Renzi: apertura totale a Italicum, ma stop a fango delle correnti

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento alla chiusura alla Festa dell'Unità a Catania, 11 settembre 2016. ANSA/ UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI/ TIBERIO BARCHIELLI

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento alla chiusura alla Festa dell’Unità a Catania, 11 settembre 2016. ANSA/ UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI/ TIBERIO BARCHIELLI

CATANIA. – Conferma la “disponibilità totale” a parlare di modifiche alla legge elettorale: “Fate le vostre proposte, faremo la nostra”. Ma nel chiudere la Festa nazionale dell’Unità, Matteo Renzi riserva parole di fuoco alla sinistra Pd e “all’esperto di passato” Massimo D’Alema.

E a chi minaccia di votare No al referendum costituzionale se l’Italicum non cambierà, dice: “Alcuni leader del passato vorrebbero fregarci il futuro con risse interne quotidiane. Ma non ci faremo trascinare nella guerra del fango delle correnti”, sillaba il premier.

Ma i suoi toni fanno insorgere la minoranza. “Ad oggi voto No”, dice Roberto Speranza, ‘delfino’ di Bersani. E Gianni Cuperlo avverte che la rottura è un “rischio concreto”.

Renzi spiega di aver scelto di organizzare per la prima volta al Sud la festa nazionale dell’Unità per abbattere “sterili luoghi comuni” e valorizzare la “straordinaria forza inespressa” del Meridione. Cita gli illustri siciliani Archimede, Bartolo, La Pira e il “punto di riferimento per autorevolezza” Sergio Mattarella.

E non si fa scomporre né dai contestatori isolati che vociano dal pubblico (un insegnante, un sostenitore del ponte sullo stretto…), né dalle proteste che inducono le forze dell’ordine a blindare Catania e che poi sfociano in scontri con due fermati: “Svolgiamo una funzione sociale per i contestatori…”, scherza, ma chi “spacca tutto nega il futuro”.

La platea, che complice anche la pioggia si riempie solo alla fine, esplode in applausi nei passaggi sferzanti per gli avversari. “Tenetevi le vostre camicie verdi e lasciate le magliette della polizia, a cui avevate bloccato i contratti, a chi è degno di portarle”, dice a Matteo Salvini. “Il M5s è diventato il Partito 5 stelle. Si sono chiusi nelle loro stanze e se le stanno dando di santa ragione”, dice ai grillini.

Ma al Pd – in platea, accanto al marito Dario Franceschini, c’è Michela De Biase, capogruppo in Comune – chiede di “non attaccare Virginia Raggi, per rispetto degli elettori”. E ancora, toni accesi sull’Europa: “Hollande e Tsipras sono venuti sulle nostre posizioni – rivendica – Basta con austerity e tesi ardite del fiscal compact. Le regole non sono un totem se c’è chi non arriva a fine mese”.

Ma è il referendum il cuore del discorso, il “bivio tra futuro e palude” in vista del quale Renzi vuol mobilitare il Pd per il Sì. Ci tiene, il premier, a ricordare che la riforma è “iscritta nella storia del Pd”, dal Pci al Pds. E lo rinfaccia a Massimo D’Alema, citando (con tanto di imitazione) un passaggio di un libro del ’95 in cui l’ex premier difendeva il superamento del bicameralismo perfetto.

Con D’Alema la frattura è insanabile (“Ha detto che la segreteria del Pd vieta di leggere libri. Ma io il suo l’ho letto e lo consiglio perché in realtà è scritto da Velardi e Cuperlo, D’Alema ci ha messo solo la firma”). Ma con il resto della minoranza il leader Dem rivendica di essere stato aperto all’ascolto: “Mi hanno chiesto di non personalizzare? Ho smesso. E ho detto che la legislatura ha una vita a sé, che non parliamo più del governo” e di quel che avverrebbe in caso di vittoria del No.

