Due giornalisti venezuelani sulla cima dell’Everest?

everest_foto

CARACAS – Il britannnico John Ruskin scrisse una volta un poema sulle montagne e disse “Sono le grandi cattedrali della terra, con i loro portali di roccia, i mosaici di nubi, i cori dei torrenti, gli altari di neve, le volte di porpora scintillanti di stelle (…)”.

Il 23 maggio del 2001, la spedizione venezuelana Proyecto Cumbre fu la prima proveniente dalla terra di Bolívar che conquistò la cima dell’Everest. Adesso sulle orme di questo famoso gruppo, due giornalisti venezuelani tenteranno di scalare i suoi 8.848 metri. L’ascesa che vedrà impegnati Giselle Cesin ed Alberto Camardiel inizierà nel mese d’aprile del 2017.

“Da più di un anno mi sto preparando per compiere questa impresa” ha confessato Cesin in un comunicato stampa. La giornalista nei giorni scorsi ha scalato la vetta del Denali, la vetta più elevata dell’America Settentrionale (6.190 m s.l.m.), situata in Alaska, una delle Sette cime del Pianeta.

Cesin è un’amante della natura e degli sport all’aperto ed ha partecipato a diverse gare del tipo Ironman. Il suo compagno di viaggio sarà un altro giornalista, Alberto Camardiel che ha dichiarato: “La meta è portare il più alto possibile il nome del Venezuela e se andiamo in due le possibilità aumentano”. Per Camardiel quella del 2017 sarà la terza ascesa nella catena montuosa dell’Himalaya.

Insieme alla coppia di giornalisti parteciperanno nell’impresa i fratelli argentini Willie e Damiàn Benegas. Entrambi con una vasta esperienza in questo tipo scalate.

Condividi: