Ente Aviazione Usa, no a Galaxy Note 7 su aerei e bagagli

A woman walks by an advertisement of Samsung Electronics Galaxy Note 7 smartphone at the company's showroom in Seoul, South Korea, Friday, Sept. 2, 2016. (ANSA/AP Photo/Ahn Young-joon)
A woman walks by an advertisement of Samsung Electronics Galaxy Note 7 smartphone at the company's showroom in Seoul, South Korea, Friday, Sept. 2, 2016.  (ANSA/AP Photo/Ahn Young-joon)
A woman walks by an advertisement of Samsung Electronics Galaxy Note 7 smartphone at the company’s showroom in Seoul, South Korea, Friday, Sept. 2, 2016. (ANSA/AP Photo/Ahn Young-joon)

ROMA. – Secondo la Federal Aviation Administration statunitense il Galaxy Note 7 rappresenta un pericolo perchè può incendiarsi e per questo non va usato sugli aerei durante il volo e non deve essere inserito nei bagagli stivati a bordo dell’aereo.

L’agenzia federale Usa per l’aviazione ha emesso un comunicato, abbastanza inusuale, invitando i passeggeri a “non usare e non ricaricare in volo” questi smartphone che Samsung sta già ritirando dal mercato per sostituirli, dopo una serie di incidenti con le batterie che hanno preso fuoco o sono esplose.

Samsung ha lanciato l’ultimo smartphone della sua linea ‘ammiraglia’ il 3 agosto scorso e ha annunciato la sua sostituzione il 2 settembre scorso. Il Note 7, con il suo schermo da 5,7 pollici, è un ‘phablet’, cioè più grande di uno smartphone ma meno di un tablet.

Prima delle esplosioni Samsung le vendite del Note 7, top di gamma anche nel prezzo, avevano superato tutte le aspettative. Per la Faa è abbastanza inusuale indicare una specifica marca e un modello come potenziale rischio alla sicurezza. Precedenti avvertimenti, sull’uso in volo di cellulari e smartphone, erano sempre stati generici.

La Faa non è però la prima. Nei giorni scorsi le compagnie aeree australiane Qantas, Jetstar e Virgin Australia avevano già preso misure sul Note 7, invitando i passeggeri a non accenderlo o caricarlo durante il volo.

Condividi: