Parte la caccia alle risorse per sgravi e pensioni

Pubblicato il 07 settembre 2016 da ansa

Parte la caccia alle risorse per sgravi e pensioni

Parte la caccia alle risorse per sgravi e pensioni

ROMA. – Una manovra che viaggia tra i 20 e i 25 miliardi, solo per fermarsi agli annunci arrivati finora. E per la quale il governo avrà bisogno non solo del massimo di flessibilità che si riuscirà a spuntare a Bruxelles ma anche di risorse da reperire ‘in casa’.

Nel mirino, come accade da qualche anno a questa parte, torna così la sanità, anche se il ministro Beatrice Lorenzin ripete, anche questa volta, che è pronta a difendere lo stanziamento di due miliardi aggiuntivi già indicato nel Def di aprile. Una battaglia, quella sul Fondo sanitario nazionale, che la titolare della Salute combatte fin dal suo primo anno da ministro (“pronta a battermi come una leonessa”, aveva detto già nel 2013, governo Letta), arrivando perlomeno a limitare i danni, come accaduto con l’ultima legge di Stabilità.

Il comparto per quest’anno non ha subito un vero e proprio taglio ma un ‘minore aumento’ rispetto a quanto concordato con i governatori delle Regioni nel Patto per la Salute. Lo stesso meccanismo potrebbe quindi scattare anche per il prossimo: al momento la ‘torta’ del Fondo è di 111 miliardi, che dovrebbero salire a 113 nel 2017. Una cifra “totalmente adeguata” per Lorenzin ma che, secondo diverse fonti, sarebbe invece più che a rischio. I più ottimisti prevedono infatti che solo un miliardo venga ‘sacrificato’ sull’altare dei conti pubblici, ma c’è anche chi teme che l’intero aumento possa essere cancellato.

Il tema resta tra quelli delicati, anche se 2 miliardi farebbero comodo per la composizione della nuova legge di Bilancio. Se anche a Bruxelles si riuscisse a ottenere un altro mezzo punto di Pil di flessibilità (spingendo il rapporto deficit/Pil al 2,3-2,4% anche nel 2017) le risorse a disposizione non sarebbero comunque sufficienti a coprire tutte le misure sul tappeto.

A pesare resta infatti l’eredità di 15 miliardi di aumenti di Iva e accise da evitare, neutralizzando le clausole di salvaguardia. Ma per le altre misure, almeno quelle fin qui annunciate, servono all’incirca altri 8-10 miliardi, complessi da trovare solo tra spending review (che si preannuncia, stando ai bene informati, piuttosto ‘blanda’), maggiori entrate (a partire dall’Iva) e lotta all’evasione.

Oltre gli 1,5-2 miliardi che dovrebbero essere impegnati per il ‘pacchetto’ previdenza – con le critiche che già fioccano sulla ‘quattordicesima’ che andrebbe, stando ai dati Inps, in 7 casi su 10 ai redditi più alti – ci sono infatti molte altre voci di ‘peso’. Si va dai 500 milioni per rinforzare il piano povertà chiesti dal ministro Poletti ai 2 miliardi che potrebbero servire per il pubblico impiego (anche se calcoli sindacali parlano di almeno 3,2 miliardi per un rinnovo triennale da 100 euro al mese).

Anche il capitolo industria-produttività probabilmente avrà bisogno di uno stanziamento analogo, visto che il solo rinnovo del superammortamento, con un rafforzamento degli investimenti in digitale, si potrebbe portare via circa 1 miliardo, mentre in preparazione ci sono diverse altre misure, a partire dal credito d’imposta per ricerca e sviluppo (che potrebbe valere altri 500 milioni). E almeno 1 miliardo sarà necessario per gli sgravi per gli autonomi (dall’Iri che vale 7-800 milioni al taglio dei contributi, che vale circa 500 milioni).

