Nuova apertura di Boschi sull’Italicum. Ma Bersani nicchia

Pubblicato il 07 settembre 2016 da ansa

Nuova apertura di Boschi sull'Italicum. Ma Bersani, solo fumo

Nuova apertura di Boschi sull’Italicum. Ma Bersani, solo fumo

ROMA. – “Segnali di fumo”, vuote parole. Insomma, un bluff. La minoranza bersaniana del Pd respinge la disponibilità a cambiare l’Italicum di Matteo Renzi e Maria Elena Boschi. Non bastano le aperture ribadite dal presidente del Consiglio e dal ministro delle Riforme. Se non arriverà “un’iniziativa visibile ed efficace” nella direzione di una modifica della legge elettorale, è il messaggio di Pier Luigi Bersani ai vertici del partito, una parte della sinistra Dem annuncerà il No al referendum costituzionale.

Ma il Pd, replicano i vertici Dem, non può fare da solo: servono i numeri in Parlamento. E, richiama alla realtà Luigi Zanda, “trovare una maggioranza in questo Senato è difficile”. Renzi ha lanciato l’ultima fase della campagna referendaria, che lo vedrà impegnato alle Feste dell’Unità di Reggio Emilia e Firenze, poi a Catania, Modena, Bologna.

Anche dal Pd, raccontano fonti parlamentari, aumenta il pressing perché si fissi la data, in modo che si possano ‘dosare’ le forze. Il premier ha fatto sapere che deciderà entro il 25 settembre ma ha indicato un arco di tempo (tra il 15 novembre e il 5 dicembre: 27 novembre la domenica più ‘quotata’) e ha già dato l’input all’organizzazione della Leopolda, il tradizionale evento renziano a Firenze, che quest’anno lancerà la volata finale. Si svolgerà a inizio novembre (il weekend del 6 o più probabilmente dell’13), avrà al centro il tema del cambiamento e vedrà sul palco protagoniste le persone comuni che sostengono il Sì.

Alla campagna è giunto quello che alcuni parlamentari renziani definiscono un “insperato aiuto” dalla vicenda che sta dilaniando il M5s a Roma: è un colpo alla credibilità come partito di governo del Movimento, che è tra i principali sostenitori delle ragioni del No. Ma Renzi martedì sera a Porta a porta ha deciso di mantenere, spiegano, toni equilibrati (“Mai viste tante bugie, però non festeggio”, ha assicurato), anche perché la scelta è mettere al centro, nei prossimi mesi, il merito delle questioni e non le polemiche politiche. Sottrarsi, insomma, alla mischia della personalizzazione e del “voto contro il governo” sul referendum.

Perciò c’è grande attenzione a parlare con i fatti, dalla reazione al terremoto alla legge di stabilità: Renzi tiene molto, ad esempio, alla misura a favore delle partite Iva anche perché parla all’elettorato giovane. Ma a guastare il clima, resta lo scontro interno al Pd sulla legge elettorale.

Non sembrano accorciarsi le distanze tra le due anime del partito. Nonostante Renzi abbia usato toni quanto mai concilianti sulla possibilità di modificare l’Italicum. E nonostante Boschi, nel corso di un convegno, ribadisca: “C’è sicuramente la disponibilità a modificare l’Italicum se ci sono le condizioni in Parlamento, purché la legge elettorale venga migliorata”.

In quello stesso convegno però, fanno notare i dirigenti Pd, il capogruppo Fi al Senato Paolo Romani afferma che si può discutere di cambiare l’Italicum solo dopo il referendum. E considerato che il M5s non è disposto a trattare, non sembrano esserci ora le condizioni per agire. Perché da solo il Pd (che al suo interno non ha una proposta condivisa) non è autosufficiente. Dunque, spiegano dalla maggioranza Pd, ad oggi un’accelerazione pare possibile solo se il 4 ottobre la Consulta boccerà la legge elettorale, in tutto o in parte.

Ma l’apertura politica sull’Italicum c’è, insistono i renziani. Non è così, ribattono i bersaniani. “Il tempo della melina è ampiamente scaduto”, avverte Miguel Gotor. E Davide Zoggia aggiunge che se entro settembre non arriverà un segnale concreto una parte della minoranza (non tutti sono d’accordo) potrebbe smarcarsi e annunciare il No al referendum. “Non farò i comitati per il No”, afferma Bersani. Ma se il No vincesse non sarebbe l’apocalisse: “Che Renzi debba dimettersi è una favoletta”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

09:51Mafia: scacco alla Sacra Corona Unita, 14 fermi in Puglia

(ANSA) - CASARANO (LECCE), 30 MAG - I carabinieri del comando provinciale di Lecce, su disposizione della Dda, hanno eseguito un provvedimento di fermo nei confronti di 14 persone, numerose delle quali legate alla organizzazione mafiosa Sacra Corona Unita. Sono accusate a vario titolo di associazione mafiosa, tentato omicidio aggravato, associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione di armi, ricettazione, furto aggravato. L'indagine avrebbe documentato il processo di riorganizzazione del sodalizio mafioso della Scu facente capo a Tommaso Montedoro, operante su Casarano e in Comuni limitrofi. Ed é proprio la nuova lotta per il controllo del traffico illecito degli stupefacenti che avrebbe determinato la scissione della compagine mafiosa casaranese, un tempo retta congiuntamente da Montedoro e da Augustino Potenza, portando all'uccisione di quest'ultimo avvenuta il 26 ottobre scorso e al tentato omicidio di Luigi Spennato, compiuto il 28 novembre scorso.

