Usa2016: Trump e Hillary i “peggiori candidati” in 40 anni

Pubblicato il 07 settembre 2016 da ansa

hillary

WASHINGTON. – A due mesi dall’election day, Hillary Clinton e Donald Trump restano i due candidati più impopolari nella storia delle presidenziali americane degli ultimi decenni. Lo conferma anche l’ultimo sondaggio condotto da Huffington Post e YouGov, secondo il quale il 45% degli americani ritiene il tycoon il peggiore nominee repubblicano degli ultimi 40 anni (solo il 10% lo considera il migliore). Per Hillary la percentuale scende al 31% (con un modesto 3% che la considera invece la migliore).

E sul loro capo pendono ancora polemiche e incognite che potrebbero aumentarne il rating negativo: sul tycoon incombono i sospetti di una donazione illegale di 25 mila dollari ad un procuratore generale della Florida per non farlo indagare sulle presunte truffe della Trump university, su Hillary aleggia la minacciosa promessa da parte di Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, di pubblicare forse già dalla prossima settimana altri documenti legati all’Emailgate.

L’alto tasso di impopolarità è frutto dei limiti personali e degli scandali di entrambi: lui percepito come egocentrico, maschilista, razzista, triviale e imbroglione, lei come inaffidabile, non trasparente, fredda, incarnazione dell’establishment e di quella inossidabile macchina da soldi che è la fondazione Clinton.

Ma è colpa anche della polarizzazione politica senza precedenti di queste elezioni, dove l’animosità verso i due candidati è trainata dagli appartenenti al partito avversario, come dimostrano i numeri: il 67% dei democratici definisce Trump il peggior nominee repubblicano dal 1976, mentre il 47% degli elettori del Grand Old Party (Gop) ritiene la Clinton la peggiore nominee democratica nello stesso periodo.

Se si guarda però all’interno dei due partiti, le cose cambiano un po’. Per i repubblicani Trump resta il peggior candidato Gop degli ultimi 40 anni ma la percentuale scende al 23%, mentre quelli che lo ritengono il migliore è del 12%, collocandolo al secondo posto dopo Ronald Reagan (62%). Tra i democratici, invece, solo il 10% ritiene Hillary la candidata peggiore dal 1976 (4/o posto su 8) ma solo il 6% la ritiene la migliore, ben lontana da Obama (46%) e dal marito Bill (35%).

L’ultimo sondaggio conferma comunque tutti i precedenti, anche se con dati diversi: nella corsa alla Casa Bianca nessuno come Hillary e Trump ha mai avuto un rating così negativo, che in maggio ha sfiorato il 60%. Su una cosa concordano gli elettori dei due partiti, il pessimismo: le elezioni, a prescindere da chi vincerà, non risolveranno i problemi e non contribuiranno ad unire il Paese, come emerge da un altro sondaggio targato Washington Post-SurveyMonkey nei 50 Stati Usa.

La matematica elettorale in ogni caso sembra chiara: ben difficilmente Trump può vincere, ma Hillary può perdere. Per questo “The Donald” continua a giocare in attacco sperando in qualche passo falso della rivale, che invece cerca di distrarre l’attenzione dal suo tallone d’achille: l’Emailgate e l’attività della fondazione di famiglia.

Adesso il duello si sposta sulla sicurezza nazionale, con un forum tv al quale parteciperanno entrambi, senza però incrociarsi. Trump ha preso in contropiede la Clinton presentando una lettera di endorsement di una novantina di ex generali, un ambizioso piano di investimento da decine di miliardi di dollari per rafforzare truppe e mezzi delle forze armate e l’impegno per un piano in 30 giorni dopo la sua elezione per sconfiggere l’Isis.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

20:40Bif&st: Avati, torno al Diavolo della mia infanzia

(ANSA) BARI, 25 APR - Pupi Avati torna ai demoni del passato con 'Il signor Diavolo'. Lo ha annunciato il regista in una master-class stamani al Bif&st divisa tra Amarcord e nostalgia. "Sto ai titoli di coda della mia vita e ho così voglia di tornare alla nostalgia del cinema con cui ho cominciato a misurarmi da bambino, con quel mondo fantastico. Torno alle cose che mi spaventavano, quando credevo ci fosse il male assoluto, in quell'atmosfera pre-conciliare dell'Italia anni Cinquanta dove i bambini erano immersi tra paura e sacralità". Nel film, che si girerà a Grado ed è tratto dal suo omonimo libro in pubblicazione per Guanda, siamo negli anni '50, a ridosso dell'alluvione del Polesine. I protagonisti sono due 14enni che vivono ancora un tipo di religiosità ancestrale. Uno dei due muore di malaria, ma la gente si convince che sia perché ha fatto cadere l'ostia e l'ha pestata. L'altro non si rassegna di aver perso l'amico del cuore e fa di tutto per contattare un essere deforme che si pensa abbia rapporti col demonio.

