Merkel si difende sui migranti, ne arrivano di meno

Pubblicato il 07 settembre 2016 da ansa

A handout picture provided by the German Federal Government shows German Chancellor Angela Merkel (L) as she visits a pre-school class at the Nizip I refugee camp in Gaziantep, Turkey, 23 April 2016. ANSA/STEFFEN KUGLER/GERMAN FEDERAL GOVERNMENT/

A handout picture provided by the German Federal Government shows German Chancellor Angela Merkel (L) as she visits a pre-school class at the Nizip I refugee camp in Gaziantep, Turkey, 23 April 2016. ANSA/STEFFEN KUGLER/GERMAN FEDERAL GOVERNMENT/

BERLINO. – Sotto pressione per una storica sconfitta elettorale, la cancelliera Angela Merkel ha sfruttato il dibattito parlamentare sul bilancio 2017 per difendersi ricordando che la crisi dei migranti è migliorata: gli arrivi sono frenati dalla ‘barriera’ turca – rappresentata dall’accordo con l’Ue – che va estesa al sud del Mediterraneo e, assieme a Italia e Francia, anche all’Africa subsahariana.

“La situazione oggi è molto migliore di un anno fa. Ma naturalmente resta molto da fare”, ha detto la cancelliera intervenendo al Bundestag. “Abbiamo nettamente ridotto il numero di profughi che arrivano da noi”, ha ricordato riferendosi implicitamente ai meno di diecimila registrati a luglio e agosto e alla stima di 300 mila arrivi per il 2016 fatta dal dall’Ufficio per le migrazioni: tre-quattro volte meno dell’ 1,1 milioni di migranti accolti l’anno scorso.

Nel discorso Merkel ha difeso la propria politica sui profughi che però già da mesi non è più quella delle frontiere aperte per far fronte a una crisi umanitaria ma punta l’espulsione (“dovete lasciare il nostro paese”, ha detto) dei migranti economici per avere risorse sufficienti ad accogliere – senza limiti – quelli in fuga da guerre e dittature.

L’obiettivo – anche ad uso elettorale – è quello di non intaccare il benessere dei tedeschi: “La Germania resterà la Germania, con tutto ciò che amiamo e ci è caro”, è tornata ad assicurare Merkel. Un frase che, secondo Der Spiegel, ha ormai sostituito il “ce la facciamo” con cui la cancelliera preparò il paese all’apertura delle frontiere un anno fa.

Oltre che dal filo spinato ungherese e balcanico, il flusso dei migranti più diretto verso la Germania è frenato dal ‘tappo’ creato dalla Turchia allettata dai miliardi e dalla liberalizzazione dei visti prevista dall’intesa con l’Ue. Un accordo che, ha detto Merkel, è un “modello” da replicare con Egitto, Tunisia e anche con la Libia, almeno quando avrà un governo incontrastato.

Ma per Merkel le cause delle migrazioni vanno affrontate anche a sud della sponda meridionale del Mediterraneo: la cancelliera ha definito “un passo molto sensato” la partnership impostata dalla Germania assieme a Italia, Francia e Commissione Ue per Mali e Niger, paese quest’ultimo attraverso cui arriva in in Libia “il 90% dei profughi” che poi prendono il mare verso le coste italiane.

Per rintuzzare l’attacco in corso da parte dell’ala bavarese e conservatrice del suo partito allarmata perché alle elezioni regionali in Meclemburgo di domenica scorsa la formazione populista Afd per la prima volta ha sorpassato l’Unione cristiano-democratica (Cdu) della cancelliera facendo leva proprio sulla questione profughi, Merkel ha ordinato un serrate i ranghi per evitare altre sconfitte: l’ Afd, ha detto, “non è una sfida solo per la Cdu ma per tutti noi che siamo seduti in quest’aula” e non va rincorsa sul suo piano di “facili” risposte a un problema epocale come quello delle migrazioni.

