Usa2016: Trump e Hillary i “peggiori candidati” in 40 anni

Pubblicato il 07 settembre 2016 da ansa

hillary

WASHINGTON. – A due mesi dall’election day, Hillary Clinton e Donald Trump restano i due candidati più impopolari nella storia delle presidenziali americane degli ultimi decenni. Lo conferma anche l’ultimo sondaggio condotto da Huffington Post e YouGov, secondo il quale il 45% degli americani ritiene il tycoon il peggiore nominee repubblicano degli ultimi 40 anni (solo il 10% lo considera il migliore). Per Hillary la percentuale scende al 31% (con un modesto 3% che la considera invece la migliore).

E sul loro capo pendono ancora polemiche e incognite che potrebbero aumentarne il rating negativo: sul tycoon incombono i sospetti di una donazione illegale di 25 mila dollari ad un procuratore generale della Florida per non farlo indagare sulle presunte truffe della Trump university, su Hillary aleggia la minacciosa promessa da parte di Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, di pubblicare forse già dalla prossima settimana altri documenti legati all’Emailgate.

L’alto tasso di impopolarità è frutto dei limiti personali e degli scandali di entrambi: lui percepito come egocentrico, maschilista, razzista, triviale e imbroglione, lei come inaffidabile, non trasparente, fredda, incarnazione dell’establishment e di quella inossidabile macchina da soldi che è la fondazione Clinton.

Ma è colpa anche della polarizzazione politica senza precedenti di queste elezioni, dove l’animosità verso i due candidati è trainata dagli appartenenti al partito avversario, come dimostrano i numeri: il 67% dei democratici definisce Trump il peggior nominee repubblicano dal 1976, mentre il 47% degli elettori del Grand Old Party (Gop) ritiene la Clinton la peggiore nominee democratica nello stesso periodo.

Se si guarda però all’interno dei due partiti, le cose cambiano un po’. Per i repubblicani Trump resta il peggior candidato Gop degli ultimi 40 anni ma la percentuale scende al 23%, mentre quelli che lo ritengono il migliore è del 12%, collocandolo al secondo posto dopo Ronald Reagan (62%). Tra i democratici, invece, solo il 10% ritiene Hillary la candidata peggiore dal 1976 (4/o posto su 8) ma solo il 6% la ritiene la migliore, ben lontana da Obama (46%) e dal marito Bill (35%).

L’ultimo sondaggio conferma comunque tutti i precedenti, anche se con dati diversi: nella corsa alla Casa Bianca nessuno come Hillary e Trump ha mai avuto un rating così negativo, che in maggio ha sfiorato il 60%. Su una cosa concordano gli elettori dei due partiti, il pessimismo: le elezioni, a prescindere da chi vincerà, non risolveranno i problemi e non contribuiranno ad unire il Paese, come emerge da un altro sondaggio targato Washington Post-SurveyMonkey nei 50 Stati Usa.

La matematica elettorale in ogni caso sembra chiara: ben difficilmente Trump può vincere, ma Hillary può perdere. Per questo “The Donald” continua a giocare in attacco sperando in qualche passo falso della rivale, che invece cerca di distrarre l’attenzione dal suo tallone d’achille: l’Emailgate e l’attività della fondazione di famiglia.

Adesso il duello si sposta sulla sicurezza nazionale, con un forum tv al quale parteciperanno entrambi, senza però incrociarsi. Trump ha preso in contropiede la Clinton presentando una lettera di endorsement di una novantina di ex generali, un ambizioso piano di investimento da decine di miliardi di dollari per rafforzare truppe e mezzi delle forze armate e l’impegno per un piano in 30 giorni dopo la sua elezione per sconfiggere l’Isis.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

06:22Ministro dell’ Interno turco, vittime attacco salgono a 29

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Sono aumentate a 29 le persone morte negli attentati che hanno insanguinato ieri sera Istanbul a breve distanza l'uno dall'altro, nei pressi dello stadio. Lo ha detto il ministro dell'Interno turco Süleyman Soylu. Il vicepremier Numan Kurtulmus ha precisato, in una conferenza stampa, la dinamica delle esplosioni: la prima è stata provocata da un'autobomba lanciata contro un bus antisommossa della polizia, poco lontano. la seconda, 45 secondi dopo, da un kamikaze al vicino parco Macka.

04:35Kenya: esplode camion infiammabili, almeno 40 morti

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Almeno 40 persone sono morte in Kenya, a Karai, per l'esplosione di un camion che trasportava materiali infiammabili. Testimoni oculari citati dal quotidiano Daily Nation hanno riferito che l'autista del camion avrebbe perso il controllo e colpito un altro veicolo causando una serie di tamponamenti a catena. Tra i veicoli in fiamme anche una camionetta della polizia diretta a Nairobi. Decine i feriti in un bilancio che potrebbe ancora aumentare. Medici e infermiere, in sciopero da cinque giorni, stanno tornando al lavoro.

04:31Attacco Istanbul: autorità, 15 morti e 69 feriti

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - L'attacco di ieri sera contro la polizia turca nei pressi dello stadio del Besiktas, nel centro di Istanbul, ha provocato almeno 15 morti e 69 feriti. Ad aggiornare ufficialmente il bilancio è il ministero della Salute.

01:26Calcio a 5: Kaos batte Lazio ed è 3/o. Acqua&Sapone super

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il sabato della decima giornata del campionato di Serie A di calcio a 5 favorisce Kaos Futsal e Acqua&Sapone Unigross: la squadra emiliana vince 5-3 sul campo della Lazio e, sfruttando il pari (4-4) tra Luparense e Ma Group Imola, è al terzo posto a 40' dalla fine del girone di andata. Gli abruzzesi di Ricci, invece, infilano la quarta vittoria consecutiva e, grazie al 9-3 su un Real Rieti sempre più in crisi, salgono a -2 dal podio del Kaos, con la possibilità di scavalcarlo all'ultima giornata prima del giro di boa proprio nello scontro diretto di Ferrara. In coda, punti d'oro per la Came Dosson, che passa 9-3 sulla Futsal Isola lasciando l'ultima posizione ai romani di Angelini. Ad inaugurare la giornata erano state le prime due della classe: pari in trasferta per la capolista Pescara, rimontata nel finale dall'Axed Group Latina e avvicinata dalla Lollo Caffè Napoli, a -2 (e con una partita in meno, Napoli-Rieti si recupera martedì 13) grazie all'8-4 sulla Cioli Cogianco.

01:12Calcio: Giampaolo, abbiamo perso con una Lazio davvero forte

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo giocato contro una squadra forte e questo bisogna ammetterlo: la Lazio è una squadra forte, con grandi valori. Volevamo restare nell'equilibrio per poi provarla a vincere. L'equilibrio l'hanno rotto loro in quei cinque minuti finali del primo tempo". Nel dopo partita di Sampdoria-Lazio l'allenatore doriano Marco Giampaolo ammette la superiorità dei rivali. "Ma la reazione della Sampdoria è stata ottima - precisa -. Siamo sempre rimasti in partita e abbiamo perfino sfiorato il sogno di pareggiarla nel finale. Abbiamo tentato di giocare, ma non siamo stati rapidi: la Lazio ha fatto densità chiudendo gli spazi e per noi non è stato facile arrivare in zona gol. Dovevamo essere più veloci nelle verticalizzazioni, ma gli avversari sono stati sempre compatti e sono veramente forti, anche sul piano fisico. Cassano al Genoa? L'incontro con Juric? Hanno già chiarito loro, si sono trovati lì per caso. Penso che Cassano non vada a giocare al Genoa, non mi aspetto sorprese".

01:03Calcio: Inzaghi, ottima prova, la Lazio ha voltato pagina

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Mi aspettavo una reazione e i ragazzi me l'hanno data: abbiamo fatto un primo tempo splendido, anche se forse avremmo dovuto fare un altro gol per chiudere la gara. I ragazzi sono stati comunque bravissimi, questo è un campo difficile dove gioca una Sampdoria in ottima forma. Sarà difficile per tutti vincere qui". E' un Simone Inzaghi visibilmente soddisfatto quello che commenta il successo della Lazio a Marassi. "Sappiamo cosa voglia dire per i nostri tifosi il derby - dice l'allenatore della Lazio -, ma dovevamo voltare pagina e l'abbiamo fatto con un'ottima prestazione. Le polemiche sono dimenticate: sappiamo di aver perso per errori nostri, ma nel calcio bisogna accettare comunque le sconfitte. Non abbiamo concesso nulla ad attaccanti come Muriel, Quagliarella e Fernandes". "Se devo fare un primo bilancio, è positivo - conclude -: a inizio stagione c'era scetticismo e invece si è creato un ottimo gruppo. Ma questo non deve farci abbassare la testa. Il mercato? Ora vedremo con la società".

00:54Calcio: Real Madrid nella storia, imbattuto da 35 partite

(ANSA) - MADRID, 10 DIC - Incredibile Sergio Ramos, capace ancora una volta di segnare un gol decisivo nei minuti di recupero, come nella finale di Champions 2014 contro l'Atletico Madrid o una settimana fa nel 'Clasico' con il Barcellona. Questa volta la prodezza del difensore frutta al Real il successo per 3-2 al Bernabeu sul Deportivo La Coruna, in vantaggio 1-2 fino all'84'. Dopo lo 0-0 del primo tempo, Morata portava in vantaggio le 'merengues', prive di Cristiano Ronaldo tenuto a riposo in vista del Mondiale per club. Ma nel giro di un quarto d'ora gli ospiti avevano ribaltato il match andando a segno con una doppietta di Joselu. Il pareggio di Mariano arrivava all'84' mentre il gol-partita lo realizzava Sergio Ramos al 92', di testa. Così il Real mantiene i 6 punti di vantaggio sul Barcellona (37 contro 31) e la squadra di Zinedine Zidane ottiene la miglior serie positiva della propria storia, con 35 partite senza sconfitte, battendo il record di 34 che apparteneva al Real di Leo Beenhakker nel campionato 1988-89.

Archivio Ultima ora