Nuova apertura di Boschi sull’Italicum. Ma Bersani nicchia

Pubblicato il 07 settembre 2016 da ansa

Nuova apertura di Boschi sull'Italicum. Ma Bersani, solo fumo

Nuova apertura di Boschi sull’Italicum. Ma Bersani, solo fumo

ROMA. – “Segnali di fumo”, vuote parole. Insomma, un bluff. La minoranza bersaniana del Pd respinge la disponibilità a cambiare l’Italicum di Matteo Renzi e Maria Elena Boschi. Non bastano le aperture ribadite dal presidente del Consiglio e dal ministro delle Riforme. Se non arriverà “un’iniziativa visibile ed efficace” nella direzione di una modifica della legge elettorale, è il messaggio di Pier Luigi Bersani ai vertici del partito, una parte della sinistra Dem annuncerà il No al referendum costituzionale.

Ma il Pd, replicano i vertici Dem, non può fare da solo: servono i numeri in Parlamento. E, richiama alla realtà Luigi Zanda, “trovare una maggioranza in questo Senato è difficile”. Renzi ha lanciato l’ultima fase della campagna referendaria, che lo vedrà impegnato alle Feste dell’Unità di Reggio Emilia e Firenze, poi a Catania, Modena, Bologna.

Anche dal Pd, raccontano fonti parlamentari, aumenta il pressing perché si fissi la data, in modo che si possano ‘dosare’ le forze. Il premier ha fatto sapere che deciderà entro il 25 settembre ma ha indicato un arco di tempo (tra il 15 novembre e il 5 dicembre: 27 novembre la domenica più ‘quotata’) e ha già dato l’input all’organizzazione della Leopolda, il tradizionale evento renziano a Firenze, che quest’anno lancerà la volata finale. Si svolgerà a inizio novembre (il weekend del 6 o più probabilmente dell’13), avrà al centro il tema del cambiamento e vedrà sul palco protagoniste le persone comuni che sostengono il Sì.

Alla campagna è giunto quello che alcuni parlamentari renziani definiscono un “insperato aiuto” dalla vicenda che sta dilaniando il M5s a Roma: è un colpo alla credibilità come partito di governo del Movimento, che è tra i principali sostenitori delle ragioni del No. Ma Renzi martedì sera a Porta a porta ha deciso di mantenere, spiegano, toni equilibrati (“Mai viste tante bugie, però non festeggio”, ha assicurato), anche perché la scelta è mettere al centro, nei prossimi mesi, il merito delle questioni e non le polemiche politiche. Sottrarsi, insomma, alla mischia della personalizzazione e del “voto contro il governo” sul referendum.

Perciò c’è grande attenzione a parlare con i fatti, dalla reazione al terremoto alla legge di stabilità: Renzi tiene molto, ad esempio, alla misura a favore delle partite Iva anche perché parla all’elettorato giovane. Ma a guastare il clima, resta lo scontro interno al Pd sulla legge elettorale.

Non sembrano accorciarsi le distanze tra le due anime del partito. Nonostante Renzi abbia usato toni quanto mai concilianti sulla possibilità di modificare l’Italicum. E nonostante Boschi, nel corso di un convegno, ribadisca: “C’è sicuramente la disponibilità a modificare l’Italicum se ci sono le condizioni in Parlamento, purché la legge elettorale venga migliorata”.

In quello stesso convegno però, fanno notare i dirigenti Pd, il capogruppo Fi al Senato Paolo Romani afferma che si può discutere di cambiare l’Italicum solo dopo il referendum. E considerato che il M5s non è disposto a trattare, non sembrano esserci ora le condizioni per agire. Perché da solo il Pd (che al suo interno non ha una proposta condivisa) non è autosufficiente. Dunque, spiegano dalla maggioranza Pd, ad oggi un’accelerazione pare possibile solo se il 4 ottobre la Consulta boccerà la legge elettorale, in tutto o in parte.

