Nuova apertura di Boschi sull’Italicum. Ma Bersani nicchia

Pubblicato il 07 settembre 2016 da ansa

Nuova apertura di Boschi sull'Italicum. Ma Bersani, solo fumo

Nuova apertura di Boschi sull’Italicum. Ma Bersani, solo fumo

ROMA. – “Segnali di fumo”, vuote parole. Insomma, un bluff. La minoranza bersaniana del Pd respinge la disponibilità a cambiare l’Italicum di Matteo Renzi e Maria Elena Boschi. Non bastano le aperture ribadite dal presidente del Consiglio e dal ministro delle Riforme. Se non arriverà “un’iniziativa visibile ed efficace” nella direzione di una modifica della legge elettorale, è il messaggio di Pier Luigi Bersani ai vertici del partito, una parte della sinistra Dem annuncerà il No al referendum costituzionale.

Ma il Pd, replicano i vertici Dem, non può fare da solo: servono i numeri in Parlamento. E, richiama alla realtà Luigi Zanda, “trovare una maggioranza in questo Senato è difficile”. Renzi ha lanciato l’ultima fase della campagna referendaria, che lo vedrà impegnato alle Feste dell’Unità di Reggio Emilia e Firenze, poi a Catania, Modena, Bologna.

Anche dal Pd, raccontano fonti parlamentari, aumenta il pressing perché si fissi la data, in modo che si possano ‘dosare’ le forze. Il premier ha fatto sapere che deciderà entro il 25 settembre ma ha indicato un arco di tempo (tra il 15 novembre e il 5 dicembre: 27 novembre la domenica più ‘quotata’) e ha già dato l’input all’organizzazione della Leopolda, il tradizionale evento renziano a Firenze, che quest’anno lancerà la volata finale. Si svolgerà a inizio novembre (il weekend del 6 o più probabilmente dell’13), avrà al centro il tema del cambiamento e vedrà sul palco protagoniste le persone comuni che sostengono il Sì.

Alla campagna è giunto quello che alcuni parlamentari renziani definiscono un “insperato aiuto” dalla vicenda che sta dilaniando il M5s a Roma: è un colpo alla credibilità come partito di governo del Movimento, che è tra i principali sostenitori delle ragioni del No. Ma Renzi martedì sera a Porta a porta ha deciso di mantenere, spiegano, toni equilibrati (“Mai viste tante bugie, però non festeggio”, ha assicurato), anche perché la scelta è mettere al centro, nei prossimi mesi, il merito delle questioni e non le polemiche politiche. Sottrarsi, insomma, alla mischia della personalizzazione e del “voto contro il governo” sul referendum.

Perciò c’è grande attenzione a parlare con i fatti, dalla reazione al terremoto alla legge di stabilità: Renzi tiene molto, ad esempio, alla misura a favore delle partite Iva anche perché parla all’elettorato giovane. Ma a guastare il clima, resta lo scontro interno al Pd sulla legge elettorale.

Non sembrano accorciarsi le distanze tra le due anime del partito. Nonostante Renzi abbia usato toni quanto mai concilianti sulla possibilità di modificare l’Italicum. E nonostante Boschi, nel corso di un convegno, ribadisca: “C’è sicuramente la disponibilità a modificare l’Italicum se ci sono le condizioni in Parlamento, purché la legge elettorale venga migliorata”.

In quello stesso convegno però, fanno notare i dirigenti Pd, il capogruppo Fi al Senato Paolo Romani afferma che si può discutere di cambiare l’Italicum solo dopo il referendum. E considerato che il M5s non è disposto a trattare, non sembrano esserci ora le condizioni per agire. Perché da solo il Pd (che al suo interno non ha una proposta condivisa) non è autosufficiente. Dunque, spiegano dalla maggioranza Pd, ad oggi un’accelerazione pare possibile solo se il 4 ottobre la Consulta boccerà la legge elettorale, in tutto o in parte.

Ma l’apertura politica sull’Italicum c’è, insistono i renziani. Non è così, ribattono i bersaniani. “Il tempo della melina è ampiamente scaduto”, avverte Miguel Gotor. E Davide Zoggia aggiunge che se entro settembre non arriverà un segnale concreto una parte della minoranza (non tutti sono d’accordo) potrebbe smarcarsi e annunciare il No al referendum. “Non farò i comitati per il No”, afferma Bersani. Ma se il No vincesse non sarebbe l’apocalisse: “Che Renzi debba dimettersi è una favoletta”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

03:03Uber, hackerati dati 57 milioni utenti a fine 2016

(ANSA) - WASHINGTON, 22 NOV - Uber ha tenuto nascosto per oltre un anno di aver subito l'hackeraggio dei dati di 57 milioni di utenti nel mondo, di cui 600 mila conducenti. E secondo Bloomberg avrebbe preferito pagare un riscatto di 100 mila dollari agli autori del maxifurto per evitare che divulgassero la notizia. Ad ammettere il pirataggio e' stato il ceo Dara Khosrowshahi, che ha preso la guida di Uber da agosto e che ha sostenuto di aver saputo dell'incidente solo "recentemente". In particolare sono stati hackerati i nomi, le email e i numeri di telefono degli utenti, oltre ai numeri di patente dei conducenti. Sulla base di accertamenti esterni, ha spiegato Uber, i numeri della carte di credito e dei conti bancari, i numeri della sicurezza sociale (l'equivalente del nostro codice fiscale con cui negli Usa si può rubare l'identità di una persona) e le date di nascita degli utenti non sarebbero stati piratati. Idem i percorsi dei viaggi.

