Ramos Allup: “Il Parlamento non obbedirà alla Corte”

Ramos Allup: “Il Parlamento non obbedirà alla Corte”
Ramos Allup: “Il Parlamento non obbedirà alla Corte”
Ramos Allup: “Il Parlamento non obbedirà alla Corte”

CARACAS – C’è chi, come Henry Ramos Allup, ha assicurato che il Parlamento non obbedirà alla Corte poiché le sue decisioni sono in conflitto con quanto stabilito dalla Costituzione; e c’è chi, come Simón Calzadilla, assicura che si è in presenza di un “golpe”, al voler svuotare l’Assemblea Nazionale di ogni potere.

Gli esponenti dell’opposizione considerano che il “Tribunal Supremo de Justicia” non è un potere autonomo e che oggi più che mai dipende dall’Esecutivo.

Il Tsj, nei giorni scorsi, ha dichiarato invalido ogni provvedimento emanato dal Parlamento, controllato a larga maggioranza dall’opposizione. La decisione della Corte è stata resa nota dopo che l’Assemblea Nazionale aveva formalizzato l’attribuzione dei seggi a tre deputati oppositori dello stato di Amazonas. I deputati dell’Amazonas erano stati sospesi dalla Corte per le denunce di brogli presentate dal partito di governo; denunce non verificate né confermate dal Consiglio Nazionale Elettorale.

– Il Parlamento – ha affermato categorico il suo presidente, Henry Ramos Allup – non intende ubbidire a nessuna decisione del Tribunale Superiore di Giustizia né di nessun altro potere che violi la Costituzione.

Ramos Allup ha ribadito che il Tsj è diventata una entità dipendente dalla volontà politica del governo di Nicolás Maduro.

– Quello del presidente Maduro – ha assicurato Ramos Allup – è un governo che sopportiamo costituzionalmente, perché è costituzionalmente che lo toglieremo di torno.

E’ evidente l’allusione al referendum promosso dal Tavolo dell’Unità per revocare il mandato del presidente.

Condividi: