‘Street poster art’ in Siria, la campagna a Bologna

(ANSA) – BOLOGNA, 8 SET – I volti, i nomi e le storie di otto uomini e donne, a rappresentare quelli di tanti altri rifugiati siriani di cui spesso si parla come una massa indistinta, ora tappezzano le bacheche del centro storico di Bologna. E’ la campagna di sensibilizzazione #SupportSyria realizzata unendo le illustrazioni di Dronio, la street poster art del circuito ‘Cheap on Board’ e il lavoro della onlus Gvc, impegnata dal 2011 in Siria e Libano. La campagna, che utilizza le ex tabelle affissive di via Indipendenza e via San Giuseppe, nasce per informare l’opinione pubblica sulla vita quotidiana di chi ha dovuto lasciare la propria casa, il proprio lavoro e la propria vita, ed è stato costretto a farlo a causa della guerra. Come Abir, che voleva diventare insegnante, Ibrahim che ha perso la sua terra, o Fatima, diventata mamma per la seconda volta in un campo rifugiati, Maan, che voleva diventare una guida turistica ma il suo paese è stato distrutto. (ANSA).

Condividi: