Calcio venezuelano: Torna la Primera División, si riapre la caccia al Carabobo

Pubblicato il 09 settembre 2016 da redazione

Torna la Primera División, si riapre la caccia al Carabobo

Torna la Primera División, si riapre la caccia al Carabobo

CARACAS – Dopo la sosta per la Nazionale, per la settima e l’ottava giornata di qualificazione Conmebol per i Mondiali di Russia 2018, torna la Primera División. Ad aprire il programma della 12esima giornata sarà il Deportivo La Guaira dell’italo-venezuelano Eduardo Saragò che andrà sul campo del Cocodrilos Sport Park per sfidare il modesto Petare fanailino di coda del Clausura.

La formazione allenata dal tecnico di origine calabrese cercherà di allungare la scia di vittorie, 10 tra campionato e coppe, e di mettere i primi tasselli per l’Octagonal. Dal canto suo il Petare sogna di strappare qualche punto prezioso che gli permetta di tirarsi fuori dalle sabbie mobili della zona retrocessione.

Negli altri anticipi il Carabobo, attuale leader del campionato, sarà chiamato ad un altro impegno difficile: ospita la mina vagante Aragua. La squadra allenata dall’argentino Tolisano sogna di mantenersi il più a lungo possibile sul gradino più alto della classifica del Clausura.

Il sabato si conclude con l’Estudiantes de Mérida di Ruberth Morán, che trova il Mineros, assetato di punti.
Il Caracas di Antonio Franco cerca conferme nel clásico contro il Deportivo Anzoátegui. La gara si disputerà a Puerto La Cruz, un campo dove i capitolini hanno vinto una sola volta in 10 gare disputate. Nel José Antonio Anzoátegui nelle altre nove gare i padroni di casa hanno un bilancio di 8 vittorie ed un pareggio. Mentre il Táchira andrà a Barquisimeto per sfidare il Deportivo Lara.

La gara Ureña-Zamora è stata rinviata a causa degli impegni in Coppa Sudamericana della formazione di Barinas.
Completano il programma della dodicesima giornata: Atlético Venezuela-Trujillanos, Portuguesa-Estudiantes de Caracas, Deportivo JBL Zulia-Llaneros e Monagas-Zulia.

Fioravante De Simone

Ultima ora

13:50Russiagate: Trump, continuano inganni

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "L'inganno Russia prosegue, ora con le inserzioni su Facebook. E la copertura mediatica totalmente offensiva e disonesta in favore della corrotta Hillary?". Così il presidente Usa Donald Trump su Twitter. In precedenza, Mosca ha smentito ogni coinvolgimento nella vicenda: la Russia non ha mai adoperato pubblicità a sfondo politico su Facebook allo scopo di influenzare le elezioni americane del 2016, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov. "Non sappiamo chi abbia piazzato le pubblicità su Facebook o come: la Russia non ha nulla a che vedere con tutto questo", ha detto Peskov.

13:47Calcio: Allegri, con il Torino sarà un derby complicato

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "Il Torino può ambire ad uno dei primi 6 posti: già l'anno scorso aveva una squadra con ottima tecnica e ora ha completato la rosa con giocatori da Toro come Ansaldi, Rincon, Niang davanti". Così Massimiliano Allegri, alla vigilia del derby con i granata. "Mihajlovic - aggiunge il tecnico della Juventus - ha giocatori di buona qualità tecnica e l'organico è stato rinforzato con altri solidi: ecco perché il Torino è migliorato. Per noi sarà una partita complicata, importante per due ragioni: è un derby e dobbiamo vincere per dare seguito ai 5 successi di fila". Quindi, viene introdotto il tema del momento difficile di Gonzalo Higuain e Allegri si mostra fiducioso. "Ha la totale fiducia dei compagni, dell'allenatore, della società e dei tifosi: viene da tre partite senza gol e si sbloccherà. Già con la Fiorentina ha fatto progressi, attaccando l'area in modo migliore. Sarà titolare domani sera? Ci sono tante partite da giocare: una volta starà fuori Dybala, un'altra Higuain, un'altra Mandzukic...".