(di Rodolfo Calò/ANSA)

Ultima ora

15:13Gb: May, punire i capi che tradiscono i loro impiegati

(ANSA) - LONDRA, 21 GEN - La premier britannica Theresa May si dice pronta a punire con nuove misure, fra cui multe molto salate, i dirigenti di azienda che tradiscono i loro lavoratori. Il primo ministro ha annunciato dalle pagine del domenicale progressista Observer un giro di vite nel mondo societario dopo il collasso della Carillion, gruppo di costruzioni e colosso delle commesse pubbliche finito in bancarotta mettendo a rischio migliaia di posti di lavoro. In particolare, si legge nell'intervento, verranno puniti i dirigenti che non assicurano i fondi pensioni dei loro dipendenti e invece continuano imperterriti a guadagnare dalle società in crisi. Nel caso della Carillion, il deficIt nel fondo pensione del gruppo è stato stimato in 900 milioni di sterline, circa un miliardo di euro. Le misure della May saranno contenute in un 'libro bianco' pubblicato a marzo e includono nuovi poteri per bloccare o limitare le scalate societarie che mettono a rischio i fondi pensione.

15:12Calcio: Allegri, per scudetto servono calma e grande Juve

(ANSA) - TORINO, 21 GEN - "La Juventus sa che per vincere lo scudetto dovrà fare grandissime cose: il Napoli ha girato a 51 punti, ma mancano ancora 18 partite, ci vuole calma". Questa la previsione di Allegri sulla corsa scudetto, con il Napoli primo con un punto di vantaggio sulla Juventus al termine del girone d'andata: "Noi abbiamo 2 punti in più dello scorso anno, stiamo facendo un cammino importante ma il Napoli sta facendo da lepre - ha aggiunto l'allenatore bianconero -, ma ci vuole calma, ad aprile arrivano gli scontri diretti. Il Napoli ha le qualità e le caratteristiche per vincere lo scudetto, ma è normale che la Juve, anche se è reduce da sei scudetti consecutivi, deve fare di tutto per vincere il settimo".

15:11Rapine in villa: quattro in azione con pistole nel Pesarese

(ANSA) - FERMIGNANO (PESARO URBINO), 21 GEN - Una banda di rapinatori ha fatto irruzione alle 2 della scorsa notte in una villa bifamiliare isolata a Fermignano, dove si trovavano cinque donne, tra cui tre adolescenti. Nella villa abitano due imprenditori del luogo, del settore zincatura, in questi giorni all'estero per lavoro. Pistole alle mano, i banditi hanno intimato alle padrone di casa di indicare dove fossero le casseforti. Spaventate, lo hanno fatto, fornendo anche la combinazione per l'apertura. Dentro c'erano oggetti preziosi e denaro per un ammontare complessivo di 30 mila euro. I banditi sono fuggiti con la refurtiva e con l'auto di famiglia, una l'Audi ritrovata dai carabinieri in fondo alla proprietà, a circa un kilometro di distanza. Dei malviventi (almeno quattro tutti armati, probabilmente dell'Est Europa) si sono perse le tracce. Le donne sono in stato di choc, ma non hanno lesioni. Sul posto i carabinieri di Fermignano e Urbino. (ANSA).

15:06Schulz all’Spd, andiamo al governo e ci rafforzeremo

(ANSA) - BERLINO, 21 GEN - "Sono convinto che la strada coraggiosa sia quella giusta. E penso che non farà male, ma rafforzerà il partito". Lo ha detto Martin Schulz, chiedendo ai delegati dell'Spd a Bonn di votare a favore delle trattative di governo per la Grosse Koalition con Angela Merkel. Un'Spd che accoglie questa sfida "non ne uscirà danneggiata, sarà di nuovo votata e potrà di nuovo vincere", ha aggiunto. "Il documento uscito dai colloqui esplorativi è un manifesto per una Germania europea", ha detto Schulz sottolineando che "lo spirito del neoliberalismo deve finire in Europa e questo possiamo ottenerlo". "Se non ce ne occupiamo noi non lo fa nessuno", ha detto.

