Migranti: Unicef, 28 milioni di bambini in fuga dai conflitti

Pubblicato il 08 settembre 2016 da ansa

Unicef, 28 milioni di bambini in fuga dai conflitti

Unicef, 28 milioni di bambini in fuga dai conflitti

BRUXELLES. – Sono quasi 50 milioni i bambini migranti nel mondo: 28 milioni fuggono dai conflitti, mentre altri milioni lasciano il proprio Paese nella speranza di una vita migliore e più sicura. Emerge dall’ultimo rapporto Unicef, che descrive la situazione come “il più grande movimento di minori dalla Seconda guerra mondiale”. La relazione è stata preparata in vista del vertice delle Nazioni Unite del 19 settembre su profughi e migranti.

Secondo il rapporto, i bambini rappresentano una quota “sproporzionata e crescente” di chi cerca rifugio fuori dal proprio Paese natale, sono infatti metà del totale dei profughi. Nel 2015 circa il 45% di tutti i bambini rifugiati sotto la protezione dell’Unhcr proveniva da Siria e Afghanistan.

La Turchia è il Paese che accoglie in assoluto il più alto numero di profughi al mondo, probabilmente anche di bambini rifugiati. In proporzione alla propria popolazione è invece il Libano ad accogliere la comunità di profughi più grande, poiché in questo Paese una persona su cinque è un rifugiato. Basti pensare che in Gran Bretagna si trova un rifugiato ogni 530 abitanti, e uno ogni 1.200 negli Usa.

Tuttavia, se si considera il Paese per livello di reddito, sono la Repubblica Democratica del Congo, l’Etiopia e il Pakistan a registrare il più ampio numero di profughi.

Nel peggiore dei casi l’intolleranza nei confronti dei profughi si manifesta con attacchi xenofobi: nella sola Germania, nel 2015, le autorità hanno monitorato 850 attacchi contro rifugiati.

Dei 28 milioni di minori in fuga dai conflitti, 10 milioni sono rifugiati, un milione sono richiedenti in attesa di asilo, e circa 17 milioni sono sfollati all’interno dei confini del loro stesso Paese, in disperato bisogno di assistenza umanitaria e accesso ai servizi critici. Sempre più bambini attraversano i confini per conto proprio. Nel 2015 sono stati oltre 100.000 i piccoli non accompagnati che hanno chiesto asilo in 78 paesi. Il triplo del 2014. E i minori non accompagnati sono tra i gruppi a più alto rischio di sfruttamento e abuso.

Circa 20 milioni di piccoli migranti hanno lasciato le loro case per vari motivi, tra questi: la povertà estrema e la violenza delle gang. Molti sono particolarmente a rischio di abusi e detenzione, perché non hanno documenti, hanno status legale incerto, ed il loro stato di salute non è monitorato. Secondo il rapporto dell’Unicef, nel caso di percorsi legali e sicuri, la migrazione può offrire opportunità sia ai piccoli migranti che alle comunità che li accolgono.

Un’analisi degli effetti della migrazione sui Paesi ad alto reddito rivela che i migranti portano più di quanto ricevano in termini fiscali e di contributi sociali. Tuttavia i bambini profughi spesso non hanno accesso all’ istruzione: un piccolo rifugiato ha infatti cinque volte più probabilità di essere fuori dalla scuola di un bambino nativo. E quando vi hanno accesso, la scuola diventa il luogo dove ha più probabilità di essere discriminato o vittima di bullismo. Inoltre, al di fuori della classe, barriere legali impediscono a questi piccoli di ricevere servizi in condizioni di parità con i bambini nativi del Paese.

“Le immagini indelebili di piccole vittime come Aylan Kurdi privo di vita sulla spiaggia e di Omran Daqneesh seduto sanguinante su un’ambulanza hanno scioccato il mondo intero” dichiara Anthony Lake, direttore generale dell’Unicef. “Ogni foto, ogni piccolo è il simbolo di milioni di bambini in pericolo”, afferma.

Per questo motivo l’Agenzia delle Nazioni Unite indica alcune azioni da intraprendere: proteggere i migranti minori, soprattutto quelli non accompagnati, da sfruttamento e violenza; mettere fine alla detenzione di piccoli che hanno richiesto lo status di rifugiato; non separare le famiglie; permettere ai piccoli di andare a scuola, di accedere alla sanità e ad altri servizi di qualità; insistere per mettere in atto misure per la lotta alle cause delle migrazioni; promuovere azioni contro xenofobia, discriminazione e marginalizzazione.

(di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

13:07Senza nome morto trovato in montagna in Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 25 LUG - E' ancora senza nome il morto trovato in montagna, in Alto Adige. L'uomo, deceduto, secondo i primi accertamenti, circa un mese fa, è stato trovato a 2.200 metri di quota sopra l'abitato di Plan, in Val Passiria, nei pressi del confine con l'Austria. La salma è stata recuperata dalla Guardia di Finanza. I Carabinieri stanno indagando per chiarire l'identità del morto.