Ma l’apertura politica sull’Italicum c’è, insistono i renziani. Non è così, ribattono i bersaniani. “Il tempo della melina è ampiamente scaduto”, avverte Miguel Gotor. E Davide Zoggia aggiunge che se entro settembre non arriverà un segnale concreto una parte della minoranza (non tutti sono d’accordo) potrebbe smarcarsi e annunciare il No al referendum. “Non farò i comitati per il No”, afferma Bersani. Ma se il No vincesse non sarebbe l’apocalisse: “Che Renzi debba dimettersi è una favoletta”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

08:09Mafia: Dia, beni per 210 milioni sequestrati in un anno

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Negli ultimi dodici mesi, la D.I.A. ha concluso 32 operazioni di polizia giudiziaria, con il sequestro penale di beni per un valore di oltre 210 milioni di euro e la confisca di patrimoni per 6 milioni. Centocinquantadue i soggetti colpiti da provvedimenti restrittivi della libertà personale, di cui 47 'ndranghetisti, 33 camorristi, 24 riconducibili alla criminalità organizzata pugliese, 23 appartenenti a Cosa nostra e 25 collegati ad organizzazioni di altra matrice mafiosa. Da queste indagini e dalle analisi condotte dalla D.I.A. nell'ambito della "Relazione Semestrale" recentemente pubblicata, emerge poi un dato significativo: le "giovani leve" di Cosa nostra, della 'ndrangheta, della camorra e della criminalità organizzata pugliese tendono ad affiancarsi, se non addirittura a sostituirsi, alla generazione criminale precedente, investendo capitali verso aree d'impresa innovative e ad alto contenuto tecnologico; settori sino ad oggi apparentemente esclusi dalla sfera d'interesse delle mafie.

05:20Parigi, a Notre Dame una Messa per le vittime di Barcellona

(ANSA) - PARIGI, 21 AGO - Parigi ha reso omaggio alle vittime della strage di Barcellona con una Messa alla Cattedrale di Notre Dame. Durante la funzione sono state ricordati anche i morti in altri attentati e le vittime dei disastri naturali avvenuti durante l'estate in varie parti del mondo. "Sfortunatamente so quanto questi omicidi possono traumatizzare l'intera popolazione - ha detto l' arcivescovo di Parigi, il cardinale Andre Vingt-Trois, annunciando l'iniziativa - e so che la presenza della Chiesa può aiutare ad affrontare questo calvario". Il riferimento è ai vari attentati subiti dalla capitale francese in tempi recenti. Nella stessa Notre Dame, nel giugno scorso, un dottorando algerino tentò di attaccare degli agenti con un martello. E lo scorso anno ci fu un fallito attacco da parte di una donna sospetta estremista islamica. Nell' attacco a Barcellona, in cui sono morte 14 persone, 30 dei 120 feriti erano francesi.

05:00Nave da guerra Usa urta tanker vicino Singapore, dispersi

(ANSA) - SINGAPORE, 21 AGO - Una nave antimissile della Marina degli Stati Uniti si è scontrata con una nave cisterna nelle acque tra Singapore e lo Stretto di Malacca e almeno 10 marinai risultano dispersi. Altri cinque - riferisce la Marina statunitense - sono rimasti feriti. La USS John S. McCain, ha subito importanti danni allo scafo per la collisione con la nave cisterna Alnic MC, adibita al trasporto di prodotti petrolchimici, avvenuto alle 5.24 ora locale, le 23.24 circa in Italia. E' la seconda collisione in cui è coinvolta una nave della Marina Usa nel Pacifico negli ultimi due mesi. Nel giugno scorso sette marinai sono morti nello scontro tra la USS Fitzgerald e una portacontainer al largo del Giappone. Il capitano della Fitzgerald era stato poi rimosso dall' incarico dopo che la Marina Usa aveva accertato una serie di negligenze che avevano contribuito a provocare l' incidente. L' indagine è ancora in corso. La McCain, di base a Yokosuka, in Giappone, era diretta a Singapore per uno scalo di routine.

