Nuovo test atomico Pyongyang, il più potente di sempre

Pubblicato il 09 settembre 2016 da ansa

This undated photo distributed on Tuesday, Sept. 6, 2016, by the North Korean government shows North Korean leader Kim Jong Un looking though binoculars at the site of a ballistic missile launching at an undisclosed location in North Korea.  (Korean Central News Agency/Korea News Service via AP)

This undated photo distributed on Tuesday, Sept. 6, 2016, by the North Korean government shows North Korean leader Kim Jong Un looking though binoculars at the site of a ballistic missile launching at an undisclosed location in North Korea. (Korean Central News Agency/Korea News Service via AP)

PECHINO. – Il quinto test nucleare effettuato a sorpresa dalla Corea del Nord è risultato il più potente mai completato finora dal regime, “poco meno forte dell’esplosione della bomba atomica su Hiroshima”, causando l’inedita reazione compatta della comunità internazionale, capace di superare i contrasti di un mondo spaccato da conflitti regionali.

Il presidente americano Barack Obama ha avvertito che all’ultima e inaccettabile provocazione del Nord seguiranno “serie conseguenze”, ad esempio nuove sanzioni, rassicurato gli alleati Corea del Sud e Giappone (i primi a chiedere – ottenendola – la convocazione d’urgenza del Consiglio di Sicurezza dell’Onu) e garantito la totale improponibilità di status di potenza atomica del Nord.

La Russia ha promesso un “forte segnale” sul rispetto delle risoluzioni Onu, ha precisato il ministro degli Esteri Serghei Lavrov, mentre condanne decise sono venute da Ue (“abbandono di armi e i programmi nucleari, in modo completo, verificabile ed irreversibile”, ha chiesto l’Alto rappresentante Ue Federica Mogherini), Italia (“minaccia l’Asia e la pace mondiale”, ha twittato il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni), Nato (“una provocazione inquietante”, per il segretario generale Jens Stoltenberg), India e soprattutto Cina.

Pechino, il tradizionale e più stretto alleato di Pyongyang, ha manifestato tutta la sua irritazione all’imprevedibile vicino arrivando ad esprimere “opposizione risoluta” e ad anticipare l’inconsueta protesta formale consegnata all’ambasciatore del Nord. La grande frustrazione cinese è moltiplicata dal fatto che l’intemperanza di Pyongyang si era manifestata già lunedì, nel mezzo del summit G20 di Hangzhou (il primo a guida cinese), con il lancio di tre missili a medio raggio nel mar del Giappone, cui si è aggiunto adesso il test nucleare.

La potenza sprigionata dalla detonazione sotterranea al sito di Punggye-ri, secondo le stime dell’agenzia meteorologica di Seul, è stata di 10 kilotoni (quella di Hiroshima era di 15), e ha causato un sisma artificiale di oltre magnitudo 5.

Per una nuova giornata di “grandi successi”, in occasione del 68/mo anniversario della fondazione dello Stato, l’annuncio non poteva che essere dato attraverso l’emittente di Stato Kctv, con il volto della anchorwoman Ri Chun-hee, quella delle grandi e solenni occasioni, come le morti di Kim Il-sung e Kim Jong-il, padre e figlio, rispettivamente fondatore della Nazione e promotore del Songun, la politica dei “militari prima di tutto”.

Il test condotto dalla Corea del Nord ha mostrato che le testate nucleari “possono essere montate su missili strategici balistici”, ha affermato Ri. “Un’altra arma di difesa contro gli imperialisti degli Stati Uniti”. In altri termini, Pyongyang rivendica adesso, dopo la bomba all’idrogeno di gennaio, il successo della “miniaturizzazione” degli ordigni con la quale si possono confezionare testate di ogni formato per armare missili a raggio medio, lungo e intercontinentale, potenzialmente in grado di raggiungere le coste occidentali degli Stati Uniti.

Il nuovo test nucleare sotterraneo della Corea del Nord è una “minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale”, ha tuonato il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon, condannando la mossa di Pyongyang “nei termini più forti” e lanciando l’appello a rompere “questa escalation a spirale”. La prima risposta della comunità internazionale verrà dal Consiglio di Sicurezza ed è improbabile che, “visto il crescendo degli ultimi mesi”, la reazione alle iniziative del leader nordcoreano Kim Jong-un, teorico della dottrina del “byengjin” (sviluppo contestuale di economia e nucleare), possa restare senza una “soluzione strutturale”.

(di Antonio Fatiguso/ANSA)

Ultima ora

16:43Calcio: Juve, Bernardeschi “corsa scudetto a due ma è lunga”

(ANSA) - TORINO, 18 GEN - Per lo scudetto 2018 "per adesso è una corsa a due, tra noi e il Napoli, ma il calcio è strano e il campionato è ancora lungo, vedremo più avanti". Così Federico Bernardeschi, l'autore del gol grazie al quale la Juventus ha vinto a Cagliari prima della sosta. L'ex Fiorentina ha visto un 'altro' Higuain: "L'anno scorso segnava tanto, ma corre e si sbatte, sta facendo un lavoro 'sporco' per aiutare i compagni. Quanto al gol (manca da 527', ndr) è serenissimo, è tranquillissimo e capitano aglio attaccanti periodi così".

