Renzi: apertura totale a Italicum, ma stop a fango delle correnti

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento alla chiusura alla Festa dell'Unità a Catania, 11 settembre 2016. ANSA/ UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI/ TIBERIO BARCHIELLI

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento alla chiusura alla Festa dell’Unità a Catania, 11 settembre 2016. ANSA/ UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI/ TIBERIO BARCHIELLI

CATANIA. – Conferma la “disponibilità totale” a parlare di modifiche alla legge elettorale: “Fate le vostre proposte, faremo la nostra”. Ma nel chiudere la Festa nazionale dell’Unità, Matteo Renzi riserva parole di fuoco alla sinistra Pd e “all’esperto di passato” Massimo D’Alema.

E a chi minaccia di votare No al referendum costituzionale se l’Italicum non cambierà, dice: “Alcuni leader del passato vorrebbero fregarci il futuro con risse interne quotidiane. Ma non ci faremo trascinare nella guerra del fango delle correnti”, sillaba il premier.

Ma i suoi toni fanno insorgere la minoranza. “Ad oggi voto No”, dice Roberto Speranza, ‘delfino’ di Bersani. E Gianni Cuperlo avverte che la rottura è un “rischio concreto”.

Renzi spiega di aver scelto di organizzare per la prima volta al Sud la festa nazionale dell’Unità per abbattere “sterili luoghi comuni” e valorizzare la “straordinaria forza inespressa” del Meridione. Cita gli illustri siciliani Archimede, Bartolo, La Pira e il “punto di riferimento per autorevolezza” Sergio Mattarella.

E non si fa scomporre né dai contestatori isolati che vociano dal pubblico (un insegnante, un sostenitore del ponte sullo stretto…), né dalle proteste che inducono le forze dell’ordine a blindare Catania e che poi sfociano in scontri con due fermati: “Svolgiamo una funzione sociale per i contestatori…”, scherza, ma chi “spacca tutto nega il futuro”.

La platea, che complice anche la pioggia si riempie solo alla fine, esplode in applausi nei passaggi sferzanti per gli avversari. “Tenetevi le vostre camicie verdi e lasciate le magliette della polizia, a cui avevate bloccato i contratti, a chi è degno di portarle”, dice a Matteo Salvini. “Il M5s è diventato il Partito 5 stelle. Si sono chiusi nelle loro stanze e se le stanno dando di santa ragione”, dice ai grillini.

Ma al Pd – in platea, accanto al marito Dario Franceschini, c’è Michela De Biase, capogruppo in Comune – chiede di “non attaccare Virginia Raggi, per rispetto degli elettori”. E ancora, toni accesi sull’Europa: “Hollande e Tsipras sono venuti sulle nostre posizioni – rivendica – Basta con austerity e tesi ardite del fiscal compact. Le regole non sono un totem se c’è chi non arriva a fine mese”.

Ma è il referendum il cuore del discorso, il “bivio tra futuro e palude” in vista del quale Renzi vuol mobilitare il Pd per il Sì. Ci tiene, il premier, a ricordare che la riforma è “iscritta nella storia del Pd”, dal Pci al Pds. E lo rinfaccia a Massimo D’Alema, citando (con tanto di imitazione) un passaggio di un libro del ’95 in cui l’ex premier difendeva il superamento del bicameralismo perfetto.

Con D’Alema la frattura è insanabile (“Ha detto che la segreteria del Pd vieta di leggere libri. Ma io il suo l’ho letto e lo consiglio perché in realtà è scritto da Velardi e Cuperlo, D’Alema ci ha messo solo la firma”). Ma con il resto della minoranza il leader Dem rivendica di essere stato aperto all’ascolto: “Mi hanno chiesto di non personalizzare? Ho smesso. E ho detto che la legislatura ha una vita a sé, che non parliamo più del governo” e di quel che avverrebbe in caso di vittoria del No.

