Nuovo test atomico Pyongyang, il più potente di sempre

Pubblicato il 09 settembre 2016 da ansa

This undated photo distributed on Tuesday, Sept. 6, 2016, by the North Korean government shows North Korean leader Kim Jong Un looking though binoculars at the site of a ballistic missile launching at an undisclosed location in North Korea.  (Korean Central News Agency/Korea News Service via AP)

This undated photo distributed on Tuesday, Sept. 6, 2016, by the North Korean government shows North Korean leader Kim Jong Un looking though binoculars at the site of a ballistic missile launching at an undisclosed location in North Korea. (Korean Central News Agency/Korea News Service via AP)

PECHINO. – Il quinto test nucleare effettuato a sorpresa dalla Corea del Nord è risultato il più potente mai completato finora dal regime, “poco meno forte dell’esplosione della bomba atomica su Hiroshima”, causando l’inedita reazione compatta della comunità internazionale, capace di superare i contrasti di un mondo spaccato da conflitti regionali.

Il presidente americano Barack Obama ha avvertito che all’ultima e inaccettabile provocazione del Nord seguiranno “serie conseguenze”, ad esempio nuove sanzioni, rassicurato gli alleati Corea del Sud e Giappone (i primi a chiedere – ottenendola – la convocazione d’urgenza del Consiglio di Sicurezza dell’Onu) e garantito la totale improponibilità di status di potenza atomica del Nord.

La Russia ha promesso un “forte segnale” sul rispetto delle risoluzioni Onu, ha precisato il ministro degli Esteri Serghei Lavrov, mentre condanne decise sono venute da Ue (“abbandono di armi e i programmi nucleari, in modo completo, verificabile ed irreversibile”, ha chiesto l’Alto rappresentante Ue Federica Mogherini), Italia (“minaccia l’Asia e la pace mondiale”, ha twittato il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni), Nato (“una provocazione inquietante”, per il segretario generale Jens Stoltenberg), India e soprattutto Cina.

Pechino, il tradizionale e più stretto alleato di Pyongyang, ha manifestato tutta la sua irritazione all’imprevedibile vicino arrivando ad esprimere “opposizione risoluta” e ad anticipare l’inconsueta protesta formale consegnata all’ambasciatore del Nord. La grande frustrazione cinese è moltiplicata dal fatto che l’intemperanza di Pyongyang si era manifestata già lunedì, nel mezzo del summit G20 di Hangzhou (il primo a guida cinese), con il lancio di tre missili a medio raggio nel mar del Giappone, cui si è aggiunto adesso il test nucleare.

La potenza sprigionata dalla detonazione sotterranea al sito di Punggye-ri, secondo le stime dell’agenzia meteorologica di Seul, è stata di 10 kilotoni (quella di Hiroshima era di 15), e ha causato un sisma artificiale di oltre magnitudo 5.

Per una nuova giornata di “grandi successi”, in occasione del 68/mo anniversario della fondazione dello Stato, l’annuncio non poteva che essere dato attraverso l’emittente di Stato Kctv, con il volto della anchorwoman Ri Chun-hee, quella delle grandi e solenni occasioni, come le morti di Kim Il-sung e Kim Jong-il, padre e figlio, rispettivamente fondatore della Nazione e promotore del Songun, la politica dei “militari prima di tutto”.

Il test condotto dalla Corea del Nord ha mostrato che le testate nucleari “possono essere montate su missili strategici balistici”, ha affermato Ri. “Un’altra arma di difesa contro gli imperialisti degli Stati Uniti”. In altri termini, Pyongyang rivendica adesso, dopo la bomba all’idrogeno di gennaio, il successo della “miniaturizzazione” degli ordigni con la quale si possono confezionare testate di ogni formato per armare missili a raggio medio, lungo e intercontinentale, potenzialmente in grado di raggiungere le coste occidentali degli Stati Uniti.