04:55Auto fuori strada nel milanese, un morto e 3 dispersi

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - Un uomo è morto e altre tre persone, una coppia e un bambino, risultano disperse a seguito di un incidente stradale avvenuto ieri sera sulla provinciale rivoltana, tra Milano e Cremona. L'allarme è stato dato intorno alle 20.30 dagli occupanti di un'altra automobile che hanno assistito alla scena: l'auto, una Peugeot 307, è uscita di strada all'imbocco di un cavalcavia, ha sfondato il guard rail ed è finita nel canale Muzza, in comune di Truccazzano (Milano). La forte corrente ha trascinato l'automobile e i suoi occupanti per oltre un chilometro e mezzo prima che i soccorritori, subito accorsi sul posto, potessero localizzarli, 4 ore dopo. Secondo quanto riferito da un conoscente, alla guida dell'automobile c'era un cinquantenne di Pioltello, il cui corpo è stato recuperato dai sommozzatori dopo l'una di notte, e a bordo vi sarebbero state altre tre persone: una coppia di trentenni con un bambino di 8 anni, che al momento risultano dispersi. Le ricerche sono state sospese, e riprenderanno all'alba.

00:37Calcio: Real Madrid senza problemi, cala il tris a La Coruna

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Il Real Madrid cala il tris in Galizia, sul campo del Deportivo La Coruna, chiudendo come meglio non poteva la prima esibizione stagionale nella Liga. I campioni d'Europa hanno sbloccato il punteggio al 20' con il gallese Bale, hanno raddoppiato al 27' con Casemiro e chiuso i conti al 17' della ripresa con l'ottimo tedesco Tony Kroos, autore del 3-0 finale, su assist dello stesso Bale. Non si è fatta sentire l'assenza di Cristiano Ronaldo, nella squadra di Zinedine Zidane, che in attacco si è affidato al tridente formato da Isco, Benzema e Bale. (ANSA).

00:07Calcio: Inter, Spalletti “Io fuoriclasse? Non faccio gol…”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Sono molto soddisfatto dell'esordio a San Siro, a cominciare dalla presenza del pubblico che ci ha trasmesso il suo affetto. La squadra ha giocato un buon calcio, contro una squadra che comunque ha una sua organizzazione, che in alcuni frangenti ci ha messo in difficoltà". Luciano Spalletti traccia un bilancio tutto in positivo della prima ufficiale a San Siro da allenatore dell'Inter. "Icardi e Perisic? Hanno grande qualità nell'attaccare gli spazi, ma aggiungiamoci anche Miranda e Skriniar, che nei momenti di sofferenza hanno fatto il loro lavoro - ha detto a Mediaset Premium il tecnico nerazzurro -. C'è chi dice che il fuoriclasse sia io? Io mica faccio gol, sono i giocatori con le loro qualità a determinare i risultati. Io posso solo dare delle indicazioni". Sabato c'è il ritorno a Roma: "Incontro molti amici, ci vado con grande disponibilità a prescindere da come mi accolgieranno".

00:05Calcio: PSG forza sei, Neymar scatenato ne fa due

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Due gol e due assist. Si apre più che positivamente la parentesi nella Ligue 1 per Neymar che ha contribuito in modo determinante al 6-2 rifilato dal PSG al Tolosa. Il brasiliano ha aperto le marcature al 31' e 4' più tardi ha servito a Rabiot il pallone del 2-0, dopo che gli ospiti erano passati in vantaggio al 18' con Gradel. Al 30' st Cavani ha calato il tris su rigore e, dopo il gol ospite di Jullien al 33', Pastore ha fatto poker al 37'. In chiusura gol di Kurzawa al 39' - su assist di Neymar - e alto punto del brasiliano al 47'. (ANSA).

Archivio Ultima ora