La riforma delle pensioni non deve dimenticare i nostri emigrati

Pubblicato il 12 settembre 2016 da redazione

pensionati2

ROMA – In una nota congiunta i deputati del Pd, eletti nella circoscrizione Estero, Marco Fedi e Fabio Porta ricordano che “abbiamo più volte preannunciato i possibili provvedimenti del Governo in materia pensionistica nella prossima legge di stabilità e nelle leggi collegate. Il Governo Renzi intende introdurre alcune misure che solo in parte interesseranno i connazionali all’estero già pensionati o pensionandi.

Siamo ovviamente favorevoli all’innalzamento dell’importo della Quattordicesima, all’ampliamento della platea di aventi diritto alla “no tax area”, alla flessibilità dell’età pensionabile, alle agevolazioni pensionistiche per i lavori usuranti.

Riteniamo tuttavia che questi provvedimenti, alcuni dei quali si applicheranno anche ai nostri connazionali senza che il legislatore lo preveda esplicitamente, siano utili e necessari ma non sufficienti. Infatti ci siamo impegnati nel corso della legislatura al fine di informare e sensibilizzare Parlamento e Governo sui diritti socio-previdenziali dimenticati o inesauditi dei residenti all’estero”.

“Tra questi vogliamo ricordare – proseguono i due parlamentari – l’aumento dell’importo minimale delle pensioni in regime internazionale per fronteggiare e risolvere il problema dei pro-rata irrisori che sono migliaia e che rappresentano un imbarazzo se non un’ignominia per lo Stato italiano. Abbiamo presentato una proposta di legge che prevede l’innalzamento del minimale da 1/40mo a 1/20mo del trattamento minimo per ogni anno di contribuzione fatto valere in Italia.

Abbiamo inoltre proposto una sanatoria degli indebiti pensionistici a determinate condizioni: ma si tratta di una annosa problematica che non si vuole trattare per timore dei costi e per l’incapacità di capire che gli indebiti si formano, quasi sempre, per ragioni assolutamente indipendenti dalla volontà e responsabilità dei nostri pensionati all’estero.

Una sanatoria sarebbe un semplice atto di giustizia, aiuterebbe tanti connazionali disperati perché non in grado di restituire l’indebito, contrarrebbe il difficile lavoro di recupero da parte dell’Inps e porterebbe consenso alle forze politiche che la approvassero.

Abbiamo chiesto al Governo – proseguono Fedi e Porta – di valutare la possibilità di far rientrare nel campo di applicazione soggettivo delle convenzioni bilaterali di sicurezza sociale anche i dipendenti pubblici finora esclusi (cosa già fatta nei Regolamenti comunitari di sicurezza sociale che ora coprono sia i lavoratori del settore pubblico che i liberi professionisti): secondo noi si tratta di un obiettivo che potrebbe essere perseguito con degli scambi di note con gli altri Paesi contraenti informandoli (come previsto dalle convenzioni) che il settore dei dipendenti pubblici è ora gestito dall’Inps e chiedendone quindi l’inclusione nelle convenzioni bilaterali di sicurezza sociale.

Abbiamo chiesto che nel calcolo della Quattordicesima siano presi in considerazione anche i contributi esteri in modo da rivalutarne l’importo, abbiamo chiesto che l’importo aggiuntivo di dicembre sia erogato anche ai pensionati residenti all’estero i quali abbiano chiesto la detassazione della loro pensione alla fonte e che fino ad ora sono stati ingiustamente esclusi dal beneficio.

Ci siamo battuti per l’introduzione di procedure più snelle e più semplici per la certificazione dell’Esistenza in vita che ha messo a dura prova la pazienza di pensionati e di patronati, ritenendo inoltre che le campagne per l’esistenza in vita debbano essere dilatate nel tempo (magari ogni tre anni).

In merito all’esportabilità delle pensioni italiane siamo riusciti ad evitare (per ora) che il Governo – su suggerimento dell’Inps e forse del Ministero del Lavoro – introducesse il principio dell’inesportabilità nei Paesi extracomunitari delle prestazioni legate al reddito, come l’integrazione al trattamento minimo e le maggiorazioni sociali.

Sarebbe infine opportuno – concludono Fedi e Porta – non dimenticare le questioni fiscali a partire dalle convenzioni contro le doppie imposizioni con Brasile, Canada e Francia che ancora oggi presentano delle gravi criticità che mettono a rischio una tutela adeguata dei diritti dei nostri pensionati residenti in quei Paesi. Sono questi alcuni degli obiettivi che ci prefiggiamo nell’ambito previdenziale e che non mancheremo di perseguire nel prosieguo della nostra attività politica e parlamentare”.

Ultima ora

04:26Corea Nord, possibile test bomba H in Pacifico

(ANSA) - PECHINO, 22 SET - La Corea del Nord potrebbe condurre il più potente test di bomba all'idrogeno nel Pacifico, tra le "azioni di più alto livello" contro gli Usa. E' l'ipotesi espressa dal ministro degli Esteri nordcoreano Ri Yong-ho in merito alle affermazioni del leader Kim Jong-un, che sta considerando iniziative in risposta al presidente americano Donald Trump e alla sua minaccia di "distruzione totale" del Paese asiatico.

