Usa2016: Trump e Hillary i “peggiori candidati” in 40 anni

Pubblicato il 07 settembre 2016 da ansa

hillary

WASHINGTON. – A due mesi dall’election day, Hillary Clinton e Donald Trump restano i due candidati più impopolari nella storia delle presidenziali americane degli ultimi decenni. Lo conferma anche l’ultimo sondaggio condotto da Huffington Post e YouGov, secondo il quale il 45% degli americani ritiene il tycoon il peggiore nominee repubblicano degli ultimi 40 anni (solo il 10% lo considera il migliore). Per Hillary la percentuale scende al 31% (con un modesto 3% che la considera invece la migliore).

E sul loro capo pendono ancora polemiche e incognite che potrebbero aumentarne il rating negativo: sul tycoon incombono i sospetti di una donazione illegale di 25 mila dollari ad un procuratore generale della Florida per non farlo indagare sulle presunte truffe della Trump university, su Hillary aleggia la minacciosa promessa da parte di Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, di pubblicare forse già dalla prossima settimana altri documenti legati all’Emailgate.

L’alto tasso di impopolarità è frutto dei limiti personali e degli scandali di entrambi: lui percepito come egocentrico, maschilista, razzista, triviale e imbroglione, lei come inaffidabile, non trasparente, fredda, incarnazione dell’establishment e di quella inossidabile macchina da soldi che è la fondazione Clinton.

Ma è colpa anche della polarizzazione politica senza precedenti di queste elezioni, dove l’animosità verso i due candidati è trainata dagli appartenenti al partito avversario, come dimostrano i numeri: il 67% dei democratici definisce Trump il peggior nominee repubblicano dal 1976, mentre il 47% degli elettori del Grand Old Party (Gop) ritiene la Clinton la peggiore nominee democratica nello stesso periodo.

Se si guarda però all’interno dei due partiti, le cose cambiano un po’. Per i repubblicani Trump resta il peggior candidato Gop degli ultimi 40 anni ma la percentuale scende al 23%, mentre quelli che lo ritengono il migliore è del 12%, collocandolo al secondo posto dopo Ronald Reagan (62%). Tra i democratici, invece, solo il 10% ritiene Hillary la candidata peggiore dal 1976 (4/o posto su 8) ma solo il 6% la ritiene la migliore, ben lontana da Obama (46%) e dal marito Bill (35%).

L’ultimo sondaggio conferma comunque tutti i precedenti, anche se con dati diversi: nella corsa alla Casa Bianca nessuno come Hillary e Trump ha mai avuto un rating così negativo, che in maggio ha sfiorato il 60%. Su una cosa concordano gli elettori dei due partiti, il pessimismo: le elezioni, a prescindere da chi vincerà, non risolveranno i problemi e non contribuiranno ad unire il Paese, come emerge da un altro sondaggio targato Washington Post-SurveyMonkey nei 50 Stati Usa.

La matematica elettorale in ogni caso sembra chiara: ben difficilmente Trump può vincere, ma Hillary può perdere. Per questo “The Donald” continua a giocare in attacco sperando in qualche passo falso della rivale, che invece cerca di distrarre l’attenzione dal suo tallone d’achille: l’Emailgate e l’attività della fondazione di famiglia.

Adesso il duello si sposta sulla sicurezza nazionale, con un forum tv al quale parteciperanno entrambi, senza però incrociarsi. Trump ha preso in contropiede la Clinton presentando una lettera di endorsement di una novantina di ex generali, un ambizioso piano di investimento da decine di miliardi di dollari per rafforzare truppe e mezzi delle forze armate e l’impegno per un piano in 30 giorni dopo la sua elezione per sconfiggere l’Isis.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

06:08Gb: suppletive, Labour salva un seggio, ne cede un altro

(ANSA) - LONDRA, 24 FEB - Sospiro di sollievo a metà per il Labour di Jeremy Corbyn, che salva un collegio tradizionale della sinistra britannica nella sfida con il leader euroscettico dell'Ukip, Paul Nuttall, ma ne perde un altro a beneficio di una candidata filo Brexit del Partito Conservatore della premier Theresa May in una doppia elezione suppletiva svoltasi ieri. Entrambi i collegi, lasciati liberi da deputati uscenti laburisti, erano in palio in aree dell'Inghilterra 'profonda' che al referendum di giugno avevano detto sì al divorzio dall'Ue. In quello di Stoke on Trent il candidato corbynista Gareth Snell si è aggiudicato il seggio alla Camera dei Comuni resistendo con un vantaggio di 2500 voti, superiore alle attese, all'assalto diretto di Nuttal, successore di Nigel Farage alla guida dell'Ukip, che mirava a conquistare un secondo scranno di deputato per i suoi. A Copeland, invece, l'opposizione laburista ha perso il seggio - e si tratta d'un fatto storico - a favore della candidata governativa Trudy Harrison.

01:25Calcio: Sousa chiede scusa, ‘sono io maggior responsabile’

(ANSA) - FIRENZE, 23 FEB - "Chiedo scusa a nome di tutto il grippo alla città e ai tifosi, noi lavoriamo non per dare tristezza ma gioia, Adesso siamo tutti tristi. Come dividere le responsabilità? Io sono il leader di questo gruppo quindi sono il maggior responsabile. Questa è una delle giornate più difficili da quando alleno. Esonero? Quando fai questo mestiere devi accettare ogni decisione della società". In conferenza stampa dopo il crollo contro il Borussia, l'allenatore della Fiorentina Paulo Sousa ribadisce la propria delusione e cerca di attenuare la rabbia dei tifosi, oltre che le colpe dei giocatori: "il responsabile sono io", ripete.

