Merkel si difende sui migranti, ne arrivano di meno

Pubblicato il 07 settembre 2016 da ansa

A handout picture provided by the German Federal Government shows German Chancellor Angela Merkel (L) as she visits a pre-school class at the Nizip I refugee camp in Gaziantep, Turkey, 23 April 2016. ANSA/STEFFEN KUGLER/GERMAN FEDERAL GOVERNMENT/

A handout picture provided by the German Federal Government shows German Chancellor Angela Merkel (L) as she visits a pre-school class at the Nizip I refugee camp in Gaziantep, Turkey, 23 April 2016. ANSA/STEFFEN KUGLER/GERMAN FEDERAL GOVERNMENT/

BERLINO. – Sotto pressione per una storica sconfitta elettorale, la cancelliera Angela Merkel ha sfruttato il dibattito parlamentare sul bilancio 2017 per difendersi ricordando che la crisi dei migranti è migliorata: gli arrivi sono frenati dalla ‘barriera’ turca – rappresentata dall’accordo con l’Ue – che va estesa al sud del Mediterraneo e, assieme a Italia e Francia, anche all’Africa subsahariana.

“La situazione oggi è molto migliore di un anno fa. Ma naturalmente resta molto da fare”, ha detto la cancelliera intervenendo al Bundestag. “Abbiamo nettamente ridotto il numero di profughi che arrivano da noi”, ha ricordato riferendosi implicitamente ai meno di diecimila registrati a luglio e agosto e alla stima di 300 mila arrivi per il 2016 fatta dal dall’Ufficio per le migrazioni: tre-quattro volte meno dell’ 1,1 milioni di migranti accolti l’anno scorso.

Nel discorso Merkel ha difeso la propria politica sui profughi che però già da mesi non è più quella delle frontiere aperte per far fronte a una crisi umanitaria ma punta l’espulsione (“dovete lasciare il nostro paese”, ha detto) dei migranti economici per avere risorse sufficienti ad accogliere – senza limiti – quelli in fuga da guerre e dittature.

L’obiettivo – anche ad uso elettorale – è quello di non intaccare il benessere dei tedeschi: “La Germania resterà la Germania, con tutto ciò che amiamo e ci è caro”, è tornata ad assicurare Merkel. Un frase che, secondo Der Spiegel, ha ormai sostituito il “ce la facciamo” con cui la cancelliera preparò il paese all’apertura delle frontiere un anno fa.

Oltre che dal filo spinato ungherese e balcanico, il flusso dei migranti più diretto verso la Germania è frenato dal ‘tappo’ creato dalla Turchia allettata dai miliardi e dalla liberalizzazione dei visti prevista dall’intesa con l’Ue. Un accordo che, ha detto Merkel, è un “modello” da replicare con Egitto, Tunisia e anche con la Libia, almeno quando avrà un governo incontrastato.

Ma per Merkel le cause delle migrazioni vanno affrontate anche a sud della sponda meridionale del Mediterraneo: la cancelliera ha definito “un passo molto sensato” la partnership impostata dalla Germania assieme a Italia, Francia e Commissione Ue per Mali e Niger, paese quest’ultimo attraverso cui arriva in in Libia “il 90% dei profughi” che poi prendono il mare verso le coste italiane.

Per rintuzzare l’attacco in corso da parte dell’ala bavarese e conservatrice del suo partito allarmata perché alle elezioni regionali in Meclemburgo di domenica scorsa la formazione populista Afd per la prima volta ha sorpassato l’Unione cristiano-democratica (Cdu) della cancelliera facendo leva proprio sulla questione profughi, Merkel ha ordinato un serrate i ranghi per evitare altre sconfitte: l’ Afd, ha detto, “non è una sfida solo per la Cdu ma per tutti noi che siamo seduti in quest’aula” e non va rincorsa sul suo piano di “facili” risposte a un problema epocale come quello delle migrazioni.

(di Rodolfo Calò/ANSA)

Ultima ora

17:35Siria: offensiva Isis nell’est, 120 uccisi in 3 giorni

(ANSA) - BEIRUT, 17 GEN - Più di 120 persone, tra miliziani e civili, sono morti negli ultimi tre giorni di scontri armati nell'est della Siria, nel capoluogo di Dayr az Zor dove l'Isis ha attaccato posizioni governative nella zona ricca di giacimenti petroliferi e non lontana dal confine iracheno. L'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) riferiscono dell'uccisione da domenica scorsa di 122 persone, tra cui 27 civili compresi donne e minori, e 95 tra militari lealisti e miliziani dello Stato islamico. I civili, precisa l'Ondus, sono morti in raid aerei o di artiglieria sia nella zona controllata dall'Isis sia nell'area in mano alle forze di Damasco.