09:42Terremoti: Indonesia, scossa magnitudo 6.7, danni e feriti

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - E' di almeno tre persone ferite e diversi edifici danneggiati il bilancio della forte scossa di terremoto che ha colpito ieri sera l'isola indonesiana di Sulawesi. Lo riportano i media locali. Secondo i dati dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma si è verificato alle 22:35 ora locale (le 16:35 ora italiana) con magnitudo 6.7 e con ipocentro a 20 km di profondità. Il servizio geologico statunitense Usgs ne ha localizzato l'epicentro 78 km a sudest di Palu.

09:40Calcio: Roma, ufficiale divorzio fra club e Spalletti

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - Luciano Spalletti lascia la Roma. L'ufficialità del divorzio tra tecnico e società giallorossa è arrivata in mattinata con una nota pubblicata sul sito del club in cui si annuncia "la fine del rapporto di lavoro". "La società è attualmente impegnata nella nomina del nuovo tecnico" prosegue la nota. Il candidato numero uno come successore di Spalletti è l'attuale tecnico del Sassuolo, Eusebio Di Francesco.

08:00Panama: media, morto ex dittatore Manuel Noriega

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - L'ex dittatore panamense, Manuel Noriega, e' morto ieri all'età di 83 anni: lo scrive sul suo sito online l'emittente panamense Telemetro. La notizia, spiega l'emittente, e' stata confermata al giornalista Álvaro Alvarado dall'ospedale Santo Tomás di Città di Panama. Noriega era stato ricoverato in condizioni critiche lo scorso sette marzo ed era stato stato sottoposto ad un intervento per rimuovere un tumore benigno al cervello.

07:32Istituto Bellini ha un ‘buco’ da 14 milioni, 23 arresti

(ANSA) - CATANIA, 30 MAG - Ventitre persone sono state arrestate dalla Guardia di finanza a conclusione di un'indagine sull'Istituto superiore di studi musicali 'Vincenzo Bellini' di Catania che ha portato alla scoperta di un 'buco' di bilancio di 14 milioni di euro. Gli indagati sono funzionari e dipendenti della scuola e persone giuridiche esterne all'ente pubblico. Il Gip ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per sei degli indagati e 17 arresti domiciliari, e anche disposto il sequestro preventivo equivalente di beni per 14 milioni di euro. I reati contestati, a vario titolo, sono peculato continuato, ricettazione, riciclaggio e associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio connessi alla illecita distrazione e depauperamento di risorse finanziarie dell'Istituto pubblico catanese.

02:02Iraq: autobomba a Baghdad, almeno 10 morti

(ANSA) - BAGHDAD, 30 MAG - Almeno 10 persone sono morte e altre 22 rimaste ferite per l'esplosione ieri sera di una autobomba fuori da una popolare gelateria di Baghdad. L'attentato è avvenuto pochi giorni dopo l'inizio del Ramadan, mese sacro durante il quale i musulmani digiunano durante le ore diurne: al tramonto bar e ristoranti si riempiono rapidamente di avventori, tra cui molte famiglie. L'attacco ha colpito un locale nel centro della capitale irachena ed è stato effettuato con dell'esplosivo piazzato in una macchina lasciata parcheggiata. Al momento non c'è stata alcuna rivendicazione ma nel passato l'Isis ha rivendicato attentanti simili, come quello con un camion bomba esploso durante il Ramadan dello scorso anno che ha ucciso centinaia di persone.

00:35Voto Gb:May su Brexit, non pagheremo qualunque prezzo

(ANSA) - LONDRA, 30 MAG - "Nessun accordo sulla Brexit è meglio di uno cattivo". La premier britannica ha ribadito in modo chiaro, nel corso del dibattito televisivo a distanza col leader laburista Jeremy Corbyn, che è pronta ad abbandonare i negoziati sull'uscita dall'Europa nel caso in cui non si riesca a trovare una intesa con l'Ue, a partire dalla questione del cosiddetto 'conto del divorzio'. Il primo ministro conservatore ha sottolineato che non è intenzionata a "pagare ogni prezzo" per ottenere un accordo.

Archivio Ultima ora