padre del giovane connazionale, l’iter burocratico è stato rispettato.

Stando alle informazioni in possesso del nostro Giornale, la famiglia Puglia non è stata ancora contattata dal nostro Consolato Generale d’Italia. In passato, durante le “guarimbas” del 2014, un momento di grande tensione per il Paese, il nostro Consolato fu molto attivo.

La Console Jessica Cupellini e la dottoressa Sandra Vitale, si prodigarono, intervenendo, ogni qualvolta ve ne era bisogno, per offrire assistenza e per informarsi sulle condizioni dei giovani arrestati. Non attendevano che fossero le famiglie a chiederne l’intervento. Bastava il solo sospetto di un connazionale arrestato, sia per informazioni raccolte in seno alla Collettività, sia per la pubblicazione di notizie, sia per indicazioni ottenute dal “Foro Penal Venezolano”, per mettere in moto il nostro Consolato.

Ci auguriamo che anche in questa occasione il suo intervento sia fermo e autorevole.

Ultima ora

12:03Scuola: ancora raid a Caccioppoli Napoli,rubati cavi di rame

(ANSA) - NAPOLI, 19 GEN - Un furto è stato compiuto la scorsa notte nell'area antistante il Liceo Scientifico Caccioppoli di Napoli: ignoti hanno rubato alcuni cavi di rame. E' la sesta volta in pochi mesi che l'istituto scolastico di via Nuova del Campo finisce nel mirino dei ladri: si tratta del sesto raid in pochissimo tempo. Sul posto è giunta la polizia. A inizio mese i malviventi hanno portato via computer e altro materiale. La scorsa settimana gli studenti sono scesi in piazza per denunciare i disagi causati dai continui furti e per sollecitare maggiore sorveglianza.

12:02Pop. Vicenza,Gdf esegue sequestri a carico di 5 imputati

(ANSA) - VICENZA, 19 GEN - Gli uomini del nucleo di Polizia economico-finanziaria della Gdf di Vicenza stanno eseguendo alcuni provvedimenti di sequestro conservativo emessi dal Tribunale, su richiesta della Procura, nei confronti di cinque degli imputati nell'inchiesta sulla Banca Popolare di Vicenza, attualmente in fase di udienza preliminare. L'accusa ha chiesto il processo per 7 ex dirigenti, tra i quali l'allora presidente Gianni Zonin.

11:52Mafia cinese:China Truck, 25 arrestati, 8 in fuga all’estero

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - La squadra mobile di Prato e lo Sco della polizia di Stato hanno catturato finora 25 dei 33 indagati colpiti dall'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Alessandro Moneti nell'inchiesta 'China Truck' contro la mafia cinese coordinata dalla Dda di Firenze. Altri otto sono tuttora ricercati e, secondo ipotesi della polizia, si dovrebbero trovare tutti in fuga all'estero. Saranno attivate collaborazioni con polizie straniere. Tra gli otto da portare in carcere, due sono considerati soggetti particolarmente pericolosi, già individuati nelle indagini come responsabili di aggressioni con armi bianche.

11:36Grillo, alleanze? Come dire che Panda mangia carne

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Se faremo le alleanze, anche con il Pd? "Sono domande senza senso, è come dire che un giorno un panda può mangiare carne cruda. Noi mangiamo solo cuore di bamboo". Non esistono forze politiche" a questo voto, " noi siamo l'unica forza politica nuova". Lo afferma Beppe Grillo uscendo dal Viminale dopo aver consegnato il simbolo del M5S. "Abbiamo presentato il simbolo della prima forza politica del Paese - gli fa eco il candidato premier Luigi Di Maio lasciando il ministero assieme a Davide Casaleggio - vogliamo andare al governo e andremo al governo".

11:35Migranti: Vienna, task force per controlli al confine

(ANSA) - BOLZANO, 19 GEN - Il ministro degli interni austriaco Herbert Kickl ha annunciato l'istituzione di una task force di polizia per i controlli di frontiera. Come spiega il ministro del partito di ultradestra Fpoe, si tratta di un'unità di pronto intervento "in grado di avviare entro poche ore il management di confine" (controlli di frontiera, ndr.) e "procedere all'identificazione" dei viaggiatori. "Non ci sarà più un lasciapassare", ribadisce Kickl in un'intervista al quotidiano Tiroler Tageszeitung. Nell'intervista Kickl spiega di aver già provveduto all'istituzione di questa 'Grenzschutzeinheit'. "Abbiamo comunque già controlli efficaci che funzionano, ma un anno 2015 non si deve ripetere", sottolinea il ministro in riferimento all'elevato numero di ingressi in Austria all'epoca.

11:34Tennis: Australia, Seppi soffre e vince, vola agli ottavi

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Soffre e vince, e vola agli ottavi degli Australian Open, il tennista azzurro Andreas Seppi, brillante vincitore al termine di una maratona di 4 ore di partita contro il croato Ivo Carlovic. Un match infinito che si è chiuso al quinto set dopo un tira e molla fra i due rivali, da un game all'altro, che ha entusiasmato il pubblico. L'italiano ha tenuto duro, in una gara giocata anche sul filo dei nervi e alla fine ha prevalso con il punteggio di 6-3 7-6 6-7 6-7 9-7 . Agli ottavi il tennista altoatesino dovrà affrontare il britannico Kyle Edmund. (ANSA).

11:25Sci: cdm, maltempo, modificato programma superG Kitzbuehel

(ANSA) - Kitzbuehel (Austria), 19 gen - Dopo una nevicata notturna con nuvole basse e fondo morbido sulla parte Bassa della Streif, il programma dell'odierno SuperG di coppa del mondo di Kitzbuehel e' stato modificato. La gara invece che alle ore 11,30 partirà così alle 13. Non solo: il percorso e' stato anche accorciato con partenza dalla famosa Mausefalle, la 'trappola per topi' ed arrivo in quota sopra il grande salto della Hausbergkante e non nel grande stadio alla base della Streif. Dunque pochi spettatori potranno vedere direttamente gli atleti tagliare il traguardo. (ANSA).

Archivio Ultima ora