01:14Lasseter, capo Pixar, ammette molestie

(ANSA) - NEW YORK, 21 NOV - John Lasseter, il capo creative della Pixar e degli studi di animazione di Disney, si è messo in aspettativa citando una serie di "passi falsi" da lui compiuti. In un memo allo staff, l'executive che ha costruito i Pixar Animation Studios e resuscitato il business dei cartoni animati Disney, ha spiegato che la decisione è stata presa dopo una serie di "conversazioni difficili". L'aspettativa di Lasseter arriva sulla scia dello scandalo delle molestie sessuali scoppiato con le accuse al capo della Miramax, Harvey Weinstein.

01:09Champions: Mertens, qualificazione agli ottavi è possibile

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Insigne ha fatto un grande gol, un gol che ci voleva in una partita come questa e che ci ha sbloccato. Noi alla qualificazione ci crediamo: il City può passare il turno a punteggio pieno, per loro può essere una motivazione, e noi abbiamo le qualità per vincere in Olanda. Sono contento della prestazione della squadra, abbiamo fatto vedere che ci teniamo anche alla Champions". Così Dries Mertens dopo il successo per 3-0 sullo Shakhtar, nel quale il belga è stato l'autore della terza rete.

00:54Champions: Sarri, dimostrato che teniamo al torneo

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "La prestazione è stata buona, anche se abbiamo fatto 30-35 minuti in difficoltà per via del palleggio dei nostri avversari. Nel secondo tempo, quando siamo riusciti a sporcargli le uscite dalla difesa, siamo cresciuti. Mi fa piacere la prestazione e mi fa piacere aver dimostrato che ci teniamo alla Coppa, ma il nostro destino non è nelle nostre mani e ci dispiace: dobbiamo andare a vincere in Olanda e sperare in un risultato favorevole del City". Maurizio Sarri è soddisfatto della prestazione del suo Napoli, ma rammaricato sapendo che anche il successo in casa del Feyenoord potrebbe non bastare per raggiungere gli ottavi di Champions. Insigne ha avuto il grande merito di sbloccare una partita difficile contro un ottimo Shakhtar: "E' un giocatore di livello internazionale - gli riconosce Sarri nel dopo partita - Uno di quelli che vanno tenuti fuori delle rotazioni: a volte una ventina di minuti di riposo glieli concedo, ma ammetto che faccio fatica".

00:40Champions: Insigne, continuiamo a crederci

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Sapevamo che era importante fare risultato, ce l'abbiamo messa tutta e ne è valsa la pena: i sacrifici vengono ripagati. Continuiamo a crederci: non dipende solo da noi, ma l'importante è che cominciamo a vincere in Olanda, poi vedremo se il City batterà lo Shakhtar. Sappiamo che è difficile, ma noi dobbiamo fare il nostro". Lorenzo Insigne si mostra fiducioso dopo il largo successo sullo Shakhtar che lascia aperte le speranze di qualificazione agli ottavi. "Problemi al ginocchio? Un leggero fastidio, ma non sono mai stato in dubbio - ha aggiunto Insigne, uscito prima della fine - Gli elogi di Sarri fanno piacere: dal primo giorno che è arrivato mi ha dato fiducia e io cerco solo di ricambiarla con i gol e gli assist".

00:36Libano: Hariri è tornato a Beirut

(ANSA)- BEIRUT, 21 NOV - Il premier libanese Saad Hariri è tornato stasera a Beirut, due settimane dopo l'annuncio di dimissioni dato mentre si trovava in Arabia Saudita. Hariri aveva lasciato Riad sabato scorso con destinazione Parigi, ed ha fatto ritorno in patria passando prima dall'Egitto, quindi a Cipro, dove stasera ha visto il presidente Nicos Anastasiades. Il premier dimissionario è giunto a Beirut con un jet privato. Fino a due settimane fa Hariri era a capo di un governo di coalizione con i suoi oppositori interni, Hezbollah. Il suo annuncio di dimissioni del 4 novembre, fatto alla tv da Riad, aveva scioccato il Libano. Nel messaggio accusava Hezbollah di tenere in ostaggio il Paese, lasciando intendere che ci fossero pericoli per la sua vita.

00:23Champions: il Napoli ci crede, 3-0 allo Shakhtar

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il Napoli tiene viva la speranza di qualificazione agli ottavi di Champions grazie ad una partita superlativa contro lo Shakhtar Donetsk. Al San Paolo finisce 3-0 per la formazione di mister Sarri, con tutti i gol nella ripresa. A sbloccare il risultato è Lorenzo Insigne, al 10' con un gol capolavoro. L'attaccante si accentra e fa partire un tiro a giro che si insacca sotto l'incrocio dei pali, imprendibile per Pyatov. L'1-0 sarebbe già un buon risultato, ma serve la seconda rete per portarsi in vantaggio negli scontri diretti con gli ucraini, che in casa propria avevano vinto 2-1. Quando lo Shakhtar resta in 10 il Napoli dilaga con le reti di Zielinski e Mertens. Nell'altro incontro del girone il Manchester City, già qualificato, ha battuto gli olandesi del Feyenoord 1-0. Nella sesta ed ultima giornata per continuare il suo viaggio in Europa il Napoli deve andare a vincere in Olanda e confidare che il City espugni il campo dello Shakhtar.

Archivio Ultima ora