Renzi: apertura totale a Italicum, ma stop a fango delle correnti

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento alla chiusura alla Festa dell'Unità a Catania, 11 settembre 2016. ANSA/ UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI/ TIBERIO BARCHIELLI

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento alla chiusura alla Festa dell’Unità a Catania, 11 settembre 2016. ANSA/ UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI/ TIBERIO BARCHIELLI

CATANIA. – Conferma la “disponibilità totale” a parlare di modifiche alla legge elettorale: “Fate le vostre proposte, faremo la nostra”. Ma nel chiudere la Festa nazionale dell’Unità, Matteo Renzi riserva parole di fuoco alla sinistra Pd e “all’esperto di passato” Massimo D’Alema.

E a chi minaccia di votare No al referendum costituzionale se l’Italicum non cambierà, dice: “Alcuni leader del passato vorrebbero fregarci il futuro con risse interne quotidiane. Ma non ci faremo trascinare nella guerra del fango delle correnti”, sillaba il premier.

Ma i suoi toni fanno insorgere la minoranza. “Ad oggi voto No”, dice Roberto Speranza, ‘delfino’ di Bersani. E Gianni Cuperlo avverte che la rottura è un “rischio concreto”.

Renzi spiega di aver scelto di organizzare per la prima volta al Sud la festa nazionale dell’Unità per abbattere “sterili luoghi comuni” e valorizzare la “straordinaria forza inespressa” del Meridione. Cita gli illustri siciliani Archimede, Bartolo, La Pira e il “punto di riferimento per autorevolezza” Sergio Mattarella.

E non si fa scomporre né dai contestatori isolati che vociano dal pubblico (un insegnante, un sostenitore del ponte sullo stretto…), né dalle proteste che inducono le forze dell’ordine a blindare Catania e che poi sfociano in scontri con due fermati: “Svolgiamo una funzione sociale per i contestatori…”, scherza, ma chi “spacca tutto nega il futuro”.

La platea, che complice anche la pioggia si riempie solo alla fine, esplode in applausi nei passaggi sferzanti per gli avversari. “Tenetevi le vostre camicie verdi e lasciate le magliette della polizia, a cui avevate bloccato i contratti, a chi è degno di portarle”, dice a Matteo Salvini. “Il M5s è diventato il Partito 5 stelle. Si sono chiusi nelle loro stanze e se le stanno dando di santa ragione”, dice ai grillini.

Ma al Pd – in platea, accanto al marito Dario Franceschini, c’è Michela De Biase, capogruppo in Comune – chiede di “non attaccare Virginia Raggi, per rispetto degli elettori”. E ancora, toni accesi sull’Europa: “Hollande e Tsipras sono venuti sulle nostre posizioni – rivendica – Basta con austerity e tesi ardite del fiscal compact. Le regole non sono un totem se c’è chi non arriva a fine mese”.

Ma è il referendum il cuore del discorso, il “bivio tra futuro e palude” in vista del quale Renzi vuol mobilitare il Pd per il Sì. Ci tiene, il premier, a ricordare che la riforma è “iscritta nella storia del Pd”, dal Pci al Pds. E lo rinfaccia a Massimo D’Alema, citando (con tanto di imitazione) un passaggio di un libro del ’95 in cui l’ex premier difendeva il superamento del bicameralismo perfetto.

Con D’Alema la frattura è insanabile (“Ha detto che la segreteria del Pd vieta di leggere libri. Ma io il suo l’ho letto e lo consiglio perché in realtà è scritto da Velardi e Cuperlo, D’Alema ci ha messo solo la firma”). Ma con il resto della minoranza il leader Dem rivendica di essere stato aperto all’ascolto: “Mi hanno chiesto di non personalizzare? Ho smesso. E ho detto che la legislatura ha una vita a sé, che non parliamo più del governo” e di quel che avverrebbe in caso di vittoria del No.

Anche sulla legge elettorale “abbiamo detto che siamo pronti a discuterne. C’e’ bisogno però che gli altri facciano proposte, noi facciamo le nostre”, dice. Ma poi avverte che minacciare il No fa solo male al Pd: “A chi vuole trasformare il referendum nel congresso, diciamo: se hanno i voti vincano il congresso. Li aspetto. Noi non ci faremo trascinare nella guerra del fango al nostro interno (e neanche al nostro esterno) da chi dimentica che fuori di qui non ci sono le magnifiche sorti progressive, ma destra e populismi”.

In platea, a rappresentare la minoranza Dem, ci sono Roberto Speranza e Nico Stumpo. E la reazione è immediata: non c’è, afferma l’ex capogruppo, l’apertura “concreta” auspicata sulle modifiche all’Italicum. Speranza è pronto a ricredersi, ma “allo stato delle cose il mio voto al referendum è No”. Gli fa eco Miguel Gotor: “Farò campagna per il No”. E Gianni Cuperlo, che ha cercato di tenere un profilo da mediatore, avverte il premier: “Non c’è volontà di ascolto reale. E non è ciò che oggi ci serve di fronte ai rischi concreti di una rottura”.

(dell’inviato Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

17:53Assad, niente dialogo se Occidente non taglia con ribelli

(ANSA) - DAMASCO, 20 AGO - Il presidente siriano Bashar Assad ha rifiutato oggi qualsiasi collaborazione sulla sicurezza con i paesi occidentali o la riapertura delle loro ambasciate a Damasco fino a quando non verranno tagliati tutti i contatti con i ribelli e i gruppi di opposizione. Parlando a un gruppo di diplomatici siriani, Assad ha lodato la Russia, l'Iran, la Cina e gli Hezbollah libanesi per l'appoggio dato al suo governo. Ha aggiunto che La Siria guarderà ad est quando si tratterà di relazioni politiche, economiche e culturali.

17:50Francia:media,evacuata stazione Marsiglia per pacco sospetto

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - La stazione ferroviaria Saint-Charles a Marsiglia nel sud della Francia è stata evacuata per la presenza di un pacco sospetto. Lo scrive Le Figaro online. Il "piano antiterrorismo Vigipirate è stato attivato intorno alle 15.30 - riferisce un tweet della Sncf, le Ferrovie Francesi - Nessun treno parte o esce dalla stazione per permettere alla polizia di intervenire". (ANSA)

17:50Moto: SBK, in Germania Davies vince anche gara-2

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Ancora Chaz Davies. Il pilota gallese dell'Aruba.it ha vinto anche il secondo round del Gp di Germania di Superbike sul circuito del Lausitzring. Per lui è un 'due su due', visto che ieri si era imposto anche in gara-uno della nona tappa del Mondiale. Oggi sul traguardo Davies ha preceduto di oltre due secondi il leader della classifica iridata Jonathan Rea (Kawasaki), mentre al terzo posto si è piazzato un ottimo Marco Melandri, terzo con l'altra Ducati del team Aruba.it Racing. Prossimo appuntamento dal 15 al 17 settembre all'Autodromo Internacional do Algarve, in Portogallo.

17:47Sicurezza: Boeri, querce al posto delle barriere

(ANSA) - MILANO, 20 AGO - La bellezza contro il terrore, le querce al posto delle barriere, per rendere più sicure le città. La proposta viene da Stefano Boeri, che su facebook invita a "contrapporre all'istinto di morte di queste belve umane la calma presenza delle piante". L'architetto invita gli amministratori a chiamare i creativi per progettare dei grandi vasi riposizionabili, ciascuno con un albero, da collocare agli ingressi di piazze o spazi pubblici. "Con un piccolo investimento, distribuendo accuratamente le piante negli spazi più vitali e aperti delle nostre città - spiega l'autore del Bosco Verticale - possiamo temporaneamente trasformare i nostri luoghi più cari in radure e boschi". Boeri ricorda quanto fatto nel 1982 da Beyus a Kassel: l'artista vendette 7000 pietre all'ingresso della mostra Documenta per comprare altrettante querce da piantare in città. "La sua lezione ci sia oggi di ispirazione per combattere con la vita chi sa solo predicare la morte. Anche una sola quercia può fermare il terrore".(ANSA).

17:33Buffon, ben venga Var se ci dà sembianze sportivi

(ANSA) - TRIESTE, 20 AGO - "L'introduzione del Var aiuterà molto a non esacerbare gli animi, a far sì che ogni tipo di decisione presa dall'arbitro ritrovi una reazione serena da parte di tutti, anche da parte dei tifosi". Lo ha detto il portiere della Juve e della nazionale, Gigi Buffon, commentando oggi, a Trieste, la reazione di squadre e tifosi alla prima applicazione della Var nel campionato di serie A, ieri, nella partita Juventus-Torino. Se serviva questo "per avere delle sembianze da sportivi", ha aggiunto Buffon, "ben venga".

17:16Marini, serve modello stabile protezione civile

(ANSA) - PERUGIA, 20 AGO - Per funzionare al meglio la Protezione civile "ha bisogno di un modello stabile di organizzazione", con "un sistema di comando ben definito": a dirlo è la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini. Che con l'ANSA ha parlato dell'anno trascorso dal terremoto del 24 agosto. "Siamo passati da un'organizzazione leggera - ha detto Marini - a una molto potenziata e strutturata negli anni 2000 e che trova la massima espressione dopo l'Aquila. E' stato poi deciso un sistema di regionalizzazione senza però adeguate risorse finanziarie. Ora gli ultimi provvedimenti, anche di carattere legislativo, provano a stabilizzare l'organizzazione della Protezione civile". Secondo Marini questo "non può che passare da un sistema integrato tra Regioni, Comuni e lo Stato". "Il sistema - ha concluso la presidente umbra - ha bisogno di questo doppio livello ma unitario e con una catena di comando ben definita". (ANSA).

17:09Alfano, minacce Isis? Attenzione in Italia resta altissima

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - 'E' chiaro che il nostro livello di attenzione rimane altissimo: non e' la prima volta che l'Italia viene minacciata dall'Isis e non prendiamo una minaccia come un'azione in corso'. Cosi' il ministro degli Esteri Alfano a Barcellona risponde sulle minacce di attentati in Italia. 'Il rischio zero non esiste, tutto il nostro lavoro consiste nel rendere minore questo coefficiente di rischio', ha aggiunto il titolare della Farnesina, che oggi, a Barcellona, ha deposto una corona di fiori sulla Rambla, il luogo dell'attacco di giovedì scorso dove sono state uccise 13 persone e ferite oltre 100 persone. Il titolare della Farnesina si è raccolto un momento di silenzio in memoria delle vittime. Il ministro è accompagnato dal governatore della Catalogna.

Archivio Ultima ora