Sisma: legno, acciaio e poliuretano, case pronte in 7 mesi

Pubblicato il 06 settembre 2016 da ansa

Legno, acciaio e poliuretano, case pronte in 7 mesi

Legno, acciaio e poliuretano, case pronte in 7 mesi

ROMA. – Una struttura in acciaio, tamponamenti e coperture in pannelli isolati con poliuretano e verande esterne in legno. Sono questi i materiali scelti dal Cns (Il consorzio nazionale servizi) per la realizzazione dei Sae, le soluzioni abitative di emergenza per le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto.

Il Cns ha stipulato un accordo quadro con la Protezione Civile per un massimo di 850 ‘casette’, a seguito della vincita dell’appalto, insieme ad altre società, per la fornitura dei Sae, le soluzioni abitative emergenziali. “Saranno le regioni a scegliere quali ditte si dovranno occupare della fornitura e stabilire la quantità dei moduli necessari” spiega Sergio Zaccarelli, il procuratore designato dal nuovo consiglio di gestione del Cns responsabile del progetto.

“La nostra proposta – spiega – prevede moduli di classe A+ da 40, 60 e 80 mq per soddisfare le diverse esigenze abitative, sono studiate per essere fruibili anche per le persone disabili, tutte complete di arredi ed elettrodomestici di classe A++. Per quanto riguarda l’impiantistica, invece, abbiamo scelto di non usare una pompa di calore ma una caldaia a condensazione con corpi radianti in ghisa per dare l’idea di un’abitazione definitiva e non provvisoria” precisa Zaccarelli.

E’ proprio questo l’obiettivo che si cerca di perseguire: realizzare delle abitazioni che riescano a dare l’idea di residenze definitive e confortevoli, attenuando quella sensazione di provvisorietà che solitamente caratterizza le soluzioni abitative di emergenza.

“L’accordo stipulato con la Protezione Civile prevede 7 mesi per la realizzazione delle casette, come annunciato dal governo. Siamo in grado di rispettare questa tempistica” assicura Zaccarelli che poi ci tiene a precisare: “Il nuovo consiglio di gestione che si è insediato un anno fa’ rappresenta un nuovo corso rispetto al passato”.

Il riferimento è all’accostamento del nome del Consorzio con alcune vicende legate all’inchiesta di Mafia Capitale per l’affidamento di lavori a ditte rimaste coinvolte nelle indagini. Il Cns infatti risulta tuttora iscritto alla White List, un atto della procura che attesta l’assenza di eventuali tentativi di infiltrazioni mafiose.

(di Giulia Pelosi/ANSA)

Ultima ora

19:47Compra anello per 10 sterline, ne vale 350mila

(ANSA) - LONDRA, 22 MAG - Un anello con diamante acquistato negli anni Ottanta in un mercatino delle pulci per 10 sterline verrà battuto all'asta da Sotheby's a luglio e, secondo le stime della nota casa londinese, dovrebbe raggiungere la ragguardevole cifra di 350mila sterline (poco più di 400mila euro). La proprietaria ha sempre pensato che il diamante fosse un articolo di bigiotteria e in questi anni ha indossato l'anello tutti i giorni. In realtà si tratta di un raro diamante da 26 carati del 19mo secolo tagliato a cuscino. Secondo la casa d'aste proprio il vecchio stile del taglio, che lo "rende leggermente più opaco" rispetto ai tagli moderni, ha indotto la proprietaria a pensare che si trattasse di un pezzo da bigiotteria.

19:42Moto: morto Nick Hayden

(ANSA) - BOLOGNA, 22 MAG - E' morto all'ospedale Bufalini di Cesena il motociclista Nicky Hayden, rimasto coinvolto in un incidente mentre si stava allenando in bicicletta nel Riminese. Da mercoledì era ricoverato in rianimazione per un gravissimo politrauma e una vasta lesione cerebrale causata dallo scontro con un'auto. Lo ha annunciato una nota dell'ospedale Bufalini. Le sue condizioni erano apparse fin da subito gravissime: aveva infatti riportato numerose ferite dopo essere stato sbalzato sul cofano della vettura e avere sfondato il parabrezza mentre la sua bici, spezzata, era finita in un fosso ai lati della carreggiata.

