11 settembre: dopo 15 anni Usa più sicuri, il mondo no

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

obama

NEW YORK. – A quindici anni dagli attentati dell’11 settembre 2001 è tempo di bilanci. E la conclusione della gran parte degli osservatori e degli esperti è in realtà sotto gli occhi di tutti: oggi l’America è certamente più sicura. L’Europa e il reato del mondo meno, con la minaccia terroristica che dilaga come non mai nel mondo intero. Mettendo in luce l’incapacità dell’Occidente e di tutta la comunità internazionale di fermare la violenza e la propaganda jihadista.

“La minaccia è oggi peggiore di quindici anni fa”, assicura sulle pagine del Washington Post Richard Clarke, che è stato uno dei più stretti consiglieri in materia di antiterrorismo di ben tre presidenti: Reagan e i due Bush. Proprio Clarke, più di altri, mise in guardia George W.Bush sul rischio reale di un attentato in grande stile da parte di al Qaida. Previsioni quanto mai azzeccate.

Oggi – sottolinea l’esperto – ci sono almeno 100 mila persone che militano nei vari gruppi terroristici sparsi per il mondo, dalla Siria alla Libia, dall’Afghanistan allo Yemen: “Mai così tanti da quindici anni a questa parte”.

Dunque la guerra al terrorismo è ancora lungi dall’essere vinta. Proprio George W.Bush, dopo l’11 settembre 2001, parlando davanti al Congresso americano aveva promesso una stretta senza precedenti sulla sicurezza interna e una lotta senza quartiere ai gruppi dell’estremismo islamico in guerra con l’Occiente.

Il primo obiettivo è stato certamete raggiunto: opinione comune è che oggi attacchi spettacolari e in grande stile come quelli che colpirono le Torri Gemelle e il Pentagono non sarebbero più possibili. La vera minaccia in Usa resta quella dell’azione di ‘lupi solitari’, come gli attentatori della maratona di Boston o il killer della discoteca di Orlando.

Sostanzialmente fallito, invece, il secondo obiettivo: nonostante due guerre (Afghanistan e Iraq), nonostante l’azzeramento della leadership di al Qaida (vedi l’uccisione di al Zarkawi e di bin Laden), nonostante il recente colpo dato all’Isis con la morte del numero due al Adnani, nonostante i raid Usa con i droni (dallo Yemen alla Somalia al Pakistan), nonostante la campagna aerea contro l’Isis condotta dalla coalizione intenazionale guidata dagli Usa in Iraq, Siria e Libia.

Oramai è chiara a tutti una cosa: l’azione militare non basta. Quello che ancora manca è innanzitutto un accordo tra le potenze mondiali che assicuri più stabilità alla regione mediorientale. Intesa resa difficile dai rapporti più che mai tesi tra Washington e Mosca, ma anche tra Washington e capitali alleate come Riad.

Non è stata poi ancora trovata – sottolinea il Washington Post – la giusta formula per spuntare l’arma più potente in mano allo stato islamico e dei jihadisti di oggi: la propaganda, la capacità di avere un grande appeal tra migliaia di giovani musulmani che vengono radicalizzati online e indotti a compiere attentati sacrificando anche la propria vita, come si è visto negli ultimi mesi soprattutto in Europa.

E l’ondata di violenze – avvertono gli esperti – paradossalmente potrebbe aumentare nei prossimi mesi, man mano che l’Isis perderà posizioni sul campo in Iraq, Siria e Libia,quando un vera e propria ondata di foreign fighter – migliaia di persone – potrebbe riversarsi in Occidente.

Ultima ora

00:35Basket: l’ex Melli condanna l’EA7, Bamberg passa a Milano

(ANSA) - MILANO, 23 MAR - Nicolò Melli applaudito e poi giustiziere dell'EA7 Milano in Eurolega (76-84). L'ala italiana del Brose Bamberg, protagonista con l'Olimpia dello scudetto 2014, prima viene omaggiato con un video emozionale proiettato sul cubo del Forum che si chiude con la scritta "Nick uno di noi" e accolto con un standing ovation da parte di tutto il pubblico, poi sale in cattedra e abbatte come una furia la sua ex squadra che ancora lo rimpiange. I numeri non dicono tutto (9 punti e 8 rimbalzi), ma è enciclopedica, seppur viziata da un'infrazione di passi, la gestione del possesso che porta alla decisiva tripla di Causeur (72-80 al 39'), migliore in campo con 17 punti e 8 rimbalzi. Per Milano si tratta della settima sconfitta consecutiva in Eurolega, la ventunesima complessiva: a due turni dal termine lo spettro dell'ultimo posto aleggia sinistro al Forum.