13:04Portavoce Boldrini: trasloco pagato da lei, Libero sbaglia

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "Il recente trasloco di Laura Boldrini non costa un euro ai contribuenti, perché la Presidente ha provveduto di tasca sua alle spese per il trasporto dei mobili da un'abitazione all'altra e per la sistemazione del nuovo alloggio, e perché non c'è stata alcuna blindatura. Il titolo 'Trasloco oneroso. E noi paghiamo' è dunque totalmente infondato". E' quanto afferma in una nota Roberto Natale, Portavoce del Presidente della Camera dei Deputati a proposuito di un articolo di Libero. "'Libero' riceverà un dettagliato elenco di tutti gli errori contenuti nell'articolo. Ma, ai tempi della rete, è utile dare immediata diffusione alla smentita, anche a beneficio dei siti che subito si sono gettati a rilanciare la presunta 'notizia' senza curarsi di verificarne la fondatezza", afferma ancora Natale.

13:04Italiana uccisa in Kenya, arrestato il giardiniere

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Nuovi sviluppi nell'inchiesta in Kenya sull'uccisione dell'italiana, Maria Laura Satta avvenuta lo scorso 23 luglio sulla costa nord del Paese durante una rapina nella sua villa. La polizia - scrive il sito Africa Express - ha arrestato e tiene in custodia il giardiniere, sospettato, ma non si sa su quali evidenze, di essere coinvolto nell'aggressione o, almeno, nella sua parte organizzativa. Oggi - continua il sito - arriveranno in Kenya in tarda mattinata i figli, Roberto e Stefano. Il marito della donna, Luigi Scassellati, 72 anni, è rimasto ferito durante la rapina. Dal suo letto presso il Mombasa Hospital, l'uomo non sa darsi pace per la perdita della moglie caduta sotto i violenti colpi di machete degli aggressori. "Lei non ce l'ha fatta - dice - e mi sento in colpa perché sono stato io ad insistere affinché acquistassimo questa villetta in Kenya".

12:47Benzina per eliminare pidocchi, bimba in condizioni critiche

(ANSA) - FIRENZE, 25 LUG - Resta in prognosi riservata presso la rianimazione dell'Ospedale pediatrico Meyer la ragazzina di 12 anni che ha riportato ustioni estese di secondo e terzo grado, dopo un tentativo di eliminare i pidocchi dalla testa della piccola con benzina o altro materiale infiammabile. Le sue condizioni permangono critiche, riferisce l'ospedale in un bollettino medico. La ragazzina è seguita dagli specialisti del Centro Ustioni ed è già stata sottoposta un primo intervento per ridurre le lesioni da ustione. Altri interventi saranno programmati successivamente in base alla evoluzione del suo quadro clinico. La madre, che è stata trasferita nel reparto grandi ustionati di Pisa, è in condizioni stabili, in prognosi riservata. Ma non sarebbe in pericolo di vita.

12:43Precipita da quarto piano e muore dopo tentativo di furto

(ANSA) - TORINO, 25 LUG - Il cadavere di un trentenne è stato trovato questa mattina, in una pozza di sangue, nel cortile di un edificio di via Bibiana, a Torino. Secondo le prime informazioni, sarebbe caduto da un balcone al quarto piano del palazzo, nel popolare quartiere Madonna di Campagna, dopo un furto. Sul caso indaga la polizia. La vittima, sempre secondo le prime informazioni, abitava nello stesso edificio. A tracolla un borsone con all'interno quella che ad un primo esame degli investigatori della Squadra Mobile e delle Volanti sembra essere della refurtiva.(ANSA).

12:40Vitalizi: Mazziotti, ok Richetti ma mia proposta migliore

(ANSA) - ROMA, 25 LUG "È sicuramente positivo che oggi arrivi in aula la proposta Richetti sui vitalizi. Sono stato il primo a proporre in aula emendamenti alla riforma costituzionale (bocciati da tutti, Pd incluso) per un ricalcolo anche sul passato in chiave contributiva e poi a riproporre una proposta di legge costituzionale in commissione". Lo scrive sulla sua pagina Facebook Andrea Mazziotti (Civici e Innovatori), presidente della commissione Affari Costituzionali di Montecitorio. "Appena diventato presidente - aggiunge - ho calendarizzato subito sia la mia pdl che quelle ordinarie. Il Pd ha scelto di andare avanti solo con la proposta di legge ordinaria ed è un peccato perché con la mia proposta sarebbe stato evitato ogni rischio, vero o presunto, di incostituzionalità".

12:36Nuoto: Paltrinieri, con Detti e Sun faremo a sportellate…

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "Con Gabriele (Detti ndr), Sun e gli altri faremo a sportellate anche se saremo lontani di corsia. Siamo ad un Mondiale, le carezze le riserviamo per altri momenti...". Gregorio Paltrinieri si prepara alla finale degli 800 stile libero a cui arriva con il primo tempo nelle eliminatorie: l'olimpionico azzurro avrà tra gli avversari il cinese campione in carica e il compagno di Nazionale Detti. "Gli 800 sono una gara carina, adesso che è diventata olimpica ancora più interessante - aggiunge Paltrinieri - La gara è filata liscia, ho avuto buone sensazioni in acqua e il tempo rispecchia le aspettative. Nuoterò sui miei passi, senza guardare gli altri. Chi ne avrà di più vincerà". Anche Detti si dice pronto: "L'importante era qualificarmi senza faticare"; Sun "ha provato lo scatto nel finale, ma non gli ho risposto perché non volevo disperdere energie. Se in finale Sun farà il Sun, si nuoterà solo per il secondo posto". Il cinese, già oro nei 400 sl, ha anche la finale dei 200 "e speriamo si stanchi un po'".

Archivio Ultima ora