13:46Calcio: Udinese, Delneri “allenatore dipende da risultati”

(ANSA) - UDINE, 22 SET - "L'allenatore è sempre in discussione, dipende dai risultati. Ma sono sereno per il lavoro fatto". Lo ha dichiarato il tecnico dell'Udinese Gigi Delneri, nella consueta conferenza stampa in vista della trasferta di domani in casa della Roma, precisando di essere sereno nonostante le 4 sconfitte in 5 gare che possono far traballare la sua panchina. "Dobbiamo migliorare quelle che sono le nostre difficoltà - ha aggiunto - Certo per il ruolo di un allenatore contano più i risultati del gioco ed è l'allenatore che risponde dei risultati negativi". L'Udinese, comunque, a suo giudizio "sta pagando a caro prezzo la falsa partenza delle prime due partite" e la Roma, "squadra in lotta per la Champions, con giocatori di spessore", "è un avversario poco abbordabile sulla carta". "Ma giochiamo 11 contro 11, dobbiamo fare la nostra partita sperando di fare meno errori".

13:45Corea Nord: Trump, Kim è chiaramente pazzo

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "Kim Jong Un, che è chiaramente un pazzo a cui non interessa affamare o uccidere il proprio popolo, verrà messo alla prova coma mai prima". Lo scrive il presidente Donald Trump su Twitter.

13:42M5S: Morra, continuiamo essere noi stessi, no amnesie

(ANSA) - RIMINI, 22 SET - "Non sono ammesse amnesie" il M5S è "comunità, dialogo, solidarietà" e "non può che continuare a essere così". Lo scrive, su facebook, a poche ore dall'inizio di Italia 5 Stelle il senatore ortodosso Nicola Morra. Il M5S è "condivisione e trasparenza come antidoto all'errore del singolo, perché nessuno è perfetto e tutti dobbiamo rimanere umili", prosegue Morra dando appuntamento alla kermesse pentastellata: "Avanti pancia a terra, Rimini ci attende".

13:42Calcio: Inter, auguri Fenomeno giocatore spettacolare

(ANSA) - MILANO, 22 SET - Il pallonetto preciso e morbido nel derby finito 0-3 per l'Inter, il 22 marzo del 1998, su assist di Moriero dalla destra. Sebastiano Rossi, portiere del Milan, che si vede scavalcare dal pallone e lo guarda infilarsi in rete. E Ronaldo, il Fenomeno, che esulta a braccia aperte scuotendo la testa. E' solo una delle perle dell'attaccante brasiliano con la maglia dell'Inter e il club nerazzurro l'ha scelta per dedicargli un pensiero nel giorno del suo 41esimo compleanno. Un video ricordo, postato sul profilo Twitter, accompagnato dal messaggio: ''Che giocatore spettacolare! Tanti auguri Fenomeno''.

13:37Turchia: uccise due attiviste siriane

(ANSA) - ISTANBUL, 22 SET - Una nota giornalista e attivista siriana e sua figlia, anche lei cronista, sono state uccise a coltellate in Turchia. Lo riporta l'agenzia statale Anadolu, secondo cui i corpi senza vita della 60enne Arouba Barakat e della figlia 22enne Hala sono stati ritrovati ieri sera nella loro abitazione di Uskudar, sulla costa asiatica di Istanbul, dopo che alcuni amici che non le vedevano da giorni avevano dato l'allarme. Secondo la polizia scientifica, gli omicidi sarebbero avvenuto tra 48 e 72 ore prima del ritrovamento dei corpi. Arouba Barakat faceva parte anche del Consiglio nazionale siriano, formato da oppositori del presidente Bashar al-Assad. La figlia lavorava come reporter per il gruppo Orient News. Le autorità hanno avviato un'inchiesta. In passato, l'Isis ha rivendicato diversi attacchi contro attivisti siriani rifugiati in Turchia, compresa l'uccisione di 4 giornalisti.

Archivio Ultima ora