Il premier Matteo Renzi al vertice Euro-Med, fronte anti-austerity

Il premier Matteo Renzi al vertice Euro-Med, fronte anti-austerity
Il premier Matteo Renzi al vertice Euro-Med, fronte anti-austerity
Il premier Matteo Renzi al vertice Euro-Med, fronte anti-austerity

ATENE. – Un fronte comune contro l’austerity. Un fronte ‘meridionale’ che sappia presentarsi unito al Consiglio Ue di Bratislava del 16 settembre. E’ questo il principale obiettivo del Vertice Euro-Med che si terrà ad Atene, su iniziativa del premier ellenico Alexis Tsipras: Italia, Francia, Cipro, Malta, Portogallo e naturalmente Grecia seduti allo stesso tavolo per trovare gli strumenti più adatti ad indirizzare l’Europa verso una svolta pro-crescita che allenti, definitivamente, le maglie del rigore.

Il premier Matteo Renzi arriverà ad Atene in tarda mattinata e lì incontrerà gli altri ‘invitati’: il presidente francese Francois Hollande, il premier maltese Joseph Muscat, quello portoghese Antonio Costa e il presidente cipriota Nicos Anastasiades. Tutti leader con un denominatore comune: quello di appartenere all’ala social-democratica o comunque di sinistra del fronte politico europeo.

A loro si aggiungerà anche il viceministro dell’Ue spagnolo Ferndando Eguidazu, in rappresentanza del governo spagnolo che il premier Mariano Rajoy (sarebbe stato l’unico conservatore al tavolo di Atene) non riesce a formare. Il summit si terrà nel neoclassico Zappeion Megaron, si muoverà in due sessioni e sarà ‘coronato’ dalla visita alla nuovissima Fondazione Stavros Niarchos, progettata da Renzo Piano.

Prima saranno i temi della crescita e dei migranti a occupare il dibattito. Con un convitato di pietra: quella cancelliera Angela Merkel che Tsipras avrebbe dovuto vedere sabato salvo annullare l’appuntamento per recarsi alla Fiera di Salonicco. Segno che i rapporti tra Berlino e Atene non viaggiano in un clima proprio sereno.

In questo contesto saranno soprattutto Renzi e Hollande a ‘dare le carte’, con il premier italiano forte delle aperture fatte dalla cancelliera sulla flessibilità al bilaterale di Maranello. Una flessibilità, tuttavia, la cui strada resta “stretta” – come ribadito a Cernobbio dal vicepresidente Ue Vladis Dombrovskis – e che va separata dal tema degli aiuti Ue per l’emergenza del sisma in Italia centrale.

E poi c’è il tema dei migranti, in un contesto nel quale gli sbarchi sulle isole greche hanno avuto una nuova impennata e con l’accordo Ue-Turchia che, nella sua fase attuativa, zoppica ancora vistosamente. Economia, sicurezza, migranti: su questi tre temi si concentrerà il summit informale di Atene con l’obiettivo di trovare “un punto di vista Mediterraneo”, come spiega il governo greco. E con uno Tsipras che, attraverso il summit, proverà anche ad aumentare la sua ‘caratura’ europea.

(dell’inviato Michele Esposito/ANSA)

Condividi: