Londra costruirà un muro anti-migranti a Calais

Pubblicato il 07 settembre 2016 da ansa

Londra costruirà un muro anti-migranti a Calais

Londra costruirà un muro anti-migranti a Calais

LONDRA,. – Un altro muro sta per spuntare sulle strade d’Europa per provare a fermare i migranti: questa volta in terra di Francia e per volere della Gran Bretagna, nel cuore di quell’Occidente che, a parole, tanto aveva criticato iniziative analoghe partorite ai confini sud-orientali del continente, dall’Ungheria in su.

Il “great wall” di Calais, come lo hanno definito i media del Regno Unito, sarà alto ben quattro metri e in cemento, correrà per un chilometro lungo l’autostrada che arriva al porto francese sulla Manica e la sua costruzione deve iniziare “molto presto”, secondo il sottosegretario per l’immigrazione Robert Goodwill, forse già entro la fine del mese.

Ma anche il governo austriaco si barrica dall’ ‘assalto’ dei profughi, con un sostanziale stop alle richieste di asilo, respingimenti in “Paesi sicuri” e fino a 2.200 soldati per controllare i propri confini.

In base alle stime che circolano, il progetto del muro di Calais dovrebbe costare quasi 2 milioni di sterline e fa parte di un pacchetto di misure da 17 milioni di pound del governo di Londra per meglio controllare la frontiera ‘condivisa’ con le autorità francesi. Pacchetto che era stato stabilito da tempo fra i due Paesi e che l’ex premier David Cameron aveva presentato nell’incontro dello scorso marzo col presidente Francois Hollande.

E’ nel pieno interesse dei britannici infatti sostenere il difficile compito dei francesi che gestiscono le migliaia di migranti al campo Giungla, non lontano dalla più importante arteria stradale che conduce al porto e agli imbarchi per l’Inghilterra. A decine ogni giorno tentano di salire sui tir diretti a Dover, spesso incolonnati in attesa di raggiungere i ferry, causando forti disagi, regolarmente messi in evidenza dalla stampa del Regno.

Il muro si va ad unire a una serie di recinzioni e filo spinato che hanno trasformato il terminal dei traghetti e la zona circostante in una sorta di roccaforte, che risulta però ancora facilmente violabile: lo provano i gruppi di profughi che periodicamente vengono scoperti a bordo di camion frigo dall’altra parte della Manica, spesso nella contea inglese del Kent.

Ma l’iniziativa ha raccolto forti critiche. Non tanto da parte di associazioni umanitarie bensì proprio da parte dei diretti interessati, gli autotrasportatori britannici. Una della loro associazioni, la Road Haulage Association, ha parlato di “spreco di denaro pubblico” e chiesto che invece i fondi vengano usati per migliorare la sicurezza e i controlli direttamente sulle strade, potenziando la presenza della polizia e anche usando l’esercito.

“Io non giudico le misure di altri governi, penso però che non andiamo da nessuna parte in questo modo”, ha commentato il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. “Dobbiamo renderci conto – ha detto – che la soluzione è investire in Africa, risolvere crisi come quella siriana e condividere il peso dell’immigrazione a livello europeo. Se pensiamo invece ciascuno ad alzare il proprio recinto penso che non arriviamo a nulla”.

Se Londra si prepara a costruire il “grande muro di Calais”, Vienna lancia invece la “Notverordnung”, l’ordinanza d’emergenza nei confronti dei migranti che avrà una durata di sei mesi ma potrà essere prolungata tre volte. Non è ancora chiaro – stando alla stampa austriaca – se entrerà in vigore quando sarà raggiunto il tetto delle 37.500 richieste di asilo o addirittura prima. Di sicuro invece ha già scatenato un’accesa polemica.

“Il provvedimento d’emergenza rappresenterebbe la rottura di un tabù e l’abbandono del principio di protezione dei profughi”, ha accusato Christoph Pinter, rappresentante dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati in Austria. L’Unhcr teme che “altri Paesi europei possano seguire l’esempio e che persone in fuga da guerre e persecuzioni sempre più difficilmente troveranno protezione in Europa”. Mentre Amnesty International lancia un appello allarmante: il timore è che ci sia “una nuova Idomeni” al valico austro-ungherese.

(di Alessandro Carlini/ANSA)

Ultima ora

16:48Francia: primarie gauche,solo 400.000 a urne a metà giornata

(ANSA) - PARIGI, 22 GEN - Confermati a metà giornata i timori di bassa affluenza alle urne nelle primarie della sinistra: soltanto 400.000 elettori si sono recati alle urne, hanno annunciato i due responsabili della consultazione, premettendo che i calcoli sono stati fatti "sul 63% dei seggi" e notando che "fa un freddo più che polare". Lo scorso novembre, nelle primarie della destra, alla stessa ora avevano votato in 1,1 milioni. E nel 2011, alle precedenti primarie della gauche, a recarsi alle urne erano stati 745.000 elettori a metà giornata. (ANSA).

