Cgil annuncia il No. Renzi, rispetto ma l’Italia deve cambiare

Pubblicato il 08 settembre 2016 da redazione

Cgil annuncia il No. Renzi, rispetto ma l'Italia deve cambiare

Cgil annuncia il No. Renzi, rispetto ma l’Italia deve cambiare

ROMA. – “Porte aperte al dialogo, ma non rinuncio alle nostre idee e alla nostra identità dopo che per venti anni si è discusso senza risolvere nulla”. Parla a quel pezzo di sinistra che gli chiede di ascoltare le ragioni del No al referendum, Matteo Renzi.

Nel giorno in cui la Cgil indica ai suoi iscritti di bocciare la riforma costituzionale, il presidente del Consiglio parla dal palco della festa dell’Unità di Reggio Emilia. E rivendica l’aver schierato il Pd in forze nella battaglia per il Sì: “Un partito deve indicare una direzione e dire che l’Italia deve cambiare”.

Renzi si confronterà con il presidente dell’Anpi Carlo Smuraglia il 15 a Bologna. Ma annuncia una grande campagna per il Sì, con “e-mail, sms, cartelloni”, perché far passare la riforma è “la partita più grande” e dirlo non è “mancare di rispetto a nessuno”.

Il leader del Pd intraprende un vero e proprio tour de force referendario. Nel pomeriggio Reggio Emilia, in serata Firenze, domani sera, di ritorno da Atene, Lecce. E poi Catania, Bologna, Modena. Perché, spiega agli emiliani, “siamo molto convinti che quando sarà chiaro l’argomento del referendum, saranno in tanti a votare sì. Manderemo e-mail per spiegare che è una cosa semplice: un po’ meno politici, un po’ più politica”.

Poi non resiste alla battuta: “A Di Maio mandiamo la posta certificata così siamo sicuri che la legge…”. Il riferimento è alla bufera che ha travolto il M5s a Roma e che potrebbe trasformarsi in un inatteso ‘assist’ anche al fronte del Sì. Perché ad esempio aiuta Renzi a convincere gli italiani che “noi siamo il Pd, non siamo quelli che vivono in una realtà parallela: c’è chi la trasparenza la scrive sulle e-mail, che poi non legge, e chi, come noi, la scrive in Costituzione”, afferma il premier.

Sono i senatori M5s e della Lega a votare No perché non vogliono perdere gli stipendi, ribadisce il premier: “I loro elettori voteranno sì”. Ma il fronte è aperto anche a sinistra. E Renzi non può ignorarlo. Dopo aver ricordato che si vota “la riforma di Giorgio Napolitano”, punzecchia a più riprese Massimo D’Alema che sta facendo campagna per il No (“Se si personalizza, allora per il No c’è Berlusconi, Brunetta, Salvini, Grillo e qualcuno dice anche D’Alema…”, dice tra l’altro: “D’Alema e Berlusconi si amano, rispettiamoli”).

Ma dopo l’Anpi, anche l’assemblea generale della Cgil ha ufficializzato l’invito “a votare No”, sia pure lasciando libertà di coscienza e decidendo di non aderire a Comitati. “Noi non crediamo al fanatismo di chi non crede al compromesso e non conosce la dignità del dialogo”, dice Renzi assicurando un confronto sempre aperto. Ma aggiunge: anche se nel Pd c’è “qualcosa che non va”, “fuori dal Pd non c’è una sinistra migliore, la rivoluzione del proletariato, ma l’Afd in Germania, Le Pen in Francia e in Italia il qualunquismo e la demagogia in camicia verde”.

Ma la minoranza Dem, con Gianni Cuperlo, gli ricorda che senza modifiche alla legge elettorale, un pezzo di sinistra Pd voterà No: “Tocca al segretario ridurre la portata dello scontro, tentando di riaprire il dialogo e una prospettiva di ricostruzione per il centrosinistra”, altrimenti “si assumerà la responsabilità della frattura”.

“Se la legge elettorale non è buona, cambiamola, ma bisogna dire come”, ripete ormai come un mantra Renzi. “La minoranza cominci a dire esattamente quali sono le modifiche, ma soprattutto, cominci a lavorare per costruire una maggioranza”, spiega il ministro Andrea Orlando. Ma la sinistra rispedisce la palla al mittente: “Noi abbiamo fatto una proposta – dice Miguel Gotor – spetta a loro prendere un’iniziativa”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

16:06Catalogna: Madrid prenderà controllo Mossos e Radio-Tv

(ANSA) - MADRID, 21 OTT - Madrid prevede di prendere il controllo fra l'altro dei Mossos d'Esquadra, la polizia regionale catalana, della Radio-Tv pubblica (Tv3 e Radio Catalunya), grazie all'art. 155. Lo precisa il documento con le misure previste dall'esecutivo spagnolo inviato al Senato, che lo approverà probabilmente il 27 ottobre. Il governo spagnolo, attraverso i delegati che nominerà in Catalogna, potrà destituire e sostituire i dirigenti di polizia e radio-tv catalane.

15:58Maltempo: in Toscana codice giallo per temporali e vento

(ANSA) - FIRENZE, 21 OTT - La Sala operativa della protezione civile della Toscana ha emesso un codice giallo per temporali e vento valida da stasera fino alla mezzanotte di domani, domenica 22 ottobre. Il codice giallo per vento (valido dalle 6 di domani mattina fino alla mezzanotte sempre di domani) interessa tutta la regione; quello per temporali forti e rischio idrogeologico del reticolo minore (valido dalla mezzanotte fino alle ore 13 di domani) riguarda invece la zona nord occidentale (Versilia, Lunigiana e bacino del Serchio). Codice giallo poi per mareggiate (dalle 14 fino alla mezzanotte di domani) per la parte centro-settentrionale della costa e per l'Arcipelago. (ANSA).

