Merkel si difende sui migranti, ne arrivano di meno

Pubblicato il 07 settembre 2016 da ansa

A handout picture provided by the German Federal Government shows German Chancellor Angela Merkel (L) as she visits a pre-school class at the Nizip I refugee camp in Gaziantep, Turkey, 23 April 2016. ANSA/STEFFEN KUGLER/GERMAN FEDERAL GOVERNMENT/

A handout picture provided by the German Federal Government shows German Chancellor Angela Merkel (L) as she visits a pre-school class at the Nizip I refugee camp in Gaziantep, Turkey, 23 April 2016. ANSA/STEFFEN KUGLER/GERMAN FEDERAL GOVERNMENT/

BERLINO. – Sotto pressione per una storica sconfitta elettorale, la cancelliera Angela Merkel ha sfruttato il dibattito parlamentare sul bilancio 2017 per difendersi ricordando che la crisi dei migranti è migliorata: gli arrivi sono frenati dalla ‘barriera’ turca – rappresentata dall’accordo con l’Ue – che va estesa al sud del Mediterraneo e, assieme a Italia e Francia, anche all’Africa subsahariana.

“La situazione oggi è molto migliore di un anno fa. Ma naturalmente resta molto da fare”, ha detto la cancelliera intervenendo al Bundestag. “Abbiamo nettamente ridotto il numero di profughi che arrivano da noi”, ha ricordato riferendosi implicitamente ai meno di diecimila registrati a luglio e agosto e alla stima di 300 mila arrivi per il 2016 fatta dal dall’Ufficio per le migrazioni: tre-quattro volte meno dell’ 1,1 milioni di migranti accolti l’anno scorso.

Nel discorso Merkel ha difeso la propria politica sui profughi che però già da mesi non è più quella delle frontiere aperte per far fronte a una crisi umanitaria ma punta l’espulsione (“dovete lasciare il nostro paese”, ha detto) dei migranti economici per avere risorse sufficienti ad accogliere – senza limiti – quelli in fuga da guerre e dittature.

L’obiettivo – anche ad uso elettorale – è quello di non intaccare il benessere dei tedeschi: “La Germania resterà la Germania, con tutto ciò che amiamo e ci è caro”, è tornata ad assicurare Merkel. Un frase che, secondo Der Spiegel, ha ormai sostituito il “ce la facciamo” con cui la cancelliera preparò il paese all’apertura delle frontiere un anno fa.

Oltre che dal filo spinato ungherese e balcanico, il flusso dei migranti più diretto verso la Germania è frenato dal ‘tappo’ creato dalla Turchia allettata dai miliardi e dalla liberalizzazione dei visti prevista dall’intesa con l’Ue. Un accordo che, ha detto Merkel, è un “modello” da replicare con Egitto, Tunisia e anche con la Libia, almeno quando avrà un governo incontrastato.

Ma per Merkel le cause delle migrazioni vanno affrontate anche a sud della sponda meridionale del Mediterraneo: la cancelliera ha definito “un passo molto sensato” la partnership impostata dalla Germania assieme a Italia, Francia e Commissione Ue per Mali e Niger, paese quest’ultimo attraverso cui arriva in in Libia “il 90% dei profughi” che poi prendono il mare verso le coste italiane.

Per rintuzzare l’attacco in corso da parte dell’ala bavarese e conservatrice del suo partito allarmata perché alle elezioni regionali in Meclemburgo di domenica scorsa la formazione populista Afd per la prima volta ha sorpassato l’Unione cristiano-democratica (Cdu) della cancelliera facendo leva proprio sulla questione profughi, Merkel ha ordinato un serrate i ranghi per evitare altre sconfitte: l’ Afd, ha detto, “non è una sfida solo per la Cdu ma per tutti noi che siamo seduti in quest’aula” e non va rincorsa sul suo piano di “facili” risposte a un problema epocale come quello delle migrazioni.

(di Rodolfo Calò/ANSA)

Ultima ora

11:02Sri Lanka: maltempo, salgono a 126 le vittime

(ANSA) - COLOMBO, 28 MAG - E' salito a 126 morti il bilancio dell'ondata di maltempo che si è abbattuta negli ultimi giorni, con piogge torrenziali, inondazioni dovute allo straripamento di fiumi e smottamenti del terreno, su 14 distretti dello Sri Lanka. Lo ha reso noto oggi il Centro per la gestione dei disastri (Dmc), aggiungendo che è stabile a 97 il numero dei dispersi. Inoltre, gli effetti particolarmente avversi del monsone sud-occidentale hanno danneggiato oltre 400.000 persone appartenenti a quasi 110.000 famiglie. Si tratta del più grave disastro meteorologico avvenuto in Sri Lanka dal 2003, quando un potente monsone causò la morte di 250 persone e la distruzione di 10.000 case.