16:38Kosovo: a Belgrado folla commossa a funerali Oliver Ivanovic

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 GEN - Una folla commossa e silenziosa ha partecipato oggi al cimitero di Belgrado alla cerimonia funebre in memoria di Oliver Ivanovic, il noto esponente politico della comunità serba in Kosovo ucciso a colpi d'arma da fuoco in un agguato martedì scorso a Kosovska Mitrovica. A dare l'estremo saluto a Ivanovic vi erano esponenti politici, rappresentanti della società civile, della cultura, dello sport, dello spettacolo. Ma sopratutto centinaia di comuni cittadini che hanno deposto fiori e acceso candele per rendere omaggio a un uomo considerato uno strenuo difensore degli interessi dei serbi del Kosovo.

16:20Sicurezza: Gabrielli, noi stufi fare ‘foglie fico’

(ANSA) - VERCELLI, 18 GEN - "Nel momento in cui avvengono fatti gravi, il magistrato va a cercare una posizione di garanzia, e molto spesso il questore è il soggetto a cui riferire le responsabilità. Torino docet. Quindi noi abbiamo detto basta, siamo stanchi di fare le foglie di fico rispetto a responsabilità che non sono le nostre". Così il capo della Polizia Franco Gabrielli a Torino rispondendo ad alcune domande sulla circolare per la gestione delle manifestazioni pubbliche che stabilisce precise responsabilità su safety e security. "Il fatto che oggi qualcuno non faccia gli eventi perché non ha i soldi, mi fa sorgere il fondato sospetto che prima si facevano le cose così, perché si è sempre fatto", aggiunge Gabrielli, ricordando che "più che la famigerata circolare Gabrielli esiste un secondo comma dell'articolo 40 del codice penale, secondo il quale chi ha l'obbligo giuridico di impedire che avvenga un tragico fatto, e non lo impedisce, equivale a cagionarlo: e quello è il fondamento del reato colposo".(ANSA).

16:16Calcio: Rosetti,al momento challenge allenatori non previsto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Se è prevista in futuro la chiamata della Var da parte degli allenatori? Il Var è un protocollo internazionale Ifab ed è questo che determina la stesura delle regole. In questo momento il challenge non è previsto". Lo dice il responsabile Var in Italia, Roberto Rosetti, a margine di un convegno Ussi a Roma. "A fine stagione - ha specificato Rosetti - faremo una relazione e anche delle proposte. Ma in questo momento dobbiamo lavorare sulle regole. Se mi piace come idea? A me piacciono tante idee...". "Spiegare in diretta al pubblico le decisioni? State correndo troppo - conclude l'ex fischietto internazionale - Anche in questo caso non è previsto come non sono previste le immagini sul maxischermo".

16:15Cadavere uomo in giardino, droga tra ipotesi decesso

(ANSA) - CAMAIORE (LUCCA), 18 GEN - Non si esclude un malore dovuto all'assunzione di droga e al freddo della scorsa notte, come causa del decesso dell'uomo, identificato poi come un tunisino di 43 anni, rinvenuto privo di vita stamani nel cortile di una villa in ristrutturazione in Versilia, a Camaiore (Lucca). E' quanto emerge dagli investigatori. Le indagini sono seguite dai carabinieri. Sarà comunque l'autopsia, affidata al medico legale Stefano Pierotti, a chiarire le cause del decesso. Secondo quanto ricostruito, il nordafricano, già noto alle forze dell'ordine, viveva in una casa poco distante dalla villa, abitazione che aveva ricevuto in eredità da un italiano, deceduto anni fa. L'uomo è stato rinvenuto nudo nel giardino: gli abiti sono stati trovati, a terra, poco lontano.(ANSA). Ad accorgersi del corpo senza vita alcuni passanti che hanno immediatamente allertato i soccorsi.

16:13Obitorio ospedale troppo piccolo,bare con salme in corridoio

(ANSA) - SERRA SAN BRUNO (VIBO VALENTIA), 18 GEN - Lamentele e proteste nell'ospedale di Serra San Bruno per l'impossibilità di collocare le salme di persone decedute nell'obitorio del nosocomio per mancanza di spazi. La direzione dell'ospedale si é vista costretta a fare collocare in un corridoio due bare con le salme, suscitando le proteste dei parenti dei defunti. Nel corridoio in cui sono state collocate le salme, tra l'altro, si é determinato un sovraffollamento per la presenza dei parenti delle persone decedute. Una situazione difficile da gestire per i responsabili dell'ospedale, che già in passato avevano dovuto fare fronte a difficoltà dello stesso tipo. La Direzione sanitaria dell'ospedale ha reso noto, con un comunicato, di avere "ulteriormente sollecitato all'Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia la soluzione del problema", chiedendo l'ampliamento della sala mortuaria. (ANSA).

16:04Catalogna: Puigdemont chiede voto delegato in Parlament

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Il presidente catalano uscente Carles Puigdemont, e gli altri neo deputati della lista JxCat in esilio a Bruxelles Clara Ponsati e Lluis Puig hanno chiesto oggi alla nuova presidenza del Parlament di poter delegare il voto. Nella seduta costitutiva ieri è stata accolta la richiesta di voto delegato dei tre deputati in carcere a Madrid Oriol Junuqeras, Jordi Sanchez e Joaquim Forn. Il governo di Madrid ha però annunciato che farà ricorso alla Corte costituzionale se a Puigdemont sarà consentito votare dall'esilio belga.

Archivio Ultima ora