Renzi: apertura totale a Italicum, ma stop a fango delle correnti

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento alla chiusura alla Festa dell'Unità a Catania, 11 settembre 2016. ANSA/ UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI/ TIBERIO BARCHIELLI

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento alla chiusura alla Festa dell’Unità a Catania, 11 settembre 2016. ANSA/ UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI/ TIBERIO BARCHIELLI

CATANIA. – Conferma la “disponibilità totale” a parlare di modifiche alla legge elettorale: “Fate le vostre proposte, faremo la nostra”. Ma nel chiudere la Festa nazionale dell’Unità, Matteo Renzi riserva parole di fuoco alla sinistra Pd e “all’esperto di passato” Massimo D’Alema.

E a chi minaccia di votare No al referendum costituzionale se l’Italicum non cambierà, dice: “Alcuni leader del passato vorrebbero fregarci il futuro con risse interne quotidiane. Ma non ci faremo trascinare nella guerra del fango delle correnti”, sillaba il premier.

Ma i suoi toni fanno insorgere la minoranza. “Ad oggi voto No”, dice Roberto Speranza, ‘delfino’ di Bersani. E Gianni Cuperlo avverte che la rottura è un “rischio concreto”.

Renzi spiega di aver scelto di organizzare per la prima volta al Sud la festa nazionale dell’Unità per abbattere “sterili luoghi comuni” e valorizzare la “straordinaria forza inespressa” del Meridione. Cita gli illustri siciliani Archimede, Bartolo, La Pira e il “punto di riferimento per autorevolezza” Sergio Mattarella.

E non si fa scomporre né dai contestatori isolati che vociano dal pubblico (un insegnante, un sostenitore del ponte sullo stretto…), né dalle proteste che inducono le forze dell’ordine a blindare Catania e che poi sfociano in scontri con due fermati: “Svolgiamo una funzione sociale per i contestatori…”, scherza, ma chi “spacca tutto nega il futuro”.

La platea, che complice anche la pioggia si riempie solo alla fine, esplode in applausi nei passaggi sferzanti per gli avversari. “Tenetevi le vostre camicie verdi e lasciate le magliette della polizia, a cui avevate bloccato i contratti, a chi è degno di portarle”, dice a Matteo Salvini. “Il M5s è diventato il Partito 5 stelle. Si sono chiusi nelle loro stanze e se le stanno dando di santa ragione”, dice ai grillini.

Ma al Pd – in platea, accanto al marito Dario Franceschini, c’è Michela De Biase, capogruppo in Comune – chiede di “non attaccare Virginia Raggi, per rispetto degli elettori”. E ancora, toni accesi sull’Europa: “Hollande e Tsipras sono venuti sulle nostre posizioni – rivendica – Basta con austerity e tesi ardite del fiscal compact. Le regole non sono un totem se c’è chi non arriva a fine mese”.

Ma è il referendum il cuore del discorso, il “bivio tra futuro e palude” in vista del quale Renzi vuol mobilitare il Pd per il Sì. Ci tiene, il premier, a ricordare che la riforma è “iscritta nella storia del Pd”, dal Pci al Pds. E lo rinfaccia a Massimo D’Alema, citando (con tanto di imitazione) un passaggio di un libro del ’95 in cui l’ex premier difendeva il superamento del bicameralismo perfetto.

Con D’Alema la frattura è insanabile (“Ha detto che la segreteria del Pd vieta di leggere libri. Ma io il suo l’ho letto e lo consiglio perché in realtà è scritto da Velardi e Cuperlo, D’Alema ci ha messo solo la firma”). Ma con il resto della minoranza il leader Dem rivendica di essere stato aperto all’ascolto: “Mi hanno chiesto di non personalizzare? Ho smesso. E ho detto che la legislatura ha una vita a sé, che non parliamo più del governo” e di quel che avverrebbe in caso di vittoria del No.

Anche sulla legge elettorale “abbiamo detto che siamo pronti a discuterne. C’e’ bisogno però che gli altri facciano proposte, noi facciamo le nostre”, dice. Ma poi avverte che minacciare il No fa solo male al Pd: “A chi vuole trasformare il referendum nel congresso, diciamo: se hanno i voti vincano il congresso. Li aspetto. Noi non ci faremo trascinare nella guerra del fango al nostro interno (e neanche al nostro esterno) da chi dimentica che fuori di qui non ci sono le magnifiche sorti progressive, ma destra e populismi”.

In platea, a rappresentare la minoranza Dem, ci sono Roberto Speranza e Nico Stumpo. E la reazione è immediata: non c’è, afferma l’ex capogruppo, l’apertura “concreta” auspicata sulle modifiche all’Italicum. Speranza è pronto a ricredersi, ma “allo stato delle cose il mio voto al referendum è No”. Gli fa eco Miguel Gotor: “Farò campagna per il No”. E Gianni Cuperlo, che ha cercato di tenere un profilo da mediatore, avverte il premier: “Non c’è volontà di ascolto reale. E non è ciò che oggi ci serve di fronte ai rischi concreti di una rottura”.

(dell’inviato Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

23:01Gb, Corbyn accolto come una star al Glastonbury Festival

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Il leader Labour Jeremy Corbyn accolto come una star al Glastonbury Festival, la famosa tre giorni di concerti che si svolge ogni anno nel Somerset. Davanti a una folla di giovani, molti dei quali indossavano magliette con il suo nome, il sessantottenne Corbyn è tornato sui temi centrali della sua campagna elettorale, dal lavoro, ai diritti umani, alla giustizia. Un discorso più volte interrotto dagli applausi del pubblico al quale il leader Labour ha ricordato che "solo uniti si può cambiare il mondo", che la politica riguarda "la vita di tutti i giorni, quello che vogliamo, quello che sogniamo, quello che desideriamo per chi ci sta accanto". Ed ha inviato un messaggio anche al presidente Usa Donald Trump: "Costruisci ponti, non muri". Al termine del suo discorso la folla lo ha salutato intonando il suo nome al ritmo di Seven Nation Army, il pezzo degli White Stripes diventato ormai lo slogan dei suoi fan in campagna elettorale.

22:48Vela: Coppa America,New Zeland e Oracle una vittoria a testa

(ANSA) - HAMILTON (BERMUDA), 24 GIU - Prima vittoria in questa edizione della Coppa America di vela per l'imbarcazione statunitense Oracle del tycoon Larry Ellison, che alla Bermuda si è aggiudicata la regata numero 6 delle finali. In precedenza, l'equipaggio di Emirates Team New Zealand si era imposto nella quinta con il più ampio margine di vantaggio di questi giorni, ovvero 2'04''. Di soli 11 secondi il successo degli americani nel secondo 'match race' di oggi. Ora il punteggio complessivo, tenendo conto che la barca kiwi ha cominciato la serie sul -1, è di 4-1 per la Nuova Zelanda, a cui servono altre tre vittorie per portare a casa il trofeo.

22:37Calcio: Milan, Lotti, su trattativa Kalinic resto neutrale

(ANSA) - FIRENZE, 24 GIU - Sul possibile acquisto del Milan dell'attaccante croato in forza alla Fiorentina, Nikola Kalinic, "io sono neutrale perché non posso né commentare, né fare il mercato del Milan. Spero che il prossimo sia un bel campionato e faccio l' 'in bocca al lupo' a tutte le squadre". Lo ha detto il ministro dello Sport Luca Lotti, di cui è nota la 'fede' calcistica rossonera, ai cronisti a margine della finale del Calcio Storico Fiorentino, in piazza Santa Croce a Firenze a cui ha assistito come 'magnifico messere' della rievocazione storica.

22:31Nuoto: Settecolli, Pellegrini chiude 100 stile al 6/o posto

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Federica Pellegrini ha chiuso al sesto posto la finale dei 100 stile libero degli Internazionali Settecolli di Roma col tempo di 54"48. Ad aggiudicarsi la gara è stata la nuotatrice olandese Ranomi Kromowidjojo col crono di 53"07 davanti alla danese Pernill Blume (53"59) e alla svedese Michelle Coleman (53"64). "Va bene, mi aspettavo questo tempo dopo questa mattina. Va benissimo così, i 100 per me sono più facili quando sono in forma e riesco ad essere anche veloce. Sotto carico invece è un po' difficile, però comunque nuotare costantemente sui 54" basso va benissimo - le parole dell'azzurra che ieri si era imposta in rimonta nei 200 stile libero -. Per me poi gareggiare in questa piscina è sempre fantastico indipendentemente dal risultato, vedere il calore del pubblico è una cosa eccezionale. Ora ci vediamo direttamente a Budapest, io parto per i monti e scenderò per la partenza del Mondiale".

22:29Taekwondo: Mondiali,azzurro Dell’Aquila già in zona medaglie

(ANSA) - MUJU (COREA DEL SUD), 24 GIU - Italia protagonista ai Mondiali di Taekawondo in Corea. Nella prima giornata di competizioni, Vito Dell'Aquila assicura subito una medaglia alla squadra azzurra. Nella categoria -54 kg il 17enne pugliese oro iridato nei cadetti e quest'anno oro europeo Under 21 passa il primo turno battendo per abbandono il kazako Osmonov, poi vince contro l'azero Magomedov e contro l'albanese Gjana. Ai quarti supera abilmente il brasiliano Alves centrando il primo podio azzurro nella manifestazione, in attesa di capire il colore della medaglia. In semifinale il giovanissimo azzurro dovrà vedersela con il beniamino del pubblico di casa, il coreano Kim Tae-Tae Hun. Male che vada, per lui sarà comunque bronzo al primo mondiale. L'azzurra Sarah Al Halwani, anche lei in gara oggi (-46 kg), vince il primo incontro con la sudanese Yousif ma poi viene sconfitta dalla thailandese Charanawat.

22:19Uranio: morto militare malato dopo missione in Afghanistan

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Antonio Attianese, il militare ammalato di tumore dopo essere stato in missione in Afghanistan e che a lungo si era battuto per ottenere un adeguato indennizzo e assunzioni di responsabilità a nome di tutte le vittime dell'uranio impoverito, è morto oggi nella sua casa di Sant' Egidio del Monte Albino. Lo hanno fatto sapere le associazioni Assoranger e Assomilitari fondate da commilitoni che avevano abbracciato la sua causa, da lui presiedute. "Il decesso è avvenuto oggi alle 15,30 dopo lunghi anni di sofferenze per la malattia - senza aver ricevuto le dovute risposte dallo Stato", sottolineano in una nota. Attianese lascia la moglie Maria e due bambini di 5 e 6 anni. "I colleghi - aggiunge la nota - annunciano che 'il caso Attianese' non si chiude con il decesso del collega, ma che la battaglia, che è anzitutto di civiltà e umanità, continuerà nutrita dalla partecipazione dei moltissimi militari che, in tutta Italia, hanno risposto all'appello e aderito alle associazioni Assoranger e Assomilitari".

22:13Due bimbi rischiano di annegare in piscina, malori in acqua

(ANSA) - AULLA (MASSA CARRARA), 24 GIU - La festa di compleanno rischia di finire in tragedia in Lunigiana dove due bambini di 6 anni hanno rischiato di annegare nella piscina di una villetta. Un bimbo è stato trasportato in elicottero all'ospedale Meyer di Firenze, l'altro all'ospedale delle Apuane (Noa) a Marina di Massa. Secondo prime informazioni entrambi non sarebbero in pericolo di vita; quello trasferito al Meyer è in prognosi riservata. I soccorsi sono scattati a Canova di Aulla a una festa di compleanno: fra le attrazioni proprio la piscina, dove i bambini hanno fatto il bagno trovando refrigerio. Verso le 17, secondo una ricostruzione al vaglio dei carabinieri, i due hanno accusato malori mentre stavano facendo il bagno, molto probabilmente per una congestione. Ad accorgersene i genitori degli altri bimbi, che si sono buttati in acqua per salvarli e hanno chiamato il 118.(ANSA).

Archivio Ultima ora