01:37Corea del Nord, Kim: Trump è folle e pagherà per minacce

(ANSA) - PYONGYANG, 22 SET - Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha definito Donald Trump "un folle" e ha aggiunto che il presidente statunitense "pagherà caro" per le sue minacce. Kim ha accusato Trump di non essere adeguato per ricoprire il ruolo di "comandante in capo di un Paese". Il capo del regime nordcoreano ha descritto il presidente Usa come "una canaglia e un bandito, desideroso di giocare con il fuoco". Le parole di Kim arrivano in risposta al bellicoso discorso fatto da Trump sulla Corea del Nord all'assemblea generale dell'Onu.

00:40Calcio: Liga, nuovo stop per la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Nuovo stop per la Real Sociedad, battuta 3-0 a Valencia dal Levante, in una delle tre gare che giovedì sera hanno chiuso la quinta giornata di Liga. La formazione di San Sebastian, sconfitta in casa domenica scorsa dal Real Madrid, perde così ulteriore terreno dalle zone alte della classifica. Pareggi sugli altri due campi: 0-0 fra Villarreal ed Espanyol, 1-1 fra Celta Vigo e Getafe. Classifica: Barcellona 15 punti; Siviglia 13; Atletico Madrid 11; Valencia, Levante, Real Sociedad e Betis 9; Real Madrid 8; Villarreal, Athletic Bilbao e Leganes 7; Las Palmas ed Eibar 6; Getafe, Girona ed Espanyol 5; Celta e Deportivo 4; Alaves e Malaga 0.

00:16Calcio: primo dispiacere per Mancini, Zenit fuori in Coppa

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Primo dispiacere per Roberto Mancini alla guida dello Zenit: questa sera, infatti, la squadra di San Pietroburgo è stata eliminata dalla Coppa di Russia per mano di un club rivale cittadino di seconda divisione, la Dynamo San Pietroburgo. Lo Zenit, solitario in vetta al campionato (imbattuto dopo dieci giornate), è stato sconfitto per 3-2 ai tempi supplementari in una delle gare dei sedicesimi di finale. Rimasti in dieci dopo pochi minuti per l'espulsione di Mevlja, gli uomini di Mancini sono andati a riposo sotto di due reti ma, grazie alla reazione nella ripresa, sono riusciti a rimettere in equilibrio la situazione con i gol dell'ex romanista Paredes e di Poloz; ai supplementari, tuttavia, è arrivato il terzo gol della Dynamo con un rigore di Kulishev (autore di una doppietta, di Barsov l'altra marcatura).

23:40M5s: votazioni candidato premier proseguono

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Proseguiranno anche domani mattina le votazioni sulla piattaforma Rousseau per la scelta del candidato premier del M5s. Il blog di Beppe Grillo, al termine della prima proroga stabilità alle 23 di questa sera, annuncia che le votazioni verranno riprese anche domani mattina dalle 8 fino alle 12.

23:33Calcio: Emery, rigorista Neymar o Cavani? Conta segnare

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "I rigoristi sono Neymar e Cavani. Chi dei due è il numero uno? L'importante è segnare". Unai Emery, tecnico del Paris Saint-Germain, glissa così sulla vicenda della lite tra i fuoriclasse brasiliano e uruguaiano che in questi giorni ha agitato lo spogliatoio del club. L'allenatore, parlando in conferenza stampa in vista del ritorno in campo sabato a Montpellier, ha inteso in questo modo non creare favoritismi tra i due compagni di squadra dopo l'episodio del rigore conteso, domenica scorsa nella gara contro il Lione. Il tecnico spagnolo, d'altronde, avrebbe parlato con entrambi i giocatori ed è lecito ritenere che, se non una gerarchia, quantomeno un accordo sia stato raggiunto per far sì che al prossimo rigore non si ripeta lo stesso problema. Secondo "L'Equipe", intanto, Neymar avrebbe già presentato le sue scuse a tutta la squadra per l'accaduto. Il brasiliano, precisa il quotidiano francese, avrebbe parlato ieri prima dell'allenamento, con il supporto da interprete del connazionale Thiago Silva.

22:55Vaticano: processo, Spina, “Bertone chiarì col Papa”

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 SET - La vicenda della ristrutturazione dell'attico del Segretario di Stato emerito, con soldi della Fondazione Bambino Gesù, era stata chiarita dallo stesso cardinale Tarcisio Bertone, "di persona, con il Santo Padre". Lo ha riferito nel corso dell'interrogatorio Massimo Spina, ex tesoriere della Fondazione Bambino Gesù, accusato di peculato. "Me lo disse il presidente Profiti dopo il clamore mediatico" sulla vicenda nel maggio 2014. "Avevo un compito di carattere esecutivo, dovevo dare costante contezza contabile della situazione finanziaria della Fondazione Bambino Gesù"; "Non disponevo neanche di un centesimo"; "Non potevo neanche comprare una penna". E' questa la linea di difesa dell'ex tesoriere del Bambino Gesù, Massimo Spina, accusato con l'ex presidente Giuseppe Profiti, di peculato per la destinazione di 422mila euro della Fondazione per la ristrutturazione dell'appartamento del cardinale Tarcisio Bertone, ex Segretario di Stato.

Archivio Ultima ora