14:39Calcio: Marino, a gennaio non si muove nessuno da Bergamo

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Gasperini per il nostro progetto il mister è imprescindibile. E' uno spettacolo vederlo lavorare e vedere i risultati che porta". Così nel prepartita di Atalanta-Napoli il dg del club orobico, Umberto Marino, che aggiunge che "lui è molto felice qui a Bergamo". Marino, parlando a 'Premium', esclude poi che qualche big atalantino possa partire a gennaio: "Siamo una grossa delusione per questo mercato - la sua battuta - perché non si muove nessuno a parte Kurtic che ringraziamo per la professionalità". Stesso discorso per il 'Papu' Gomez sul quale, si dice, potrebbe esserci il Liverpool: "Premesso che non c'è nulla ma a noi fa solo piacere se i nostri giocatori sono seguiti. Non c'è niente ma comunque il Papu e la sua famiglia sono molto felici a Bergamo e quindi credo che sarà un matrimonio che durerà ancora per molto tempo". Marino chiude anche su Giaccherini: "E' un ottimo giocatore ma la nostra rosa è completa".

14:38Maltempo: maestrale a 100km/h, stop navi Sardegna-Corsica

(ANSA) - CAGLIARI, 21 GEN - Forti disagi nei collegamenti marittimi tra la Sardegna e la penisola a causa del maestrale che soffia con raffiche intorno ai 100 chilometri all'ora. A risentirne maggiormente sono le Bocche di Bonifacio, esposte al vento da nord ovest: da questa mattina sono state sospese le tratte da Santa Teresa di Gallura alla Corsica. Ritardi invece nei traghetti provenienti dalla Penisola: la nave partita da Genova e diretta a Porto Torres, è stata dirottata a Olbia accumulando 30 minuti di ritardo. Secondo le previsioni meteo, il maestrale continuerà a spirare con forza fino a questa notte, poi domani una attenuazione, con punte massime di 70 km/h che arriveranno a 90 nel basso Campidano. Mareggiate lungo le coste esposte, con onde alte 4-5 metri. Super lavoro per i vigili del fuoco a Cagliari - dove per precauzione sono stati chiusi parchi, giardini recintati e cimiteri pubblici - e in provincia: si registrato soprattutto alberi caduti, cornicioni, pali, cartelloni e rami pericolanti, recinzioni divelte. A Villacidro la furia del vento ha strappato i pannelli in lamiera di una recinzione che sono finiti su un'auto in via Nazionale, mentre in via Guido Rossi è caduto un albero: nessuno è rimasto ferito. Sul posto carabinieri, pompieri e polizia municipale. (ANSA).

14:32Migranti: Mareamico,arrivano a Lampedusa e subito foglio via

(ANSA) - AGRIGENTO, 21 GEN - Dopo il riconoscimento formale a Lampedusa i migranti tunisini vengono accompagnati nel traghetto e inviati a Porto Empedocle dove ricevono un panino e un frutto e il foglio di via e poi vengono lasciati liberi di andare. Lo dice l'associazione Mareamico che accompagna la propria nota con un video che testimonia quanto asserito. ''Quando il loro numero diventa insostenibile per Lampedusa - dice l'associazione - e dopo il formale riconoscimento, i tunisini vengono accompagnati alla nave e inviati a Porto Empedocle. Lì arrivano in decine, gli viene dato un sacchetto contenente un panino ed un frutto e con il foglio di via in mano - valido per 7 giorni - vengono praticamente abbandonati al porto''. ''Percorrono - continua - i 15 km che li separano dalla stazione ferroviaria di Agrigento. Bivaccano li al freddo senza alcun controllo e senza alcuna assistenza per tutta la notte e all'alba prenderanno il primo treno che li condurrà a Palermo e poi in tutta l'Europa, nella loro inevitabile clandestinità''.

Archivio Ultima ora