11:01Gb: computer in tilt, aerei British Airways ancora a terra

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - La British Airways si augura di poter "tornare alla normalità" stamane allo scalo di Gatwick e di "riprendere la maggior parte dei voli" a quello di Heathrow dopo i seri problemi registrati al sistema informatico che gestisce gli scali e che ieri ha costretto la compagnia a cancellare tutti i voli. I computer in tilt, provocato da un guasto elettrico e non da un attacco di hacker, ha precisato la British Airways, hanno causato forti disagi alle migliaia di passeggeri in attesa di partire da Londra. E molti hanno criticato la compagnia per la mancanza di informazioni. La British Airways si è affrettata a scusarsi con i passeggeri assicurando una serie di rimborsi. La stessa compagnia ha poi chiesto ai passeggeri di non recarsi in aeroporto oggi a meno che non siano stati dirottati su altri aerei.

11:01Calcio: Allegri, ‘Orgogliosi, però manca l’ultima’

(ANSA) - TORINO, 28 MAG - "Cinquantasei partite di cui essere orgogliosi". Questo il riassunto della stagione della Juventus fatto da Allegri al termine dell'ultima partita di campionato contro il Bologna: "Manca l'ultima, la più importante. La prepareremo sapendo che siete al nostro fianco" ha proseguito l'allenatore bianconero sul suo profilo Twitter. Il riferimento è alla finale di Champions League in programma a Cardiff il 3 giugno contro il Real Madrid: dopo aver conquistato scudetto e Coppa Italia, la Juventus è a una vittoria di distanza da uno storico triplete.

10:58Pugilato: Mondiale welter Ibf, Spence detronizza Brooks

(ANSA) - SHEFFIELD (GRAN BRETAGNA), 28 MAG - L'imbattuto americano Errol "The Truth" Spence Jr. (22 incontri tutti vinti, 19 prima del limite) ha conquistato il titolo mondiale versione Ibf dei pesi welter battendo per Ko a 1'47''del'11/a ripresa il britannico Kell "The Special One" Brook (36-2, 25 KO) nel match disputato ieri notte sul ring allestito nel Bramall Football Ground di Sheffield, davanti a 27mila spettatori. Per Brook, con l'occhio sinistro completamente chiuso dopo la fine del match, è stata la seconda sconfitta consecutiva dopo quella subìta contro il campione del mondo dei medi Gennadi Golovkin quando il britannico ha tentato d'impossessarsi del titolo della categoria superiore.

10:42Migranti: a Napoli la nave di Msf con 1500 persone

(ANSA) - NAPOLI, 28 MAG - E' arrivata nel porto di Napoli e sono iniziate le operazioni di sbarco dei 1449 immigrati che si trovavano a bordo della nave ong 'Vos Prudence' di Medici Senza Frontiere. La nave è stata fatta ormeggiare al molo Carmine e sono state predisposte tutte le attività logistiche per effettuare lo sbarco. Ancora non è stata resa nota la destinazione dei migranti raccolti da Msf e da motovedette della Guardia Costiera da ben dodici diversi barconi in appena 10 ore. Alle 21 di ieri, dopo l'allarme lanciato sull'assenza di generi di prima necessità a causa del sovraffollamento era stata fatta approdare a Palermo per essere prima di ieri sera,attorno alle 21, dopo l'allarme lanciato dai responsabili di Msf sull'assenza di generi di prima necessità a causa del sovraffollamento della nave - la capienza è di 600 persone - era stata fatta approdare a Palermo per essere rifornita di beni di prima necessità. A bordo 140 donne, 45 bambini, uno dei quali di appena una settimana e due cadaveri recuperati da un gommone.

07:59Corea Nord: media, Usa inviano terza portaerei

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Gli Stati Uniti avrebbero inviato una terza portaerei nel Pacifico occidentale come deterrente per i test missilistici e il programma nucleare della Corea del Nord. Lo riportano i media americani, sottolineando che la USS Nimitz si unirà alla USS Carl Vinson e alla USS Ronald Reagan già presenti nell'area.

07:56Usa: Mattis, Trump ‘molto aperto’ su clima

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Il presidente Donald Trump è "molto aperto" sul tema dell'accordo sul clima di Parigi e "valuta i pro e i contro" di un'eventuale permanenza degli Stati Uniti nell'intesa. Lo afferma il segretario alla Difesa, James Mattis, in un'intervista alla Cbs di cui sono stati diffusi gli estratti. "Stiamo valutando quale sarà la nostra politica sul tema. Ho partecipato ad alcuni degli incontri a Bruxelles dove il clima è stato uno degli argomenti, e il presidente era aperto. Era curioso del perché gli altri avevano assunto una certa posizione sul tema", mette in evidenza Mattis.

Archivio Ultima ora