Incidenti montagna: morto alpinista su Croda dei Toni

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

(ANSA) – BELLUNO, 12 SET – Un alpinista di Sesto (Bolzano) di 46 anni è morto sulla Croda dei Toni nelle Dolomiti. L’uomo, a poca distanza dalla vetta, è scivolato sull’ultimo tratto di roccia inclinata che porta alla cengia circolare, dalla variante Drash alla normale, ed è precipitato per una cinquantina di metri finendo nel canale Innerkofler, morendo all’istante per i traumi riportati. L’elicottero del Suem di Pieve di Cadore (Belluno) ha recuperato la compagna di cordata, che aveva dato l’allarme e si trovava ferma in sosta a circa 2.700 metri, per poi trasportare in quota una squadra del Soccorso alpino di Auronzo e del Corpo forestale dello Stato e sbarcarla vicino al canale, poiché era impossibile per l’equipaggio avvicinarsi. I soccorritori si sono calati e, una volta raggiunta, hanno ricomposto la salma e l’hanno imbarellata, per portarla in un punto accessibile all’eliambulanza, per recuperarla dopo averla calata per 150 metri.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

21:24Milan: P.Berlusconi ‘trattativa conclusa, no colpi di scena’

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Le trattative sono state concluse" e "non sono ovviamente previsti" colpi di scena: così Paolo Berlusconi sulla cessione del Milan alla cordata cinese guidata da Sino-Europe Sports. "Non credo ci siano degli investitori che dopo aver investito 200 milioni di euro dicano 'scusa ho sbagliato'. C'è qualcuno - ha sorriso Paolo Berlusconi, vice presidente rossonero e fratello del presidente Silvio Berlusconi - che potrebbe anche augurarselo, in quanto il Milan oggi dopo la rivalutazione e la scoperta di nuovi giovani può essere ancora più interessante per un eventuale acquirente. Ma non ho mai visto un investitore così poco avveduto da mettere lì 200 milioni e poi tirarsi fuori, avendo un oggetto che assolutamente vale".

21:19Bimba marocchina muore in ospedale, segni di malnutrizione

(ANSA) - NOVARA, 23 GEN - La procura di Novara ha aperto un'inchiesta su una bambina marocchina di 5 anni morta nei giorni scorsi all'ospedale Maggiore, dove era arrivata con gravi sintomi di malnutrizione e disidratazione. Si attendono ora i risultati dell'esame autoptico per stabilire l'esatta causa della morte. Dai primi accertamenti i genitori, che avevano portato la bimba in ospedale dopo che si era sentita male mentre viaggiava in treno dalla Lombardia al Piemonte, sembrano essere sprovvisti di regolare permesso di soggiorno. Dopo la morte della figlia, i genitori, che dovrebbero essere residenti nella provincia di Bergamo, non hanno più fatto ritorno a Novara. Ad avviare l'indagine è stata una segnalazione dei sanitari dell'ospedale.(ANSA).

21:19Nigeria: bombardati per errore, 236 i morti

(ANSA) - MAIDUGURI (NIGERIA), 23 GEN - E' salito a 236 morti il bilancio delle vittime del bombardamento di un campo profughi compiuto per errore nel nord-est della Nigeria da un jet dell'aeronautica militare nigeriana lo scorso 17 gennaio. Lo hanno reso noto le autorità, aggiungendo che quasi tutte le vittime sono morte sul posto, a Rann, dilaniate e bruciate dalle bombe sganciate dal caccia che - secondo fonti ufficiali - credeva di attaccare un accampamento degli integralisti islamici Boko Haram. In un primo tempo era stato detto che le vittime erano più di cento, la maggior parte sfollati già sopravvissuti alla furia dei Boko Haram ma anche molti medici, infermieri e operatori umanitari di Medici senza Frontiere e della Croce Rossa internazionale.

21:15Calcio: Ranieri, per Napoli è sfida aperta con Real Madrid

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - Il Napoli ha chance di superare il Real Madrid e la Juventus non deve sottovalutare il Porto. Questo il pensiero di Claudio Ranieri sulle italiane superstiti in Champions League. "Sarri sta facendo giocare bene il Napoli, è una squadra compatta mentre il Real Madrid lascia spesso qualcosa in difesa. E' una sfida aperta - ha spiegato l'allenatore del Leicester, a Milano per ricevere il 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' - La Juventus? Non si può programmare di vincere la Champions, si va partita per partita, e il Porto non si può sottovalutare il Porto". Dando uno sguardo alla Serie A, Ranieri ha notato che "la Juventus sta facendo il suo solito campionato, è solida e forte come società, mentre le altre sono in fase evolutiva. Auguro a tutte - ha aggiunto l'allenatore - di raggiungere al più presto il livello della Juventus. Il gap si è molto ridotto e questo fa bene al calcio italiano".

21:15Comuni: Pizzarotti candidato, sarò a capo di lista civica

(ANSA) - PARMA, 23 GEN - Dopo l'annuncio di sabato scorso, oggi Federico Pizzarotti ha presentato ufficialmente la sua candidatura per il secondo mandato di sindaco di Parma. "Sarò a capo di un movimento veramente civico - ha sottolineato - e rispetto a cinque anni fa saremo più liberi di ascoltare i cittadini". "Possibili alleanze? Tutti sono ben accetti, ma ovviamente parlo di cittadini - ha risposto - Chi vorrà fare questo percorso con noi sarà ben accetto. Il tema dei partiti non ci ha mai appassionato. Di cappelli in questi anni ce ne hanno messi tanti, forse mi manca solo quello di Forza Italia. Noi badiamo ad altro, ai contenuti". Ma si parla di un nuovo feeling con il futuro partito di Pisapia? ''L'ho letto sui giornali ma nessuno mi ha chiamato e tantomeno ci tengo - ha sottolineato Pizzarotti - Forse ci tirano in ballo perché siamo utili a loro visto i grandi risultati che abbiamo ottenuto qui a Parma. Pensiamo solo alla città''.(ANSA).

21:15Siria: Usa smentiscono missione congiunta con Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Un portavoce della coalizione a guida Usa ha smentito quanto riferito da Mosca secondo cui aerei da guerra russi hanno compiuto per la prima volta una missione di combattimento in Siria assieme ad aerei della coalizione a guida Usa. "Sciocchezze", ha detto il portavoce americano citato dall'Associated Press.

21:14Iscritto al Pd ma è ancora magistrato, Csm processa Emiliano

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - E' iscritto al Pd, partecipa alla vita di quel partito in "forma sistematica e continuativa"; ma, comportandosi in questo modo, visto che è ancora un magistrato, ha compiuto un illecito disciplinare, perchè ha violato la norma che vieta alle toghe di fare vita attiva nelle formazioni partitiche. E' l'accusa da cui dovrà difendersi il presidente della Regione Puglia e probabile sfidante di Matteo Renzi alla guida del Pd, Michele Emiliano davanti alla Sezione disciplinare del Csm. Il processo, di cui lo stesso governatore ha parlato in una recentissima intervista, è stato fissato per il 6 febbraio prossimo. Nell'atto di incolpazione si evidenzia che Emiliano durante i mandati prima di sindaco di Bari (dal 2004 al 2014), poi di presidente della Regione Puglia (dal giugno 2015 a ad oggi) ha ricoperto contemporaneamente gli incarichi di segretario (dall'ottobre 2007 all'ottobre 2009 e poi dal 2014 ad oggi) e di presidente (dal novembre 2009 al gennaio 2014) del Pd della Puglia.

Archivio Ultima ora