Anche sulla legge elettorale “abbiamo detto che siamo pronti a discuterne. C’e’ bisogno però che gli altri facciano proposte, noi facciamo le nostre”, dice. Ma poi avverte che minacciare il No fa solo male al Pd: “A chi vuole trasformare il referendum nel congresso, diciamo: se hanno i voti vincano il congresso. Li aspetto. Noi non ci faremo trascinare nella guerra del fango al nostro interno (e neanche al nostro esterno) da chi dimentica che fuori di qui non ci sono le magnifiche sorti progressive, ma destra e populismi”.

In platea, a rappresentare la minoranza Dem, ci sono Roberto Speranza e Nico Stumpo. E la reazione è immediata: non c’è, afferma l’ex capogruppo, l’apertura “concreta” auspicata sulle modifiche all’Italicum. Speranza è pronto a ricredersi, ma “allo stato delle cose il mio voto al referendum è No”. Gli fa eco Miguel Gotor: “Farò campagna per il No”. E Gianni Cuperlo, che ha cercato di tenere un profilo da mediatore, avverte il premier: “Non c’è volontà di ascolto reale. E non è ciò che oggi ci serve di fronte ai rischi concreti di una rottura”.

(dell’inviato Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

10:41Terremoto:sindaco Visso, stanotte abbiamo avuto compagnia…

(ANSA) - VISSO (MACERATA), 28 APR - "La scorsa notte abbiamo avuto compagnia...". Il sindaco di Visso Giuliano Pazzaglini ironizza sulle due scosse di terremoto di magnitudo 4 e 4.1 che sono state nettamente avvertite dalla popolazione. "Non ho completato ancora tutte le verifiche - spiega all'ANSA - ma credo di potere escludere che ci siano stati ulteriori danni". Quanto alle reazioni della gente, "qui sono rimasti circa 200 abitanti su 1100 e hanno sistemazioni di fortuna in camper e roulotte". (ANSA).

10:23Morto Guazzaloca: aperta camera ardente in Comune Bologna

(ANSA) - BOLOGNA, 28 APR - E' stata aperta la camera ardente per Giorgio Guazzaloca, l'ex sindaco di Bologna morto mercoledì a 73 anni dopo una lunga malattia. Ad accogliere il feretro, nella Sala Rossa di Palazzo D'Accursio, sede del Comune, il sindaco Virginio Merola - che per domani, giorno dei funerali in Cattedrale, ha proclamato il lutto cittadino - e, tra gli altri, il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti. Galletti, che fu assessore della giunta Guazzaloca, la prima e unica non di sinistra nella storia della città, ha composto insieme ad altri tre ex assessori (l'ex vicesindaco, Giovanni Salizzoni, Paolo Foschini e Enzo Raisi) il primo picchetto d'onore. "Non sono le vittorie che contano nella vita, ma le cause per cui ci si batte" la frase scelta sulla foto ricordo dell'ex sindaco. Tra i primi a visitare la camera ardente, il suo predecessore a Palazzo d'Accursio, Walter Vitali, e la candidata del centrosinistra da lui sconfitta nel 1999, Silvia Bartolini. (ANSA).

10:11Finta bomba davanti al bar di un sindaco nel Nuorese

(ANSA) - NUORO, 28 APR - Atto intimidatorio, nella notte, nei confronti del sindaco di Siniscola (Nuoro), Gian Luigi Farris. Un finto pacco bomba è stato posizionato davanti all'ingresso del bar di sua proprietà, il "Teo bar caffetteria" in via De Gasperi. Il primo cittadino ha trovato il finto ordigno stamattina all'apertura del locale, intorno alle cinque, e trattandosi di un pacco sospetto ha dato subito l'allarme. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Siniscola e l'artificiere antisabotaggio del Comando provinciale di Nuoro. I militari hanno accertato che si trattava di un finto ordigno confezionato con due detonatori e una sostanza non esplosiva. Un gesto che secondo gli inquirenti vuole essere una chiara intimidazione nei confronti del sindaco. I Carabinieri di Siniscola, al comando del capitano Andrea Leacche, hanno avviato le indagini per risalire all'autore del gesto. (ANSA).

