Cgil annuncia il No. Renzi, rispetto ma l’Italia deve cambiare

Pubblicato il 08 settembre 2016 da redazione

Cgil annuncia il No. Renzi, rispetto ma l'Italia deve cambiare

Cgil annuncia il No. Renzi, rispetto ma l’Italia deve cambiare

ROMA. – “Porte aperte al dialogo, ma non rinuncio alle nostre idee e alla nostra identità dopo che per venti anni si è discusso senza risolvere nulla”. Parla a quel pezzo di sinistra che gli chiede di ascoltare le ragioni del No al referendum, Matteo Renzi.

Nel giorno in cui la Cgil indica ai suoi iscritti di bocciare la riforma costituzionale, il presidente del Consiglio parla dal palco della festa dell’Unità di Reggio Emilia. E rivendica l’aver schierato il Pd in forze nella battaglia per il Sì: “Un partito deve indicare una direzione e dire che l’Italia deve cambiare”.

Renzi si confronterà con il presidente dell’Anpi Carlo Smuraglia il 15 a Bologna. Ma annuncia una grande campagna per il Sì, con “e-mail, sms, cartelloni”, perché far passare la riforma è “la partita più grande” e dirlo non è “mancare di rispetto a nessuno”.

Il leader del Pd intraprende un vero e proprio tour de force referendario. Nel pomeriggio Reggio Emilia, in serata Firenze, domani sera, di ritorno da Atene, Lecce. E poi Catania, Bologna, Modena. Perché, spiega agli emiliani, “siamo molto convinti che quando sarà chiaro l’argomento del referendum, saranno in tanti a votare sì. Manderemo e-mail per spiegare che è una cosa semplice: un po’ meno politici, un po’ più politica”.

Poi non resiste alla battuta: “A Di Maio mandiamo la posta certificata così siamo sicuri che la legge…”. Il riferimento è alla bufera che ha travolto il M5s a Roma e che potrebbe trasformarsi in un inatteso ‘assist’ anche al fronte del Sì. Perché ad esempio aiuta Renzi a convincere gli italiani che “noi siamo il Pd, non siamo quelli che vivono in una realtà parallela: c’è chi la trasparenza la scrive sulle e-mail, che poi non legge, e chi, come noi, la scrive in Costituzione”, afferma il premier.

Sono i senatori M5s e della Lega a votare No perché non vogliono perdere gli stipendi, ribadisce il premier: “I loro elettori voteranno sì”. Ma il fronte è aperto anche a sinistra. E Renzi non può ignorarlo. Dopo aver ricordato che si vota “la riforma di Giorgio Napolitano”, punzecchia a più riprese Massimo D’Alema che sta facendo campagna per il No (“Se si personalizza, allora per il No c’è Berlusconi, Brunetta, Salvini, Grillo e qualcuno dice anche D’Alema…”, dice tra l’altro: “D’Alema e Berlusconi si amano, rispettiamoli”).

Ma dopo l’Anpi, anche l’assemblea generale della Cgil ha ufficializzato l’invito “a votare No”, sia pure lasciando libertà di coscienza e decidendo di non aderire a Comitati. “Noi non crediamo al fanatismo di chi non crede al compromesso e non conosce la dignità del dialogo”, dice Renzi assicurando un confronto sempre aperto. Ma aggiunge: anche se nel Pd c’è “qualcosa che non va”, “fuori dal Pd non c’è una sinistra migliore, la rivoluzione del proletariato, ma l’Afd in Germania, Le Pen in Francia e in Italia il qualunquismo e la demagogia in camicia verde”.

Ma la minoranza Dem, con Gianni Cuperlo, gli ricorda che senza modifiche alla legge elettorale, un pezzo di sinistra Pd voterà No: “Tocca al segretario ridurre la portata dello scontro, tentando di riaprire il dialogo e una prospettiva di ricostruzione per il centrosinistra”, altrimenti “si assumerà la responsabilità della frattura”.

“Se la legge elettorale non è buona, cambiamola, ma bisogna dire come”, ripete ormai come un mantra Renzi. “La minoranza cominci a dire esattamente quali sono le modifiche, ma soprattutto, cominci a lavorare per costruire una maggioranza”, spiega il ministro Andrea Orlando. Ma la sinistra rispedisce la palla al mittente: “Noi abbiamo fatto una proposta – dice Miguel Gotor – spetta a loro prendere un’iniziativa”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

15:22Calcio: Boateng rescinde contratto col Las Palmas

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Kevin Prince Boateng e il Las Palmas si separano. Lo ha reso noto il club spagnolo sul sito, spiegando di "aver raggiunto un accordo per la rescissione del contratto che legava il giocatore al club per le prossime tre stagioni. Motivi personali di carattere irreversibile sono alla base di questa partenza", aggiunge la nota.