Anche sulla legge elettorale “abbiamo detto che siamo pronti a discuterne. C’e’ bisogno però che gli altri facciano proposte, noi facciamo le nostre”, dice. Ma poi avverte che minacciare il No fa solo male al Pd: “A chi vuole trasformare il referendum nel congresso, diciamo: se hanno i voti vincano il congresso. Li aspetto. Noi non ci faremo trascinare nella guerra del fango al nostro interno (e neanche al nostro esterno) da chi dimentica che fuori di qui non ci sono le magnifiche sorti progressive, ma destra e populismi”.

In platea, a rappresentare la minoranza Dem, ci sono Roberto Speranza e Nico Stumpo. E la reazione è immediata: non c’è, afferma l’ex capogruppo, l’apertura “concreta” auspicata sulle modifiche all’Italicum. Speranza è pronto a ricredersi, ma “allo stato delle cose il mio voto al referendum è No”. Gli fa eco Miguel Gotor: “Farò campagna per il No”. E Gianni Cuperlo, che ha cercato di tenere un profilo da mediatore, avverte il premier: “Non c’è volontà di ascolto reale. E non è ciò che oggi ci serve di fronte ai rischi concreti di una rottura”.

(dell’inviato Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

13:02Usa: ‘Profughi sono benvenuti’, striscione su statua Libertà

(ANSA) - NEW YORK, 22 FEB - Un enorme striscione con su scritto 'I profughi sono benvenuti' è stato srotolato ai piedi della Statua della Libertà ed è rimasto sulla base per oltre un'ora prima che la polizia lo rimuovesse. Il fatto è avvenuto ieri sera, poche ore dopo l'annuncio del presidente Donald Trump di una stretta sull'immigrazione illegale.

12:39Pd: Serracchiani, contenta che Emiliano sia rimasto

(ANSA) - TRIESTE, 22 FEB - "Sono contenta che sia rimasto Emiliano all'interno del partito, e che si sia candidato". Lo ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia e vicesegretaria del Pd, Debora Serracchiani, a margine di una cerimonia stamani al Porto di Trieste. "E' una candidatura assolutamente valida come tutte le altre - ha aggiunto Serracchiani - e auspico anzi che chi fino a ieri ha dichiarato che sarebbe stato fuori dal Pd magari ci ripensi e, con un gesto di grande solidarietà nei confronti della comunità che ha contribuito a costruire, torni dentro".

12:38Terremoto: ‘Back to Campi’, il borgo riparte dopo le scosse

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 22 FEB - E' stato completato il progetto 'Back to Campi', ideato dalla Pro loco per rilanciare il piccolo borgo medievale della Val Castoriana a ridosso del Parco dei Sibillini, a 11 chilometri da Norcia, duramente colpito dal terremoto: prevede un'area con bungalow in legno completi di ogni confort, una piscina di 25 metri per 12,5, servizi e un'area verde per i bambini. Un'altra porzione di quello che si prefissa di essere un vero e proprio villaggio turistico sarà dedicata agli amanti del campeggio, con piazzole attrezzate per camper, roulotte e tende. Non troppo lontano barbecue, posti a sedere e servizi igienici. Ora si tratta di trovare i tre milioni di euro che servono per realizzare tutto ciò. Illustra all'ANSA i dettagli del progetto Roberto Sbriccoli, il presidente della Pro loco, la quale intanto sta acquisendo le aree per realizzare il villaggio.

12:38Renzi, parlato poco di green economy, focus al Lingotto

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - "La questione ambientale, legata alla sostenibilità e alla green economy, è sempre più centrale nel mondo. Durante i mille giorni abbiamo fatto molto per questo settore ma ne abbiamo parlato poco. E ad ogni modo quello che abbiamo fatto ancora non basta". Lo scrive Matteo Renzi sul suo blog, raccontando la prima giornata in California. Renzi rinvia all'appuntamento del Lingotto, dove presenterà la sua mozione congressuale, per un approfondimento sul tema: "La sfida per l'auto elettrica, i contatori digitali, le città intelligenti, il consumo sostenibile e consapevole non sono più questioni da addetti ai lavori, ma grandi temi del nostro futuro prossimo. Ci torneremo sopra a cominciare dall'appuntamento del Lingotto (10-12 marzo) dove discuteremo a lungo anche di questo".