15:52Migranti:accoglienza diffusa,Minniti a sigla intesa Calabria

(ANSA) - TAVERNA (CATANZARO), 21 OTT - Migliorare il sistema di accoglienza dei richiedenti protezione internazionale attraverso l'adesione dei Comuni alla rete Sprar (Sistema di protezione per i richiedenti asilo rifugiati): è l'obiettivo di un protocollo d'intesa sottoscritto a Villaggio Mancuso di Taverna, alla presenza del ministro dell'Interno Marco Minniti, da Anci, dalle cinque Prefetture e dalla Regione Calabria. L'atto, che è stato siglato dal prefetto di Catanzaro Luisa Latella, nella qualità di coordinatrice delle Prefetture regionali, dal presidente regionale dell'Associazione dei Comuni italiani Gianluca Callipo e dal presidente della Regione Mario Oliverio, rappresenta il passaggio finale di un'attività di sensibilizzazione sulla tematica dell'accoglienza diffusa che ha portato all'adesione di un numero notevole di enti locali, circa 120. "Oggi - ha detto Minniti - facciamo un passo straordinariamente importante nella direzione della cooperazione tra lo Stato nazionale e i poteri locali". (ANSA).

15:51Calcio: Lopez ‘con la Lazio velocità e fiducia’

(ANSA) - CAGLIARI, 21 OTT - "La Lazio è forte ma anche il Cagliari ha un tasso tecnico alto e può far male. Inutile chiudersi in difesa: prima o poi il gol lo prendi. Credo molto in questa squadra, non appena ritroverà fiducia dimostrerà sul campo tutte le sue qualità". Così il neoallenatore del Cagliari, Diego Lopez, alla vigilia del posticipo contro i biancocelesti all'Olimpico. "La formazione ce l'ho in testa, ma preferisco darla ai ragazzi. Non è importante il modulo ma l'atteggiamento: voglio vedere una squadra coraggiosa, compatta, aggressiva non solo quando hanno palla gli altri". Lopez, subentrato in settimana all'esonerato Rastelli, dovrà probabilmente schierare il terzo portiere Crosta perché Cragno è infortunato e Rafael ha ancora dolore al polso. Il brasiliano è comunque convocato: sarà un test domani mattina a stabilire se potrà stare tra i pali.

15:50Calcio: controlli per Belotti, si tenta recupero per l’Inter

(ANSA) - TORINO, 21 OTT - Nuovi controlli per Andrea Belotti, attaccante del Torino e della Nazionale alle prese con un infortunio al ginocchio. Il giocatore si sta recando a Perugia, per un controllo dal professor Giuliano Cerulli, celebre chirurgo ortopedico. Il controllo, spiega il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic, in conferenza stampa, "per capire se l'infortunio si è cicatrizzato". Il ginocchio, aggiunge, "gli fa ancora un po' male al tatto. Per questo gli ho detto di non toccarlo. Vedremo oggi quello che ci diranno, speriamo di recuperarlo per l'Inter", cosa che consentirebbe all'attaccante anche di essere convocato in Nazionale per gli spareggi Mondiali.

15:48Calcio: Mihajlovic, smog? Ci siamo allenati con maschera…

(ANSA) - TORINO, 21 OTT - "Lo smog? Ci siamo allenati con la maschera...". Sinisa Mihajlovic risponde con una battuta ai giornalisti che, alla vigilia di Torino-Roma, gli chiedono se l'emergenza smog abbia influenzato gli allenamenti dei granata. "E' strano che non abbiano bloccato il traffico, visto che giochiamo in casa", aggiunge ricordando la polemica sul fatto che le recenti domeniche ecologiche sono coincise sempre con le gare casalinghe dei granata. "Col Milan andai a fare un torneo in Cina - ricorda l'allenatore - e bloccarono il pullman perché c'era lo smog. Abbiamo dovuto fare un chilometro a piedi, in mezzo ai tifosi, con tutta la roba. A proposito - conclude con un'altra battuta -: il nostro pullman è diesel?".

15:47Calcio: Mihajlovic “Roma fa paura, dobbiamo giocare da Toro”

(ANSA) - TORINO, 21 OTT - "La Roma vista col Chelsea fa paura. Noi dobbiamo giocare da Toro e speriamo che basti". Ha voglia d'impresa Sinisa Mihajlovic, che aspetta i giallorossi dopo i due pareggi contro Verona e Crotone. "Con una vittoria in più saremmo quinti, ma non siamo in crisi", sottolinea il tecnico granata che nonostante i numerosi infortuni si dice intenzionato ad andare avanti con il 4-2-3-1. "Dovrei mettere un centrocampo a tre avendone tre fuori? O giocare con il falso nove perché non c'è Belotti? Al momento non mi sembra giusto - sostiene in conferenza stampa -. Durante una partita fare dei cambi di sistema ci sta, ma al momento le soluzioni sono poche. Abbiamo fuori Lyanco, Obi, Acquah, Barreca e Belotti, tutti giocatori che considero titolari". Domani dovrebbe essere confermata la formazione che ha pareggiato a Crotone, con Sadiq - giallorosso in prestito - al posto di Belotti. Sembra escluso l'impiego di Ansaldi, l'altra possibile novità: "Negli ultimi due giorni non si è allenato per un problema muscolare".

Archivio Ultima ora