20:37Sfregiata con acido, posta un selfie su Instagram

(ANSA) - BOLOGNA, 25 APR - Ha aperto un profilo su Instagram ed ha postato un selfie Gessica Notaro, la 28enne riminese sfregiata con l'acido la sera del 10 gennaio dall'ex fidanzato Edson Tavares, ora in carcere a Forlì. "Buongiorno amici - ha scritto Gessica in un post - questo è il mio primo selfie dopo tanto tempo. L'ho fatto per garantirvi che questo è il mio UNICO profilo Instagram e che tutti gli altri sono falsi, creati da persone che si divertono a scrivere frasi e pubblicare vecchie foto rubate da internet spacciandosi per me. Vi chiedo aiuto per segnalare questi individui. Grazie mille". Centinaia i commenti di sostegno. Gessica - che la settimana scorsa ha partecipato al Maurizio Costanzo Show e a Bologna ha incontrato il ministro Andrea Orlando - nel 2007 era stata Miss Romagna e aveva conquistato la finale di Miss Italia. Poi e' decollata una carriera nel mondo dello spettacolo, con partecipazioni a programmi Rai e Mediaset come cantante. È anche addestratrice e speaker al delfinario di Rimini.(ANSA).

20:2725 aprile: ad Aosta corona ai caduti della Rsi

(ANSA) - AOSTA, 25 APR - Una corona d'alloro con il nastro tricolore e la scritta "Ai caduti della Repubblica sociale italiana" è stata deposta oggi nel cimitero di Aosta da Casapound. I militanti hanno infatti "reso omaggio" a "Emilio Piccot, caduto della Rsi" e "a cui è stata intitolata la brigata nera aostana", si legge su Facebook. Proprio a pochi metri dalla sua tomba si trova il Sacrario dei caduti in guerra, dove in mattinata si è svolta la messa ed è stata deposta una corona alla presenza delle massime autorità regionali. Alle celebrazioni ha preso parte anche il vicepresidente nazionale dell'Anpi Alessandro Pollio Salimbeni, che ha ricordato, tra l'altro, come "la pace e la democrazia hanno ancora troppi nemici". (ANSA).

20:20Calcio: Monchi,obiettivo è consolidare Roma in elite europea

(ANSA) - ROMA, 25 APR - "L'obiettivo è cercare di consolidare la Roma non soltanto ai vertici del calcio italiano, dove già si trova, ma anche nella elite del calcio europeo. Ho molta voglia di iniziare a lavorare e a costruire la migliore Roma possibile". E' questo il traguardo che Monchi vuole tagliare nella sua avventura nella Capitale. Il nuovo ds, che oggi ha preso possesso del proprio ufficio all'interno di Trigoria, ha rilasciato una intervista al canale televisivo giallorosso in cui ha ribadito i motivi che lo hanno spinto ad accettare l'offerta di Pallotta: "È stato l'interesse mostrato dal club e la determinazione nel volermi qui. E poi il club in quanto tale: un club che a mio avviso si adatta perfettamente al mio modo di lavorare. Un club che vuole crescere, ambizioso e che vuole lottare per traguardi importanti, una città magnifica., una tifoseria molto importante. Credo che ci siano tutti i presupposti per poter lavorare bene. La pianificazione del lavoro è molto importante".

20:15Ciclismo: Lizde vince 72/o Gran Premio Liberazione

(ANSA) - ROMA, 25 APR - E' Seid Lizde il vincitore della 72esima edizione del Gran Premio Liberazione di Roma riservato agli under 23. Il ciclista del team Colpack, nato a Catania da genitori bosniaci, ha anticipato il valdostano Michel Piccot della Gavardo Bi&Esse Carrera Tecmor (10'' 50') e il bielorusso campione d'Europa under 23 Alexander Riabushenko della Palazzago Amaru (46'' 70'). A Piccot va il premio 'Combattività' per come ha interpretato la gara di 138 chilometri durata 3 ore 20' e 03'' alla media di 41,39 km. Nella gara femminile successo del'ex iridata Marta Bastianelli, che tagliando il traguardo ha indicato il cielo per dedicare la vittoria a Michele Scarponi.

20:14Scarponi: Nibali, terremo vivo ricordo

(ANSA) - FILOTTRANO (ANCONA), 25 APR - "Come atleta, come compagno di camera e di squadra lo ricordo come un fratello maggiore e minore, non ci sono altre parole da aggiungere. Cercheremo di tenere vivo il suo ricordo il più a lungo possibile". Lo ha detto Vincenzo Nibali a margine delle esequie di Michele Scarponi, che è stato suo amico e compagno di squadra. "Molte persone oggi - ha aggiunto Nibali - hanno racchiuso quello che volevamo dire: da Cassani al Fan club al cardinale", l'arcivescovo di Ancona-Osimo, mons. Edoardo Menichelli, che ha concelebrato la messa.

20:13Scarponi: Cassani, ciao Michele, eri e sarai sempre capitano

(ANSA) - FILOTTRANO (ANCONA), 25 APR - "Ciao Michele. Sei morto da capitano, lo eri e lo sarai sempre". Davide Cassani, commissario tecnico della Nazionale di ciclismo, è quasi incredulo nel dover salutare per l'ultima volta Michele Scarponi dentro uno stadio gremito da oltre 5 mila persone. Si inchina davanti al feretro che accoglie Michele e depone lì la maglia azzurra che lo accompagnerà per sempre: "per te non è un regalo", precisa Cassani che con una voce rotta dalla commozione ripercorre la carriera dell'Aquila di Filottrano. Talento, sacrificio, dedizione, umanità e allegria. Un campione dalle tante affermazioni ma anche esempio di grande gregario come lo stesso Cassani è stato nella sua lunga carriera. Il ct ha portato anche il cordoglio del grande Eddie Merckx che lo ha chiamato per esprimere il suo dolore. "Non hai vinto come Merckx - ha detto Cassani - ma sei un campione come lui, di dedizione e di lealtà".

Archivio Ultima ora