Usa2016: Trump e Hillary i “peggiori candidati” in 40 anni

Pubblicato il 07 settembre 2016 da ansa

hillary

WASHINGTON. – A due mesi dall’election day, Hillary Clinton e Donald Trump restano i due candidati più impopolari nella storia delle presidenziali americane degli ultimi decenni. Lo conferma anche l’ultimo sondaggio condotto da Huffington Post e YouGov, secondo il quale il 45% degli americani ritiene il tycoon il peggiore nominee repubblicano degli ultimi 40 anni (solo il 10% lo considera il migliore). Per Hillary la percentuale scende al 31% (con un modesto 3% che la considera invece la migliore).

E sul loro capo pendono ancora polemiche e incognite che potrebbero aumentarne il rating negativo: sul tycoon incombono i sospetti di una donazione illegale di 25 mila dollari ad un procuratore generale della Florida per non farlo indagare sulle presunte truffe della Trump university, su Hillary aleggia la minacciosa promessa da parte di Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, di pubblicare forse già dalla prossima settimana altri documenti legati all’Emailgate.

L’alto tasso di impopolarità è frutto dei limiti personali e degli scandali di entrambi: lui percepito come egocentrico, maschilista, razzista, triviale e imbroglione, lei come inaffidabile, non trasparente, fredda, incarnazione dell’establishment e di quella inossidabile macchina da soldi che è la fondazione Clinton.

Ma è colpa anche della polarizzazione politica senza precedenti di queste elezioni, dove l’animosità verso i due candidati è trainata dagli appartenenti al partito avversario, come dimostrano i numeri: il 67% dei democratici definisce Trump il peggior nominee repubblicano dal 1976, mentre il 47% degli elettori del Grand Old Party (Gop) ritiene la Clinton la peggiore nominee democratica nello stesso periodo.

Se si guarda però all’interno dei due partiti, le cose cambiano un po’. Per i repubblicani Trump resta il peggior candidato Gop degli ultimi 40 anni ma la percentuale scende al 23%, mentre quelli che lo ritengono il migliore è del 12%, collocandolo al secondo posto dopo Ronald Reagan (62%). Tra i democratici, invece, solo il 10% ritiene Hillary la candidata peggiore dal 1976 (4/o posto su 8) ma solo il 6% la ritiene la migliore, ben lontana da Obama (46%) e dal marito Bill (35%).

L’ultimo sondaggio conferma comunque tutti i precedenti, anche se con dati diversi: nella corsa alla Casa Bianca nessuno come Hillary e Trump ha mai avuto un rating così negativo, che in maggio ha sfiorato il 60%. Su una cosa concordano gli elettori dei due partiti, il pessimismo: le elezioni, a prescindere da chi vincerà, non risolveranno i problemi e non contribuiranno ad unire il Paese, come emerge da un altro sondaggio targato Washington Post-SurveyMonkey nei 50 Stati Usa.

La matematica elettorale in ogni caso sembra chiara: ben difficilmente Trump può vincere, ma Hillary può perdere. Per questo “The Donald” continua a giocare in attacco sperando in qualche passo falso della rivale, che invece cerca di distrarre l’attenzione dal suo tallone d’achille: l’Emailgate e l’attività della fondazione di famiglia.

Adesso il duello si sposta sulla sicurezza nazionale, con un forum tv al quale parteciperanno entrambi, senza però incrociarsi. Trump ha preso in contropiede la Clinton presentando una lettera di endorsement di una novantina di ex generali, un ambizioso piano di investimento da decine di miliardi di dollari per rafforzare truppe e mezzi delle forze armate e l’impegno per un piano in 30 giorni dopo la sua elezione per sconfiggere l’Isis.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

18:32Calcio: Barzagli, rinnoverò presto con la Juve

(ANSA) - TORINO, 15 DIC - "Il rinnovo? Stiamo discutendo con la società, non ho firmato ma non c'è ansia: vedremo nelle prossime settimane o mesi". Andrea Barzagli conferma a Sky l'intenzione di proseguire con la Juventus, ma chiude la porta al ritorno in Nazionale. "Ho fatto il mio tempo, è giusto - dice il difensore bianconero - Peccato aver lasciare nel modo peggiore. Penso sia giusto ripartire con una Nazionale più giovane, abbiamo tempo per farla crescere. Speriamo sia rivoluzione, ma sensata. Nella rinascita della Juventus "ci ha messo molto del suo Allegri prosegue Barzagli - La cosa più importante è aver ricominciato a far fatica quello che alla fine ti fa vincere le partite e i campionati. Dybala è molto bravo a capire gli altri, quindi ha preso positivamente le parole di Nedved e Buffon: speriamo - conclude il difensore della Juventus - scatti qualcosa e lo faccia tornare quello di sempre".

