Londra costruirà un muro anti-migranti a Calais

Pubblicato il 07 settembre 2016 da ansa

Londra costruirà un muro anti-migranti a Calais

Londra costruirà un muro anti-migranti a Calais

LONDRA,. – Un altro muro sta per spuntare sulle strade d’Europa per provare a fermare i migranti: questa volta in terra di Francia e per volere della Gran Bretagna, nel cuore di quell’Occidente che, a parole, tanto aveva criticato iniziative analoghe partorite ai confini sud-orientali del continente, dall’Ungheria in su.

Il “great wall” di Calais, come lo hanno definito i media del Regno Unito, sarà alto ben quattro metri e in cemento, correrà per un chilometro lungo l’autostrada che arriva al porto francese sulla Manica e la sua costruzione deve iniziare “molto presto”, secondo il sottosegretario per l’immigrazione Robert Goodwill, forse già entro la fine del mese.

Ma anche il governo austriaco si barrica dall’ ‘assalto’ dei profughi, con un sostanziale stop alle richieste di asilo, respingimenti in “Paesi sicuri” e fino a 2.200 soldati per controllare i propri confini.

In base alle stime che circolano, il progetto del muro di Calais dovrebbe costare quasi 2 milioni di sterline e fa parte di un pacchetto di misure da 17 milioni di pound del governo di Londra per meglio controllare la frontiera ‘condivisa’ con le autorità francesi. Pacchetto che era stato stabilito da tempo fra i due Paesi e che l’ex premier David Cameron aveva presentato nell’incontro dello scorso marzo col presidente Francois Hollande.

E’ nel pieno interesse dei britannici infatti sostenere il difficile compito dei francesi che gestiscono le migliaia di migranti al campo Giungla, non lontano dalla più importante arteria stradale che conduce al porto e agli imbarchi per l’Inghilterra. A decine ogni giorno tentano di salire sui tir diretti a Dover, spesso incolonnati in attesa di raggiungere i ferry, causando forti disagi, regolarmente messi in evidenza dalla stampa del Regno.

Il muro si va ad unire a una serie di recinzioni e filo spinato che hanno trasformato il terminal dei traghetti e la zona circostante in una sorta di roccaforte, che risulta però ancora facilmente violabile: lo provano i gruppi di profughi che periodicamente vengono scoperti a bordo di camion frigo dall’altra parte della Manica, spesso nella contea inglese del Kent.

Ma l’iniziativa ha raccolto forti critiche. Non tanto da parte di associazioni umanitarie bensì proprio da parte dei diretti interessati, gli autotrasportatori britannici. Una della loro associazioni, la Road Haulage Association, ha parlato di “spreco di denaro pubblico” e chiesto che invece i fondi vengano usati per migliorare la sicurezza e i controlli direttamente sulle strade, potenziando la presenza della polizia e anche usando l’esercito.

“Io non giudico le misure di altri governi, penso però che non andiamo da nessuna parte in questo modo”, ha commentato il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. “Dobbiamo renderci conto – ha detto – che la soluzione è investire in Africa, risolvere crisi come quella siriana e condividere il peso dell’immigrazione a livello europeo. Se pensiamo invece ciascuno ad alzare il proprio recinto penso che non arriviamo a nulla”.

Se Londra si prepara a costruire il “grande muro di Calais”, Vienna lancia invece la “Notverordnung”, l’ordinanza d’emergenza nei confronti dei migranti che avrà una durata di sei mesi ma potrà essere prolungata tre volte. Non è ancora chiaro – stando alla stampa austriaca – se entrerà in vigore quando sarà raggiunto il tetto delle 37.500 richieste di asilo o addirittura prima. Di sicuro invece ha già scatenato un’accesa polemica.

“Il provvedimento d’emergenza rappresenterebbe la rottura di un tabù e l’abbandono del principio di protezione dei profughi”, ha accusato Christoph Pinter, rappresentante dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati in Austria. L’Unhcr teme che “altri Paesi europei possano seguire l’esempio e che persone in fuga da guerre e persecuzioni sempre più difficilmente troveranno protezione in Europa”. Mentre Amnesty International lancia un appello allarmante: il timore è che ci sia “una nuova Idomeni” al valico austro-ungherese.

(di Alessandro Carlini/ANSA)

Ultima ora

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

20:41Tusk, con Trump non abbiamo visione comune su Russia

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Con Donald Trump "abbiamo fatto progressi soprattutto sull'antiterrorismo ma altre questioni restano aperte, come il clima ed il commercio. E non sono al 100% sicuro che abbiamo una posizione comune sulla Russia, anche se sul conflitto in Ucraina siamo sulla stessa linea". Lo ha detto Donald Tusk in una breve dichiarazione fatta al termine dell'incontro con Donald Trump.

20:35Maestre d’asilo arrestate per maltrattamenti a Piacenza

(ANSA) - PIACENZA, 25 MAG - Due educatrici di un asilo nido di Piacenza sono state arrestate con l'accusa di maltrattamenti nei confronti dei bambini della struttura. I carabinieri della stazione di Piacenza Levante si sono presentati con due pattuglie prelevando le due donne piacentine e portandole in caserma. Riserbo assoluto sull'indagine, ma pare che i carabinieri abbiano eseguito un arresto in flagranza di reato, probabilmente grazie a telecamere nascoste nell'asilo, e che avrebbero filmato settimane di presunti maltrattamenti. Sulla vicenda è intervenuto con una nota anche il sindaco di Piacenza Paolo Dosi: "il Comune di Piacenza è parte lesa in questa vicenda e per questo confidiamo in un'azione degli organi inquirenti quanto più rapida e approfondita possibile. È un vero fulmine a ciel sereno, privo del benché minimo campanello di allarme, sia in termini di segnalazioni delle famiglie, che di risultanza dei costanti monitoraggi". (ANSA).

20:15Catalogna: ministro difesa Madrid, impediremo referendum

(ANSA) - MADRID, 25 MAG - Il ministro della difesa spagnolo Maria Dolores de Cospedal ha affermato che il governo di Madrid impedirà lo svolgimento di un referendum sull'indipendenza della Catalogna. "Faremo quello che dovremo fare" ha detto alla radio Cadena Cope. Il presidente secessionista catalano Carles Puigdemont ha promesso che convocherà un referendum sull'indipendenza entro fine settembre nonostante il veto di Madrid. El Pais scrive oggi, citando fonti autorevoli del governo di Madrid, che il premier conservatore Mariano Rajoy "userà tutti i mezzi a sua disposizione" per evitare lo svolgimento del referendum catalano. Secondo il quotidiano l'esecutivo spagnolo ha pronto già da mesi "un memorandum segreto". Il vicepresidente catalano Oriol Junqueras ha indicato di recente che "tutto è pronto" per la tenuta del referendum, e ai primi di maggio il governo di Barcellona ha avviato le procedure per l'acquisto delle urne. La data in cui potrebbe svolgersi ancora non è stata resa nota.

Archivio Ultima ora