Nuova apertura di Boschi sull’Italicum. Ma Bersani nicchia

Pubblicato il 07 settembre 2016 da ansa

Nuova apertura di Boschi sull'Italicum. Ma Bersani, solo fumo

Nuova apertura di Boschi sull’Italicum. Ma Bersani, solo fumo

ROMA. – “Segnali di fumo”, vuote parole. Insomma, un bluff. La minoranza bersaniana del Pd respinge la disponibilità a cambiare l’Italicum di Matteo Renzi e Maria Elena Boschi. Non bastano le aperture ribadite dal presidente del Consiglio e dal ministro delle Riforme. Se non arriverà “un’iniziativa visibile ed efficace” nella direzione di una modifica della legge elettorale, è il messaggio di Pier Luigi Bersani ai vertici del partito, una parte della sinistra Dem annuncerà il No al referendum costituzionale.

Ma il Pd, replicano i vertici Dem, non può fare da solo: servono i numeri in Parlamento. E, richiama alla realtà Luigi Zanda, “trovare una maggioranza in questo Senato è difficile”. Renzi ha lanciato l’ultima fase della campagna referendaria, che lo vedrà impegnato alle Feste dell’Unità di Reggio Emilia e Firenze, poi a Catania, Modena, Bologna.

Anche dal Pd, raccontano fonti parlamentari, aumenta il pressing perché si fissi la data, in modo che si possano ‘dosare’ le forze. Il premier ha fatto sapere che deciderà entro il 25 settembre ma ha indicato un arco di tempo (tra il 15 novembre e il 5 dicembre: 27 novembre la domenica più ‘quotata’) e ha già dato l’input all’organizzazione della Leopolda, il tradizionale evento renziano a Firenze, che quest’anno lancerà la volata finale. Si svolgerà a inizio novembre (il weekend del 6 o più probabilmente dell’13), avrà al centro il tema del cambiamento e vedrà sul palco protagoniste le persone comuni che sostengono il Sì.

Alla campagna è giunto quello che alcuni parlamentari renziani definiscono un “insperato aiuto” dalla vicenda che sta dilaniando il M5s a Roma: è un colpo alla credibilità come partito di governo del Movimento, che è tra i principali sostenitori delle ragioni del No. Ma Renzi martedì sera a Porta a porta ha deciso di mantenere, spiegano, toni equilibrati (“Mai viste tante bugie, però non festeggio”, ha assicurato), anche perché la scelta è mettere al centro, nei prossimi mesi, il merito delle questioni e non le polemiche politiche. Sottrarsi, insomma, alla mischia della personalizzazione e del “voto contro il governo” sul referendum.

Perciò c’è grande attenzione a parlare con i fatti, dalla reazione al terremoto alla legge di stabilità: Renzi tiene molto, ad esempio, alla misura a favore delle partite Iva anche perché parla all’elettorato giovane. Ma a guastare il clima, resta lo scontro interno al Pd sulla legge elettorale.

Non sembrano accorciarsi le distanze tra le due anime del partito. Nonostante Renzi abbia usato toni quanto mai concilianti sulla possibilità di modificare l’Italicum. E nonostante Boschi, nel corso di un convegno, ribadisca: “C’è sicuramente la disponibilità a modificare l’Italicum se ci sono le condizioni in Parlamento, purché la legge elettorale venga migliorata”.

In quello stesso convegno però, fanno notare i dirigenti Pd, il capogruppo Fi al Senato Paolo Romani afferma che si può discutere di cambiare l’Italicum solo dopo il referendum. E considerato che il M5s non è disposto a trattare, non sembrano esserci ora le condizioni per agire. Perché da solo il Pd (che al suo interno non ha una proposta condivisa) non è autosufficiente. Dunque, spiegano dalla maggioranza Pd, ad oggi un’accelerazione pare possibile solo se il 4 ottobre la Consulta boccerà la legge elettorale, in tutto o in parte.

Ma l’apertura politica sull’Italicum c’è, insistono i renziani. Non è così, ribattono i bersaniani. “Il tempo della melina è ampiamente scaduto”, avverte Miguel Gotor. E Davide Zoggia aggiunge che se entro settembre non arriverà un segnale concreto una parte della minoranza (non tutti sono d’accordo) potrebbe smarcarsi e annunciare il No al referendum. “Non farò i comitati per il No”, afferma Bersani. Ma se il No vincesse non sarebbe l’apocalisse: “Che Renzi debba dimettersi è una favoletta”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

13:11Air India inaugura posti per sole donne nei voli interni

(ANSA) - NEW DELHI, 16 GEN - Di fronte al moltiplicarsi delle lamentele per le persistenti molestie sessuali di cui sono oggetto i passeggeri di sesso femminile nei voli in India, a partire da mercoledì la compagnia Air India inaugurerà nei suoi collegamenti interni la disponibilità di sei posti in economica unicamente riservati alle donne. Lo riferisce Ndtv. Inoltre i membri dell'equipaggio riceveranno una dotazione di manette di plastica da utilizzare per limitare i movimenti dei passeggeri "totalmente fuori controllo". La decisione ha ottenuto consenso, ma anche qualche critica. Tre giorni fa, sull'ultimo numero di Cosmopolitan, Hannah Smothers è stata perentoria sostenendo nella sua colonna che "prendere tutte le donne e riunirle da qualche parte non risolve il problema dei passeggeri maschi che sono stronzi".

