Seul, se minacciati ridurremo Pyongyang in cenere

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

People watch a TV news program showing North Korean leader Kim Jong Un at the Seoul Railway Station in Seoul, South Korea, Friday, Sept. 9, 2016.  (ANSA/AP Photo/Ahn Young-joon)

People watch a TV news program showing North Korean leader Kim Jong Un at the Seoul Railway Station in Seoul, South Korea, Friday, Sept. 9, 2016. (ANSA/AP Photo/Ahn Young-joon)

ROMA. – E’ sempre più incandescente l’atmosfera nel Pacifico, sull’onda della corsa all’atomica della Corea del Nord. Seul ha avvertito Pyongyang che ridurrà in cenere i propri vicini se minacciata, ma il regime di Kim Jong-un insiste per la sua strada, ed ha chiesto agli Stati Uniti di essere riconosciuto come uno ‘Stato nucleare’.

La comunità internazionale è in fibrillazione da venerdì scorso, quando la Corea del Nord ha effettuato il suo quinto test nucleare, il più potente di sempre, che potrebbe consentire di installare le testate atomiche su missili balistici.

Dopo la condanna unanime delle principali potenze, inclusa la Cina, tradizionale alleata di Pyongyang, il Consiglio di Sicurezza dell’Onu si è attivato per studiare nuove sanzioni. Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud stanno valutando di prendere anche iniziative unilaterali e congiunte.

Proprio Seul ha avvertito di avere un piano per distruggere la capitale nordcoreana nel caso di segnali di un imminente attacco nucleare. In particolare, ha riferito una fonte militare, verrebbero presi di mira i quartieri dove si ritiene che si nasconda la leadership e la città verrebbe “ridotta in cenere e cancellata dalla carta geografica”.

Questi toni così aggressivi non hanno scomposto più di tanto il giovane e megalomane leader nordcoreano Kim. Il suo ministero degli Esteri anzi ha respinto al mittente le minacce di nuove sanzioni, definendole “ridicole” e “senza senso”, e ribadendo che il “rafforzamento della capacità nucleare in qualità e quantità continuerà per tutelare la nostra dignità ed il diritto a proteggerci dalla minacce degli Stati Uniti di una guerra nucleare”.

Gli strali di Pyongyang sono diretti soprattutto a Washington, che con “Obama sta cercando in tutti i modi di negare la posizione della Corea del nord come legittimo paese dotato di armi nucleari”. Un tentativo che viene liquidato come una “pazzia, come cercare di oscurare il sole con una palma”.

Il contenzioso nucleare tra la Corea del Nord e la comunità internazionale va avanti dal 2006, quando il regime dell’allora leader Kim Jong-il, padre dell’attuale dittatore, effettuò il primo test. In questi dieci anni l’Onu ha risposto con le sanzioni, che tuttavia non hanno scoraggiato le ambizioni atomiche del piccolo Paese asiatico retto da una dinastia repressiva di autocrati comunisti.

Molti analisti hanno sempre ritenuto questi test come un’arma di ricatto del regime per acquisire forza in sede di negoziato e ottenere aiuti per un’economia poverissima. L’esperimento di venerdì, potente quasi come la bomba sganciata su Hiroshima, ha invece dimostrato un preoccupante salto di qualità nella tecnologia di Pyongyang, che secondo gli americani potrebbe dotarsi di armi atomiche intercontinentali, capaci di minacciare mezzo mondo, entro quattro anni.

(di Luca Mirone/ANSA)

Ultima ora

05:58Trump: Melania padrona di casa a cena con senatori

WASHINGTON - Rara apparizione della first lady Melania Trump in una occasione ufficiale alla Casa Bianca ospitando da padrona di casa una cena con i senatori, sia repubblicani sia democratici. ''E' stato un grande piacere aprire le porte della Casa Bianca agli stImati membri del Senato degli Stati Uniti, insieme con consorti e ospiti'', ha detto intervenendo in apertura dell'evento.

05:54Trump: Clinton rompe silenzio,”su sanita’ vittoria di tutti”

WASHINGTON - ''Una vittoria per tutti gli americani''. Cosi' la ex candidata presidenziale Hillary Clinton ha descritto la mancata approvazione della legge sulla Sanita' dopo che i repubblicani non hanno trovato il consenso e quindi i voti necessari al Congresso provocando cosi' il fallimento della proposta appoggiata dalla Casa Bianca, e si tratta del commento 'piu' politico' che la ex segretario di Stato si e' concessa fino ad ora dopo la sconfitta di novembre con l'elezione di Donald Trump presidente.

05:49Trump a senatori a Casa Bianca, ‘spero in lavoro bipartisan’

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump riceve i senatori per una cena alla Casa Bianca e sembra lanciare un appello per un ''lavoro bipartisan'', su diversi temi, a partire dalla legge sulla Sanita'. ''So che troveremo presto un accordo sulla Sanita''', ha detto. ''Faremo un ottimo lavoro e speriamo comincera' ad essere anche bipartisan visto che vogliamo tutti la stessa cosa''.

05:28Trump, “perche’ fake news non su legami Podesta con Russia?”

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump torna su Twitter e, in quella che appare come una reazione agli sviluppi circa il 'Russiagate', scrive: ''Perche' le Fake News non parlano dei legami di Podesta con la Russia come riferito da @FoxNews o del denaro dalla Russia a Clinton - vendita di uranio?''.

05:22Iraq: comandante Usa, ‘probabile ruolo’ in vittime Mosul

WASHINGTON - In quella che emerge come la prima possibile ammissione di responsabilita' da parte delle forze Usa circa le numerose vittime civili a Mosul, obiettivo di raid della coalizione anti Isis, il generale Stephen J. Townsend, comandante delle forze americane in Iraq ha affermato che un raid americano potrebbe aver provocato il crollo di un edificio a Mosul in cui oltre 100 civili sono rimasti uccisi.

05:17Brexit: May ha firmato lettera notifica articolo 50

LONDRA - La premier britannica Theresa May ha firmato la lettera per la notifica dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona che, nel momento della consegna al presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, segnerà l'avvio formale dell'iter della Brexit, il divorzio di Londra dall'Ue sancito dal referendum del 23 giugno scorso. Lo riporta la Bbc. La lettera - poche cartelle - sarà consegnata oggi alle 13,30 a Tusk dall'ambasciatore del Regno Unito a Bruxelles.

05:08Venezuela: duro scontro al consiglio permanente dell’Osa

WASHINGTON - Duro scontro oggi sull'impasse politica e la crisi economica del Venezuela al Consiglio permanente dell'Organizzazione degli stati americani (Osa), dove il governo di Nicolas Maduro ha respinto qualsiasi iniziativa di mediazione da parte dell'organizzazione, dopo essere stato messo in minoranza durante il dibattito. Dall'apertura della sessione, infatti, il rappresentante venezuelano - con l'assistenza dei colleghi di Nicaragua e Bolivia, gli unici ad assumere la difesa di Caracas nella discussione - ha cercato prima di annullare o sospendere la riunione, e successivamente di dichiararla illegale e senza valore, denunciandone l'''inaccettabile aspetto interventista''.

Archivio Ultima ora