Inter vittoria e rischi, a Pescara risolve Icardi

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

Pescara's midfielder Valerio Verre, left, and Inter's goalkeeper Samir Handanovic, right, in action during  the Italian Serie A soccer match Pescara Calcio vs Fc Inter at Adriatico stadium  Giovanni Cornacchia in Pescara, Italy, September 11  2016. ANSA/Massimiliano Schiazza

Pescara’s midfielder Valerio Verre, left, and Inter’s goalkeeper Samir Handanovic, right, in action during the Italian Serie A soccer match Pescara Calcio vs Fc Inter at Adriatico stadium Giovanni Cornacchia in Pescara, Italy, September 11 2016. ANSA/Massimiliano Schiazza

PESCARA. – L’Inter deve dire grazie a Mauro Icardi, ma anche alle disattenzioni nel finale di partita di un Pescara che avrebbe meritato ampiamente il pari. Di buono, per i nerazzurri, c’è solo il risultato, dopo una prova migliore delle precedenti, ma ancora non da Inter. Se non fosse stato per Handanovic, il migliore fra i suoi con Maurito, probabilmente, le cose sarebbero andate in maniera forse diversa, visto che il gol di Icardi è arrivato nel primo dei tre minuti di recupero.

Frank De Boer può tirare un sospiro di sollievo, ma domenica contro la Juventus ci vorrà ben’altra prova. Per il Pescara tanto amaro in bocca, ma la consapevolezza di potersi giocare la salvezza con ambizioni e convinzione nei propri mezzi.

Squadre in campo con gli 11 quasi annunciati. Fra i nerazzurri c’è sulla trequarti Banega, mentre in difesa sulle fasce spazio a D’Ambrosio e Santon. Nel Pescara un po’ a sorpresa Alberto Aquilani è in panchina. In attacco ancora Caprari al centro come falso ‘nueve’. Sugli spalti il tutto esaurito.

Si comincia con la squadra di Frank De Boer costantemente in avanti al cospetto di un Pescara piuttosto timoroso. I nerazzurri fanno tanto possesso palla e al 10′ Bizzarri con i pugni salva. Passa un minuto poco più e Perisic lancia in area Icardi che tocca però debolmente con Bizzarri che para. Con il trascorrere dei minuti, il Pescara riesce pian piano a spostare in avanti il baricentro, creando qualche apprensione nella difesa nerazzurra senza però riuscire a concludere verso lo specchio della porta difesa da Handanovic. La parte finale del primo tempo vede due fiammate biancazzurre.

Al 32′, dopo un pasticcio a centrocampo Benalì, si ritrova in area ma, al momento della conclusione, viene murato, prima dell’occasionissima che capita sui piedi di Cristante che, ben piazzato, mette incredibilmente a lato. L’Inter risponde e al 34′ c’è una doppia parata di Bizzarri su Banega e Candreva.

La squadra nerazzurra colleziona calci d’angolo prima della traversa di Verre al 43′ e della parata di Handanovic al 44′ su tiro ci Cristante. I tifosi abruzzesi si disperano, ma il gol non arriva e le due squadre rientrano negli spogliatoi sullo 0-0.

Si ricomincia con gli stessi 22 del primo tempo. Al 5′ Icardi di testa con una conclusione a fil di palo. Al 6′ la risposta è di Memushaj con la parata in angolo di Handanovic. Al 9′ ci prova Candreva che manca di pochissimo il bersaglio. Al 12′ è molto più pericoloso Banega che chiama Bizzarri al salvataggio con i piedi Bizzarri. Sull’angolo seguente colpo di testa poi alto di Icardi.

Oddo vuole provare a vincere la partita e manda in campo Bahebeck al posto di Benali e il neoentrato segna il gol del vantaggio adriatico, mettendo di piatto in rete a due passi da Handanovic che poi si immola al 22′, salvando con un miracolo su Valerio Verre lanciato a rete. Passa qualche istante e arriva l’esordio nel Pescara di Alberto Aquilani che prende il posto proprio di Verre, a lungo inseguito in estate dai nerazzurri.

Il Pescara ci crede e al 27′ è ancora Bahebeck a rendersi pericoloso. De Boer non ci sta e manda in campo alla mezz’ora tre punte: Palacio, Eder e Jovetic, con il pareggio di Icardi che al 32′ trova di testa il gol del pareggio su cross perfetto di Banega. Il finale di gara vede al 39′ la parata incredibile di Handanovic dopo un velo di Bahebeck, prima del rovente finale con il miracolo al 45′ di Bizzarri e poi la rete di Icardi che regala all’Inter la prima vittoria della stagione.

Ultima ora

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

Archivio Ultima ora