00:34Argentina: ex presidente Kirchner a processo

(ANSA) - BUENOS AIRES, 23 MAR - Un magistrato argentino ha deciso che l'ex presidente Cristina Fernandez de Kirchen sarà processata per amministrazione fraudolenta, dopo essere stata accusata di aver ordinato vendite di futures sul dollaro a prezzi più bassi di quelli del mercato negli ultimi mesi del suo mandato, causando così perdite per poco meno di 10 milioni di dollari allo Stato. Il giudice Claudio Bonadio ha emesso un'ordinanza in base alla quale Kirchner dovrà essere processata insieme al suo ex ministro dell'Economia, Axel Kicillof, l'ex presidente della Banca Centrale, Alejandro Vanoli e altri dirigenti della sua ultima amministrazione. E' la prima volta che l'ex presidente deve affrontare un processo giudiziario, ma Kirchner è anche sotto indagine in altre inchieste, riguardanti tra l'altro l'aumento del suo patrimonio famigliare durante i suoi anni al governo e le presunte tangenti pagate da imprenditori vicini alla sua famiglia per aggiudicarsi contratti ed appalti di opere pubbliche.

00:32Colloqui esplorativi a quattro per nuovo governo in Olanda

(ANSA) - BRUXELLES, 23 MAR - Il partito conservatore Vvd del premier olandese Mark Rutte e altre tre formazioni politiche (cristiani democratici, i socialdemocratici D66 e i verdi dei GroenLinks) hanno raggiunto un'intesa per avviare dei colloqui per la formazione del nuovo governo. Colloqui solo esplorativi, per ora, con il premier Rutte che sottolinea: "Le differenze politiche tra questi partiti sono significative". "Terremo dei colloqui per vedere se queste divergenze possono essere superate", spiega il leader di GroenLinks, Jesse Klaver, ribattezzato il 'Trudeau olandese' dalla stampa.

00:31Calcio: 2-1 alla Polonia, buon test europei per Italia U21

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Buon test in vista degli europei per l'Italia Under 21. Gli azzurrini di Gigi Di Biagio hanno battuto a Cracovia la Polonia 2-1 (1-1), nella penultima amichevole prima del torneo continentale in programma a giugno. Italia in vantaggio al 30' con Pellegrini, i polacchi pareggiano al 43' con Kownacki. In avvio di ripresa, al 5', è Benassi a riportare in vantaggio gli azzurrini. Per l'Italia anche un calcio di rigore (Di Francesco atterrato da Kedziora), ma Cerri dal dischetto prende il palo. A Cracovia ha esordito da titolare Federico Chiesa, che ha giocato un tempo. "Abbiamo fatto risultato e prestazione - dice soddisfatto Gigi Di Biagio - in tanti si sono messi in mostra e molti li ho trovati in ottime condizioni. Sono molto contento di questi ragazzi. Chiesa era programmato che giocasse un tempo, ho preferito preservarlo e sostituirlo, nonostante avesse fatto molto bene". L'Under 21 torna in campo lunedì a Roma nell'amichevole con la Spagna.

00:02Attacco al Shabaab, ’17 soldati somali uccisi’

(ANSA) - MOGADISCIO, 23 MAR - E' di almeno 17 soldati somali uccisi e 22 feriti il bilancio di un attacco organizzato dai fondamentalisti islamici al Shabaab nel sudovest del Paese. Lo ha reso noto il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web, precisando che il gruppo terrorista, legato ad al Qaida, ha rivendicato l'attacco su Facebook. Gli estremisti hanno anche aggiunto di avere bombardato una base dell'Unione africana (Ua) nella notte di ieri nella città di Barawe. Il governo di Mogadiscio ha confermato l'assalto precisando che è stato respinto con un bilancio di due persone.

23:59Attacco Londra: morto uno dei feriti gravi

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - E' morto uno dei feriti dell'attacco a Londra. Lo ha riferito la polizia. Si tratta di un uomo di 75 anni che era rimasto ferito sul ponte di Westminster. Salgono così a cinque, compreso l'attentatore, le vittime.

23:31Francia: Fillon accusa Hollande, ‘voglio inchiesta’

(ANSA) - PARIGI, 23 MAR - "Accuso il presidente della Repubblica": Francois Fillon, candidato della destra alle presidenziali, non usa più mezzi termini e, in diretta al talk show "L'Emission politique" di France 2, ha puntato il dito contro il presidente Francois Hollande, secondo lui all'origine dei suoi guai giudiziari. "C'è un libro di cui ho letto le bozze - ha detto - che spiega come Hollande fa arrivare le intercettazioni nel suo ufficio, come riesca ad essere al corrente di tutto, pedinamenti compresi". Fillon, denunciando "uno scandalo di stato", ha detto di volere "l'apertura di un'inchiesta". Poi ha affermato di aver "sbagliato" ad accettare gli abiti regalati dal suo "amico" Robert Bourgi, ed ha aggiunto di averli "restituiti". Ho "fatto un errore" su quei tre abiti di lusso di un valore di 13.000 euro, che gli furono regalati da "un vecchissimo amico, di oltre 20 anni", il noto avvocato Robert Bourgi.

Archivio Ultima ora