15:21Gb: nuova portaerei Queen Elizabeth arriva a base Portsmouth

(ANSA) - LONDRA, 16 AGO - E' entrata per la prima volta nella base navale della Royal Navy a Portsmouth la nuova ammiraglia della flotta di sua maestà, la portaerei 'Hms Queen Elizabeth'. In una cerimonia, la premier Theresa May dal ponte della nave ha parlato di "orgoglio della marina britannica" di fronte alle grandi sfide per la sicurezza internazionale. Il varo della Queen Elizabeth era avvenuto lo scorso giugno nel fiordo scozzese di Rosyth, a cui erano seguiti i primi test in mare aperto. Costata 6 miliardi di sterline, la nuova ammiraglia della Royal Navy, la cui flotta è parsa negli ultimi anni segnare il passo, è la più grande unità mai realizzata per la marina militare. Il suo ponte di decollo è grande come tre campi di calcio e a regime la nave - 65.000 tonnellate di stazza - potrà ospitare un equipaggio di 1000 persone e 40 velivoli. Si tratta inoltre della prima portaerei prodotta dal Regno Unito per la Royal Navy dal 2010. La nave sarà pienamente operativa nel 2023.

15:19Calcio: Inter, Kondogbia e Murillo verso Valencia

(ANSA) - MILANO, 16 AGO - Prende sempre più corpo il possibile scambio tra Inter e Valencia di Geoffrey Kondogbia e Joao Cancelo. Il centrocampista francese, che venerdì ha disertato senza permesso l'allenamento, continua a lavorare a parte aspettando che i due club trovino un accordo. Il Valencia aspetta anche il sì definitivo per Jeison Murillo ma Spalletti vuole prima trovare il sostituto visto che, a suo dire, ''la coperta in difesa è cortissima''. Possibile dunque l'arrivo di Eliaquim Mangala, in prestito dal Manchester City.

15:19Sierra Leone: Alfano,aiuti da Italia per emergenza alluvioni

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - "Per contribuire ad alleviare almeno in parte il terribile disagio e il dolore del popolo nepalese e del popolo della Sierra Leone, a causa degli alluvioni dei giorni scorsi, l'Italia ha voluto mandare subito un segnale di solidarietà". Lo ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano, annunciando che "la Cooperazione Italiana ha disposto un finanziamento di emergenza rispettivamente di 200.000 euro e di 250.000 euro a favore della Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezza Luna Rossa (FICROSS) destinati ad attività di prima assistenza per le popolazioni colpite". "L'Italia è vicina a tutte le famiglie delle vittime colpite negli scorsi giorni e ai feriti", ha concluso Alfano.

15:17Brexit: May conferma, non tornerà frontiera con Irlanda

(ANSA) - LONDRA, 16 AGO - Theresa May rassicura Dublino sul fatto che non ci sarà un ritorno al temuto "hard border", la frontiera del Regno Unito con l'Irlanda, dopo la Brexit. La linea della premier britannica è espressa nero su bianco sul documento che esprime in dettaglio la posizione di Londra nei negoziati con Bruxelles per l'uscita dall'Unione. Si spiega con precisione che il governo britannico non vuole vedere alcuna struttura al confine tra i due Stati per evitare un ritorno alle tensioni del passato e in particolare agli anni del conflitto nord-irlandese, minando così gli accordi di pace.

15:16Ungheria: Jobbik fa mea culpa per passata politica razzista

(ANSA) - BUDAPEST, 16 AUG - Il leader del partito ungherese di estrema destra nazionalista Jobbik, Gabor Vona, si è dichiarato pronto a chiedere perdono a ebrei e Rom per la linea politica razzista seguita in passato dal suo partito. "Sono disposto a chiedere scusa per le frasi sbagliate, per una politica deviata su ebrei e Rom", ha detto Vona, nel segno del cambiamento netto di linea che Jobbik, il partito di estrema destra più votato d'Europa, sta seguendo da qualche tempo. Vona ha portato verso il centro la barra del timone di Jobbik, cambiando la denominazione in "partito popolare", nella speranza di poter sconfiggere il Fidesz di Viktor Orban nelle elezioni nel 2018. "Gli elettori difficilmente dimenticheranno che Jobbik ha conquistato consenso proprio con il razzismo, istituendo milizie paramilitari per seminare la paura fra Rom ed ebrei", è stato il commento del giornale Nepszava.

15:12Charlottesville, tweet Obama è record storico di ‘I like’

(ANSA) - SAN FRANCISCO, 16 AGO - Il tweet di Barack Obama dopo le violenze razziste di Charlottesville, in Virginia, ha ottenuto il maggior numero di 'like' nella storia di Twitter: oltre 3,1 milioni. Obama ha postato una foto di lui con dei bambini di razze diverse e una citazione di Nelson Mandela: "Nessuno è nato odiando un'altra persona per il colore della sua pelle, delle sue origini o della sua religione". Il tweet ha superato il precedente record di Ariana Grande all'indomani dell'attentato a Manchester a maggio.

Archivio Ultima ora