Carceri: Uil, a Bologna rischio paralisi trasporto detenuti

(ANSA) – BOLOGNA, 10 SET – Da qualche giorno la disponibilità di mezzi in dotazione alla Polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Bologna è ridotta a quattro furgoni, un pullman e un’auto: gli altri sono in officina per riparazioni bloccate a causa dell’esaurimento dei fondi assegnati. E’ la situazione segnalata dal sindacato Uil Pa Penitenziari: “Già di per sè la disponibilità degli automezzi in dotazione non era sufficiente a garantire le reali necessità”. Per portare i detenuti ogni giorno nelle aule di giustizia occorrono, infatti, una decina di mezzi. “E’ chiaro che così si va verso la paralisi. Non è eresia, quindi, affermare che più di un parco macchine bisogna riferirsi ad un cimitero dei mezzi”, dice il coordinatore provinciale Domenico Maldarizzi. “Vorrà dire – prosegue – che la Polizia penitenziaria dovrà industriarsi in maniera diversa ricorrendo al ‘girotondo a moto perpetuo’ degli automezzi e semmai anche con traduzioni a piedi”. (ANSA).