Il nuovo test nucleare sotterraneo della Corea del Nord è una “minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale”, ha tuonato il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon, condannando la mossa di Pyongyang “nei termini più forti” e lanciando l’appello a rompere “questa escalation a spirale”. La prima risposta della comunità internazionale verrà dal Consiglio di Sicurezza ed è improbabile che, “visto il crescendo degli ultimi mesi”, la reazione alle iniziative del leader nordcoreano Kim Jong-un, teorico della dottrina del “byengjin” (sviluppo contestuale di economia e nucleare), possa restare senza una “soluzione strutturale”.

(di Antonio Fatiguso/ANSA)

Ultima ora

13:06Terremoto: lunedì agricoltori a Castelluccio

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 30 MAR - I trattori e gli altri mezzi agricoli saliranno a Castelluccio di Norcia lunedì mattina, per la semina della lenticchia. Che insieme alle specie selvatiche contribuirà in estate a dare vita allo spettacolo naturale della fioritura sull'altopiano. Due le "carovane" che, in percorsi differenti, raggiungeranno il borgo di montagna, completamente disabitato dopo la scossa di terremoto di cinque mesi fa. I trattori, una ventina con gli aratri al seguito, saranno fatti transitare attraverso la galleria di Forca Canapine che l'Anas riaprirà proprio per permettere il passaggio dei mezzi. All'interno della galleria transiteranno due trattori alla volta. Contemporaneamente i mezzi dell'esercito (che per le dimensioni non possono passare nella galleria) trasferiranno a Castelluccio la seminatrice e le sementi seguendo un percorso di 90 chilometri attraverso un lembo di Lazio, per poi rientrare nelle Marche e salire a Castelluccio passando per Pretare di Arquata del Tronto. A questa soluzione si è arrivati dopo un lungo confronto tra le istituzioni e gli agricoltori di Castelluccio. Questi ultimi, che in seguito alla scossa risiedono a Norcia, hanno ottenuto la possibilità di transitare quotidianamente per tutto il tempo necessario alla semina, in due finestre orarie e accompagnati dalla Protezione civile, sulla strada provinciale 477 che collega Norcia al borgo. Dove ora sono in corso lavori di ripristino della carreggiata fortemente danneggiata. Dalle scosse. La gran parte degli agricoltori rimarranno comunque a Castelluccio per tutti i 20 giorni necessari per la semina, alloggiando nelle strutture agrituristiche ancora agibili.

12:54Turchia:leader curdo Demirtas avvia sciopero fame in carcere

(ANSAmed) - ISTANBUL, 30 MAR - Il leader del partito filo-curdo Hdp in Turchia, Selahattin Demirtas, detenuto da quasi 5 mesi con accuse di "terrorismo" nel carcere di massima sicurezza di Edirne, al confine con la Grecia, ha iniziato oggi uno sciopero della fame per protestare contro le "pratiche illegali e inumane" in atto nella prigione. Lo fa sapere una nota dell'Hdp. Con Demirtas, ha avviato la protesta anche un altro deputato, Abdullah Zeydan, detenuto nello stesso penitenziario. I parlamentari, tra l'altro, accusano la direzione carceraria di ignorare uno sciopero della fame di altri detenuti, che prosegue da giorni.

12:49Violenze corteo Casapound: Roma, 4 arresti e obbligo firma 9

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Sono tredici gli antagonisti sottoposti a misure cautelari nell'ambito di un'indagine su alcuni episodi di violenza avvenuti lo scorso 21 maggio in occasione di una manifestazione di Casapound e di un concerto nazi-rock nel cuore della Capitale. In particolare 4 sono finiti ai domiciliari e gli altri sottoposti all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. L'operazione è stata condotta dalla Digos di Roma. Perquisite anche le abitazioni di alcuni degli indagati. Si tratta per lo più noti esponenti dei centri sociali capitolini e dei collettivi studenteschi dell'università La Sapienza. Rintracciati attualmente 10 dei 13; altri 2 sono stati individuati all'estero, mentre un ultimo è ancora ricercato.

12:42Siria: Unhcr, oltrepassata la soglia dei 5 milioni in fuga

(ANSAmed) - GINEVRA, 30 MAR - Il numero di uomini, donne e bambini in fuga dalla guerra in Siria ha passato la soglia di 5 milioni, ma un anno dopo la Conferenza internazionale per aumentare i posti di reinsediamento e offrire canali alternativi per l'ammissione dei rifugiati siriani, dei 500.000 posti richiesti è stata raggiunta la metà, ha affermato oggi l'Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr). La comunità internazionale deve fare di più, ha esortato il capo dell'Unhcr Filippo Grandi. "Abbiamo ancora una lunga strada da percorrere per accrescere il reinsediamento e i canali complementari per i rifugiati: sono necessari posti aggiuntivi" e serve accelerare "l'attuazione degli impegni esistenti", ha detto l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. Grandi si è espresso in una dichiarazione resa nota a un anno dalla Conferenza di alto livello per la condivisione della responsabilità per i rifugiati siriani del 30 marzo 2016.

12:39Trump: Vaticano, speriamo riveda le sue politiche

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Le decisioni del presidente Trump "preoccupano" il Vaticano, "ma per fortuna - dice il card. Peter Turkson, capo dicastero per lo Sviluppo umano integrale - anche negli Stati Uniti ci sono voci di dissenso, voci contrarie, in disaccordo esplicito contro le posizioni di Trump: il suo bando contro le immigrazioni è stato bloccato da un avvocato delle Hawaii". "E' un segno - spiega - che ci può essere un'altra voce e si spera che tramite i mezzi politici mano a mano Trump stesso cominci a ripensare alcune sue decisioni". Su temi come le migrazioni, le misure per il clima, le spese per gli armamenti, gli aiuti allo sviluppo, sottolinea il cardinale, "contiamo anche sull'azione di lobby della Chiesa Usa". Turkson rileva positivamente, inoltre, che "mentre gli Stati Uniti fanno marcia indietro sui provvedimenti contro il riscaldamento globale, abbiamo un'altra grande potenza nel mondo, come la Cina, che sta manifestando segni opposti, come se lo spostamento dell'America crei un vuoto che la Cina riempie".

12:29Golf: Ryder Cup, Lotti, nessun esborso denaro da parte Stato

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Quello dell'organizzazione della Ryder Cup in Italia nel 2022 ''e' un argomento al quale tengo particolarmente e intendo precisare alcuni passaggi che possono aiutare la discussione in corso. Non c'e' esborso di denaro da parte dello Stato, ma ma c'e' solo la prestazione di una garanzia statale per copertura dei costi che gravano sulla federazione''. Lo ha chiarito il ministro dello Sport Luca Lotti rispondendo all'interrogazione del 5 Stelle Simone Valente in Commissione Cultura della Camera. La garanzia statale da 97 milioni di euro che va fornita per l'organizzazione della Ryder Cup 2022 - ha precisato Lotti - "e' a basso rischio: i costi stimati, circa 150 milioni di euro, saranno ampiamente coperti dai ricavi che gli organizzatori sono gia' oggi in grado di quantificare in circa 170 milioni di euro''. Lotti ha ricordato infine come "il nostro Paese non abbia ancora prestato alcuna garanzia e risulti ad oggi inadempiente''.

12:26Calcio: Lotti, azionariato popolare non è priorità

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Forme di partecipazione popolare all'azionariato delle società sportive e prima di tutto calcistiche "potrebbero essere positive, ma non ritengo prioritario imporlo tramite un intervento normativo. Ribadisco: non credo che sia oggetto di priorità, ma si può senz'altro aprire una discussione". Così il ministro per lo sport Luca Lotti, ha risposto in commissione cultura a un'interrogazione di Stefano Borghesi, della Lega Nord sui contatti della malavita organizzata nel mondo dello sport con particolare riferimento a fatti recenti che hanno riguardato importanti club (la Juventus, ndr). "Valuto positivamente una discussione nel merito ma non credo sia oggetto di priorità -ha aggiunto Lotti. Volentieri valuto le proposte di legge in commissione".

Archivio Ultima ora