Calcio venezuelano: Torna la Primera División, si riapre la caccia al Carabobo

Pubblicato il 09 settembre 2016 da redazione

Torna la Primera División, si riapre la caccia al Carabobo

Torna la Primera División, si riapre la caccia al Carabobo

CARACAS – Dopo la sosta per la Nazionale, per la settima e l’ottava giornata di qualificazione Conmebol per i Mondiali di Russia 2018, torna la Primera División. Ad aprire il programma della 12esima giornata sarà il Deportivo La Guaira dell’italo-venezuelano Eduardo Saragò che andrà sul campo del Cocodrilos Sport Park per sfidare il modesto Petare fanailino di coda del Clausura.

La formazione allenata dal tecnico di origine calabrese cercherà di allungare la scia di vittorie, 10 tra campionato e coppe, e di mettere i primi tasselli per l’Octagonal. Dal canto suo il Petare sogna di strappare qualche punto prezioso che gli permetta di tirarsi fuori dalle sabbie mobili della zona retrocessione.

Negli altri anticipi il Carabobo, attuale leader del campionato, sarà chiamato ad un altro impegno difficile: ospita la mina vagante Aragua. La squadra allenata dall’argentino Tolisano sogna di mantenersi il più a lungo possibile sul gradino più alto della classifica del Clausura.

Il sabato si conclude con l’Estudiantes de Mérida di Ruberth Morán, che trova il Mineros, assetato di punti.
Il Caracas di Antonio Franco cerca conferme nel clásico contro il Deportivo Anzoátegui. La gara si disputerà a Puerto La Cruz, un campo dove i capitolini hanno vinto una sola volta in 10 gare disputate. Nel José Antonio Anzoátegui nelle altre nove gare i padroni di casa hanno un bilancio di 8 vittorie ed un pareggio. Mentre il Táchira andrà a Barquisimeto per sfidare il Deportivo Lara.

La gara Ureña-Zamora è stata rinviata a causa degli impegni in Coppa Sudamericana della formazione di Barinas.
Completano il programma della dodicesima giornata: Atlético Venezuela-Trujillanos, Portuguesa-Estudiantes de Caracas, Deportivo JBL Zulia-Llaneros e Monagas-Zulia.

Fioravante De Simone

Ultima ora

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

00:53Cnn turca, arrestato killer di Capodanno a Istanbul

(ANSAmed) - ROMA, 16 GEN - Il killer del nightclub 'Reina' a Istanbul, l'uzbeko Abdulkadir Masharipov, è stato arrestato stasera con il figlio di 4 anni nel quartiere di Esenyurt a Istanbul. Lo riferisce la Cnn Turk. Altre 3 persone sono state arrestate stasera dall'antiterrorismo turca. I 3 sospetti sono stati trovati nella stessa abitazione dell'attentatore nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul, durante il blitz che ha portato al suo arresto. Abdulkadir Masharipov si sarebbe nascosto 3 giorni fa nell'abitazione in cui è stato arrestato. Lo riferisce Ntv, secondo cui si tratterebbe di un covo dell'Isis e le 3 persone trovate insieme a lui sarebbero anche loro militanti jihadisti. La polizia turca ha rilasciato una foto in cui si vede il volto del principale sospettato per la strage del Reina con ecchimosi e ferite e macchie di sangue sulla maglietta.

00:36Maradona ‘dopo 30 anni chiedo scusa a mio figlio Diego’

(ANSA) - NAPOLI 16 GENNAIO - 'Chiedo scusa dopo 30 anni a mio figlio Diego. Non ti lascerò mai più''. Così Diego Maradona ha concluso a sorpresa lo spettacolo 'Tre volte dieci', rivolgendosi al figlio avuto dalla napoletana Cristiana Sinagra che sedeva nella platea del San Carlo. Il ragazzo si è alzato ed ha salutato inchinandosi verso il pubblico che applaudiva. Prima, accanto a Alessandro Siani, autore dello show, Maradona aveva detto: 'Auguro che il Napoli vinca tutto quello che deve vincere. So che la gente di Napoli ha bisogno'. Ora devo andare a Dubai, ho tre anni di contratto. Ma ci sono giocatori del Napoli che vogliono che la gente sia felice, quindi sono tranquillo. E il presidente vuole vincere''.

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

Archivio Ultima ora