Non useremo l’atomica per primi, Obama rinuncia al suo progetto

Pubblicato il 06 settembre 2016 da ansa

U.S. President Barack Obama speaks during his press conference at the conclusion of Nuclear Security Summit in Washington April 1, 2016. REUTERS/Kevin Lamarque      TPX IMAGES OF THE DAY

U.S. President Barack Obama speaks during his press conference at the conclusion of Nuclear Security Summit in Washington April 1, 2016. REUTERS/Kevin Lamarque TPX IMAGES OF THE DAY

NEW YORK. – Barack Obama rassegnato a rinunciare a una delle sue più grandi ambizioni: promettere davanti al mondo intero che l’America non userà mai più per prima la bomba atomica durante un conflitto. Così come invece accadde a Hiroshima e Nagasaki.

La proposta di protocollo si chiama ‘No First Use’. Secondo il New York Times il presidente Usa starebbe valutando di abbandonare il progetto, pressato dalla gran parte dei suoi più stretti consiglieri in materia di sicurezza e da pezzi da novanta della sua amministrazione, come il segretario di stato John Kerry e il capo del Pentagono Ash Carter.

In pratica un addio a quella che Obama vedeva come una delle eredità più pesanti dei suoi otto anni alla Casa Bianca, dopo la promessa lanciata nel 2009 a Praga di lavorare per un mondo che un giorno sia senza armi nucleari. E’ vero che da Harry Truman in poi tutti i presidenti Usa hanno di fatto sancito che l’America avrebbe usato le armi nucleari solo come ultima risorsa.

Ma scriverlo nero su bianco viene ritenuto troppo rischioso dal Consiglio nazionale per la sicurezza, riunitosi in luglio. Una riunione che – scrivono i media – avrebbe convinto Obama sui rischi del protocollo ‘No First Use’. Rischi che ricadrebbero innanzitutto sugli alleati degli Usa, asiatici ed europei, incoraggiando le mire egemoniche di Russia e Cina.

Un punto su cui avrebbero insistito molto negli ultimi tempi soprattutto Kerry e Carter, spiegando ad Obama che la mossa verrebbe letta a Mosca e a Pechino come un segnale di debolezza. Per non parlare della mina vagante rappresentata dal dittatore nordcoreano Kim Jong-un.

E qui subentra anche il risvolto elettorale, lì dove l’agenda per il disarmo nucleare di Barack Obama si scontra con l’obiettivo del candidato repubblicano alla Casa Bianca, Donald Trump, di un disimpegno Usa soprattutto nel sudest asiatico. Col tycoon che ha in più riprese invitato Giappone e Corea del Sud a realizzare un loro proprio arsenale atomico.

Anche il Wall Street Journal, alcune settimane fa, aveva sollevato il problema del protocollo ‘No First Use’, mettendo in evidenza come alcuni alleati Usa avrebbero già epresso attraverso i canali diplomatici forti perplessità, se non contrarietà, alla proposta di Obama: in particolare la Gran Bretagna, la Francia, il Giappone e la Corea del Sud. A suscitare dubbi, dentro e fuori gli Usa, anche altre possibili iniziative dell’amministrazione Obama sul nucleare, come ridimensionare il previsto ammodernamento delle forze nucleari americane e ridurre le testate atomiche dispiegate, senza un impegno reciproco da parte della Russia.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

21:42Calcio: Ranieri, vorrei meno premi e più punti

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Vorrei meno premi e più punti". Claudio Ranieri accetta con piacere l'ennesimo riconoscimento per la cavalcata vincente dell'anno scorso in Premier League, ma oggi il suo Leicester deve pensare a evitare la retrocessione. "L'anno scorso è stato incredibile, la squadra ha dato il 120% per un risultato insperato e lo stiamo pagando - ha notato l'allenatore degli inglesi a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' -. La vittoria dell'anno scorso è stata possibile anche per l'unione fra i ragazzi e per le difficoltà delle grandi squadre, che non sono state continue. Se capita ai grandi campioni, figuriamoci a dei ragazzi che hanno giocato in serie B e lottato per non retrocedere. Ora le big sono continue e noi siamo tornati nella normalità: dobbiamo essere concentrati per raggiungere al più presto i 40 punti della salvezza".

Archivio Ultima ora