12:33Sud Sudan: Papa, portare cibo, non solo dichiarazioni

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 22 FEB - "Destano particolare apprensione le dolorose notizie che giungono dal martoriato Sud Sudan, dove ad un conflitto fratricida si unisce una grave crisi alimentare che colpisce il Corno d'Africa e che condanna alla morte per fame milioni di persone, tra cui molti bambini". Lo ha detto il Papa alla fine dell'udienza generale. "E' più che mai necessario l'impegno di tutti - ha sottolineato il pontefice - a non fermarsi solo a dichiarazioni, ma a rendere concreti gli aiuti alimentari e a permettere che possano giungere alle popolazioni sofferenti".

12:33Salvini, barricate da tassisti contro ius soli in Parlamento

(ANSA) - MILANO, 22 FEB - "Se metteranno in votazione lo ius soli per gli immigrati, "le barricate a mo' di tassista le facciamo non fuori ma dentro il Parlamento". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, rispondendo a un ascoltatore a Radio Padania. "Anche se ovviamente spero di fermare prima questa follia", ha aggiunto Salvini, confidando nel fatto che "un Pd tenuto in piedi con lo scotch non verrà a imporci questa follia". Nella diretta con la radio del partito, Salvini ha ribadito a più riprese le sue posizioni contro i nuovi migranti, prendendo spunto anche dall'ultimo fatto di cronaca sul traghetto Cagliari-Napoli. "Dobbiamo vincere al più presto - ha sostenuto il segretario della Lega - o qualcuno passa a maniere più spicce".

12:33Turismo: Tripadvisor, spiaggia Conigli la più bella d’Italia

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Se è vero come diceva lo scrittore francese Jean-Claude Izzo che "di fronte al mare la felicità è un'idea semplice" la Spiaggia dei Conigli a Lampedusa, Cala Mariolu e Cala Goloritze in Ogliastra sono le vere "regine" d'Italia. Sono infatti in testa alla classifica italiana dei Travelers' Choice Beaches Awards 2017 di TripAdvisor. Ben 343 le spiagge premiate con la vittoria della Spagna con La Concha a San Sebastian a livello europeo e del Brasile con Baia do Sancho a livello mondiale. A livello italiano appunto torna in prima posizione la Spiaggia dei Conigli, che scala ben tre gradini della classifica rispetto allo scorso anno, ma è la Sardegna la regione più premiata con ben 5 spiagge premiate su 10: oltre a Cala Mariolu e Cala Goloritze sul podio ci sono infatti La Pelosa a Stintino (5/a), Porto Giunco a Villasimius (6/a) e Is Aruttas a Cabras (10/a). A livello europeo la Spiaggia dei Conigli è 5/a nella top ten ma nella top 25 Italia, Grecia e Spagna sono le più premiate con 5 riconoscimenti a testa. Delusione a livello mondiale con nessuna "bellezza" italiana tra le prime 10 in classifica. Questa la classifica italiana: 1.Spiaggia dei Conigli, Lampedusa, Agrigento 2.Cala Mariolu, Baunei, Ogliastra 3.Cala Goloritze, Baunei, Ogliastra 4.Cala Rossa, Favignana, Trapani 5.La Pelosa, Stintino, Sassari 6.Porto Giunco, Villasimius, Cagliari 7.Baia del Silenzio, Sestri Levante, Genova 8.Cala Bianca, Marina di Camerota, Salerno 9.Spiaggia di Tropea, Tropea, Vibo Valentia 10.Is Aruttas, Cabras, Oristano Questa la classifica europea: 1.La Concha, San Sebastian, Spagna 2.Elafonissi Beach, Elafonissi, Grecia 3.Côte des Basques, Biarritz, Francia 4.Fig Tree Bay, Protaras, Cipro 5.Spiaggia dei Conigli, Lampedusa, Agrigento 6.Playa de Ses Illetes, Formentera, Spagna 7.Spiaggia e laguna di Balos, Kissamos, Grecia 8.Kleftiko Beach, Milos, Grecia 9.Weymouth Beach, Weymouth, Regno Unito 10.Playa de Muro, Maiorca, Spagna

Archivio Ultima ora