19:36Trump: Sarah e Melania si dicono fan l’una dell’altra

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 MAG - Sarah Netanyahu e Melania Trump si sono fatte reciprocamente i complimenti esprimendo ammirazione l'una per altra e sottolineando di avere in comune molte cose tra cui - ha detto la prima - l'antipatia verso i media. Lo scambio di battute informale - captato dai microfoni, secondo quanto segnalato dai media - è avvenuto all'incontro delle coppie una volta che i Trump sono scesi dall'Air Force One. Il presidente ha detto a Netanyahu che la moglie è "una grande fan della sua consorte". "Io l'amo - ha subito risposto Sarah - ed anche io sono una sua fan". "Posso testimoniarlo", ha spiegato Netanyahu mentre la moglie ha aggiunto: "La maggioranza del popolo, a differenza dei media, ci vuole bene... Abbiamo molto in comune".

19:28Consip: mercoledì riunione vertici procura Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 22 MAG - Le vicende legate al caso Consip - le polemiche sulla conduzione dell'inchiesta, le presunte irregolarità attribuite a un investigatore dei carabinieri, e l'avvio di un procedimento disciplinare nei confronti del pm Henry John Woodcock che svolse la prima fase delle indagini - saranno al centro di una riunione fissata per mercoledì prossimo, 24 maggio, alla quale prenderanno parte il procuratore facente funzione Nunzio Fragliasso e gli otto procuratori aggiunti che coordinano le varie sezioni dell'ufficio. E' la prima volta che viene affrontata, sia pure informalmente, la questione da parte dei magistrati della procura di Napoli da quando nelle scorse settimane gli inquirenti della procura di Roma indagarono per falso il comandante dei Noe di Napoli capitano Gianpaolo Scafarto per presunti falsi inseriti nell' informativa sia in relazione al coinvolgimento dei servizi segreti sia a proposito di una intercettazione che chiamava in causa Tiziano Renzi.

19:25Usa: Trump cerca mano Melania, First Lady si sfila via

(ANSA) - NEW YORK, 22 MAG - Trump cerca la mano di Melania e lei si sfila via non curante. Almeno e' ciò che appare dalla sequenza delle immagini di un video che ha fatto il giro della rete suscitando diversi commenti. L'episodio si riferisce all'arrivo della coppia presidenziale in Israele. I due sono stati accolti in pompa magna e alla loro discesa dall'Air Force One e' stato steso un lungo tappeto rosso. Dopo le foto con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e la moglie Sara, il gruppo si è avviato sul tappeto rosso. Il leader israeliano e la moglie si tenevano per mano e ad un certo punto e' sembrato che anche Trump cercasse la mano della moglie che invece di porgerla a sua volta sembra addirittura dare segno di volerla respingere. "Melania si e' appena rifiutata di dare la mano a Trump?" - si legge su Twitter. "Siamo tutti Melania", oppure, "Melania non vuole avere niente a che fare con lui. Nove giorni con Trump e non vede l'ora di tornare nel suo santuario a New York". Così alcuni alcuni dei commenti sul web

19:21Radicali, protesta a Milano contro Regione e Comune

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - Protesta dei Radicali a Milano contro "la violazione dei diritti di iniziativa popolare da parte del Comune e della Regione Lombardia". Marco Cappato, tesoriere della associazione Luca Coscioni, si è presentato davanti a Palazzo Marino esibendo due grandi matite di cartone per protestare contro il Comune "che dopo 21 mesi dal deposito delle firme sui quattro referendum del comitato 'Milano sì muove' non ha ancora rinnovato il Collegio dei garanti che devono dare il parere di fattibilità". La stessa protesta i Radicali metteranno in scena domani davanti al Pirellone, dove si tiene la seduta del Consiglio regionale. "Sono passati 15 mesi dal deposito delle leggi di iniziativa popolare per la regolamentazione della Cannabis terapeutica e per istituire il Registro dei testamenti biologici - ha detto Cappato -. La legge prevede che il Consiglio regionale abbia tre mesi di tempo per discutere le proposte depositate, scaduti i quali avviene l'inscrizione automatica. Ma non sono mai state calendarizzate".

19:20Turchia: demolito club strage di Capodanno

(ANSA) - ISTANBUL, 22 MAG - Il nightclub 'Reina' di Istanbul, teatro della strage di Capodanno rivendicata dall'Isis, in cui furono uccise 39 persone, è stato demolito stamani. La decisione è giunta dal Comune della metropoli sul Bosforo, che in una breve nota ha motivato l'abbattimento con una "violazione della normativa" edilizia. "È stato inatteso anche per noi. Il processo di demolizione è durato 45 minuti", ha detto a Hurriyet una fonte del locale. Il prossimo 11 dicembre avrà inizio il processo ad Abdulkadir Masharipov, l'uzbeko accusato di aver compiuto l'attacco, rinviato a giudizio con altri 56 presunti complici. Catturato dopo oltre due settimane di caccia all'uomo, Masharipov rischia 40 ergastoli e 2.397 anni di prigione.

Archivio Ultima ora