Ancora da valutare anche un’ultima proroga degli sgravi per i neoassunti (il cui costo sarebbe comunque superiore al mezzo miliardo) e di quanto rafforzare la ‘dote’ per la detassazione dei premi di produttività (si ipotizzano almeno 300 milioni aggiuntivi). Tutte da verificare anche le risorse necessarie per ‘Casa Italia’. Il piano, ripete Matteo Renzi, punta a sfruttare i fondi che ci sono già e che vanno messi ‘a sistema’, ma con la legge di Bilancio ci sarà quantomeno da confermare gli attuali ‘super-bonus’ sull’edilizia, rafforzando l’attuale sconto del 50% sui lavori per la messa in sicurezza antisismica.

Tra le ipotesi sul tavolo ci sarebbe anche quella di consentire ai Comuni in attivo di ‘liberare’ le risorse che ora non possono spendere per i vincoli di bilancio, a patto, però che vengano investite in interventi contro le calamità (dal rischio sismico al dissesto idrogeologico).

(Di Silvia Gasparetto/ANSA)

Ultima ora

12:37Calcio:Croazia, aggredito e ferito l’allenatore della Dinamo

(ANSA) - ZAGABRIA, 21 SET - L'allenatore della squadra di calcio della Dinamo, Mario Cvitanovic, è stato brutalmente aggredito e ferito nella tarda serata di ieri a Zagabria da due sconosciuti. Lo riferiscono stamane i media croati. Dopo una partita valida per la Coppa di Croazia, disputata ieri sera, Cvitanovic è stato violentemente picchiato e colpito con delle mazze davanti alla sua abitazione a Zagabria. Secondo la polizia gli aggressori sarebbero due giovani che però restano ancora non identificati. Entrambi avevano il volto coperto. L'allenatore si trova in ospedale, dove gli sono state diagnosticate varie lesioni, inclusa una frattura alla mano. Un mese fa il controverso ex direttore esecutivo della Dinamo, Zdravko Mamic, era stato gambizzato in un agguato in Bosnia, le cui motivazioni restano ignote. Da anni la Dinamo di Zagabria è al centro di scandali di corruzione e di varie controversie politiche e legali. Una parte dei tifosi osteggia apertamente la direzione della squadra.

12:34Violenza sessuale: molesta donna, bloccato dai passanti

(ANSA) - MILANO, 21 SET - Un romeno di 31 anni con numerosi precedenti, tra cui una violenza sessuale, è stato arrestato dalla Polizia dopo aver molestato una donna di 28 anni in viale Liguria a Milano. L'uomo è stato bloccato da alcuni passanti intervenuti dopo le urla di aiuto della vittima. Quest'ultima ha raccontato agli agenti che poco dopo le 21 di ieri stava andando verso la fermata di Romolo della metropolitana quando è stata aggredita frontalmente dall'uomo, che l'ha spinta contro un muro e l'ha palpeggiata tentando di spogliarla. La donna aggredita ha reagito spingendo con forza il romeno che, sorpreso dalla reazione, si è fermato ed è scappato. A quel punto la 28enne si è accorta che nessuno accorreva per le sue urla e così ha deciso di inseguire il suo aggressore chiedendo aiuto ai passanti. Tre uomini sono riusciti a farlo inciampare e a bloccarlo fino all'arrivo della Polizia. L'uomo si chiama Marius Alin Kibedi. La giovane, che non ha riportato ferite, è stata trasportata in stato di choc in ospedale.

12:21Incidenti stradali: motociclista investito da cervo, grave

(ANSA) - AOSTA, 21 SET - Un motociclista è rimasto gravemente ferito dopo essere stato investito da un cervo, mentre percorreva una strada regionale a La Magdeleine. L'uomo, 47 anni, residente a Verrayes (Aosta), ha subìto un politrauma ed è ricoverato nel reparto di rianimazione all'Ospedale Parini di Aosta. Il personale del corpo forestale ha perlustrato senza esito la zona per verificare se il cervo sia rimasto ferito nell'incidente.(ANSA).