16:47Terremoto: Grandi rischi, diga su faglia riattivata

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Nella zona di Campotosto c'è il secondo bacino più grande d'Europa con tre dighe, una delle quali su una faglia che si è parzialmente riattivata e ci possono essere movimenti importanti di suolo che cascano nel lago, per dirla semplice è 'l'effetto Vajont'". Lo ha detto al Tg3 Sergio Bertolucci, presidente della Commissione Grandi Rischi, aggiungendo che "se si avverte un aumento del rischio, bisogna immediatamente renderlo trasparente alle autorità e alla popolazione".

16:32Calcio: Ausilio stoppa voci Messi, “Basta illudere tifosi”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Moratti ha detto che Suning sta preparando un grande colpo? Trovare giocatori migliori di quelli che abbiamo non è facile, ma faremo il possibile per costruire un'Inter sempre più competitiva": così il ds dell'Inter, Piero Ausilio che però a 'Premium' stoppa ogni indiscrezione relativa a Leo Messi: "Non parlerei di lui, sarebbe un continuo illudere i tifosi: è vero che la proprietà è solida e ha grandi possibilità e ambizioni, ma ci sono dei parametri imposti dalla Uefa cui dobbiamo sempre tenere conto. Altri arrivi a fine gennaio? Noi pensiamo di avere una squadra a posto: sappiamo dove bisogna migliorare, ma non è possibile farlo nel mercato di gennaio. Quello che dovevamo fare lo abbiamo fatto con Gagliardini. Quindi in entrata nessuna sorpresa, mentre faremo qualcosa in uscita". (ANSA)

16:30Israele: Rivlin invita Trump a Gerusalemme

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - Il presidente israeliano Reuven Rivlin ha invitato ufficialmente Donald Trump in Israele e a Gerusalemme. In una lettera inviata al neo capo della Casa Bianca, Rivlin si è congratulato a nome degli israeliani con Trump sottolineando che "l'alleanza tra Israele e Usa non è solo basata sull'amicizia, ma è anche incardinata in valori comuni e un lungo attaccamento alla libertà e alla democrazia: pietre fondanti delle nostre due società".

16:28Calcio: Allegri “Juventus ha vinto con rabbia e qualità”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "C'è stata responsabilità da parte di tutti, ma oltre alla fame e alla rabbia, la squadra ha anche giocato bene tecnicamente". Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri dopo il 2-0 sulla Lazio. "Fame e qualità sono entrambe componenti fondamentali per vincere - spiega il tecnico a Premium - specialmente in Champions dove vogliamo fare bene. Il modulo? Mercoledì mattina mi sono svegliato e ho deciso di cambiare. Ho scelto così perché venivamo da una partita non bella a Firenze e oggi c'era la partita giusta per un esperimento del genere. Abbiamo regalato qualche ripartenza alla Lazio e da questo punto di vista bisogna migliorare: se vogliamo fare il salto per vincere il campionato e provarci in Champions, dovremo essere un pochino più spregiudicati. Le critiche nei miei confronti? Non sono mai esagerate, a volte sono giuste e a volte no. Ogni annata, nel calcio, è una storia a sé: non è che prendi i giocatori, li butti dentro e va tutto bene. Ci vuole tempo per assorbire i cambi".

16:25Rigopiano: 24 dispersi,anche senegalese

(ANSA) - PESCARA, 22 GEN - Sale a 24 il numero dei dispersi della tragedia dell'Hotel Rigopiano. All'interno della struttura c'era anche un immigrato senegalese Faye Dame in possesso di un permesso di soggiorno ed era regolarmente assunto. Lo hanno appurato gli investigatori, che confermano anche come l'immigrato fosse nella struttura al momento della tragedia: la sua presenza é stata confermata anche dal direttore dell'hotel Bruno Di Tommaso agli inquirenti.

16:21Pd: Emiliano, se apre Congresso possibile che mi candidi

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Se qualcuno si prende la briga di aprire il Congresso è possibile che mi candido. Di certo non starò a guardare". Lo afferma il governatore della Puglia Michele Emiliano, ospite di 'Faccia a Faccia', in onda questa sera su La7. Emiliano spiega, inoltre, come anche da segretario del partito terminerebbe il suo mandato da governatore. Cosa ho imparato da segretario regionale? "Che da solo non si va da nessuno parte, mi auguro che questo sia compreso da tutto il Pd".

Archivio Ultima ora