18:22Mondiali: Rajoy, Spagna andrà in Russia e vincerà

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - La Spagna giocherà la Coppa del Mondo in Russia. "Non vedo altri scenari - ha detto il premier spagnolo, Mariano Rajoy, commentando le voci che potrebbero vedere escluse le Furie Rosse per ingerenze del Governo iberico sulle elezioni del presidente federale - sono assolutamente convinto che la Spagna andrà ai Mondiali in Russia e, inoltre, che vincerà", ha spiegato il premier aggiungendo di aver saputo che "il ministro dello Sport, Inigo Mendez de Vigo, non ha ricevuto alcun avviso dalla Fifa, solo una lettera di alcuni dirigenti della Federcalcio mondiale che chiedono di essere ascoltati", ha aggiunto Rajoy.

18:21Corea Nord: Tillerson, ‘inazione inaccettabile’

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - La Corea del Nord continua a rappresentare la piu' grande minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e del mondo. Lo ha detto il segretario di Stato americano Rex Tillerson: "L'inazione e' inaccettabile", ha detto Tillerson in Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

18:13Natale: paese-palcoscenico per Natività a Casole d’Elsa

(ANSA) - CASOLE D'ELSA (SIENA), 15 DIC - Un piccolo comune trasformato in un palcoscenico per una rappresentazione della Natività open air che coinvolgerà il paese: 350 le persone impegnate tra attori e comparse - altre 60 saranno invece 'dietro' le quinte' - e 100 gli animali impiegati tra cui cammelli, asini, pecore, galline. E' 'Praesepium', natività in forma di spettacolo, che andrà in scena, dalle 15 alle 19, del 26 e 30 dicembre e dell'1, 6 e 7 gennaio a Casole d'Elsa, nel Senese, che già dal 1998 ospitava, con cadenza biennale, un presepe vivente: 12mila i visitatori nel 2015. Promosso dall'Associazione 'CasoleEventi', la rappresentazione teatrale all'aria aperta si svolgerà per le vie del centro storico di Casole: su una superficie di 30.000 metri quadrati si svolgeranno in contemporanea 30 scene, da quelle classiche della Natività a quelle di un villaggio dell'epoca. Ci sarà cibo cucinato sul momento, compreso il pane e frutta fresca ad arricchire i banchetti. Sarà anche realizzata una 'via dei profumi'", con incensi, candele ed erbe aromatiche. Il pubblico attraverserà la rappresentazione senza dover interagire.(ANSA).

18:12Maltempo: forte mareggiata a Capri, collegamenti sospesi

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 15 DIC - Sono di nuovo sospesi da oggi pomeriggio i collegamenti marittimi con l'isola di Capri colpita da una forte mareggiata. Il maltempo ha portato all'interruzione totale dei collegamenti di linea con la terraferma. Questa mattina le prime interruzioni, poi nel pomeriggio il peggioramento delle condizioni meteomarine ha portato alla soppressione totale delle corse di traghetti e aliscafi.

18:08Calcio: Spalletti, Pordenone non è stato sottovalutato

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 15 DIC - "Facendo giocare tutto un reparto nuovo non li ho agevolati. La differenza l'ha fatta la mia scelta. Non è vero che i calciatori non si sono impegnati o che abbiano preso sottogamba la partita contro il Pordenone": lo dice l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti sulla partita di Coppa Italia di martedì scorso contro il Pordenone, alla vigilia di quella di campionato con l'Udinese. "Se metto Karamoh - che era dispiaciutissimo per le occasioni che non ha concretizzato - per 30 minuti in una squadra che per 8/11 è sempre la stessa, vi farà vedere le sue qualità, così come Cancelo". Spalletti spiega anche motiva la squadra nerazzurra prima delle partite: "Io riporto spesso un esempio prima delle partite: vengo dalla campagna vera, dalla natura, so quale è il comportamento di un predatore con la sua preda: non valuta mai la stazza della sua vittima, ci mette sempre la stessa forza".

17:42Etruria:Di Battista,Boschi da due anni prende per culo gente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Banalizzare le proprie immense responsabilità politiche chiudendosi nel guscio del sessismo lo considero volgare e stucchevole. Oltretutto, questo atteggiamento rafforza le discriminazioni già presenti nel nostro Paese. Se un domani rinunciassi ad attaccare politicamente un Ministro solo perché donna mi macchierei io stesso di un atto discriminatorio. Noi attacchiamo con forza la Boschi non in quanto donna (difesa ridicola) ma in quanto Maria Elena Boschi, un politico che da due anni prende per il culo gli italiani, tutti gli italiani: uomini e donne!". Lo scrive su facebook Alessandro di Battista, deputato M5s

Archivio Ultima ora