12:08Francia: seconda giornata di proteste contro riforma lavoro

(ANSA) - PARIGI, 21 SET - Seconda giornata di mobilitazione in Francia contro la riforma del lavoro. Diversi sindacati opposti alla Loi Travail - in particolare CGT, Solidaires, Fsu e Unef - tornano in piazza a Parigi, Marsiglia e altre città per protestare contro i provvedimenti del governo sul mercato del lavoro. Per loro, i decreti attuativi che verranno analizzati domani in consiglio dei ministri prima dell'entrata in vigore a fine settembre presentano "rischi di dumping sociale" e mettono a rischio il sindacalismo d'impresa. Intervistato dalla CNN a margine dell'Assemblea Generale dell'Onu il presidente Emmanuel Macron ha detto che "la democrazia non è la piazza". "Rispetto chi manifesta ma rispetto anche gli elettori francesi che hanno votato per il cambiamento", ha aggiunto. La prima giornata di mobilitazione, il 12 settembre scorso, aveva visto, secondo i sindacati, 400mila partecipanti nel paese (60 mila solo a Parigi). Per il Ministero dell'Interno sono stati in tutto 223mila.

12:06Politici spiati: Presidente Anm indagato a Perugia

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Il presidente dell'Anm e pm della Procura di Roma Eugenio Albamonte è indagato dalla Procura di Perugia per falso ed abuso d'ufficio dopo un esposto presentato da Giulio Occhionero, l'ingegnere nucleare accusato, assieme alla sorella Francesca Maria, di una attività di cyberspionaggio. La notizia è emersa nel corso della prima udienza del processo a carico dei due fratelli. Oltre ad Albamonte risultano indagati a Perugia due agenti della Polizia Postale a cui è contestato anche l'accesso abusivo a sistema informatico.

11:58Calcio:stampa, Srna positivo al doping dopo match con Napoli

(ANSA) - MOSCA, 21 SET - Secondo alcune testate ucraine Dariyo Srna, capitano dello Shakhtar Donetsk, sarebbe stato pizzicato all'anti-doping dopo la partita con il Napoli. L'allenatore della squadra, Paulo Fonseca, a chi gli chiedeva come mai il giocatore non fosse stato convocato nella partita di campionato contro il Chornomorets Odesa ha detto di averlo fatto "riposare dopo il match difficilissimo con il Napoli". Futbol 24, sito sportivo ucraino, ha interpellato la Uefa chiedendo conferma del test negativo ma l'organizzazione non ha né confermato né smentito sostenendo di non "commentare mai casi simili prima che sia presa una decisione disciplinare definitiva".

11:57Scambiano pianta velenosa per zafferano, salvati a Modena

(ANSA) - BOLOGNA, 21 SET - Hanno scambiano colchico autunnale per zafferano e sono finiti al Policlinico di Modena per un avvelenamento da colchicina. Protagonisti della vicenda un padre 59enne, una madre 58enne e il figlio 26enne, residenti in provincia di Modena che, raccolta la pianta nei boschi di San Clemente, frazione di Monterenzio nel Bolognese, l'hanno utilizzata per insaporire un risotto. I tre - che, mercoledì, si sono rivolti al Pronto Soccorso del Policlinico di Modena lamentando sintomi da gastroenterite - sono stati ricoverati in Osservazione Breve Intensiva: ora stanno bene e sono stati dimessi. Per aver scambiato il colchico d'autunno per zafferano, vista la notevole somiglianza tra le due piante, sono invece morti, nei giorni scorsi, due coniugi di Cona che, in vacanza in Trentino, avevano raccolto la pianta velenosa, poi usata - anche in questo caso - per cucinare un risotto. Il marito, 70enne, è spirato il primo di settembre, la moglie, 69enne, il 18 settembre, al termine di una lunga agonia.(ANSA).

Archivio Ultima ora