13:04Scuola: Fedeli, inaccettabile studenti al freddo

(ANSA) - SALERNO, 16 GEN - "E' inaccettabile che nelle scuole vi siano le caldaie rotte e i ragazzi e le ragazze debbano seguire le lezioni al freddo". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli, oggi a Salerno. "Le risorse in tale senso non competono al ministero della Pubblica Istruzione, però nonostante questo abbiamo subito diramato una circolare ai nostri direttori regionali perché facessero immediatamente una verifica anche delle tipologie ordinarie, in realtà straordinarie, di funzionamento delle scuole". "Con questa ricognizione - ha detto il ministro - intendiamo parlare e dialogare con gli enti locali e quindi dentro il nostro rapporto con la Conferenza Stato-Regioni. Noi abbiamo messo molte risorse esattamente su tutte le tipologie di intervento sull'edilizia, ma anche questo è un ambito fondamentale da non trascurare". "Gli studenti devono stare al caldo - ha aggiunto - e stare bene a scuola".

13:02Tennis: Open Australia, Lorenzi e Seppi al 2/o turno

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Azzurri avanti agli Australian Open. Dopo l'uscita all'esordio di Roberta Vinci e Francesca Schiavone, accedono al secondo turno dello slam in corso a Melbourne Paolo Lorenzi e Andreas Seppi: il senese, numero 43 del ranking mondiale, si è imposto 6-4 7-6(4) 6-7(4) 6-4, dopo una battaglia di tre ore e 15 minuti, sull'australiano James Duckworth. Al prossimo turno Lorenzi troverà il serbo Viktor Troicki, numero 29 del seeding. Seppi ha battuto 6-4 7-6(4) 6-7(3) 7-5, in tre ore e cinque minuti di gioco, il francese Paul-Henri Mathieu, numero 75 del ranking mondiale e ora dovrà sfidare il campione di casa Nick Kyrgios, numero 14 Atp. Esordio sfortunato, invece, per Luca Vanni: il 31enne toscano, numero 157, è stato costretto al ritiro dopo 40 minuti nella sfida con Tomas Berdych per un problema all'inguine della coscia destra. Domani tocca a Fabio Fognini e Thomas Fabbiano.

13:00Trump: ‘assicurazione per tutti’ al posto di Obamacare

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Il presidente eletto Donald Trump intende sostituire la legge sulla sanità voluta dal presidente Barack Obama, la cosiddetta Obamacare, con un piano che prevede una "assicurazione per tutti" e allo stesso tempo costringe le case farmaceutiche a negoziare direttamente con il governo i prezzi applicati dai servizi pubblici Medicare e Medicaid. Lo ha detto lo stesso Trump senza entrare nei dettagli durante un'intervista telefonica al Washington Post.

12:58Cremlino smentisce incontro Trump-Putin in Islanda

(ANSA) - MOSCA, 16 GEN - "Tutte le informazioni su un qualsiasi accordo preliminare per un incontro" tra Putin e Trump "non corrispondono alla realtà": lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, smentendo la notizia pubblicata dal Sunday Time secondo cui il primo summit di Donald Trump da presidente degli Usa sarà in Islanda con Vladimir Putin. "Per il momento - ha aggiunto Peskov - non c'è nessun accordo, nessun progetto, nessun preparativo di incontro. Il presidente Vladimir Putin e il signor Trump per ora non ne hanno discusso in alcun modo e non c'è nessun accordo a proposito".

12:56Thailandia: i due italiani arrestati tornano a casa

(ANSA) - BOLZANO, 16 GEN - Tornano a casa i due giovani italiani, arrestati in Thailandia per aver avere strappato alcune bandiere nazionali. "Il sottosegretario Della Vedova mi ha comunicato che oggi i due altoatesini saranno trasferiti a Bangkok e domani prenderanno il volo di ritorno verso l'Italia, dove arriveranno mercoledì", conferma il senatore Karl Zeller una notizia di Tagszeitung.it. "L'ambasciata si è data molto da fare per accorciare i tempi dell'estradizione, che potevano essere molto più lunghi", aggiunge Zeller.

12:55Appendino la più amata, Raggi penultima

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Sono entrambe del movimento Cinquestelle la sindaca più amata e la penultima della classifica Ipr marketing per il Sole 24 Ore sul gradimento nei confronti degli amministratori locali: Chiara Appendino e Virginia Raggi. Il primo cittadino di Torino ha messo a segno una crescita di ben 7 punti e mezzo (7,4) rispetto al consenso ottenuto lo scorso anno, raggiungendo il 62%. Per contro, Virginia Raggi, prima donna eletta a guidare Roma, registra un evidente flessione: perde circa un quarto del consenso ottenuto alle elezioni (-23,2%), scendendo al penultimo posto con il 44%. E' al terzo posto tra i sindaci più amati Federico Pizzarotti, alla guida del comune di Parma, eletto con i Cinquestelle ma uscito lo scorso anno dal movimento, con il 60,5% e un aumento di quasi sei punti (5,2) rispetto al consenso dello scorso anno.

Archivio Ultima ora