10:04‘Ndrangheta: smantellata rete protezione boss Pesce, arresti

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 28 APR - La squadra mobile di Reggio Calabria e lo Sco hanno condotto un'operazione per l'esecuzione di 19 arresti nei confronti di presunti elementi di vertice, affiliati e prestanome della cosca Pesce di Rosarno. L'operazione, coordinata dalla Dda reggina, rappresenta la prosecuzione dell'inchiesta Recherche che, il 4 aprile scorso, aveva portato al fermo di 11 persone. Le accuse sono, a vario titolo, di associazione mafiosa e favoreggiamento nei confronti del boss latitante Marcello Pesce, arrestato dalla polizia il primo dicembre del 2016, oltre che di traffico di droga ed intestazione fittizia di beni. Grazie alla rete di protezione, Pesce, anche durante la latitanza, riusciva ad amministrare le risorse incamerate dalla cosca. Il boss, secondo l'accusa, assegnava le risorse ai componenti ed ai loro familiari, gestiva in regime di sostanziale monopolio l'attività di trasporto merci su gomma grazie ad una rete di aziende messe in piedi con dei prestanome e curava i rapporti con le altre cosche.

09:58Agguato nel Foggiano, ucciso un netturbino

(ANSA) - TORREMAGGIORE (FOGGIA), 28 APR - Un netturbino di 37 anni, Pasquale Maiellaro, pregiudicato, è stato ucciso stamani in un agguato compiuto con colpi di pistola a Torremaggiore, nel Foggiano. Secondo i primi accertamenti dei carabinieri del comando provinciale di Foggia, la vittima si trovava per strada quando è stata colpita da almeno 5-6 colpi di pistola, probabilmente cal.7,65 che lo hanno raggiunto in varie parti del corpo. (ANSA).

09:58Calcio: Totti a Edicola Fiore, Roma-Lazio ? finisce 2-0

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "C'è il derby? Ah, sì? Un pronostico? Finisce 2-0": un assonnato Francesco Totti, a colazione con i tre figli e la moglie Ilary Blasi, scherza con Fiorello e Stefano Meloccaro in collegamento via iPad con Edicola Fiore da casa, stamattina su SkyUno HD e Tv8. ( Una torta con la scritta "Auguri mamma" ricorda che oggi è il compleanno di Ilary, che riceve gli auguri anche da Gigi D'Alessio, ospite della trasmissione, e da Matteo Renzi, al telefono per un divertente siparietto a due giorni dal voto per le Primarie del Pd. La telefonata con l'ex premier è il pretesto per scherzare su Samantha Fox e gli altri miti adolescenziali citati in occasione del confronto su Sky con Andrea Orlando e Michele Emiliano. Il poster che avevano in camera da ragazzini Totti e Blasi? "Quello dei Take that" è la risposta di Ilary. Con l'esclamazione "Cicciolina" Totti regala l'ultima risata. Il programma tornerà a Edicola Fiore su SkyUno e Tv8 alle 20.30 con la replica e contenuti inediti. (ANSA).

09:51Trump, possibile ‘grande’ conflitto con Corea Nord

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Il presidente Usa Donald Trump, intervistato dall'agenzia Reuters in occasione dei suoi 100 giorni alla Casa Bianca, ha detto che un conflitto "grande, grande" con la Corea del Nord, a causa del programma nucleare e missilistico di Pyongyang è possibile, ma che lui preferirebbe una soluzione diplomatica. "Senz'altro, c'è la possibilità che si arrivi ad un grande, grande conflitto con la Corea del Nord", ha affermato il leader Usa. "Ci piacerebbe risolvere le cose attraverso la diplomazia, ma è molto difficile". Nell'intervista, Trump ha detto di voler far pagare alla Corea del Sud il costo del sistema antimissile Thaad (un miliardo di dollari), mentre ha annunciato di voler rinegoziare gli accordi commerciali con Seul. Trump ha quindi elogiato il presidente cinese Xi Jinping per i suoi tentativi di mediazione con Pyongyang: "Ci prova davvero, credo. Non vuole vedere caos e morte. E' una brava persona, l'ho conosciuto bene".

Archivio Ultima ora