01:21Calcio: Corvino, esonero Sousa non è nei piani Fiorentina

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Sousa rischia? A quest'ora, è quasi mezzanotte, non credo che sia nella mente nostra una considerazione del genere". Lo dice il d.g. della Fiorentina Pantaleo Corvino. E la contestazione del dopo Borussia? "I tifosi e i nostri ragazzi sono amareggiati perché non si aspettavano di uscire da questa coppa con gol tutti da calcio da fermo - risponde Corvino -. La contestazione? Capisco la loro amarezza, sono amareggiati come noi, ma la squadra ce la stava mettendo tutta. È impensabile che dopo un primo tempo come quello di oggi poi esci dalla competizione. Il finale di stagione? I nostri tifosi hanno ottenuto tanto da questo gruppo, questa contestazione è figlia della delusione".

01:18Basket: Eurolega, EA7 Milano-Barcellona 78-83

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 23 FEB - Non bastano le endorfine rilasciate quattro giorni fa con la vittoria della Coppa Italia, il sistema nervoso dell'EA7 Milano va ancora una volta in corto circuito in Eurolega: due settimane fa ad Istanbul aveva gettato al vento la bellezza di 19 punti di vantaggio e con esso le residue possibilità di qualificarsi, questa sera contro il Barcellona ne dilapida 15 prima di inchinarsi 83-78. Roba da studiare sui libri di psichiatria. Una fragilità emotiva che non riesce a spiegarsi nemmeno coach Repesa: "Dovevamo chiuderla ed invece siamo andati giù con un black out molto pesante". Milano sul 45-30 al 17' è in pieno controllo contro una squadra senza motivazioni e ridotta all'osso dagli infortuni: ma l'Olimpia spegne cuore e cervello, subendo un clamoroso parziale di 39-10 che lascia attonito anche Giorgio Armani in parterre. A fare la differenza l'impatto di Tomic sulla gara: domina il solito drammatico Raduljica e fa il vuoto sotto canestro (19 punti e 9 rimbalzi). Un copione già visto.

00:30Calcio: Europa League, Fiorentina eliminata

(ANSA) - FIRENZE, 23 FEB - Incredibile eliminazione della Fiorentina dall'Europa League: i viola si fanno battere 4-2 in casa dal Borussia Moenchengladbach che ribalta lo 0-1 della partita d'andata e accede cosi agli ottavi di finale. I tedeschi colpiscono un palo con Vestergaard al 7' ma al 15' la Fiorentina passa in vantaggio: Bernardeschi recupera palla a metà campo e poi serve Kalinic che batte il portiere Sommer. Il 2-0 arriva al 28' grazie ad un errore di Vestergaard che liscia il pallone nel tentativo di rinviare, facilitando l'intervento di Borja Valero che batte Sommer senza difficoltà. Al 43' inizia la rimonta del Borussia che accorcia le distanze con un rigore di Stindl. Nel primo quarto d'ora della ripresa la Fiorentina sbanda e i tedeschi bussano altre tre volte, due con Stindl - alla fine tripletta per lui - e una con Christensen. Al 67' Ilicic, appena entrato, coglie la traversa su calcio di punizione. Ma e' l'ultimo sussulto, la Fiorentina è fuori.

00:15Brexit: premier evoca referendum unificazione Irlanda

(ANSA) - BRUXELLES, 23 FEB - Il premier irlandese Enda Kenny ha evocato oggi da Bruxelles, seppure in forma ipotetica, un possibile referendum per l'unificazione dell'Irlanda e per l'adesione alla Repubblica di Dublino dell'Irlanda del Nord ora sotto sovranità britannica. Kenny, che ha citato l'esempio del Muro di Berlino, ha ricordato come l'accordo di pace del Venerdì Santo "garantisca questa opportunità" a patto che la maggioranza della popolazione dell'Ulster lo chieda e che l'accordo resta valido - per l'Ue e per il mondo - anche dopo la Brexit. Nel caso di "una situazione come quella emersa quando il muro di Berlino fu buttato giù e la Germania Est fu in grado di unirsi alla Germania Ovest", l'epilogo potrebbe essere "senza distinzioni" anche in Irlanda, ha insistito Kenny, parlando al fianco del presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker, e dicendosi convinto che "l'accordo del Venerdì Santo debba essere incorporato" in un futuro "accordo sulla Brexit" fra Bruxelles e Londra a titolo di garanzia.

23:37Calcio: Spalletti, Pallotta? Ci sta che vada via +

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Le parole di Pallotta sui problemi legati alla realizzazione dello stadio a Tor di Valle? E' uno che viene a investire da un altro paese, a migliorarlo, a creare presupposti di crescita. Secondo me c'è anche da aspettarsi che prenda e che vada via. Poi ci si accorgerà dopo di quello che abbiamo perso". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, al termine della sfida di Europa League persa dai giallorossi col Villarreal.

Archivio Ultima ora