17:07Regeni: Alfano, prosegue impegno su ricerca verità

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Un pensiero commosso a Giulio Regeni a pochi giorni dall'anniversario della sua scomparsa. Un pensiero che si unisce alla prosecuzione di un impegno alla ricerca della verità". Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano.

17:04Tenta di adescare bimba 10 anni su social, arrestato

(ANSA) - IMPERIA, 17 GEN - Un uomo di 40 anni, magazziniere e speaker per una una radio privata accusato di adescare ragazzine su internet è stato arrestato a Padova dalla Polizia postale della Liguria in flagranza di detenzione e scambio di materiale pedopornografico. L'indagine, conclusa in collaborazione con il compartimento Polposta Veneto, ha preso le mosse da un'attività della Polizia postale di Imperia che ha messo sotto intercettazione informatica e telefonica l'uomo quando aveva tentato di sedurre su Instagram una bambina di 10 anni della provincia di Imperia. A suo carico, la procura di Genova ha emesso un decreto di perquisizione che ha portato al sequestro di un ingente quantitativo di supporti informatici oltre che del profilo social utilizzato dall'uomo. Sono ancora in corso accertamenti volti alla ricerca di altri eventuali minori potenziali vittime dell'arrestato.

17:02Calcio: Vicenza, arriva Gucher dal Frosinone

(ANSA) - VICENZA, 17 GEN - Colpo sul mercato del Vicenza che ha ufficializzato l'acquisizione a titolo definitivo del centrocampista austriaco Robert Gucher, classe 1991. Il neo-acquisto proviene dal Frosinone dove è stato protagonista dell'ultima promozione in serie A e il cui contratto era in scadenza nel prossimo mese di giugno. Gucher, che fa parte della nazionale austriaca, ha firmato con il club veneto un contratto di due anni e mezzo, sino al 30 giugno 2019. Oggi si allenerà con i nuovi compagni agli ordini del tecnico Bisoli e sabato alla ripresa del campionato a Carpi potrebbe esordire in biancorosso.

16:59Calcio: Inter, vertice di mercato tra Thohir e Zhang

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Vertice di mercato tra il presidente dell'Inter Erick Thohir e Steven Zhang, figlio del numero uno di Suning. Questa mattina, nella sede del club nerazzurro, faccia a faccia tra i due massimi dirigenti che hanno parlato delle possibili cessioni per sfoltire una rosa ancora troppo ampia e rispettare i parametri del Fair Play Finanziario. Dopo gli addii di Jovetic e Felipe Melo, potrebbe partire anche il difensore Andrea Ranocchia che e' seguito da alcuni club di Premier League. Il giovane centrocampista Miangue, classe 1997, potrebbe accasarsi al Cagliari e Gnoukouri piace al Crotone. Anche Biabiany e' in uscita, su di lui si e' mosso il Bologna ma non e' da escludere una cessione in Cina.

16:50Coni: Malagò, troppi contenziosi, dovremo uniformare regole

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - "Se sarò ancora io il prossimo presidente del Coni porterò sicuramente in giunta un argomento importante: la necessità di uniformare le regole degli statuti e dei regolamenti all'interno del nostro mondo, dalle federazioni ai comitati regionali, agli enti di disciplina, che hanno generato una serie di strascichi, contenziosi, ricorsi che sono oggettivamente complicati da gestire". Lo ha annunciato il presidente del Coni Giovanni Malagò a margine della giunta nazionale riunita in via straordinaria a Genova. "Tutti i ricorsi hanno una caratteristica: sono figli del momento storico che viviamo - ha aggiunto Malagò - e vanno anche oltre i confini del mondo sportivo stesso. Spesso gli stessi avvocati e i giuristi si prestano a interpretazioni diverse. Credo che sia una cosa di buonsenso che il Coni, magari con il pieno mandato delle massime autorità, anche di chi ha la delega al consiglio dei ministri, debba impegnarsi per uniformare gli statuti, anche per ciò che riguarda le future competizioni elettorali".

16:47Calcio: Maradona, qui mi sento dentro al calcio

(ANSA) - FIRENZE, 17 GEN - "Qui mi sento dentro al calcio, mi sento a casa". Lo ha detto Diego Armando Maradona, a Firenze per la Hall of Fame del calcio italiano. L'ex 'Pibe de oro' ha confermato di aver parlato con il presidente del Napoli, Aurelio de Laurentiis, dal quale è stato invitato per la sfida contro il Real Madrid.

Archivio Ultima ora