La riforma delle pensioni non deve dimenticare i nostri emigrati

Pubblicato il 12 settembre 2016 da redazione

pensionati2

ROMA – In una nota congiunta i deputati del Pd, eletti nella circoscrizione Estero, Marco Fedi e Fabio Porta ricordano che “abbiamo più volte preannunciato i possibili provvedimenti del Governo in materia pensionistica nella prossima legge di stabilità e nelle leggi collegate. Il Governo Renzi intende introdurre alcune misure che solo in parte interesseranno i connazionali all’estero già pensionati o pensionandi.

Siamo ovviamente favorevoli all’innalzamento dell’importo della Quattordicesima, all’ampliamento della platea di aventi diritto alla “no tax area”, alla flessibilità dell’età pensionabile, alle agevolazioni pensionistiche per i lavori usuranti.

Riteniamo tuttavia che questi provvedimenti, alcuni dei quali si applicheranno anche ai nostri connazionali senza che il legislatore lo preveda esplicitamente, siano utili e necessari ma non sufficienti. Infatti ci siamo impegnati nel corso della legislatura al fine di informare e sensibilizzare Parlamento e Governo sui diritti socio-previdenziali dimenticati o inesauditi dei residenti all’estero”.

“Tra questi vogliamo ricordare – proseguono i due parlamentari – l’aumento dell’importo minimale delle pensioni in regime internazionale per fronteggiare e risolvere il problema dei pro-rata irrisori che sono migliaia e che rappresentano un imbarazzo se non un’ignominia per lo Stato italiano. Abbiamo presentato una proposta di legge che prevede l’innalzamento del minimale da 1/40mo a 1/20mo del trattamento minimo per ogni anno di contribuzione fatto valere in Italia.

Abbiamo inoltre proposto una sanatoria degli indebiti pensionistici a determinate condizioni: ma si tratta di una annosa problematica che non si vuole trattare per timore dei costi e per l’incapacità di capire che gli indebiti si formano, quasi sempre, per ragioni assolutamente indipendenti dalla volontà e responsabilità dei nostri pensionati all’estero.

Una sanatoria sarebbe un semplice atto di giustizia, aiuterebbe tanti connazionali disperati perché non in grado di restituire l’indebito, contrarrebbe il difficile lavoro di recupero da parte dell’Inps e porterebbe consenso alle forze politiche che la approvassero.

Abbiamo chiesto al Governo – proseguono Fedi e Porta – di valutare la possibilità di far rientrare nel campo di applicazione soggettivo delle convenzioni bilaterali di sicurezza sociale anche i dipendenti pubblici finora esclusi (cosa già fatta nei Regolamenti comunitari di sicurezza sociale che ora coprono sia i lavoratori del settore pubblico che i liberi professionisti): secondo noi si tratta di un obiettivo che potrebbe essere perseguito con degli scambi di note con gli altri Paesi contraenti informandoli (come previsto dalle convenzioni) che il settore dei dipendenti pubblici è ora gestito dall’Inps e chiedendone quindi l’inclusione nelle convenzioni bilaterali di sicurezza sociale.

Abbiamo chiesto che nel calcolo della Quattordicesima siano presi in considerazione anche i contributi esteri in modo da rivalutarne l’importo, abbiamo chiesto che l’importo aggiuntivo di dicembre sia erogato anche ai pensionati residenti all’estero i quali abbiano chiesto la detassazione della loro pensione alla fonte e che fino ad ora sono stati ingiustamente esclusi dal beneficio.

Ci siamo battuti per l’introduzione di procedure più snelle e più semplici per la certificazione dell’Esistenza in vita che ha messo a dura prova la pazienza di pensionati e di patronati, ritenendo inoltre che le campagne per l’esistenza in vita debbano essere dilatate nel tempo (magari ogni tre anni).

In merito all’esportabilità delle pensioni italiane siamo riusciti ad evitare (per ora) che il Governo – su suggerimento dell’Inps e forse del Ministero del Lavoro – introducesse il principio dell’inesportabilità nei Paesi extracomunitari delle prestazioni legate al reddito, come l’integrazione al trattamento minimo e le maggiorazioni sociali.

Sarebbe infine opportuno – concludono Fedi e Porta – non dimenticare le questioni fiscali a partire dalle convenzioni contro le doppie imposizioni con Brasile, Canada e Francia che ancora oggi presentano delle gravi criticità che mettono a rischio una tutela adeguata dei diritti dei nostri pensionati residenti in quei Paesi. Sono questi alcuni degli obiettivi che ci prefiggiamo nell’ambito previdenziale e che non mancheremo di perseguire nel prosieguo della nostra attività politica e parlamentare”.

Ultima ora

12:40Lavoro: M5S, Poletti inadeguato a fare ministro, si dimetta

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Le parole di Poletti sono vergognose e inqualificabili. Un personaggio maestro di gaffe è inadeguato a svolgere il ruolo di ministro del Lavoro. Andasse lui a giocare a calcetto, piuttosto che combinare disastri. Prima esulta per i giovani che emigrano, poi li invita ad andare sui campi di calcetto. Si deve dimettere". Così il capogruppo 5stelle alla Camera Vincenzo Caso. "Il comportamento del governo Renzi-Gentiloni dimostra una cosa: il merito non conta. E' questa la lezione che ci sta lasciando il renzismo", conclude Caso.

12:36Massacrato da branco: Pm, indagini difficili, anche omertà

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Molti sono stati ascoltati, alcuni sono stati reticenti, omertosi, altri solo suggestionati dal fatto gravissimo e confusi e ciò può avere determinato ricordi attendibili". Così il procuratore capo di Frosinone Giuseppe De Falco ha spiegato la "difficoltà delle indagini che sono alla fase iniziale e proseguono: il fatto si presta a letture sociologiche ma l'autorità inquirente deve attenersi alla valutazione delle emergenze istruttorie - ha aggiunto il magistrato - e non possiamo farci condizionare da affermazioni tipo pestaggio di gruppo, dobbiamo valutare la posizione di tutti".

12:28Massacrato da branco: Emanuele aggredito più volte

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "I due fermati sono gli autori dell'aggressione letale che ha causato le lesioni al capo mortali". Così il Procuratore capo di Frosinone Giuseppe De Falco sui fermi per la morte di Emanuele Morganti. "Una volta fuori da locale e in posti diversi ci sono state più aggressioni da parte di alcune persone, aggressioni con modalità diverse ed intensità diverse", ha aggiunto. "Sono stati ravvisati indizi gravi nei confronti di due persone che sono state fermate a Roma - ha detto ancora -. Sono quelle nei cui confronti alla luce della ricostruzioni ci sono indizi univoci sulla condotta violenta nella fase terminale".

12:26Calcio: cantiere Arsenal, 12 sono in scadenza di contratto

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - L'era di Arsène Wenger volge al termine e molti calciatori, come l'allenatore francese, potrebbero lasciare l'Arsenal. La squadra londinese, in vista del futuro, è un cantiere aperto, come conferma il dato relativo ai contratti di 12 giocatori, che scadranno a giugno o l'anno prossimo. Il primo contratto in scadenza saranno quelli di Santi Cazorla e Yaya Sanogo. Al centrocampista spagnolo, che in questo momento è infortunato, non dispiacerebbe tornare nella Liga. Gli altri 10 'gunners' sono legati al club fino al 2018, tra loro anche Alexis Sanchez e Mesut Ozil: il primo sembra intenzionato a tornare in Serie A, mentre il fantasista tedesco ha recentemente dichiarato di "trovarsi bene", a Londra. Anche i vari Ramsey, Oxlade-Chamberlain, Gibbs, Mertesacker e Jenkinson hanno i contratti in scadenza 2018, come Jack Wilshere, Wojciech Szczesny e Joel Campbell, attualmente in prestito al Bournemouth, alla Roma e allo Sporting Lisbona. Il loro futuro dipenderà dalla scelta dell'allenatore.

12:24Aeronautica: Mattarella a Gioia del Colle per 94/o Arma

(ANSA) - GIOIA DEL COLLE (BARI), 28 MAR - Il presidente della Repubblica e Capo delle Forze armate, Sergio Mattarella, è arrivato all'aeroporto 'Antonio Ramirez' di Gioia del Colle dove poco fa è iniziata la cerimonia per il 94/o anniversario della fondazione dell'Aeronautica militare e per il centenario della costituzione dei primi cinque gruppi 'caccia'. Alla cerimonia partecipano, tra gli altri, il presidente del Senato, Pietro Grasso, la vice presidente della Camera dei deputati, Marina Sereni, il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, il Capo di Stato maggiore della Difesa, gen. Claudio Graziano, il Capo di Stato maggiore dell'Aeronautica, gen. Enzo Vecciarelli, e il comandante del 36/o Stormo dell'Aeronautica militare, di stanza a Gioia del Colle, col. Bruno Levati. Nel corso della cerimonia Mattarella consegnerà cinque onorificenze al valore aeronautico e due al merito aeronautico a sette militari dell'Arma distintisi in complesse operazioni di servizio.

12:23Senato: arrivata lettera dimissioni Minzolini

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Augusto Minzolini ha presentato in mattinata al Senato la sua lettera di dimissioni da parlamentare. Ora le sue dimissioni dovranno essere accettate o meno dall'Assemblea di Palazzo Madama. "Oggi mi sono dimesso. Sono andato stamattina e ho presentato la lettera. Perché sono una persona seria e non prendo lezioni da altri. La lettera l'ho presentata alla Presidenza del Senato", ha detto poi Minzolini a L'aria che tira su La7.

12:23Garlasco: archiviata a Pavia inchiesta bis su Sempio

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - Il gip di Pavia Fabio Lambertucci ha archiviato l'inchiesta su Andrea Sempio, il giovane finito indagato per l'omicidio di Chiara Poggi in seguito al deposito al pg di Milano di indagini genetiche commissionate dai legali di Alberto Stasi, l'ex fidanzato della giovane che sta scontando una condanna definitiva a 16 anni di carcere. Il giudice di Pavia con un provvedimento depositato oggi ha accolto l'istanza del procuratore aggiunto Mario Venditti e del pm Giulia Pezzino.

Archivio Ultima ora